Agenzia Giornalistica Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agenzia Giornalistica Italia
Logo
Stato Italia Italia
Fondazione 1950 a Roma
Fondata da Giulio de Marzio,
Walter Prosperetti
Sede principale Via Ostiense, 72 - Roma
Filiali 13 sedi in Italia
Persone chiave Massimo Mondazzi
(presidente)
Alessandro Pica
(AD)
Settore Editoria
Prodotti Agenzia di stampa
Sito web

L'Agenzia Giornalistica Italia, in acronimo AGI, è un'agenzia di stampa italiana.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1950 da Giulio de Marzio e Walter Prosperetti, e controllata dall'ENI dal 1965, ha sede a Roma ed ha redazioni in 15 capoluoghi di provincia italiani ed una sede estera presso l'Unione europea a Bruxelles. Trasmette quotidianamente dei notiziari su cronaca, politica, economia, finanza, cultura, spettacolo, sport per i mezzi d'informazione e per le aziende.

Oltre all'italiano, l'Agi trasmette notiziari in sei lingue: inglese, cinese, arabo, spagnolo, portoghese, francese. Dal luglio 2016 trasmette anche un telegiornale sul world wide web[1].

Dal luglio 2012 i presidenti sono stati: Gianni Di Giovanni[2]; Massimo Mondazzi (dal 2013), già direttore finanziario del gruppo ENI. Mondazzi è stato confermato dal cda dell'ottobre 2015.

Dal 2013 gli amministratori delegati sono stati: Gianni Di Giovanni (ex presidente)[3]; Alessandro Pica (dall'ottobre 2015[4]).

Dal 2005 i direttori dell'agenzia sono stati: Giuliano De Risi (che ha sostituito Vittorio Pandolfi); Roberto Iadicicco, dal 24 novembre 2010[5]; Riccardo Luna, dal 3 ottobre 2016[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]