Julian Assange

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Julian Assange nel 2010

Julian Paul Assange (Townsville, 3 luglio 1971) è un giornalista, programmatore e attivista australiano[1], cofondatore e caporedattore dell'organizzazione divulgativa WikiLeaks.

Nel 2010 è assurto ad ampia notorietà internazionale per aver rivelato tramite WikiLeaks documenti classificati statunitensi, ricevuti dalla ex militare Chelsea Manning, riguardanti crimini di guerra; per tali rivelazioni ha ricevuto svariati encomi da privati e personalità pubbliche, onorificenze (tra cui il Premio Sam Adams, la "Gold medal for Peace with Justice" da Sydney Peace Foundation[2] e il "Martha Gellhorn Prize for Journalism"[3]), ed è stato ripetutamente proposto per il Premio Nobel per la pace per la sua attività di informazione e trasparenza.[4][5]

Dall'11 aprile 2019 è incarcerato nel Regno Unito presso la Her Majesty Prison Belmarsh,[6][7][8] prima per violazione dei termini della libertà su cauzione conseguente a controverse accuse di stupro della Svezia[9] (poco dopo archiviate[10]), e poi in relazione ad una sopraggiunta richiesta di estradizione fatta dagli Stati Uniti d'America per le accuse di cospirazione e spionaggio.[11][12][13]
Tale detenzione - i cui presupposti erano già stati respinti nel 2015 dal Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla Detenzione Arbitraria, e rivelatasi anche avvenire in condizioni gravosamente severe - nonché le eventualità di estradizione e persecuzione a vita negli USA, hanno suscitato forte protesta e appelli per il rilascio da parte dell'opinione pubblica e di svariate organizzazioni per i diritti umani, fino all'attivarsi del relatore ONU sulla tortura,[14] il quale nel novembre 2019 ha dichiarato che Assange deve essere rilasciato e la sua estradizione deve essere negata, dichiarazione successivamente fatta propria anche dal Consiglio d'Europa.[15]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Julian Assange nel 2006

Assange nasce a Townsville, nel Queensland, nel 1971[16]. Assange si definisce un anarchico e cypherpunk, ma non è contrario alla partecipazione politica elettorale.[17] I genitori si conobbero durante una manifestazione contro la guerra in Vietnam. Figlio di attori teatrali[18], da bambino, secondo quanto riportato, avrebbe cambiato casa 37 volte, studiando nelle diverse biblioteche cittadine in cui si trovava, senza mai andare a scuola[19]. A sedici anni, sa scrivere programmi per il Commodore 64[19]. Lascia la casa a diciassette anni, si sposa a diciott'anni e diventa padre; poi si separa dalla moglie[16]. Verso la fine degli anni ottanta diviene membro di un gruppo di hacker noto come International Subversives ("Sovversivi internazionali") con lo pseudonimo di "Mendax" (da una frase di Orazio: "magnificamente mendace")[20]. Nel 1991 subisce un'irruzione nella sua casa di Melbourne da parte della polizia federale australiana[21], con l'accusa di essersi infiltrato in vari computer appartenenti a un'università australiana e nel sistema informatico del Dipartimento della difesa americano[16][22]. Nel 1992 gli vengono rivolti ventiquattro capi di accusa per reati inerenti alla pirateria informatica.

Assange è condannato, ma in seguito è rilasciato per buona condotta, dopo aver pagato una multa di 2 100 dollari australiani. Nel 1995 scrive Strobe[23], software open-source dedicato al port scanning. Nel 1997 collabora alla stesura del libro Underground: Tales of Hacking, Madness and Obsession on the Electronic Frontier. Dal 2003 al 2006, studia fisica e matematica all'Università di Melbourne, ma non ottiene una laurea[22]. Studia anche filosofia e neuroscienze[24].

Attività giornalistica e attivismo[modifica | modifica wikitesto]

WikiLeaks[modifica | modifica wikitesto]

Assange durante il "New Media Days 09"[25][26] a Copenaghen, novembre 2009
Assange con Rickard Falkvinge, il leader del Partito Pirata della Svezia e sostenitore di Wikileaks

A partire dal 2006 è tra i promotori del sito web WikiLeaks, del quale si definisce editor in chief[27]. WikiLeaks nel corso degli anni pubblica documenti da fonti anonime e informazioni segrete; tra questi notizie riservate sui bombardamenti nello Yemen, sulla corruzione nel mondo arabo, sulle esecuzioni extragiudiziarie da parte della polizia keniota,[28] sulla rivolta tibetana in Cina (2008),[29] sullo scandalo petrolifero in Perù e le e-mail del governo turco dopo le purghe del governo Erdoğan nel 2016.[30]

WikiLeaks giunse all'attenzione internazionale nel 2010 quando fece trapelare una serie di notizie fornite da Chelsea Manning. Queste notizie comprendevano il video Collateral Murder (aprile 2010),[31] diari della guerra in Afghanistan (luglio 2010), i diari della guerra in Iraq (ottobre 2010), e CableGate (novembre 2010). Dopo le fughe di notizie del 2010, il governo degli Stati Uniti avviò un'indagine su WikiLeaks.[32]

Il 28 novembre 2010 WikiLeaks rende di pubblico dominio oltre 251.000 documenti diplomatici statunitensi, molti dei quali etichettati come "confidenziali" o "segreti". Il giorno seguente, il general attorney dell'Australia, Robert McClelland, dichiara alla stampa che l'Australia è intenzionata a investigare sulle attività di Assange e di WikiLeaks[33]. Afferma inoltre che, dal «punto di vista dell'Australia, ci potrebbe essere un buon numero di leggi violate con il rilascio di queste informazioni. La polizia federale australiana lo sta verificando»[34]. McClelland non esclude la possibilità del ritiro del passaporto australiano dell'informatico. Per "salvare" il materiale, Assange arruola alcune "sentinelle" in possesso di chiavi d'accesso: "Noi siamo l'assicurazione sulla vita di Julian", afferma uno di loro in un'intervista con Giovanni Mari nel 2010[35].

Conduttore televisivo[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 aprile 2012 va in onda sul canale televisivo Russia Today la prima puntata di The World Tomorrow, talk-show che Assange conduce dall'abitazione in cui si trova agli arresti domiciliari nel Regno Unito[36]. Il programma ha cadenza settimanale e consiste in un'intervista di circa 25 minuti con uno o due ospiti. Dopo essere andate in onda le interviste sono disponibili sul canale YouTube di Russia Today[37] e sul sito worldtomorrow.wikileaks.org.[38] Le puntate sottotitolate in italiano si trovano nel canale video di Repubblica[39] e sono presentate dalla giornalista Stefania Maurizi[40] autrice del libro Dossier Wikileaks e collaboratrice di Repubblica e l'Espresso. L'ospite della prima puntata è stato Hassan Nasrallah[41], leader di Hezbollah. In una delle ultime puntate vengono intervistati il linguista Noam Chomsky e lo scrittore Tariq Ali[42].

Il primo arresto e la concessione dello status di rifugiato politico[modifica | modifica wikitesto]

Arresto in Gran Bretagna con l'accusa di reati sessuali[modifica | modifica wikitesto]

Assange nel 2010

Il 18 novembre 2010 il tribunale di Stoccolma spicca un mandato d'arresto in contumacia nei suoi confronti con l'accusa di stupro, molestie e coercizione illegale[43]. Assange negò l'accusa sostenendo che essa fosse solo un pretesto per estradarlo dalla Svezia agli Stati Uniti a causa del suo ruolo nella pubblicazione di documenti statunitensi segreti.[44][45]

Il reato contestatogli sarebbe quello di aver avuto rapporti sessuali non protetti, seppur consenzienti, con due donne, A. (militante femminista, segretaria dell'associazione "Brotherhood Movement" e autrice di una Guida alla vendetta contro il partner pubblicata sul web[46]) e W., e di essersi successivamente rifiutato di sottoporsi a un controllo medico sulle malattie sessualmente trasmissibili, condotta considerata criminosa dalla legge svedese[47][48][49].

La denuncia era stata fatta dalle sue ex-amanti, dopo che esse avevano appreso l'una dall'altra di aver avuto rapporti sessuali con lui[50]; al momento dell'emissione del mandato di arresto contro Assange non esistevano comunque prove a suo carico che non fossero la parola delle due donne[50]. Inoltre, secondo la stampa svedese, la poliziotta che ha raccolto la testimonianza di A, e A. stessa, erano molto amiche e sarebbe stata proprio l'agente a incitare la donna a denunciare l'ex amante dopo averle spiegato che per la giustizia locale rifiutarsi di usare il profilattico durante un rapporto si configura come stupro. «È ora di sgonfiare quel pallone gonfiato ed esageratamente osannato di Julian Assange» aveva dichiarato la poliziotta sulla sua pagina Facebook[51]. La seconda accusatrice, W., alla fine della deposizione si è rifiutata di firmare le dichiarazioni trascritte.[52]

Molti hanno infine sollevato dubbi sulla natura del provvedimento[53], mettendo in rilievo la coincidenza temporale con la pubblicazione da parte di Wikileaks dei documenti diplomatici statunitensi.

Il 20 novembre l'Interpol e il Sistema di Informazione Schengen recepiscono il mandato di arresto.[54]

Assange nel 2010

Il 7 dicembre 2010 Assange si presenta spontaneamente negli uffici di Scotland Yard e viene arrestato in seguito al mandato di cattura europeo[55]. Lo stesso giorno, il tribunale respinge la richiesta di libertà provvisoria su cauzione appoggiata da diverse personalità del cinema e del giornalismo[56][57].

Nel frattempo la Svezia presenta una richiesta di estradizione alle autorità britanniche: secondo alcune fonti, tale richiesta sarebbe finalizzata a estradarlo in realtà negli Stati Uniti dove lo attende un processo per spionaggio[58].

Il 16 dicembre, dopo nove giorni di carcere, Assange viene rilasciato su cauzione, e la decisione sulla richiesta di estradizione rimandata[59].

L'accusa per spionaggio, negli Stati Uniti, può costare l'ergastolo e anche la pena di morte. In difesa di Assange si schiera anche l'attivista statunitense Robert Meeropol Rosenberg, il figlio dei coniugi Rosenberg, militanti comunisti che furono gli ultimi condannati a morte per questo reato negli USA (1953), lanciando un appello a difendere Assange e a non consegnarlo agli americani.[60]

Il 2 novembre 2011 l'Alta corte di Londra dà il via libera all'estradizione richiesta dalla Svezia[61].

Concessione dello status di rifugiato politico e attività dall'ambasciata dell'Ecuador[modifica | modifica wikitesto]

Assange legge un comunicato dal balcone dell'Ambasciata dell'Ecuador in Londra - 2012

Nel giugno 2012 la Corte Suprema britannica rigettò il ricorso presentato contro il via libera all'estradizione ed Assange scelse di recarsi presso l'ambasciata dell'Ecuador a Londra, chiedendo asilo politico in quanto perseguitato.[62][63] Ne dà informazione in una conferenza stampa il 19 giugno 2012 il ministro degli Esteri, Ricardo Patiño, specificando che l'Ecuador sta valutando la richiesta. Da Quito, capitale del paese sudamericano, già nel 2010 era stata mandata ad Assange offerta della residenza "senza precondizioni", per poter "esprimersi liberamente". Alla base di tale azione vi era il fatto che il governo di Rafael Correa era preoccupato per alcune attività illegali degli americani in Ecuador ed auspicava che esse fossero documentate e descritte all'opinione pubblica mondiale da WikiLeaks.[64][65] Da allora Assange rimase nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra per quasi sette anni.[66]

Secondo la madre dell'attivista, Assange in tale periodo iniziò ad avere problemi di salute dovuti a stress psicofisico estremo dovuto alla persecuzione nei suoi confronti.[67]

Il 16 agosto 2012 il governo del socialista Rafael Correa concede lo status di rifugiato politico ad Assange, mentre questi si trova ancora nell'ambasciata, poiché il Regno Unito non vuole garantirgli un salvacondotto e minaccia di arrestarlo con un blitz per poterlo consegnare alla Svezia, nonostante la possibile grave violazione del diritto internazionale all'immunità delle sedi diplomatiche.[68]

Assange in un contributo video al Chaos Communication Congress 2013
Assange con il Ministro per gli Affari Esteri dell'Ecuador Ricardo Patiño, 2014
Assange in videoconferenza con il forum Argentino "Cultura Digital" di Buenos Aires,[69] 2015

Il 30 gennaio 2013 è stata annunciata la sua candidatura al senato australiano dalla premier del partito laburista Julia Gillard. Anche se dal 2012 Assange si trova nell'ambasciata dell'Ecuador di Londra, secondo le leggi australiane si può comunque candidare.[70] La premier ha in seguito aggiunto che la presenza di Assange potrà garantire un po' di vigilanza all'interno del senato.[71] Il partito di Assange ottiene l'1,19%, pari a 23 007 voti, non superando quindi la soglia per entrare in parlamento.[72]

Nel marzo 2015 è stato reso noto che il magistrato svedese Marianne Ny, per evitare la prescrizione di alcuni reati nell'agosto dello stesso anno, ha accettato la richiesta dei legali di Assange di farlo interrogare a Londra all'interno dell'ambasciata ecuadoriana da un magistrato svedese. Tale magistrato avrebbe anche il compito di tornare in Svezia con campioni di DNA del giornalista australiano.[73][74]

A luglio 2015, dichiarandosi in pericolo di vita, Assange chiede protezione alla Francia (più vicina da raggiungere rispetto all'Ecuador, oltre che per i rapporti diplomatici migliori con l'Inghilterra e patria di uno dei figli di Assange), ma le autorità francesi rifiutano prontamente qualsiasi aiuto.[75] Viene poi specificato da Baltazar Garzon e dall'organizzazione stessa via Twitter che Assange non aveva inviato nessuna formale richiesta di asilo, ma la lettera aperta era semplicemente un modo per rispondere alle dichiarazioni di Christiane Taubira, che aveva affermato che la Francia avrebbe dovuto concedere asilo ad Assange e Snowden dopo le rivelazioni sullo spionaggio della NSA.[76]

Nel dicembre 2015[77] il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla Detenzione Arbitraria ha concluso che l'escursus delle vicende di detenzione iniziate il 7 dicembre 2010, compresa la permanenza forzata di Assange nell'ambasciata dell'Ecuador, sono configurabili come detenzione arbitraria e illegale da parte di Gran Bretagna e Svezia,[78] e che per tanto Assange avrebbe dovuto essere liberato e risarcito. Regno Unito e Svezia rifiutarono al riguardo.[79][80]

Durante le primarie presidenziali del Partito Democratico statunitense del 2016, WikiLeaks pubblicò delle e-mail inviate e ricevute dalla candidata Hillary Clinton dal suo server di e-mail privato quando era Segretario di stato dimostrando tra l'altro il coinvolgimento dell'Arabia Saudita e del Qatar in varie azioni di supporto alla formazione dello Stato Islamico della Siria e dell'Iraq (ISIS) e ponendo concreti dubbi sul coinvolgimento statunitense in esse.[81][82]
Assange ha negato sistematicamente qualsiasi connessione o cooperazione con la Russia in relazione alle fughe di notizie, e accusò la campagna Clinton di alimentare una "isteria neo-maccartista".[83][84][85]
In ogni caso le rivelazioni di WikiLeaks vennero ritenute rilevanti se non determinanti nel portare alla sconfitta il Partito Democratico statunitense alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 2016,[86] contribuendo cioè indirettamente a portare alla Presidenza USA Donald Trump; per tale fatto WikiLeaks - e di riflesso Assange - agli occhi dell'area progressista (compresa la stampa progressista) passarono dall'essere ammirati e celebrati all'essere ignorati se non avversati (ad esempio nell'ambito delle accuse di stupro da parte della Svezia, conflittuali con le tematiche femministe), e di tale mutato atteggiamento Assange si ritroverà a pagare le spese soprattutto in seguito, quando vicende di violazioni dei diritti umani contro di lui ottengono minima attenzione dai canali normalmente sensibili e attivi al riguardo.[87][88]

L'anno successivo, a gennaio, Assange affermò che avrebbe potuto consegnarsi agli USA in cambio della libertà per Chelsea Manning, la militare transgender informatrice di WikiLeaks. In seguito alla concessione della grazia a quest'ultima (avvenuta per commutazione), non si è tuttavia consegnato in quanto gli Stati Uniti non avrebbero formulato una formale richiesta di estradizione.[89][90]

Il 19 maggio 2017 la procura svedese archiviò l'accusa di stupro (che andrà poi prescritta nel 2020) in quanto Assange non era processabile nell'immediato. A carico di Assange rimase però il mandato di cattura internazionale e britannico per via del fatto di non essersi presentato in tribunale a Londra dopo aver ottenuto la libertà su cauzione, motivo per cui egli rimase nell'ambasciata ecuadoriana.[91]

L'11 gennaio 2018 l'Ecuador rese noto d'aver concesso ad Assange la cittadinanza Ecuadoriana il 12 dicembre precedente; nel frattempo erano occorsi anche tentativi di attribuirgli l'immunità diplomatica, al fine di poter lasciare l'Ambasciata senza incorrere in arresti.[92][93]

Successivamente, nel 2019 fu scoperto che durante gli anni della permanenza nell'ambasciata Assange era sottoposto a sofisticati spionaggi audio/video, compresi i momenti di colloquio con i suoi avvocati; la cosa sarebbe accaduta all'insaputa del Governo dell'Ecuador.[94][95]

Il secondo arresto[modifica | modifica wikitesto]

Una serie di controversie con i nuovi rappresentanti dell'autorità dell'Ecuador, comprensiva di processi e appelli,[96][97][98][99] sfocia repentinamente in una inusuale revoca dell'asilo politico nella prima mattinata dell'11 aprile 2019, quando l'Ecuador acconsente ad agenti della polizia metropolitana di Londra di entrare in Ambasciata e prelevare Assange contro la sua volontà, senza rispettare il fatto che egli era in possesso della cittadinanza di quello Stato (L'Ecuador dichiarerà al riguardo di averla "sospesa"[100]).
L'arresto sarebbe avvenuto sfruttando il complesso sistema di spionaggio sull'ambasciata dell'Ecuador in modo tale da impedire l'attivazione di un misterioso pulsante anti-panico che a detta dell'attivista avrebbe potuto comportare gravi conseguenze contro lo stato sudamericano.[101]

Trascinato a forza fuori dall'Ambasciata, dopo l'arresto è stato prima condotto davanti al giudice Michael Snow e successivamente in carcere.[102][103]

Yanis Varoufakis, in un'intervista, ha dichiarato che già nel dicembre precedente Julian Assange era convinto che l'Ecuador non l'avrebbe più protetto dopo il cambio dell'Ambasciatore e dello staff dell'ambasciata voluto dal nuovo Presidente dell'Ecuador eletto nel 2017, Lenín Moreno,[104] cui già nell'agosto del 2018 veniva attribuita la decisione di estradare Assange negli Stati Uniti d'America.[105]

La detenzione nella "HM Prison Belmarsh"[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º maggio 2019, per aver violato nel giugno 2012 i termini della libertà su cauzione concessagli il 16 dicembre 2010 - in relazione alle accuse di stupro presentate in Svezia - recandosi nell'ambasciata Ecuadoregna (dove ottenne asilo politico), Assange è condannato quasi al massimo della pena dal Giudice Deborah Taylor della Westminster Court, 50 settimane (la metà in prigione e il resto in libertà condizionata se non commetterà successivi crimini[106][107]) da scontare nel carcere di massima sicurezza HM Prison Belmarsh (detto "la Guantánamo britannica"). Diverse voci si sono levate contro questa sentenza.

Lo stesso giorno, il governo degli Stati Uniti aprì un'inchiesta contro Assange per la presunta intrusione informatica correlata alle fughe di notizie fornite da Chelsea Manning.

Il giorno successivo Julian Assange è comparso via videolink innanzi alla Westminster Court di Londra per la prima audizione procedurale riguardo alla richiesta di estradizione negli USA in rapporto ad un caso di supposto hackeraggio in associazione con Chelsea Manning. In questa occasione Assange ha rifiutato di consegnarsi volontariamente per essere estradato negli Stati Uniti.[108] Lo stesso giorno, ed espressamente anche in riferimento alla "giornata mondiale della libertà di stampa" che stava per essere celebrata l'indomani, un gruppo di stimati giuristi della Svizzera ha presentato al Governo del proprio paese formale richiesta di concedere asilo politico ad Assange, appoggiando analoghe richieste presentate in passato[109] al Consiglio Federale.[110][111][112]

Il 12 maggio la Svezia riapre il caso per le presunte molestie sessuali a carico di Julian Assange e il 20 maggio ne chiede l'estradizione,[113] tuttavia il successivo 19 novembre l'inchiesta fu nuovamente archiviata poiché gli elementi non furono ritenuti abbastanza forti per formulare un'incriminazione.[114]

Il 23 maggio 2019 il governo statunitense accusò ulteriormente Assange della violazione dell'Espionage Act, legge risalente al 1917. Questa decisione fu criticata da redattori di alcuni giornali, tra cui The Washington Post e The New York Times.[115][116]

Il 30 maggio Assange non compare in videolink all'udienza per l'estradizione negli USA in quanto "troppo malato".[117]

Durante la settimana precedente il relatore all'ONU sulla tortura e trattamenti inumani, l'elvetico Nils Melzer, aveva esortato i quattro governi coinvolti nella vicenda giudiziaria (Australia, Regno Unito, Stati Uniti e Svezia) ad astenersi da ulteriori dichiarazioni o atti pregiudizievoli per i diritti umani di Assange e ad adottare misure per fornirgli un risarcimento e una riabilitazione appropriati, manifestando le sue preoccupazioni riguardo alla possibile estradizione negli USA, dove si ritiene che non gli verrebbe garantito un giusto processo. L'estradizione negli Stati Uniti sottoporrebbe Assange al rischio di imputazione per diversi reati tra cui quello di spionaggio, perseguibile secondo l'Espionage Act, oltre che a pene complessive dai 175 anni di carcere fino alla pena capitale. Melzer afferma anche di essere preoccupato per le condizioni di salute di Julian Assange.[118] A fine 2019 Melzer ha poi espressamente invitato il proprio paese a fare di più in favore di Assange.[119][120]

Il 31 luglio la corte federale degli Stati Uniti pronuncia una sentenza a sfavore del Comitato nazionale democratico, che perde la causa in cui accusava Wikileaks di cospirazione con il governo russo per aver pubblicato le e-mail rubate.[121]

A settembre 2019, nell'imminenza del rilascio in libertà condizionale per aver scontato metà della pena, il Giudice Vanessa Baraitser ha negato ad Assange la scarcerazione in relazione alla richiesta di estradizione USA, per la quale ha ritenuto che Assange avrebbe molto probabilmente violato i termini della libertà condizionale; al contempo Baraitser ha offerto ai legali di Assange - presente solo tramite collegamento video a tale udienza - la possibilità di richiedere la libertà su cauzione, cosa che però questi non hanno fatto. Da quanto riportato dalla stampa, Assange avrebbe dichiarato di non aver compreso quanto stava accadendo, ad esplicita richiesta in merito da parte del Giudice Baraitser.[122][123][124][125]

Il 21 ottobre 2019 la Corte presieduta da Vanessa Baraitser, presso il tribunale di Westminster, ha stabilito che il dibattimento sulla richiesta di estradizione USA avverrà a partire dal febbraio 2020[126] presso il tribunale del carcere di massima sicurezza del Belmarsh; tale decisione, che rigetta la richiesta di tempi maggiori presentata dalla difesa di Assange, viene presa nel corso di un'udienza descritta da Craig Murray[127] - presente nel pubblico - quale visibilmente dipendente dalle indicazioni dei rappresentanti dell'Amministrazione USA.[128][129]

Nel dicembre 2019[130] un nutrito gruppo di giornalisti di quasi 100 nazioni crea la petizione Speak up for Assange,[131] chiedendo la liberazione di Assange da parte del Regno Unito, asserendo che il reale motivo per cui rischia d'essere perseguito sia il fatto di aver meritoriamente portato alla luce dei crimini di guerra[132] e che il punirlo per tali azioni sarebbe un grave precedente per la libertà di stampa; altresí viene dato rilievo alla violazione dei diritti umani cui Assange è da anni vittima a causa dei tentativi di persecuzione in atto.[133]

A fine dicembre 2019 l'ex magistrato Antonio Ingroia, già attivo nella difesa dell'ex Presidente dell'Equador Rafael Correa Delgado[134][135] (colui che aveva concesso asilo ad Assange), rivolge un nuovo appello all'Italia affinché conceda spontaneamente asilo politico ad Assange (dopo quello già lanciato nell'ottobre 2019),[136] riprendendo un post su Facebook relativo ad una richiesta di adoperarsi per la liberazione di Assange inviata al Ministro degli Esteri della Repubblica Italiana (Luigi Di Maio) - e per conoscenza al Presidente della Repubblica (Sergio Mattarella) - da Giulietto Chiesa e Massimo Mazzucco.[137][138]

Il 24 gennaio 2020 Joseph Farrell di WikiLeaks annuncia che Assange, pur trovandosi ancora nel carcere di Belmarsh, non si troverebbe più in isolamento.[139][140]

In data 27 gennaio, diverse personalità e associazioni del Belgio rivolgono appello affinché Assange venga liberato dalle carceri del Regno Unito e il loro Governo gli riconosca lo status di rifugiato politico, adoperandosi per impedirne l'estradizione negli USA, concedendogli un permesso di soggiorno in Belgio, mettendo a sua disposizione quanto necessario alla tutela della sua salute.[141][142]

Il 28 gennaio 2020, l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, all'interno della risoluzione 2317 (2020) "Minacce alla libertà dei media e alla sicurezza dei giornalisti in Europa",[143][144][145] ha approvato all'unanimità un emendamento[146][147][148] con cui indica agli Stati Membri di considerare la detenzione e i procedimenti penali contro Julian Assange quale un precedente pericoloso per i giornalisti, e di unirsi alla raccomandazione[149] del relatore speciale ONU sulla tortura - Nils Melzer - il quale ha dichiarato che l’estradizione di Assange negli Stati Uniti deve essere vietata e che egli deve essere prontamente rilasciato.[150][151][152] Il 31 gennaio il magazine online svizzero Republik[153] pubblica una lunga intervista a Melzer, in cui vengono esposti diversi elementi da lui raccolti sulla carcerazione di Assange, che appare da ciò realizzata tramite manipolazioni e violazioni delle procedure con cui la Svezia intendeva incriminarlo per stupro.[154][155]

Ad inizio febbraio 2020 diverse personalità tedesche, attraverso la "Federal Press Conference" di Berlino[156] (Bundespressekonferenz - BPK), hanno dato il via ad una raccolta firme in favore di Assange, con cui chiedono al proprio Governo di adoperarsi per ottenerne la liberazione.[157]

Con l'approssimarsi della prima udienza sulla domanda di estradizione presentata dagli USA al Regno Unito, prevista per lunedì 24 febbraio,[158][159] in Italia vengono organizzate manifestazioni in sostegno di Assange a Milano,[160] Cagliari[161] e Roma,[162] con la richiesta che l'estradizione sia negata; analoghe manifestazioni si tengono in altre parti del mondo, in particolare a Londra,[163][164] dove a sostegno di Assange manifestano anche personalità quali il musicista Roger Waters, la stilista Vivienne Westwood e l'economista Yanis Varoufakis.

Il 24 febbraio viene data notizia che alcuni parlamentari Australiani hanno richiesto al loro Governo che, anche alla luce delle intercettazioni subite da Assange durante i colloqui con i suoi legali, questo prema sul Regno Unito per il respingimento della richiesta di estradizione degli USA.[165]

La settimana di udienze del febbraio 2020 si è svolta in condizioni di forte condizionamento per Assange, sia per trattamenti provanti in prigione, sia per essersi tenuta in una struttura preposta per particolari crimini terroristici anziché nelle usuali Corti cittadine, dove Assange è stato mantenuto isolato dai suoi legali in un box di massima sicurezza, da cui ha più volte lamentato di non riuscire né a seguire adeguatamente il procedimento né a relazionarsi utilmente con i suoi avvocati;[166][167] tali accadimenti sono stati fortemente criticati dall'Human Rights Institute dell'IBA[168] (IBAHRI), cui alcuni aderenti avevano già manifestato vicinanza ad Assange nel dicembre precedente,[169] ravvisando in tale condotta del processo elementi incompatibili con quanto prevede la Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti.[170][171][172][173]
Oltre agli appelli contro le violazioni dei diritti umani e del diritto legale, nel frattempo avvengono prese di posizione in favore di Assange a livello internazionale anche da parte di svariati medici,[174] molti dei quali si sono riuniti nel gruppo "Doctors for Assange",[175] pubblicando una lettera con le loro preoccupazioni sulla nota rivista di settore The Lancet,[176] e richiedendo espressamente al Governo Australiano - attraverso il Ministro per gli Affari Esteri - di intervenire con urgenza ed efficacia in soccorso del suo concittadino.[177]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Media[modifica | modifica wikitesto]

La storia di Assange viene trasposta in diverse opere:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Assange, l’Ecuador revoca la cittadinanza, in Icona News. URL consultato il 14 aprile 2019 (archiviato il 14 aprile 2019).
  2. ^ (EN) Sydney Peace Foundation - A foundation of the University of Sydney, Sydney Peace Medal: Julian Assange, su sydneypeacefoundation.org.au. URL consultato il 21 marzo 2020.
  3. ^ (EN) Jason Deans - The Guardian, Julian Assange wins Martha Gellhorn journalism prize, in The Guardian, Londra, Guardian News and Media, 2 luglio 2011. URL consultato il 21 marzo 2020.
  4. ^ La Russia candida Assange al premio Nobel per la pace, in Il Post, 9 dicembre 2010. URL consultato il 21 marzo 2020.
  5. ^ Il Premio Nobel per la Pace 2014 a Assange e Snowden, in AgoraVox Italia, 20 luglio 2013. URL consultato il 21 marzo 2020 (archiviato il 16 febbraio 2019).
  6. ^ http://www.newstalkzb.co.nz/news/world/julian-assange-arrested-after-being-booted-from-ecuadorian-embassy/
  7. ^ (FR) Julian Assange arrêté par la police britannique et inculpé de «piratage» aux Etats-Unis (EN CONTINU), su RT en Français, 11 aprile 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  8. ^ (EN) Julian Assange given disproportionate sentence for ‘minor’ crime, claim UN legal experts, su The Independent, 4 maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  9. ^ Tutte le tappe del caso Assange, su Adnkronos, 11 aprile 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  10. ^ Julian Assange, archiviata l'indagine per stupro: la Svezia si sfila, resta solo la richiesta di estradizione degli Usa, su Il Fatto Quotidiano, 19 novembre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  11. ^ Stefania Maurizi, WikiLeaks, Assange condannato a 50 settimane di detenzione, in La Repubblica, GEDI Gruppo Editoriale, 1º maggio 2019. URL consultato il 21 marzo 2020 (archiviato il 5 maggio 2019).
  12. ^ Assange, la Gran Bretagna firma la richiesta di estradizione negli Usa. Ma a decidere sarà il Tribunale, su Il Fatto Quotidiano, 13 giugno 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  13. ^ Wikileaks: dagli Usa 17 nuovi capi d'accusa contro Assange, su Agi, 23 maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  14. ^ Stefania Maurizi, L'Inviato Speciale Onu contro la tortura, Nils Melzer: “Gravemente preoccupato” per la situazione di Julian Assange, in La Repubblica, GEDI Gruppo Editoriale, 29 luglio 2019. URL consultato il 21 marzo 2020.
  15. ^ Consiglio d’Europa: Julian Assange deve essere rilasciato e deve essere vietata la sua estradizione negli USA, su AgoraVox Italia, 6 febbraio 2020. URL consultato il 10 luglio 2020.
  16. ^ a b c (EN) Sthepen Moss, Julian Assange: the whistleblower, in The Guardian, 14 luglio 2010. URL consultato il 18 novembre 2010 (archiviato il 2 agosto 2012).
  17. ^ Wikileaks Party, con un nuovo movimento Assange si butta in politica, su corriere.it. URL consultato il 30 luglio 2013 (archiviato il 28 luglio 2013).
  18. ^ Sarà Julian Assange il personaggio dell'anno di TIME?, su lastampa.it. URL consultato il 17 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2012).
  19. ^ a b Chi è Assange, l'uomo che fa tremare il mondo, ANSA, 21 ottobre 2013. URL consultato il 23 ottobre 2013 (archiviato il 24 ottobre 2013).
  20. ^ (EN) Raffi Khatchadourian, No Secrets. Julian Assange’s mission for total transparency., in The New Yorker, 7 giugno 2010. URL consultato il 26 novembre 2010 (archiviato il 4 settembre 2012).
  21. ^ (EN) Richard Guilliatt, Rudd Government blacklist hacker monitors police, in The Australian, 30 maggio 2009. URL consultato il 26 novembre 2010 (archiviato il 27 maggio 2012).
  22. ^ a b (EN) Raffi Khatchadourian, No Secrets: Julian Assange’s Mission for Total Transparency, in The New Yorker, 7 giugno 2010. URL consultato il 18 novembre 2010 (archiviato il 4 settembre 2012).
  23. ^ (EN) Strobe-1.06, XP-UX. URL consultato il 18 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2012).
  24. ^ (EN) PdF Conference 2010: Speakers, Personal Democracy Forum. URL consultato il 26 novembre 2010 (archiviato il 27 maggio 2012).
  25. ^ newmediadays.dk
  26. ^ issuu.com/newmediadays/docs/newmediadays09-program/46
  27. ^ (EN) Julian Assange: Why the World Needs WikiLeaks, in The Huffington Post, 9 luglio 2010. URL consultato il 18 novembre 2010 (archiviato il 20 settembre 2012).
  28. ^ (EN) Abdi Latif Dahir, How Kenya gave Julian Assange’s WikiLeaks its first major global scoop, su Quartz Africa, 13 aprile 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  29. ^ Mark Sweney, Wikileaks defies 'great firewall of China', in The Guardian, 18 marzo 2008. URL consultato il 7 maggio 2019 (archiviato il 17 aprile 2019).
  30. ^ Robbie Gamer, Latest Wikileaks Dump Sheds New Light on Erdogan’s Power In Turkey, in Foreign Policy, 7 dicembre 2016. URL consultato il 7 maggio 2019 (archiviato il 3 maggio 2019).
  31. ^ Wikileaks, Collateral Murder, su YouTube, 3 aprile 2010. URL consultato l'11 luglio 2020.
  32. ^ Pete Yost, Holder says WikiLeaks under criminal investigation, Boston Globe, 29 novembre 2010. URL consultato il 27 luglio 2019.
  33. ^ (EN) Australia opens WikiLeaks inquiry, in Al Jazeera, 29 novembre 2010. URL consultato il 29 novembre 2010 (archiviato l'8 luglio 2012).
  34. ^ (EN) Doorstop on leaking of US classified documents by Wikileaks, in Attorney-General for Australia, 29 novembre 2010. URL consultato il 29 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2010).
  35. ^ Blogger genovese: «Se arrestano Assange pronti a invadere il mondo con i files segreti», su ilsecoloxix.it. URL consultato il 21 ottobre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  36. ^ La prima puntata del talk show di Julian Assange, in Il Post, 17 aprile 2012. URL consultato il 30 maggio 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  37. ^ The Julian Assange Show, su youtube.com. URL consultato il 31 maggio 2012.
  38. ^ WikiLeaks World Tomorrow, su worldtomorrow.wikileaks.org. URL consultato il 31 maggio 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  39. ^ Serie di video su WikiLeaks, su video.repubblica.it. URL consultato il 16 agosto 2012.
  40. ^ Stefania Maurizi home page, su stefaniamaurizi.it. URL consultato il 5 maggio 2019 (archiviato il 2 febbraio 2019).
  41. ^ Primo episodio di World Tomorrow con sottotitoli in italiano, su video.repubblica.it. URL consultato il 16 agosto 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  42. ^ Intervista a Noam Chomsky e Tariq Ali con sottotitoli in italiano, su video.repubblica.it, 26 giugno 2012. URL consultato il 16 agosto 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  43. ^ Svezia, ordinato arresto Assange, in ANSA, 18 novembre 2010. URL consultato il 26 novembre 2010 (archiviato il 20 settembre 2012).
  44. ^ What next for Julian Assange?, in BBC News, 5 febbraio 2016.
  45. ^ Owen Bowcott, Britain 'sets dangerous precedent' by defying UN report on Assange, su The Guardian, Guardian News & Media, 24 febbraio 2016.
  46. ^ "Contro Assange la vendetta di un'amante" I blog difendono il creatore di WikiLeaks - Repubblica.it, su repubblica.it (archiviato il 7 settembre 2012).
  47. ^ L'accusa ad Assange: ha fatto sesso non protetto con due donne consenzienti, Il Messaggero, 3 dicembre 2010. URL consultato il 16 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2010).
  48. ^ When it comes to Assange rape case, the Swedes are making it up as they go along, in Crikey, 2 dicembre 2010. URL consultato il 3 dicembre 2010 (archiviato il 29 maggio 2012).
  49. ^ La Svezia indaga su Assange per sesso senza preservativo, in WikiLeaks Italia, 6 dicembre 2010. URL consultato il 6 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2012).
  50. ^ a b Sarah e Jessica, la vendetta delle due amanti di Assange, Quotidiano.net, 7 dicembre 2010 (archiviato il 20 settembre 2012).
  51. ^ Svezia, la poliziotta e l’accusatrice amiche e lesbiche? Insieme incastrarono Assange, Blitzquotidiano.it, 14 marzo 2011 (archiviato il 20 luglio 2012).
  52. ^ Filmato audio tv australiana Abc, traduzione Anna Bissanti, Sesso, bugie e Julian Assange, in L'Espresso on line, 25 agosto 2012. URL consultato il 2 settembre 2012.
  53. ^ Fabio Scacciavillani, Trattamento Boffo per Wikileaks, in Il Fatto Quotidiano.it, 21 agosto 2010. URL consultato il 26 novembre 2010 (archiviato il 20 settembre 2012).
  54. ^ Di che cosa è accusato Assange?, su Il Post, 17 agosto 2012. URL consultato il 10 luglio 2020.
  55. ^ Assange arrestato, ora scontro su estradizione, AGI News, 7 dicembre 2010. URL consultato il 16 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2010).
  56. ^ (EN) Julian Assange's celebrity supporters stake reputations on case, in The Guardian, 8 dicembre 2010. URL consultato l'8 dicembre 2010 (archiviato il 16 settembre 2012).
  57. ^ Diretta RaiNews del 7-12-2010, ore 16.10.
  58. ^ (EN) Assange could face espionage trial in US, in The Independent, 8 dicembre 2010. URL consultato l'8 dicembre 2010 (archiviato il 20 settembre 2012).
  59. ^ (EN) Assange walks free after nine days in jail, in The Guardian, 16 dicembre 2010. URL consultato il 16 dicembre 2010 (archiviato il 4 agosto 2012).
  60. ^ In Usa Rosenberg jr difende Assange: "Non faccia la fine dei miei genitori", su ilsole24ore.com (archiviato il 20 settembre 2012).
  61. ^ Assange, respinto il suo ricorso. Può essere estradato in Svezia, in La Repubblica, 2 novembre 2011. URL consultato il 3 novembre 2011 (archiviato il 19 settembre 2012).
  62. ^ Shiv Malik, Assange backers could lose £340,000 in bail money, in The Guardian, 4 settembre 2012. URL consultato il 1º maggio 2019.
  63. ^ Donna Bowater, Julian Assange faces re-arrest over breaching his bail condition by seeking asylum in Ecuador, in The Daily Telegraph, 20 giugno 2012.
  64. ^ Assange, mossa a sorpresa: si rifugia nell'ambasciata dell'Ecuador, su repubblica.it, 19 giugno 2012 (archiviato il 20 settembre 2012).
  65. ^ Arturo Wallace, Julian Assange: Why Ecuador is offering comasylum [collegamento interrotto], in BBC, 16 agosto 2012. URL consultato il 16 maggio 2019.
  66. ^ Jon Sharman, Ecuador grants WikiLeaks founder Julian Assange citizenship, in The Independent, 11 gennaio 2018. URL consultato l'11 gennaio 2018.
  67. ^ Appello della madre di Assange al governo ecuadoriano, su corriere.it (archiviato il 20 settembre 2012).
  68. ^ Ecuador concede asilo politico ad Assange, su it.reuters.com. URL consultato il 2 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2012).
  69. ^ http://www.cultura.gob.ar/agenda/foro-de-cultura-digital-2015-el-futuro-llega-al-cck/
  70. ^ Julian Assange correrà per un seggio al Senato australiano, su fanpage.it. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato il 15 febbraio 2013).
  71. ^ Australia, Assange candidato al Senato, su lettera43.it. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2013).
  72. ^ Elezioni Australia, vincono i conservatori. Assange ottiene poco più dell'1 per cento, su repubblica.it, 7 settembre 2013.
  73. ^ Assange sarà interrogato a Londra. Gli inquirenti svedesi accolgono la richiesta del suo legale, Rai News, 13 marzo 2015. URL consultato l'11 aprile 2015 (archiviato l'11 aprile 2015).
  74. ^ (EN) Julian Assange to be questioned by Swedish prosecutors in London, The Guardian, 13 marzo 2015. URL consultato il 2 maggio 2019 (archiviato il 28 agosto 2016).
  75. ^ Wikileaks, Julian Assange: "Pericolo di vita, Francia mi accolga". No dell'Eliseo, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 4 luglio 2015 (archiviato il 5 luglio 2015).
  76. ^ (FR) Justice For Assange: Déclaration de l'avocat Baltasar Garzon, su justice4assange.com, 3 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2015).
  77. ^ http://www.ohchr.org/EN/NewsEvents/Pages/DisplayNews.aspx?NewsID=17012&LangID=E
  78. ^ www.internazionale.it/notizie/2016/02/04/julian-assange-nazioni-unite
  79. ^ st.ilsole24ore.com/art/mondo/2016-02-05/gran-bretagna-e-Svezia-respingono-pronunciamento-onu-assange-non-e-detenzione-arbitraria--111802.shtml
  80. ^ Assange, Londra e la Svezia respingono arbitrato Onu: "Nessuna detenzione illegittima", in Repubblica.it, 5 febbraio 2016. URL consultato il 16 maggio 2017 (archiviato il 6 febbraio 2016).
  81. ^ We finally know what Hillary Clinton knew all along – US allies Saudi Arabia and Qatar are funding Isis, su independent.co.uk, 14 ottobre 2016.
  82. ^ Justin Carissimo, WikiLeaks publishes more than 1,000 Hillary Clinton war emails, in The Independent, UK, 4 luglio 2016. URL consultato il 5 luglio 2016.
  83. ^ Eli Lake, Cyber-Experts Say Russia Hacked the Democratic National Committee, in Bloomberg View, 25 luglio 2016. URL consultato il 23 ottobre 2016.
  84. ^ Assange blasts media for 'politicization' of election campaign in Fox interviews, Fox News Channel, 26 agosto 2016. URL consultato il 25 maggio 2017.
  85. ^ Jim Sciutto, Nicole Gaouette e Ryan Browne, US finds growing evidence Russia feeding emails to WikiLeaks, su edition.cnn.com, 14 ottobre 2016.
  86. ^ How Much Did WikiLeaks Hurt Hillary Clinton?, su fivethirtyeight.com, 23 dicembre 2016.
  87. ^ www.thewisemagazine.it/2020/03/07/che-fine-ha-fatto-julian-assange/
  88. ^ www.agi.it/estero/arresto_assange_liberta_stampa-5312334/news/2019-04-12/
  89. ^ Assange, manterrò la promessa di consegnarmi agli Usa - Nord America, in ANSA.it, 17 gennaio 2017. URL consultato il 16 maggio 2017 (archiviato il 24 marzo 2017).
  90. ^ Marta Serafini, Assange fa dietrofront: «Non si consegna per estradizione negli Usa», in Corriere della Sera. URL consultato il 16 maggio 2017 (archiviato il 23 gennaio 2017).
  91. ^ Wikileaks, Procura svedese archivia accusa di stupro contro Assange, su repubblica.it. URL consultato il 19 maggio 2017 (archiviato il 19 maggio 2017).
  92. ^ Ecuador conferma cittadinanza ad Assange, in ANSA.it, 11 gennaio 2018. URL consultato l'11 gennaio 2018 (archiviato il 12 gennaio 2018).
  93. ^ (EN) Owen Bowcott Legal affairs correspondent, Julian Assange is made an Ecuadorian citizen in effort to resolve impasse, in The Guardian, 11 gennaio 2018. URL consultato il 10 luglio 2020.
  94. ^ Julian Assange spiato per anni dentro l'ambasciata dell'Ecuador. I video dello scandalo, su la Repubblica, 18 novembre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  95. ^ Julian Assange spiato: una storia da film. Su Arte.tv il documentario sulle operazioni di spionaggio contro il fondatore di WikiLeaks, su Il Fatto Quotidiano, 8 luglio 2020. URL consultato il 10 luglio 2020.
  96. ^ Un giudice ha respinto il ricorso di Julian Assange contro le nuove regole che gli ha imposto l'ambasciata ecuadoriana di Londra, su Il Post, 30 ottobre 2018. URL consultato il 10 luglio 2020.
  97. ^ (EN) Mike Head, Ecuador’s government cuts off all access to Julian Assange, su World Socialist Website, Comitato Internazionale della Quarta Internazionale, 2 novembre 2018. URL consultato il 10 luglio 2020.
  98. ^ (EN) Dan Collyns, Why Assange and Ecuador Fell Out, su The New York Review of Books, 1º maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  99. ^ (EN) Timeline: Julian Assange’s Expulsion & Arrest, su Defend WikiLeaks, 7 giugno 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  100. ^ (EN) Alexandra Valencia, After years of giving refuge, Ecuador suspends Assange's citizenship, su reuters.com, 11 aprile 2019. URL consultato il 5 maggio 2019 (archiviato il 5 maggio 2019).
  101. ^ Alexandra Ma, Assange's arrest was designed to make sure he didn't press a mysterious panic button he said would bring dire consequences for Ecuador, su Business Insider, 14 aprile 2019. URL consultato il 14 aprile 2019.
  102. ^ (EN) Former UK ambassador Craig Murray denounces arrest and conviction of Julian Assange, su World Socialist Website, Comitato Internazionale della Quarta Internazionale. URL consultato il 10 luglio 2020.
  103. ^ Wikileaks: Londra, arrestato Assange, su Agenzia ANSA, 11 aprile 2019. URL consultato l'11 aprile 2019 (archiviato l'11 aprile 2019).
  104. ^ "Faranno sparire Assange in un buco nero stile Guantanamo". Intervista a Yanis Varoufakis (di A. Mauro), su L’Huffington Post, 12 aprile 2019. URL consultato il 14 aprile 2019 (archiviato il 14 aprile 2019).
  105. ^ L'Italia conceda asilo politico ad Assange, su l'interferenza, 1º agosto 2018. URL consultato il 10 luglio 2020.
  106. ^ (EN) Julian Assange faces 'tough time' as he begins 50-week jail sentence, su The New Daily, 1º maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  107. ^ (EN) A. B. C. News, Julian Assange sentenced to 50 weeks in prison for jumping bail by British court, su ABC News, 1º maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  108. ^ Julian Assange refuses to surrender to US extradition ‘for doing journalism’, he tells court, su independent.co.uk, 2 maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  109. ^ (EN) swissinfo.ch, Geneva politicians vote to propose Julian Assange asylum, su SWI swissinfo.ch, 7 febbraio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  110. ^ 22 giuristi chiedono asilo in Svizzera per Assange, su Ticinonline, 2 maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  111. ^ RSINews, l’informazione della Radiotelevisione svizzera, "Salviamo Assange in Svizzera", su rsi, 2 maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  112. ^ Assange: appello per asilo in Svizzera - Europa, su Agenzia ANSA, 2 maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  113. ^ Assange: Svezia chiede arresto per stupro, su ansa.it, 20 maggio 2019.
  114. ^ Assange, Svezia archivia inchiesta per stupro: "Non ci sono le prove necessarie", su la Repubblica, 19 novembre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  115. ^ The U.S. says Julian Assange 'is no journalist.' Here's why that shouldn't matter, in The Washington Post, 25 maggio 2019.
  116. ^ Washington Post, New York Times editors blast Assange indictment, in The Hill, 24 maggio 2019.
  117. ^ Julian Assange 'too ill' to appear for court hearing, says lawyer, su bbc.co.uk, 30 maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  118. ^ Assange ha i sintomi di chi ha subito torture psicologiche, dice l'inviato dell'Onu, su la Repubblica, 31 maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  119. ^ 'Svizzera tendi la mano ad Assange', su laregione.ch, 29 dicembre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  120. ^ (EN) SDA-Keystone/ac, Government’s reticence over Julian Assange criticised, su SWI swissinfo.ch, 29 dicembre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  121. ^ Judge dismisses DNC lawsuit. US federal court exposes Democratic Party conspiracy against Assange and WikiLeaks, su World Socialist Web Site, Comitato Internazionale della Quarta Internazionale, 21 luglio 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  122. ^ Assange resterà in carcere anche dopo la scadenza della pena, su Ticinonline, 14 settembre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  123. ^ (EN) P. A. Media, Julian Assange to remain in jail pending extradition to US, in The Guardian, 14 settembre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  124. ^ Richard Spillett, Julian Assange is told to stay in prison, su Mail Online, 13 settembre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  125. ^ (EN) Assange to stay in jail over absconding fears, in BBC News, 13 settembre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  126. ^ Assange, udienze estradizione a febbraio - Ultima Ora, su Agenzia ANSA, 21 ottobre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  127. ^ Nota: Craig Murray è un ex diplomatico del Regno Unito, successivamente impegnato nei diritti umani, che intrattiene da tempo relazioni amichevoli con Assange, con cui condivide l'aver ricevuto il Premio Sam Adams. Vedi la voce su wikipedia in lingua inglese: Craig Murray
  128. ^ Assange in tribunale – Craig Murray, su AgoraVox Italia, 15 novembre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  129. ^ (EN) craig, Assange in Court, su Craig Murray, 22 ottobre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  130. ^ “Liberate Julian Assange”: in gioco c’è il diritto a essere informati, su Il Fatto Quotidiano, 7 dicembre 2019. URL consultato il 10 luglio 2020.
  131. ^ (EN) Alza la voce -– una iniziativa internazionale di giornalisti in difesa di Julian Assange – Speak up for Assange, su speak-up-for-assange.org. URL consultato il 10 luglio 2020.
  132. ^ temi.repubblica.it/micromega-online/wikileaks-assange-e-colpevole-di-aver-detto-la-verita/
  133. ^ Julian Assange, l'appello per la sua liberazione: "Ha rivelato crimini di guerra, l'azione legale contro di lui è un precedente pericoloso", su Il Fatto Quotidiano, 27 gennaio 2020. URL consultato il 10 luglio 2020.
  134. ^ corrieredelmezzogiorno.corriere.it/palermo/cronaca/18_settembre_17/ingroia-ecuador-difendo-l-ex-presidente-correa-un-accusa-ingiusta-b05c3e30-ba6c-11e8-b4a3-3ae75f00fc86.shtml
  135. ^ www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/13378599/antonio-ingroia-ci-riprova-va-in-ecuador-in-difesa-ex-presidente-correa.html
  136. ^ Ingroia: Allarme per Assange. L’Italia gli conceda asilo politico., 16 settembre 2019. URL consultato il 18 agosto 2020.
  137. ^ Studio Legale avv. Antonio Ingroia, su www.facebook.com, 30 dicembre 2019. URL consultato il 18 agosto 2020.
  138. ^ JULIAN ASSANGE OSTAGGIO IN NOME DELLA LIBERTA' DI STAMPA, su notizieinunclick, 31 dicembre 2019. URL consultato il 18 agosto 2020.
  139. ^ James Wood, Julian Assange moved out of solitary confinement at Belmarsh prison, su Mail Online, 24 gennaio 2020. URL consultato il 18 agosto 2020.
  140. ^ Julian Assange removed from solitary confinement, su Sky News Australia, 25 gennaio 2020. URL consultato il 18 agosto 2020.
  141. ^ (FR) La Libre.be, Liberté pour Assange, journaliste, prisonnier politique, su LaLibre.be, 27 gennaio 2020. URL consultato il 18 agosto 2020.
  142. ^ Appello per Assange, giornalista e prigioniero politico, su ScenariEconomici.it, 29 gennaio 2020. URL consultato il 18 agosto 2020.
  143. ^ PACE - Doc. 11602 (2008) - The obligation of member states of the Council of Europe to co-operate in prosecution of war crimes, su assembly.coe.int, 25 aprile 2008. URL consultato il 18 agosto 2020.
  144. ^ APCE - Avis 282 (2012) - Le projet de quatrième protocole additionnel à la Convention européenne d’extradition, su assembly.coe.int, 25 maggio 2012. URL consultato il 18 agosto 2020.
  145. ^ Estesa traduzione non ufficiale in lingua italiana della risoluzione 2317 inclusa nell'articolo "www.pressenza.com/it/2020/02/consiglio-deuropa-julian-assange-deve-essere-rilasciato-e-devessere-vietata-la-sua-estradizione-negli-usa/" a cura della traduttrice, interprete e giornalista pubblicista Veronica Tarozzi
  146. ^ Parliamentary Assembly's Documents, su assembly.coe.int, 27 gennaio 2020. URL consultato il 18 agosto 2020.
  147. ^ Voting results (participants), su assembly.coe.int, 26 gennaio 2009. URL consultato il 18 agosto 2020.
  148. ^ Sitting No 4 of 28 January 2020 afternoon/ Séance N° 4 du 28 janvier 2020 (PDF), su assembly.coe.int, 28 gennaio 2020.
  149. ^ OHCHR | UN expert on torture sounds alarm again that Julian Assange’s life may be at risk, su The Office of the High Commissioner for Human Rights (UN Human Rights), 1º novembre 2019. URL consultato il 18 agosto 2020.
  150. ^ Assange, sì all’emendamento Marilotti, su La Nuova Sardegna, 1º febbraio 2020. URL consultato il 16 settembre 2020.
  151. ^ Comitato per la Liberazione di Julian Assange - Italia, su free-assange.blogspot.com, 3 settembre 2020. URL consultato il 16 settembre 2020.
  152. ^ (EN) Human rights report to oppose extradition of Julian Assange to US, su the Guardian, 28 gennaio 2020. URL consultato il 16 settembre 2020.
  153. ^ Republik: Republik (Magazin)
  154. ^ (DE) Republik, «Ein mörderisches System»: Konstruierte Vergewaltigung, manipulierte Beweise, su www.republik.ch, 31 gennaio 2020. URL consultato il 16 settembre 2020.
  155. ^ beppegrillo.it, "Davanti ai nostri occhi si sta creando un sistema omicida" | Il Blog di Beppe Grillo, su beppegrillo.it, 14 febbraio 2020. URL consultato il 16 settembre 2020.
  156. ^ Bundespressekonferenz: Homepage, su www.bundespressekonferenz.de. URL consultato il 16 settembre 2020.
  157. ^ (EN) Petition to German Parliament : RELEASE JULIAN ASSANGE FROM PRISON – Assange Campaign, su assangecampaign.org.au, 6 febbraio 2020. URL consultato il 16 settembre 2020.
  158. ^ Wikileaks, a febbraio l'udienza sull'estradizione di Assange, su Gazzetta del Sud, 14 giugno 2019. URL consultato il 16 settembre 2020.
  159. ^ (EN) Reuters Staff, Extradition hearing for WikiLeaks' Assange to be split in two parts, in Reuters, 23 gennaio 2020. URL consultato il 16 settembre 2020.
  160. ^ Milano per Julian Assange: presidio al Consolato Britannico - 22 Febbraio, su attivismo.info.
  161. ^ Redazione Centumcellae News, Milano, Cagliari, Roma: sabato e domenica in piazza per Julian Assange, su Centumcellae News, 21 febbraio 2020. URL consultato il 16 settembre 2020.
  162. ^ La libertà d’informazione non è una cena di gala, su il manifesto, 19 febbraio 2020. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  163. ^ Harry Howard, Roger Waters and Vivienne Westwood demand Julian Assange is freed, su Mail Online, 22 febbraio 2020. URL consultato il 16 settembre 2020.
  164. ^ Stefania De Michele, Londra: in marcia per Julian Assange e per il 'futuro del giornalismo', su euronews, 22 febbraio 2020. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  165. ^ Assange: appello parlamentari a premier Australia, premi su GB, su SWI swissinfo.ch, 24 febbraio 2020. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  166. ^ Imputato Julian Assange: processo al giornalismo, su Il Fatto Quotidiano, 2 marzo 2020. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  167. ^ Se questa è giustizia: cronaca del processo Assange, su Pressenza, 3 marzo 2020. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  168. ^ (EN) IBA - Cos’è l’International Bar Association [Associazione Legale Internazionale] - la voce globale della professione legale, su www.ibanet.org. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  169. ^ Julian Assange: un appello degli avvocati internazionali - World Beyond War. . ., su World Beyond War . . ., 4 dicembre 2019. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  170. ^ (EN) Naomi Neilson, Naomi Neilson, Michael Kirby throws support behind Julian Assange, su www.lawyersweekly.com.au, 12 marzo 2020. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  171. ^ (EN) Michael Cross, Rights body turns its sights on UK over Assange, su Law Gazette, 10 marzo 2020. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  172. ^ IBA: Assange treatment during extradition hearing 'reminiscent of Abu Ghraib' prison scandal, su Legal Cheek, 16 marzo 2020. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  173. ^ (EN) IBA - IBAHRI condemns UK treatment of Julian Assange in US extradition trial, su www.ibanet.org. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  174. ^ Esempio: Swedish Doctors for Human Rights
  175. ^ (EN) Doctors for Assange, su doctorsassange.org. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  176. ^ Mattia Marino, Tra maltrattamenti e negligenza, il futuro incerto di Julian Assange, su Eco Internazionale, 20 marzo 2020. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  177. ^ (EN) Doctors for Assange: Reply to Australian Government – March 2020 – Assange Campaign, su assangecampaign.org.au. URL consultato il 7 ottobre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN168093721 · ISNI (EN0000 0001 1883 6955 · SBN IT\ICCU\MODV\647007 · LCCN (ENn98037452 · GND (DE143399217 · BNF (FRcb16509964r (data) · BNE (ESXX5065368 (data) · NLA (EN49788708 · NDL (ENJA01222945 · WorldCat Identities (ENlccn-n98037452