The Greatest Showman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Greatest Showman
TheGreatShowman.png
Hugh Jackman in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2017
Durata105 min
Rapporto16:9
Generemusicale, biografico
RegiaMichael Gracey
SoggettoJenny Bicks
SceneggiaturaJenny Bicks, Bill Condon
ProduttoreLaurence Mark, Peter Chernin, Jenno Topping
Produttore esecutivoJames Mangold, Tonia Davis
Casa di produzioneLawrence Mark Productions, Chernin Entertainment
Distribuzione (Italia)20th Century Fox
FotografiaSeamus McGarvey
MontaggioTom Cross, Robert Duffy, Joe Hutshing, Michael McCusker, Jon Poll, Spencer Susser
MusicheJohn Debney (colonna sonora), Benj Pasek, Justin Paul (canzoni)
ScenografiaNathan Crowley
CostumiEllen Mirojnick
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Greatest Showman è un film del 2017 diretto da Michael Gracey. Scritto da Jenny Bricks e Bill Condon, il film ha come protagonista Hugh Jackman nel ruolo di Phineas Taylor Barnum, fondatore del Ringling Bros. e Barnum & Bailey Circus, affiancato da Michelle Williams, Zac Efron, Rebecca Ferguson e Zendaya.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

P. T. Barnum è un ragazzino figlio di un umile sarto, che lavora per la ricca famiglia Hallet; Barnum ha un forte rapporto di amicizia con la loro figlia, Charity, nonostante i genitori di lei non vogliano che lo frequenti per la sua povertà. Qualche tempo dopo, Charity viene mandata in una scuola di educazione femminile, ma resta ugualmente in contatto con Barnum, il quale, intanto, finisce per strada dopo la morte del padre. Diventati adulti, i due fuggono a New York dove si sposano e hanno due bambine. La famiglia conduce una vita umile in un piccolo appartamento ma, mentre Charity è comunque felice, Barnum desidera dare alla moglie e alle figlie una vita migliore.

Un giorno Barnum viene licenziato dal suo lavoro di impiegato, poiché la sua compagnia di navigazione è andata in bancarotta in seguito a un ciclone che ha distrutto parecchie loro navi. Decide così di fare una rischiosa scommessa, facendosi prestare da una banca una grossa somma di denaro usando come garanzia le navi affondate della sua ex compagnia. Poi investe i soldi per costruire il Barnum's America Museum nel centro di Manhattan, dove sono esposti vari modelli in cera di animali e figure storiche; gli affari non vanno bene, così Barnum, sul suggerimento delle figlie, va alla ricerca di "freaks" ("mostri"), persone con anomalie fisiche o abilità straordinarie, in modo da farli esibire in vari spettacoli. Il successo è immediato, nonostante alcune recensioni negative che, anzi, lo inducono a chiamare la sua impresa "Barnum's Circus".

Cercando dei modi per migliorare la sua reputazione e credibilità tra i ceti più alti, Barnum convince a unirsi alla sua impresa il drammaturgo Philip Carlyle, promettendogli che, in tal modo, si libererà dagli obblighi e pressioni della sua vita. L'uomo accetta e si innamora anche di Anne Wheeler, un membro della troupe acrobata e trapezista assieme al fratello. Carlyle riesce a organizzare un incontro per Barnum e la sua troupe con la Regina Vittoria; durante il ricevimento Barnum incontra Jenny Lind, una celebre cantante d'opera europea, e la convince a esibirsi in America con lui come manager e marketer. La sua prima esibizione è un successo tale che Barnum parte con lei per un tour attraverso gli Stati Uniti. Tuttavia, così, iniza a trascurare il suo circo originale, arrivando a cercare di non essere visto con la troupe davanti alle classi sociali più alte. Carlyle e Wheeler cercano di iniziare una relazione, ma così attirano gli sguardi malevoli dei genitori di lui, che non vogliono metta la sua reputazione a rischio frequentando un fenomeno da baraccone; Wheeler, così, decide di interrompere la relazione. Anche Charity si sente sempre più trascurata dal marito, mentre le figlie sono intristite per l'assenza del padre.

Mentre è in tour con Barnum, Lind gli si avvicina sempre di più e, quando viene respinta, in un impeto di rabbia decide di chiudere il tour. Durante l'ultima performance, quando sono sul palco a ricevere gli applausi, lo bacia a tradimento. Barnum torna a casa e trova il circo che va a fuoco, il risultato di uno scontro tra i membri della troupe e alcuni manifestanti; Carlyle, credendo che Wheeler sia ancora all'interno dell'edificio, si avventura tra le fiamme. Si scopre poi che Anne era uscita e Barnum corre per aiutare Carlyle, rimasto dentro al circo in fiamme. Philippe si ferisce gravemente, tanto che perde i sensi e deve essere trasportato velocemente in ospedale. Inoltre, la maggior parte dell'edificio e degli oggetti vanno distrutti. Il giorno dopo, arriva a New York la notizia dell'annullamento del tour di Lind e del loro bacio, che gli causano ulteriori difficoltà finanziarie e lo sfratto di lui e della sua famiglia nella villa in cui abitano. Sconsolato, Barnum si rifugia nell'alcol, quando viene avvicinato dai membri della troupe, che lo spingono a non mollare e a riappacificarsi con Charity. Al contempo, Carlyle si risveglia all'ospedale e lui e Wheeler decidono di mettersi assieme, nonostante la loro differenza sociale. Carlyle, poi, offre a Barnum i suoi guadagni dello spettacolo per ricostruire una sede per gli spettacoli; questa volta utilizzano un tendone, in quanto la posizione precedente era troppo costosa. Il nuovo circo è un grande successo e Barnum decide di consegnare le redini del circo a Carlyle, così da potersi dedicare maggiormente alla moglie e alle figlie.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

In lavorazione dal 2009,[1] il film venne annunciato nel 2011, con Michael Gracey alla regia e Hugh Jackman nei panni di P. T. Barnum.[2] Nell'ottobre 2013 Bill Condon venne chiamato per riscrivere la sceneggiatura, originariamente scritta da Jenny Bicks.[3] Nel giugno 2016 Zac Efron entrò in trattative per affiancare Jackman nel film.[1] Nel luglio 2016 Michelle Williams entrò in trattative per interpretare la moglie del personaggio di Jackman.[4] Nello stesso mese Zendaya si unì al cast.[5] Nel settembre 2016 si unì al cast Rebecca Ferguson.[6] Nell'ottobre 2016 entrò nel cast Yahya Abdul-Mateen II.[7]

Le riprese del film cominciarono nel novembre 2016 a New York.[8]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Le musiche del film sono composte da John Debney. Le canzoni del film sono scritte da Justin Paul e Benj Pasek.[9] L'album della colonna sonora, che presenta undici tracce eseguite dal cast, è stato pubblicato l'8 dicembre 2017.

Tracce:

  1. The Greatest Show Hugh Jackman, Keala Settle, Zac Efron, & Zendaya 5:02
  2. A Million Dreams Ziv Zaifman, Hugh Jackman, & Michelle Williams
  3. A Million Dreams (Reprise) Austyn Johnson, Cameron Seely
  4. Come Alive Hugh Jackman, Keala Settle, Daniel Everidge, & Zendaya
  5. The Other Side Hugh Jackman & Zac Efron
  6. Never Enough Loren Allred
  7. This Is Me Keala Settle 3:54
  8. Rewrite The Stars Zac Efron, & Zendaya 3:36
  9. Tightrope Michelle Williams
  10. Never Enough (Reprise) Loren Allred
  11. From Now On Hugh Jackman

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer venne distribuito nel giugno 2017.[10]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito il 20 dicembre 2017 negli Stati Uniti e il 25 dicembre 2017 in Italia.[11][12] Inizialmente il film era previsto per il 25 dicembre 2016, ma nel settembre 2015 la data di uscita venne posticipata di un anno.[11]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Dave McNary, Zac Efron in Talks to Join Hugh Jackman’s ‘Greatest Showman’ (EXCLUSIVE), su Variety, 15 giugno 2016. URL consultato il 30 giugno 2017.
  2. ^ (EN) Pamela McClintock e Borys Kit, Michael Gracey to Direct 'The Greatest Showman on Earth', su The Hollywood Reporter, 17 agosto 2011. URL consultato il 30 giugno 2017.
  3. ^ (EN) Tatiana Siegel, Bill Condon to Rewrite Fox's P.T. Barnum Musical Starring Hugh Jackman (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 24 ottobre 2013. URL consultato il 30 giugno 2017.
  4. ^ (EN) Ali Jaafar, Michelle Williams In Talks To Join ‘The Greatest Showman’ With Hugh Jackman!, su Deadline.com, 6 luglio 2016. URL consultato il 30 giugno 2017.
  5. ^ (EN) Anita Busch, Zendaya, ‘Spider-Man’, Music And Social Media Star, Joining ‘The Greatest Showman On Earth’, su Deadline.com, 12 luglio 2016. URL consultato il 30 giugno 2017.
  6. ^ (EN) Dave McNary, Rebecca Ferguson Joins Hugh Jackman’s ‘Greatest Showman’ (EXCLUSIVE), su Variety, 6 settembre 2016. URL consultato il 30 giugno 2017.
  7. ^ (EN) Amanda N'Duka, Yahya Abdul-Mateen II Joins ‘The Greatest Showman On Earth’; Dan Amboyer Cast In ‘Brawl In Cell Block 99’, su Deadline.com, 17 ottobre 2016. URL consultato il 30 giugno 2017.
  8. ^ (EN) ‘The Greatest Showman’, starring Hugh Jackman & Zac Efron, begins filming in NYC soon!, su On Location Vacations, 10 novembre 2016. URL consultato il 30 giugno 2017.
  9. ^ (EN) Isabella Biedenharn, Pasek & Paul: From Dear Evan Hansen to La La Land, meet the new musical MVPs, su Entertainment Weekly, 2 novembre 2016. URL consultato il 30 giugno 2017.
  10. ^ (EN) Nancy Tartaglione, ‘The Greatest Showman’ Trailer: Hugh Jackman Invents Show Business, su Deadline.com, 28 giugno 2017. URL consultato il 28 giugno 2017.
  11. ^ a b (EN) Pamela McClintock, Hugh Jackman's 'Greatest Showman on Earth' Pushed a Year to Christmas 2017, su The Hollywood Reporter, 18 settembre 2015. URL consultato il 30 giugno 2017.
  12. ^ (EN) The Greatest Showman: primo trailer italiano del film con Hugh Jackman, Michelle Williams e Zac Efron, su ComingSoon.it, 28 giugno 2017. URL consultato il 28 giugno 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema