Josh Singer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore sceneggiatura originale 2016

Josh Singer (Filadelfia, 1972) è uno sceneggiatore, produttore cinematografico e produttore televisivo statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Singer ha frequentato la Upper Dublin High School a Fort Washington, Pennsylvania. Successivamente si laurea magna cum laude alla Yale University, in matematica ed economia.[1] Dopo gli studi ha effettuato uno stage presso Nickelodeon a New York e uno stage a Disney Channel a Los Angeles, sviluppando un interesse per la sceneggiatura. Ha lavorato come analista presso la McKinsey & Company,[2] prima di ottenere un Juris Doctor alla Harvard Law School e un MBA alla Harvard Business School.[3]

Dopo gli studi ad Harvard, Singer viene assunto da John Wells come sceneggiatore e story editor per la serie televisiva West Wing - Tutti gli uomini del Presidente. Sempre in campo televisivo ha lavorato come sceneggiatore e produttore supervisivo per la serie Lie to Me e come sceneggiatore e co-produttore esecutivo per Fringe.

Nel 2013 scrive la sua prima sceneggiatura cinematografica per il film Il quinto potere di Bill Condon, incentrato sulla figura di Julian Assange, fondatore di WikiLeaks. Nel 2015 è co-autore, assieme a Tom McCarthy, la sceneggiatura del film Il caso Spotlight. Il film ottiene numerosi riconoscimenti e Singer vince il premio Oscar per la migliore sceneggiatura originale, oltre a un BAFTA Awards e un Independent Spirit Awards.

Dal 2012 è sposato con la scrittrice Laura Dave. La coppia risiede a Los Angeles, California.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Josh Singer, spiritawards.com. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  2. ^ (EN) Josh Singer Talks Challenges of Tackling WikiLeaks Drama 'The Fifth Estate' --and What He Left Out, indiewire.com. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  3. ^ (EN) Josh Singer ’01 nominated for Academy Award for film on investigation into priest sex abuse, today.law.harvard.edu. URL consultato il 28 febbraio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN231025914 · ISNI: (EN0000 0003 6725 6943 · GND: (DE1049618068 · BNF: (FRcb16568049c (data)