Buzz Aldrin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Buzz Aldrin
Buzz Aldrin.jpg
Astronauta della NASA
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
StatusRitirato
Data di nascita20 gennaio 1930
Selezione1963 (gruppo 3 NASA)
Primo lancio11 novembre 1966
Ultimo atterraggio24 luglio 1969
Altre attivitàpilota da combattimento
Tempo nello spazio12 giorni, 1 ora e 52 minuti
Numero EVA2
Durata EVA4h 37min
Missioni
Data ritiroluglio 1971

Buzz Aldrin, fino al 1988 noto come Edwin Eugene Aldrin, Jr.[1] (Montclair, 20 gennaio 1930), è un astronauta, aviatore e ingegnere statunitense, noto soprattutto per essere stato il secondo uomo ad aver calpestato il suolo lunare, nell'ambito della missione Apollo 11, insieme al comandante Neil Armstrong.

Aldrin si laureò presso la United States Military Academy nel 1951 in ingegneria meccanica. Venne arruolato nell'aeronautica militare statunitense e prestò servizio come pilota di jet da combattimento durante la guerra di Corea. Partecipò a 66 missioni di combattimento e abbatté due velivoli MiG-15.

Dopo aver conseguito un dottorato in astronautica presso il Massachusetts Institute of Technology, Aldrin venne selezionato come membro del terzo gruppo di astronauti della NASA, divenendo il primo astronauta con un dottorato. La sua tesi di dottorato, Line-of-Sight Guidance Techniques for Manned Orbital Rendezvous, gli procurò il soprannome di "Dr. Rendezvous" da parte degli altri astronauti. Il suo primo volo spaziale fu nel 1966 nella missione Gemini 12 durante il quale trascorse più di cinque ore in attività extraveicolare. Tre anni dopo, Aldrin mise piede sulla Luna, alle 03:15:16 del 21 luglio 1969 (UTC), 19 minuti dopo che Armstrong aveva toccato la superficie, mentre il pilota del Modulo di Comando Michael Collins rimaneva in orbita lunare.

Dopo aver lasciato la NASA nel 1971, divenne comandante della U.S. Air Force Test Pilot School. L'anno seguente si ritirò dall'Aeronautica militare, dopo 21 anni di servizio. Le sue autobiografie Return to Earth, (1973) e Magnificent Desolation (2009), raccontano le sue battaglie con la depressione clinica e l'alcolismo negli anni dopo aver lasciato la NASA. In seguito continuò a sostenere l'esplorazione spaziale, in particolare una missione umana su Marte e sviluppò il Cycler Aldrin, una speciale traiettoria per le navette spaziali che rendeva possibile raggiungere il pianeta rosso utilizzando meno tempo e meno propellente. Nella sua carriera ricevette numerosi riconoscimenti, tra cui la Presidential Medal of Freedom nel 1969 ed è elencato in diverse Hall of Fame.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nato a Montclair il 20 gennaio 1930. Formatosi all'accademia militare di West Point (terzo del suo corso) laureandosi nel 1951 in ingegneria meccanica, Aldrin prese parte a 66 missioni di combattimento nella guerra di Corea, prima di entrare al Massachusetts Institute of Technology, dove ottenne un dottorato in Astronautica. Fu selezionato nel 1963 nel terzo gruppo di astronauti scelti dall'ente spaziale americano. Il suo soprannome storico, Buzz, è stato poi legalizzato ufficialmente come suo primo nome nel 1988, ed è stato utilizzato dalla Walt Disney per denominare uno dei suoi personaggi (l'astronauta giocattolo Buzz Lightyear della saga Toy Story).

Carriera alla NASA[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 1963 viene selezionato dalla NASA, dopo essere stato respinto la prima volta perché erano richiesti solo piloti collaudatori, in una rosa di possibili astronauti per la missione Gemini 10. Gli equipaggi di riserva di solito diventavano l'equipaggio principale della terza missione successiva, e l'ultima missione programmata era Gemini 12. Ma il 28 febbraio 1966 la morte del primo equipaggio di Gemini 9, Elliot See e Charles Bassett, in un incidente aereo nella fase di addestramento, portò Jim Lovell e Aldrin a essere spostati di una missione per fare da supporto a Gemini 9A, Lowell come comandante e Aldrin come pilota, che li mise in posizione come primo equipaggio per Gemini 12. Furono designati primo equipaggio il 17 giugno 1966, con Gordon Cooper e Gene Cernan come backup.

Gemini 12[modifica | modifica wikitesto]

Aldrin stands nello spazio con la navicella Gemini 12 mentre la Terra è sullo sfondo

Inizialmente, gli obiettivi della missione di Gemini 12 erano incerti. Essendo l'ultima missione programmata, era principalmente destinata a completare compiti che non erano stati eseguiti con successo o completamente nelle missioni precedenti. Mentre la NASA aveva eseguito con successo il rendezvous durante il Progetto Gemini, il test di stabilizzazione del gradente di gravità su Gemini 11 non ebbe successo. La NASA aveva anche preoccupazioni per l'attività extraveicolare (EVA). Cernan su Gemini 9 e Richard Gordon su Gemini 11 avevano sofferto di affaticamento nello svolgimento dei compiti durante l'EVA, ma Michael Collins ha avuto un EVA di successo su Gemini 10, il che ha suggerito che l'ordine in cui aveva svolto i suoi compiti era un fattore importante.

Toccò quindi ad Aldrin completare gli obiettivi dell'EVA di Gemini. La NASA ha formato un comitato per dargli maggiori possibilità di successo. Ha abbandonato il test dell'unità di manovra degli astronauti (AMU) dell'Air Force che aveva dato problemi a Gordon su Gemini 11 in modo che Aldrin potesse concentrarsi sull'EVA. La NASA ha rinnovato il programma di addestramento, optando per l'addestramento subacqueo rispetto al volo parabolico. Gli aerei che percorrevano una traiettoria parabolica avevano dato agli astronauti un'esperienza di assenza di gravità durante l'addestramento, ma c'era un ritardo tra ogni parabola che dava agli astronauti diversi minuti di riposo. Ha anche incoraggiato l'esecuzione rapida di compiti, mentre nello spazio dovevano essere svolti lentamente e deliberatamente. L'allenamento in un fluido viscoso e galleggiante ha fornito una simulazione migliore. La NASA ha anche posizionato ulteriori appigli sulla capsula, che sono stati aumentati da nove su Gemini 9 a 44 su Gemini 12, e ha creato postazioni di lavoro dove poteva ancorare i suoi piedi.

Aldrin vicino alla stazione di lavoro Agena nel novembre 1966

Gli obiettivi principali di Gemini 12 erano incontrarsi con un veicolo bersaglio e far volare insieme il veicolo spaziale e il veicolo bersaglio utilizzando la stabilizzazione del gradiente di gravità, eseguire manovre attraccate utilizzando il sistema di propulsione Agena per cambiare orbita, condurre un esercizio di mantenimento della stazione collegato a tre EVA e dimostrare un rientro automatico. Gemini 12 ha effettuato anche 14 esperimenti scientifici, medici e tecnologici. Non era una missione pionieristica; il rendezvous dall'alto era già stato eseguito con successo da Gemini 9 e l'esercitazione del veicolo legato da Gemini 11. Anche la stabilizzazione del gradiente di gravità era stata tentata da Gemini 11, anche se senza successo.

Gemini 12 fu lanciato dal Launch Complex 19 a Cape Canaveral alle 20:46 UTC dell'11 novembre 1966. Il Gemini Agena Target Vehicle era stato lanciato circa un'ora e mezza prima. Il primo obiettivo principale della missione era l'appuntamento con questo veicolo bersaglio. Man mano che il bersaglio e la capsula Gemini 12 si avvicinavano, il contatto radar tra i due si deteriorava fino a diventare inutilizzabile, costringendo l'equipaggio a incontrarsi manualmente. Aldrin ha utilizzato un sestante e carte di rendezvous che ha contribuito a creare per fornire a Lovell le informazioni giuste per mettere il veicolo spaziale in posizione per attraccare con il veicolo bersaglio. Gemini 12 ha raggiunto il quarto attracco con un veicolo bersaglio Agena.

Aldrin e Jim Lovell arrivano con un elicottero sulla portaerei USS Wasp dopo la missione Gemini 12

Il compito successivo era esercitarsi di nuovo a sganciare e attraccare. Allo sganciamento, uno dei tre fermi si è bloccato e Lovell ha dovuto usare i propulsori del Gemini per liberare la navicella. Aldrin ha quindi attraccato di nuovo con successo pochi minuti dopo. Il piano di volo prevedeva quindi l'accensione del motore principale Agena per portare la navicella attraccata in un'orbita più alta, ma otto minuti dopo il lancio dell'Agena, aveva subito una perdita di pressione nella camera. I direttori di missione e di volo hanno quindi deciso di non rischiare il motore principale. Questo sarebbe l'unico obiettivo della missione che non è stato raggiunto. Invece, il sistema di propulsione secondario dell'Agena è stato utilizzato per consentire alla navicella di visualizzare l'eclissi solare del 12 novembre 1966, sopra il Sud America, che Lovell e Aldrin hanno fotografato attraverso i finestrini della navicella.

Proprio nel corso della missione orbitale Gemini 12 del 1966, compì anche una EVA (attività esterna alla navicella).

Programma Apollo[modifica | modifica wikitesto]

Aldrin nel Modulo Lunare
Aldrin sulla Luna

Viene quindi selezionato con Neil Armstrong e Michael Collins per far parte della storica missione Apollo 11 (luglio 1969), la prima che prevedeva un allunaggio con a bordo esseri umani. Nonostante il primo uomo a mettere piede sulla luna fosse stato Armstrong, Aldrin divenne allo stesso modo famoso grazie alla sua passeggiata lunare con il suo compagno sbarcato 20 minuti prima.

Dopo la missione Apollo 11, Aldrin aspetta tre anni prima di congedarsi e ritornare a una difficile vita nell'aeronautica militare. Nell'autobiografia Return to Earth racconta della lotta affrontata contro la depressione e contro l'alcolismo durante gli anni che seguirono la sua carriera alla NASA. Dopo l'abbandono della NASA continuò a promuovere l'esplorazione dello spazio e produsse un gioco strategico per computer chiamato "Buzz Aldrin's Race into Space" (1992). Collaborò inoltre con lo scrittore di fantascienza John Barnes per i romanzi Encounter With Tiber e The Return. Massone, fu membro della Loggia "Montclair Lodge N. 144", nel New Jersey, e in seguito fu affiliato alla Loggia "Clear Lake Lodge N. 1417" di Seabrook, Texas; ottenne il 33º ed ultimo grado del Rito scozzese antico ed accettato dalla Giurisdizione Sud degli Stati Uniti nel 1969[2].

Buzz Aldrin all'età di 77 anni al simposio della Space for Society del 2007 presso la Society of Aerospace Engineering Students Delft "Leonardo da Vinci"

Nel 2002 il presidente George W. Bush nominò Aldrin presidente della Commissione sul futuro della industria aerospaziale americana. Nello stesso anno Aldrin fu invitato a Beverly Hills col pretesto di intervenire in un programma televisivo per ragazzi della TV giapponese. All'uscita dell'albergo trovò, invece, Bart Sibrel, regista statunitense sostenitore della teoria complottistica secondo cui l'Apollo 11 non sarebbe mai atterrato sulla luna. Sibrel, che aveva già provato a far giurare sulla Bibbia i membri della missione Apollo circa la veridicità dei loro racconti, al rifiuto di Aldrin apostrofò l'astronauta definendolo "un codardo, un ladro e un bugiardo". Aldrin, nonostante la statura notevolmente inferiore e sebbene fosse più anziano di oltre trent'anni, reagì alle parole colpendo con un pugno in viso il suo interlocutore, che tuttavia non subì alcuna conseguenza permanente, ma provò a utilizzare il video in sede giudiziaria, senza successo.

Al 2022 è l'ultimo dei tre astronauti dell’Apollo 11 in vita, dopo la morte di Neil Armstrong, avvenuta il 25 agosto 2012, e quella di Michael Collins, deceduto il 28 aprile 2021.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Aldrin nel 2001 con la terza moglie Lois

Aldrin è stato sposato quattro volte. Il suo primo matrimonio fu il 29 dicembre 1954 con Joan Archer, una studentessa della Rutgers University e della Columbia University con un master. Hanno avuto tre figli, James, Janice e Andrew. Hanno chiesto il divorzio nel 1974. Il secondo matrimonio è stato con Beverly Van Zile, che ha sposato il 31 dicembre 1975, e ha divorziato nel 1978. Il terzo è stato con Lois Driggs Cannon, con cui si è sposato 14 febbraio 1988. Il loro divorzio è stato finalizzato nel dicembre 2012. L'accordo includeva il 50 percento del loro conto bancario di 475.000 dollari e 9.500 dollari al mese più il 30 percento del suo reddito annuo, stimato in oltre 600.000 dollari. A partire dal 2017,ha un nipote, Jeffrey Schuss, nato da sua figlia Janice, tre pronipoti e una pronipote.

Nel 2018, Aldrin è stato coinvolto in una controversia legale con i suoi figli Andrew e Janice e l'ex manager aziendale Christina Korp per le loro affermazioni secondo cui era mentalmente compromesso a causa della demenza e della malattia di Alzheimer. I suoi figli hanno affermato di aver fatto nuove amicizie che lo stavano alienando dalla famiglia e incoraggiandolo a spendere i suoi risparmi a un ritmo elevato. Hanno cercato di essere nominati tutori legali in modo da poter controllare le sue finanze. A giugno, Aldrin ha intentato una causa contro Andrew, Janice, Korp e le imprese e le fondazioni gestite dalla famiglia. Aldrin ha affermato che Janice non agiva nei suoi interessi finanziari e che Korp stava sfruttando gli anziani. Ha cercato di rimuovere il controllo di Andrew sugli account, sulle finanze e sulle attività dei social media di Aldrin. La situazione si è conclusa quando i suoi figli hanno ritirato la petizione e lui ha archiviato la causa nel marzo 2019, diversi mesi prima del 50° anniversario della missione Apollo 11.

Il 20 gennaio 2023, giorno del suo 93esimo compleanno, Aldrin ha annunciato su Twitter di essersi sposato per la quarta volta con la sua compagna di 63 anni, la dottoressa Anca Faur.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze statunitensi[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia presidenziale della libertà con lode - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia presidenziale della libertà con lode
— 13 agosto 1969[3].
immagine del nastrino non ancora presente Medaglia d'oro del Congresso
«In riconoscimento dei loro contributi significativi alla società.»
— 7 agosto 2009[4]
Air Force Distinguished Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria Air Force Distinguished Service Medal
Legionario della Legion of Merit - nastrino per uniforme ordinaria Legionario della Legion of Merit
Distinguished Flying Cross (2) - nastrino per uniforme ordinaria Distinguished Flying Cross (2)
Air Medal (3) - nastrino per uniforme ordinaria Air Medal (3)
Air Force Commendation Medal - nastrino per uniforme ordinaria Air Force Commendation Medal
Air Force Outstanding Unit Award - nastrino per uniforme ordinaria Air Force Outstanding Unit Award
NASA Distinguished Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria NASA Distinguished Service Medal
NASA Exceptional Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria NASA Exceptional Service Medal
National Defense Service Medal con stella - nastrino per uniforme ordinaria National Defense Service Medal con stella
Korean Service Medal con due stelle - nastrino per uniforme ordinaria Korean Service Medal con due stelle
Air Force Longevity Service Award - nastrino per uniforme ordinaria Air Force Longevity Service Award
immagine del nastrino non ancora presente Langley Gold Medal
— 1999

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Citazione presidenziale dell'unità (Corea del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Citazione presidenziale dell'unità (Corea del Sud)
Medaglia per servizio nella Guerra di Corea (Corea del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per servizio nella Guerra di Corea (Corea del Sud)
United Nations Korea Medal (ONU) - nastrino per uniforme ordinaria United Nations Korea Medal (ONU)
Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 23 ottobre 1969[5]

Omaggi[modifica | modifica wikitesto]

Citazioni nei media[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal nome dell'astronauta deriva quello del personaggio di Buzz Lightyear.
  • Nella puntata della quinta stagione de I Simpson Homer nello spazio profondo, Buzz compare come membro dell'equipaggio.
  • Anche nella terza stagione di Futurama (nell'episodio del 1º ottobre) è comparso come giudice di una gara di scienza della scuola d'infanzia del protagonista in un flashback.
  • Nell'episodio 11 Buon viaggio Larry della terza serie del telefilm Numb3rs appare come se stesso intento ad accompagnare uno dei protagonisti alla NASA per partecipare a una missione spaziale.
  • Nella quinta puntata della sesta stagione di The Big Bang Theory compare come se stesso mentre dà a dei bambini dolcetti di Halloween e si vanta con loro di essere stato un astronauta.
  • Compare in un breve cameo nel film Transformers 3, nel quale interpreta sé stesso, e nel film Uchu kyodai - Fratelli nello spazio.
  • Ha inoltre doppiato Stargazer nell'epilogo di Mass Effect 3.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) TheRealBuzz, People still call me Edwin but my name is legally BUZZ! (Tweet), su Twitter, 9 settembre 2010.
  2. ^ (EN) Buzz Aldrin sul sito ufficiale della Gran Loggia del Rito scozzese antico ed accettato dello Stato di New York Archiviato il 4 gennaio 2015 in Internet Archive..
  3. ^ (EN) Buzz Aldrin, su Medal of Freedom. URL consultato il 28 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2008).
  4. ^ Assegnata anche a Neil Armstrong, Michael Collins e John Glenn.
  5. ^ Sito web del Quirinale, dettaglio decorato: Aldrin Col. Edwin E. Jr.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN110368892 · ISNI (EN0000 0001 1082 6680 · LCCN (ENn88245653 · GND (DE107714566 · BNF (FRcb12585179q (data) · J9U (ENHE987007282971005171 · NSK (HR000165676 · NDL (ENJA00462130 · CONOR.SI (SL128188771 · WorldCat Identities (ENlccn-n88245653