Bill Condon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore sceneggiatura non originale 1999

William Condon (New York City, 22 ottobre 1955) è un regista e sceneggiatore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I suoi due film più conosciuti sono Demoni e dei, biopic sulla vita del regista James Whale e per cui ha vinto l'Oscar alla migliore sceneggiatura non originale, e Dreamgirls altro biopic ispirato questa volta alla vita del gruppo vocale femminile The Supremes.

È stato nominato all'Oscar alla migliore sceneggiatura non originale per il film di Rob Marshall Chicago.

La casa di produzione cinematografica Summit Entertainment gli ha affidato[1] la regia di The Twilight Saga: Breaking Dawn - Parte 1 e The Twilight Saga: Breaking Dawn - Parte 2, tratti dall'ultimo capitolo della saga di Stephenie Meyer, usciti negli Stati Uniti rispettivamente il 18 novembre 2011 e il 16 novembre 2012 che, nonostante le critiche negative, con 829.685.377 $ d'incasso in tutto il mondo, superando gli incassi dei precedenti film della saga, risulta essere il 40º film di maggiore incasso di sempre.

Successivamente, nel 2013, dirige il biopic Il quinto potere sulla vita del fondatore di WikiLeaks Julian Assange, che non riscuote molto successo sia di pubblico che di critica.

Due anni dopo dirige l'adattamento di un libro di Mitch Cullin in un atipico film su Sherlock Holmes intitolato Mr. Holmes che riscuote un buon successo, in cui Ian McKellen, già collaboratore di Condon in Demoni e dei, interpreta il famoso investigatore ormai invecchiato e ritiratosi dalle scene che cerca, aiutato da un bambino, di ricordare la sua ultima indagine. Nel film compaiono in camei anche gli attori Nicholas Rowe e Basil Rathbone precedenti interpreti del famoso investigatore sul grande schermo.

È stato annunciato che Condon dirigerà per la Disney un nuovo adattamento live action de Beauty and the Beast in programma per il 2017.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Tilda (Film TV, 2011)

Soggetto[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) April 28, 2010, press release from Summit Entertainmen, Stephenie Meyer official site, 28-04-2010. URL consultato il 07-05-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN84235142 · LCCN: (ENno99032837 · ISNI: (EN0000 0001 1680 3084 · GND: (DE129803448 · BNF: (FRcb140888266 (data)