Antonio Ingroia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Ingroia
Antonio Ingroia cropped.JPG

Commissario straordinario della provincia di Trapani
Durata mandato 21 febbraio 2014 –
9 dicembre 2014

Dati generali
Partito politico Azione Civile
(dal 2013)

Antonio Ingroia (Palermo, 31 marzo 1959) è un avvocato, giornalista, ex magistrato e politico italiano.

Si è laureato in giurisprudenza presso l'università di Palermo con la votazione di 110 e lode, discutendo una tesi di diritto penale sull’associazione mafiosa che nel 1986 ha vinto il Premio Speciale dell’Istituto Gramsci Siciliano per la migliore tesi di laurea sulla mafia. Nel 1987 ha vinto il concorso in magistratura iniziando così il suo tirocinio professionale nel Tribunale di Palermo con Giovanni Falcone. Nel 1989 è stato nominato sostituto procuratore a Marsala, dove ha cominciato a lavorare a stretto contatto con Paolo Borsellino, all’epoca procuratore capo a Marsala. In quell’Ufficio si è occupato di numerosi procedimenti penali di speciale delicatezza in varie materie, soprattutto di mafia, affiancando Borsellino anche nell’acquisizione delle dichiarazioni di importanti collaboratori di giustizia, fra i primi della provincia di Trapani. In particolare, si è occupato di procedimenti penali per omicidi, anche di mafia, associazione di tipo mafioso, estorsione, traffico di droga, anche internazionale, traffico di eroina e cocaina fra la Sicilia ed altre regioni d’Italia, nonché varie parti del mondo, Asia, Africa ed America Settentrionale, Centrale e Meridionale. E ancora di procedimenti penali per rapine ed estorsioni gestite da locali organizzazioni criminali, vari reati contro la pubblica amministrazione, in alcuni casi coinvolgenti pubblici amministratori locali per gravi reati.

Nel 1992 è stato nominato sostituto procuratore a Palermo, tornando così nella sua città di origine, sempre con Paolo Borsellino, nel frattempo nominato procuratore aggiunto a Palermo.

Nell’aprile 1992 è stato nominato componente della Procura Distrettuale Antimafia di Palermo.

Fino al 2012 è stato magistrato della Procura di Palermo dove, nelle vesti di pubblico ministero, si è occupato di numerosi e complessi procedimenti penali di criminalità organizzata: svariati procedimenti penali per omicidi, estorsioni, sequestri di persona, associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, associazione finalizzata al contrabbando di sigarette, riciclaggio internazionale di denaro sporco (partecipando anche a numerose rogatorie internazionali), ed altri gravi reati. In particolare, ha portato avanti il processo sull'omicidio del giornalista Mauro Rostagno, quello per concorso esterno mafioso a carico del Dirigente dei Servizi Segreti Bruno Contrada, poi condannato con sentenza definitiva a 10 anni di carcere, quello a carico dell'ex senatore Marcello Dell'Utri, anch’egli poi condannato con sentenza definitiva a 7 anni di carcere e, più recentemente, quello sulla Trattativa Stato-Mafia.

Nel luglio 2012 è stato nominato dalle Nazioni Unite Capo del Dipartimento Investigazioni della CICIG, ente di investigazione sovranazionale contro la criminalità organizzata che opera in America Centrale (Guatemala)

È stato candidato premier a capo della lista Rivoluzione Civile alle Elezioni politiche italiane del 2013. Dopo le elezioni, dall'11 aprile al 19 giugno è stato sostituto procuratore presso la Procura della Repubblica di Aosta, fino alla sua decadenza dalla magistratura.

Il 16 luglio 2013 è stato nominato, dal presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, commissario di Sicilia e-Servizi, la società che gestisce l’informatica della Regione Sicilia, di cui è diventato poi amministratore unico l'8 aprile 2014. Dal 21 febbraio al 9 dicembre 2014 è stato commissario straordinario della provincia di Trapani, sempre su nomina del presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta.[1] È inoltre autore di numerosi libri ed editorialista de il Fatto Quotidiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La carriera in magistratura[modifica | modifica wikitesto]

Si forma professionalmente a Palermo, sua città natale, come uditore giudiziario nel 1987, e nel 1989 è sostituto procuratore, assegnato alla procura di Marsala allora guidata da Paolo Borsellino[2]. Quest'ultimo l'aveva espressamente voluto al proprio fianco nel 1992 anche alla procura di Palermo[3][4], come Sostituto procuratore[2][5]. Con Gian Carlo Caselli diviene pubblico ministero della Procura antimafia, si occupa di noti casi legati alla malavita organizzata, come il caso Contrada[6], e conduce processi di una certa rilevanza sui rapporti tra la mafia e il mondo della politica e dell'economia[2][5]. A quel periodo risale anche il processo per mafia al leader democristiano e più volte Presidente del Consiglio dei Ministri Giulio Andreotti, iniziato nel 1993 e conclusosi nel 2004. Il processo ebbe enorme risonanza mediatica e accerterà che Andreotti ebbe rapporti di reciproca convenienza con la mafia fino al 1980. Tale reato risultò estinto per prescrizione mentre per i fatti successivi al 1980 fu assolto.

È uno dei tre magistrati, insieme a Giancarlo Caselli e Vittorio Aliquò, protagonisti del discusso interrogatorio che l'11 agosto 1998 si concluse con il suicidio del giudice Luigi Lombardini[7][8][9]. Una delle indagini che fanno capo a lui riguarda l'ex senatore del PdL Marcello Dell'Utri, che avrebbe fatto da ponte tra mafia del sud e mondo imprenditoriale del nord[10], attraverso mafiosi come Salvatore Riina e i fratelli Graviano[11]. Ingroia ottiene una prima condanna per Dell'Utri nel 2004 a nove anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa[11][12], confermata in appello il 29 giugno 2010 con una riduzione di due anni; il senatore è però assolto per le condotte successive al 1992, poiché i giudici hanno giudicato non provato il "patto di scambio" politico-mafioso con Cosa Nostra[13].

Durante l'indagine preliminare fu indagato anche Silvio Berlusconi, ma poi la sua posizione fu archiviata[14]. Nel 2006, innanzi alla 3ª sezione penale del Tribunale di Palermo rappresenta la pubblica accusa nel processo che, tra gli altri, vede imputato il Capitano Ultimo Sergio De Caprio; il 3 febbraio 2006 il Tribunale assolve il capitano perché "il fatto non costituisce reato".[15] Nel 2009 è stato nominato procuratore aggiunto della procura distrettuale antimafia di Palermo[2][16]. Il 17 aprile 2011 l'ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d'Italia) lo ha insignito del Premio Renato Benedetto Fabrizi[17].

Il 24 luglio 2012, in merito all'indagine sulla Trattativa Stato-Mafia, ha chiesto il rinvio a giudizio di tredici indagati, tutti rinviati a giudizio davanti alla Corte d'Assise di Palermo, con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e violenza o minaccia a corpo politico dello Stato (art. 338 del codice penale): i politici Calogero Mannino e Marcello Dell'Utri, gli ufficiali Antonio Subranni, Mario Mori e Giuseppe De Donno, i boss Giovanni Brusca, Totò Riina, Leoluca Bagarella, Antonino Cinà, Bernardo Provenzano, il collaboratore Massimo Ciancimino (quest'ultimo anche per calunnia); l'accusa per l'ex ministro Nicola Mancino è invece di falsa testimonianza).[18]

Il 26 luglio il Consiglio Superiore della Magistratura ha dato il via libera al collocamento fuori ruolo del Procuratore aggiunto di Palermo Ingroia, che smetterà le vesti di pm per un anno per andare a dirigere in Guatemala un'unità di investigazione per la lotta al narcotraffico, su incarico dell'ONU.[19] Dopo solo due mesi però, Ingroia decide di lasciare l'incarico in Guatemala per dedicarsi alla politica. A tal proposito, Carmen Ibarra, presidente del Movimiento Pro Justicia ha parlato di "gesto irresponsabile" e "comportamento ridicolo". Secondo Ibarra infatti Ingroia ha utilizzato il ruolo nell'unità di investigazione come tappabuchi, facendo sprecare all'ONU tempo e risorse[20].

Il 29 ottobre ha tenuto la sua ultima udienza in occasione del processo sulla Trattativa Stato-Mafia e il 5 novembre è partito per il Guatemala.[21] Il 1º dicembre ha partecipato alla prima assemblea nazionale di "cambiare #si può".[22] Il 5 dicembre, in merito al conflitto tra il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e la Procura di Palermo riguardo alle intercettazioni tra lo stesso Napolitano e l'imputato Nicola Mancino, risoltosi con la sentenza della Corte Costituzionale che accoglie il ricorso di Napolitano e che prevede la distruzione delle intercettazioni, Ingroia ha così commentato: "Noi cornuti e mazziati. È una sentenza politica. Le ragioni della politica hanno prevalso su quelle del diritto. La scelta del presidente della Repubblica di sollevare il conflitto di attribuzioni è stata dannosa per l'immagine delle istituzioni italiane".[23][24]

Il giorno seguente, in collegamento dal Guatemala con il programma Servizio Pubblico e con il processo Trattativa tra Stato italiano e Cosa nostra in corso, ha dichiarato: "Borsellino è stato ucciso perché considerato un ostacolo alla trattativa, ma come faceva Cosa nostra a saperlo? Deve averlo saputo dallo Stato. Se la strage di via d'Amelio non è stata pensata, attuata, da uomini dello Stato, di certo lo Stato ne è stato complice. Questo posso dire di saperlo".[25] Inoltre all'imputato Calogero Mannino, presente in studio, ha detto: "Lei ha tradito Cosa Nostra ma fu risparmiato e al suo posto fu ucciso Paolo Borsellino per trattativa". A questo Mannino ha risposto: "lei è un mascalzone".[26] Per i rischi derivanti dal suo lavoro contro la mafia, è seguito costantemente da 8 uomini di scorta della Polizia, come è emerso da un'inchiesta de Il Tempo[27].

L'ingresso in politica: la fondazione di Rivoluzione Civile e la candidatura a Premier[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 dicembre 2012 annuncia la sua candidatura a Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana a capo di Rivoluzione Civile[28], coalizione politica creata in vista delle Elezioni politiche italiane del 2013[29]. Viene appoggiato dai seguenti partiti che hanno deciso di confluire in Rivoluzione Civile senza imporre il loro simbolo: Partito della Rifondazione Comunista, Partito dei Comunisti Italiani, Federazione dei Verdi, Italia dei Valori, Movimento Arancione di Luigi de Magistris. Hanno aderito alla coalizione dell'ex pm anche i seguenti movimenti: Cambiare si può, Agende Rosse di Borsellino e il Popolo Viola. Dopo aver criticato alcuni dei criteri di formazione delle liste, critiche che hanno avuto grande risonanza sui media di area Pd,[30] Salvatore Borsellino ha ribadito il suo appoggio a Ingroia.[31]

Il 7 gennaio seguente, dopo appena due mesi trascorsi in Guatemala, ritorna in Italia per iniziare la sua campagna elettorale.[32] Tra le numerose attestazioni di stima e incoraggiamenti ad Antonio Ingroia pervenuti dalla società civile troviamo quelli di Dario Fo, Vauro, Fiorella Mannoia, Pippo Giordano[33] e molti altri. Proprio la canzone della Mannoia "Io non ho paura" è diventata in pratica la colonna sonora della campagna elettorale. Nella lista di Ingroia presenziano anche la cofondatrice di Libera Gabriella Stramaccioni, Franco La Torre figlio di Pio, il giornalista Sandro Ruotolo (candidato governatore del Lazio), Antonio De Lellis (candidato governatore del Molise), l'ex grillino Giovanni Favia, l'ex-sindaco di Ferrara Roberto Soffritti, il pacifista Flavio Lotti, il segretario di Rifondazione Paolo Ferrero e Ilaria Cucchi, sorella di Stefano.

Il 20 febbraio, dopo che Silvio Berlusconi, capo-coalizione del PdL, aveva iniziato a mandare ai cittadini una lettera che annuncia il rimborso dell'IMU, Antonio Ingroia, insieme al candidato al Lazio Gianfranco Mascia, denuncia l'avversario alla Procura di Roma perché avrebbe violato gli articoli 96 (offrire denaro in cambio di voto) e 97 (diminuire la libertà degli elettori con raggiri o artifizi) della legge elettorale 1957.[34] I risultati delle elezioni del 24 e 25 febbraio non consentono alla coalizione di Rivoluzione Civile di essere presente in Parlamento né alla Camera, dove ottiene il 2,25% (la soglia è del 4% su base nazionale), né al Senato, dove ottiene appena l'1,79% delle preferenze (la soglia è dell'8% su base regionale).[35]

Alle primarie della coalizione di centro-sinistra per le elezioni amministrative di Roma, Rivoluzione Civile ha appoggiato il candidato Ignazio Marino, uscito poi vincitore dalle stesse.[36] Il 2 maggio Antonio Ingroia, in una conferenza stampa, lancia il suo nuovo movimento Azione Civile. Si chiude così l'esperienza di Rivoluzione Civile nata appositamente per le politiche di febbraio.[37] Il movimento fa suo il programma elettorale di Rivoluzione Civile e si pone quale portatore primario delle istanze della società civile. Queste sono le parole di Ingroia alla stampa con cui ha lanciato il nuovo movimento: "Azione Civile è un movimento civico puro, fuori dai partiti, che oggi avvia una campagna di adesione aperta ai cittadini che credono in questo progetto per radicarsi sul territorio".[38] La prima assemblea nazionale di Azione Civile si terrà il 22 giugno a Roma.

Il mancato incarico alla Regione Siciliana, il trasferimento ad Aosta, il ricorso respinto dal TAR[modifica | modifica wikitesto]

L'8 aprile seguente il governatore della Regione Siciliana Rosario Crocetta lo nomina presidente di Riscossione Sicilia, società che si occupa delle imposte in Sicilia.[39] In attesa della decisione del CSM in riguardo, Ingroia ha accettato l'incarico dichiarando di essere più utile alla guida di un ente pubblico che giudice sovrannumero ad Aosta, dove sarebbe dovuto andare.[40][41] Il 10 aprile però il CSM esprime parere negativo all'incarico[42] e Ingroia, con 19 voti a favore e 7 astenuti, viene così trasferito ad Aosta come sostituto procuratore perché questa è l'unica circoscrizione dove non si è candidato alle elezioni.[43]

Contro la decisione del CSM, Ingroia annuncia subito ricorso al TAR che intanto gli nega anche la sospensiva, imponendogli di riprendere servizio ad Aosta. Quest'ultimo si presenta quindi in Procura il 15 maggio dichiarando di averlo fatto solamente perché, essendo l'ultimo giorno utile, avrebbe altrimenti perso l'incarico. Appena insediatosi, si è subito preso un mese di ferie. A Striscia la notizia ha dichiarato: "Ritengo che il CSM abbia fatto un provvedimento ingiusto e illegittimo e per questo mi sono opposto, ma non perché non riconosca l'importanza del collegio di Aosta. Io so che erano dovute altre destinazioni, a cominciare dalla Procura Nazionale Antimafia, e credo che lì avrei potuto dare un maggior contributo".[44] Il 23 maggio il TAR del Lazio si pronuncia respingendo il suo ricorso.[45]

La decadenza dalla magistratura e l'impegno diretto in politica[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 giugno, durante la conferenza stampa di presentazione della prima assemblea nazionale di Azione Civile, annuncia le dimissioni dalla magistratura e l'impegno diretto in politica. Dimissioni che non darà mai: il 20 giugno, infatti, non presentandosi sul posto di lavoro ad Aosta, è decaduto da magistrato. Nonostante quanto riportato da alcune testate, la decadenza per Ingroia equivale a un abbandono definitivo della magistratura. L'art. 28 del decreto legislativo 109/2006, infatti, impedisce qualsiasi richiesta di rientro in servizio equiparando la decadenza alla richiesta di dimissioni. Il 22 giugno 2013 tiene la prima Assemblea Nazionale del neonato movimento politico Azione Civile al centro Congressi Frentani di Roma.

Gli incarichi dati da Crocetta in Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 luglio il governatore della Regione Siciliana Rosario Crocetta annuncia che Ingroia sarà presto il nuovo commissario di Sicilia e-Servizi, la società mista regionale per l'informatizzazione[46], dove si insedia il 25 novembre 2013.[47]. Il 21 febbraio 2014 su nomina dello stesso Crocetta diviene anche commissario della Provincia di Trapani[48] fino al 30 giugno 2014, in sostituzione del vice prefetto Darco Pellos.

Attività da avvocato[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2013 diventa avvocato dell'Associazione tra i familiari delle vittime della Strage di via dei Georgofili, ammessa come parte civile al processo sulla Trattativa Stato-mafia[49], ma l'incarico viene revocato poco tempo dopo.[50]

Dall'ottobre 2013 affianca l'avvocato Fabio Repici nella difesa di parte civile della famiglia di Attilio Manca, il giovane medico siciliano ritrovato senza vita il 12 febbraio del 2004 nella sua casa a Viterbo, dove lavorava come urologo presso l'ospedale Belcolle. Un caso archiviato come suicidio, tesi contestata dai genitori, secondo cui il figlio sarebbe stato ucciso per coprire un intervento subito dal boss mafioso Bernardo Provenzano a Marsiglia.[2].

Nel febbraio 2015 ha ricevuto l'incarico di difensore per l'ex boss di camorra Augusto La Torre, il suo portavoce ha fatto sapere che la decisione è derivata dallo status di collaboratore di giustizia di La Torre.[51]

Attività pubblicistica[modifica | modifica wikitesto]

Dal 18 maggio 2012 è giornalista pubblicista, iscritto all'Ordine dei Giornalisti[52]. Diverse sono state le collaborazioni con redazioni giornalistiche. Tra le più recenti, ricordiamo quella con la testata siciliana "Live Sicilia" dove il Procuratore ha tenuto una rubrica "Fuori dal Bunker" e la più recente con il quotidiano L'Unità. Al momento della consegna della scheda, il procuratore ha affermato: Non scrivo però romanzi, come sostiene qualche uomo politico alludendo a nostre recenti indagini. Lo stesso giorno è uscita nelle librerie la sua nuova opera, Palermo, edito da Melampo.

Subito dopo, in commemorazione dei 20 anni dalla morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, pubblica il racconto I giorni del dolore e del riscatto, inserito all'interno della raccolta Dove Eravamo. Vent'anni dopo Capaci e Via D'Amelio (Caracò Editore, 2012). Dal 13 novembre seguente, ed ogni martedì, su il Fatto Quotidiano viene pubblicata la sua rubrica chiamata "Diario dal Guatemala". Dal 6 dicembre, da "partigiano della Costituzione" quale si autodefinisce, pubblica un blog - "Partigiani della Costituzione" - sul sito della rivista MicroMega.[53]

Nello stesso mese esce il suo nuovo libro dal titolo "Io so". Qui Ingroia suggerisce che la nascita di Forza Italia sia collegata agli interessi della mafia. Per questo migliaia di militanti del partito fondato da Silvio Berlusconi nel 1994 si sono attivati e, con l'appoggio del quotidiano Il Giornale, hanno avviato una class action, una raccolta di firme contro il magistrato, perché si sentono diffamati dalle sue affermazioni.[54][55]

Critiche e controversie[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione al congresso del Pdci[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre del 2011 partecipa come ospite al congresso del Partito dei Comunisti Italiani, dove dichiara “un magistrato deve essere imparziale quando esercita le sue funzioni ma io confesso che non mi sento del tutto imparziale. Anzi, mi sento partigiano, sono un partigiano della Costituzione”. La sua partecipazione e le sue dichiarazioni hanno suscitato forti polemiche[56] e la critica da parte del CSM[57]. Nel dicembre 2012 il Plenum del CSM, pur con voto contrastato (nove favorevoli, sette contrari, nove astenuti), ha stabilito che il richiamo ufficiale, già oggetto di critiche da parte di Magistratura Democratica[58], non sia inserito nel suo fascicolo personale.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sicilia: Ingroia si e' insediato alla provincia di Trapani, Adnkronos, 21 febbraio 2014. URL consultato il 27-2-2014.
  2. ^ a b c d [1] Antonio Ingroia, Nel labirinto degli dei
  3. ^ ...Antonio Ingroia, uno dei giudici più giovani della procura, uno di quelli che aveva lavorato a Marsala con Paolo Borsellino, uno che Paolo Borsellino si era portato nel 1992 a Palermo per averlo sempre vicino., La Repubblica
  4. ^ ...Antonino Ingroia, il "pupillo" di Paolo Borsellino..., La Repubblica
  5. ^ a b [2], Di Alessandra Dino - Le violenza tollerata: mafia, poteri, disobbedienza
  6. ^ Severa requisitoria del pm Ingroia: l'ex numero tre del Sisde "a totale disposizione di Cosa Nostra", Corriere della Sera, Archivio
  7. ^ Famiglia Cristiana n.34 del 30-8-98 - Caso Lombardini - 1 - Chi ha paura dei giudici?
  8. ^ Il caso del giudice Lombardini | Processo Mediatico
  9. ^ CASELLI (GIANCARLO) IN ARIA – NICHI GRAUSO ASSOLTO (NON FREGÒ 1 MLD £ AL
  10. ^ [3], La Repubblica
  11. ^ a b "2. intrattenendo, inoltre, rapporti continuativi con l'associazione per delinquere tramite numerosi esponenti di rilievo di detto sodalizio criminale, tra i quali, Pullarà Ignazio, Pullarà Giovanbattista, Di Napoli Giuseppe, Di Napoli Pietro, Ganci Raffaele, Riina Salvatore, Graviano Giuseppe;", Sentenza nei confronti di Dell'Utri Marcello, Palermo, 11 dicembre 2004, pag. 4
  12. ^ Repubblica.it/politica: Dell'Utri condannato a 9 anni per "associazione mafiosa"
  13. ^ [4] [5]
  14. ^ [6], Corriere della Sera, Archivio
  15. ^ La sentenza.
  16. ^ ...nuovo procuratore aggiunto a Palermo, Corriere della Sera, Archivio, 9 gennaio 2009
  17. ^ Premio Anpi ‘Fabrizi', standing ovation per il giudice Ingroia., Cronache Anconetane, 19 aprile 2011.
  18. ^ Trattativa, la Procura chiede il rinvio a giudizio: processo per Riina, Provenzano e Mancino. Repubblica. Cronaca. 24 luglio 2012.
  19. ^ Il pm Ingroia di Palermo va in Guatemala.
  20. ^ Ingroia scaricato dal Guatemala: "Meno male che se n'è andato. È solo un ridicolo tappabuchi" - antonio, ingroia, rivoluzione, civile - Libero Quotidiano
  21. ^ Trattativa Stato-mafia, rinviata l’udienza al 15 novembre stato-mafia.it, 29 ottobre 2012
  22. ^ "
  23. ^ Stato-mafia, la rabbia di Ingroia repubblica.it, 5 dicembre 2012
  24. ^ Trattativa Stato-mafia, Ingroia: “Noi cornuti e mazziati, sentenza politica” ilfattoquotidiano.it, 5 dicembre 2012
  25. ^ Ingroia a Servizio Pubblico: "Lo Stato complice della morte di Paolo Borsellino"
  26. ^ Ingroia: "Lo Stato complice nella morte di Borsellino" livesicilia.it, 7 dicembre 2012
  27. ^ ^ Mancano i soldi, ma le scorte no. Ecco tutti i potenti da proteggere", da "Il Tempo" del 20/09/2013
  28. ^ Azione Civile
  29. ^ Ingroia si candida e attacca Grasso e il Pd: "Partito senza coerenza, dimentica Berlinguer" - Repubblica.it
  30. ^ L'Espresso - Ingroia, l'ultimo chiuda la porta
  31. ^ Salvatore Borsellino: 'Ingroia, ancora tanta strada da fare, ma il mio appoggio non mancherà'
  32. ^ Ingroia: «Che bello tornare in Italia, adesso comincia la rivoluzione civile» corrieredelmezzogiorno.corriere.it, 7 gennaio 2013
  33. ^ La nuova 'stagione' di Antonio Ingroia
  34. ^ Michele Lombardi, La busta incriminata, in Il Secolo XIX, 20 febbraio 2013, p. 2.
  35. ^ [7] Risultati Elezioni LaStampa.it
  36. ^ Perché ho accettato la proposta del Governatore Crocetta
  37. ^ L’esperienza di Rivoluzione Civile finisce qui
  38. ^ Ingroia presenta nuova formazione, Azione Civile
  39. ^ Giuseppe Pipitone, Sicilia, Crocetta dà l’incarico a Ingroia per la gestione della riscossione delle tasse, 8 aprile 2013, da ilfattoquotidiano.it.
  40. ^ Ingroia accetta la proposta di Crocetta corriere.it, 8 aprile 2013
  41. ^ Ingroia: "Sono più utile in Sicilia che ad Aosta" repubblica.it, 9 aprile 2013
  42. ^ Ingroia, il Csm dice no all’incarico regionale in Sicilia per ex pm ilfattoquotidiano.it, 10 aprile 2013
  43. ^ Csm: Ingroia trasferito alla procura di Aosta corriere.it, 11 aprile 2013
  44. ^ Ingroia prende servizio ad Aosta. Ma si mette subito in ferie Iltempo.it 16 maggio 2013
  45. ^ Tar del Lazio: "Nessuno stop al trasferimento di Ingroia ad Aosta"
  46. ^ Sicilia: Ingroia commissario E-Servizi. Il governatore ha scelto, 'serviva troppo tempo per chiuderla'.
  47. ^ Sicilia e-Servizi si insedia Ingroia, commissario liquidatore | SiciliaInformazioni
  48. ^ Economia e Finanza - Corriere della Sera
  49. ^ Trattativa Stato mafia, Pm in aula: “Il presidente Napolitano deponga” - Il Fatto Quotidiano
  50. ^ Antonio Ingroia, revocata la nomina di avvocato di parte civile all'ex pm nel processo Stato-mafia, L'Huffington Post, 1º ottobre 2013. URL consultato il 3-10-2013.
  51. ^ Repubblica, L'ex pm Ingroia avvocato difensore dell'ex boss La Torre, in Repubblica.it, 04/02/2015.
  52. ^ Ordine dei Giornalisti di Sicilia: Albo
  53. ^ Ingroia apre un blog per difendere la Costituzione pubblicogiornale.it, 6 dicembre 2012
  54. ^ "Sono di Forza Italia". Pronta la class action contro il pm Ingroia ilgiornale.it, 8 dicembre 2012
  55. ^ Forza Italia contro Ingroia Ecco le firme dei lettori ilgiornale.it, 9 dicembre 2012
  56. ^ [8], Corriere della Sera, Archivio, 31 ottobre 2011.
  57. ^ [9], Il Fatto Quotidiano, 23 gennaio 2012.
  58. ^ Il Caso Ingroia e valutazioni del Csm- Md - Magistratura Democratica

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN21364189 · LCCN: (ENn94015161 · SBN: IT\ICCU\BVEV\013962 · ISNI: (EN0000 0001 1750 1010 · GND: (DE143668161