Transformers 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Transformers 3
Dotm Sentinel & Megatron Chicago.jpg
Sentinel Prime e Megatron a Chicago
Titolo originale Transformers: Dark of the Moon
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2011
Durata 154 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere azione, fantascienza, avventura
Regia Michael Bay
Soggetto Ehren Kruger
Sceneggiatura Ehren Kruger
Produttore Michael Bay Lorenzo di Bonaventura, Ian Bryce, Tom DeSanto, Don Murphy
Produttore esecutivo Steven Spielberg, Michael Bay, Brian Goldner, Mark Vahradian
Casa di produzione di Bonaventura Pictures Paramount Pictures Hasbro
Distribuzione (Italia) Universal Pictures[1]
Art director Benjamin Edelberg, Kevin Ishioka, Ben Procter
Fotografia Amir Mokri
Montaggio Roger Barton, William Goldenberg, Joel Negron
Musiche Steve Jablonsky
Scenografia Nigel Phelps
Costumi Deborah Lynn Scott
Trucco Jacenda Burkett
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Transformers 3 (Transformers: Dark of the Moon) è un film del 2011 diretto da Michael Bay.

Il film è il terzo capitolo della serie cinematografica dedicata ai Transformers, iniziata con Transformers e Transformers - La vendetta del caduto e proseguita con Transformers 4 - L'era dell'estinzione.

Il film è uscito nelle sale italiane il 29 giugno, negli Stati Uniti invece è uscito il 28 giugno 2011, ed è stato il primo film in 3D della serie. Attualmente la pellicola si trova all'11º posto nella lista dei maggior incassi internazionali di sempre.

Il film è stato candidato a tre Premi Oscar, per i Miglior effetti speciali, per il Miglior montaggio sonoro ed infine per il Miglior sonoro, persi poi a favore di Hugo Cabret.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« A distanza di anni ci chiederanno: dove eravate quando hanno conquistato il pianeta? »
(Simmons poco prima dell'esilio degli Autobot)

Nel periodo conclusivo della guerra tra le due fazioni aliene Autobot e Decepticon che portò alla distruzione di Cybertron, una astronave Autobot chiamata Arca tentò di lasciare l'orbita del pianeta carica di un'arma segreta che avrebbe potuto rivoluzionare le sorti del conflitto. La nave aliena fu però attaccata dai Decepticon e si schiantò sulla Luna, quando sulla Terra era il 1961. Gli statunitensi organizzarono così il programma spaziale Apollo e gli astronauti Aldrin e Armstrong che raggiunsero il satellite otto anni dopo vi trovarono i resti della grande nave Autobot, con all'interno molti robot senza vita. Era una missione segreta organizzata anche dai russi, i quali però non mandarono uomini sulla Luna.

Il veicolo di Optimus Prime al Bot Con nel giugno 2011

Oggi a Chernobyl, la squadra NEST trova un particolare dispositivo alieno che Optimus Prime identifica come un pezzo del motore dell'Arca. Il sopralluogo dei militari viene però interrotto dall'attacco del Decepticon Shockwave, insieme al gigantesco robot tentacolare Driller. Messo in fuga il nemico, Optimus pretende spiegazioni dal governo sul perché gli umani fossero in possesso di un congegno alieno: i russi recuperarono il pezzo del motore della nave dalla Luna, lo studiarono e lo imbrigliarono a Chernobyl, ma quando cercarono di usarlo come materiale fissile provocarono il disastro del 1986. Optimus e Ratchet conducono quindi una missione di recupero sul lato della Luna nascosto alla Terra, dove trovano il corpo di Sentinel Prime, leader degli Autobot prima di Optimus, che viene portato sulla Terra.

Sam Witwicky ha rotto con Mikaela e ha conosciuto Carly durante una cerimonia privata con il presidente degli Stati Uniti, durante la quale il ragazzo ha ricevuto una medaglia. I due vivono a Washington insieme a due piccoli Autobot, Wheelie e Brains. Mentre Carly lavora per Dylan Gould, un ricco uomo d'affari e collezionista, Sam ha appena trovato lavoro nel reparto di smistamento postale di un'azienda. Un giorno, Sam viene attaccato al lavoro dal Decepticon Laserbeak e, riuscito a fuggire, si reca alla base del NEST per informare gli Autobot e i militari. Tuttavia, la direttrice della Sicurezza Nazionale, Charlotte Mearing, non gli consente di partecipare direttamente alle missioni contro i Decepticon. Intanto, Sentinel Prime è stato riportato in vita dalla Matrice del Comando di Optimus Prime. Sentinel svela che la sua nave conteneva centinaia di pilastri per un ponte spaziale, una tecnologia da lui stesso inventata che avrebbe potuto salvare la propria razza. Sono stati recuperati soltanto cinque pilastri, custoditi e tenuti nascosti dagli umani.

Sam si rivolge così a Simmons, ora diventato ricco dopo aver scritto un libro sugli alieni e sulle battaglie da lui affrontate contro i Decepticon. Accompagnati da Bumblebee, Sideswipe e Dino, Sam e Simmons interrogano due ex scienziati sovietici che si erano occupati dei rivelamenti lunari concorrendo direttamente con gli Stati Uniti. Con il lancio del Luna 4 nel 1963, i sovietici scoprirono che strane rocce metalliche erano state nascoste sul lato nascosto della Luna. In realtà le rocce metalliche altro non erano che i numerosi pilastri di Sentinel Prime, rubati in precedenza dai Decepticon. Il piano del nemico è così scoperto: i Decepticon vogliono utilizzare il ponte spaziale di Sentinel Prime per vincere la guerra. Mentre stanno tornando alla base del NEST per riferire tutto alla Mearing, gli Autobot vengono attaccati dai Dreads, un trio di ferocissimi Decepticon che vengono uccisi dopo una lunga corsa in autostrada e tra le vie di Washington.

Adesso la priorità è difendere Sentinel dai Decepticon, che hanno bisogno di lui per far funzionare il ponte spaziale. Ma all'improvviso, il vecchio leader fa una clamorosa dichiarazione, rivelando di aver fatto un patto con il capo dei Decepticon, Megatron, tradendo gli Autobot all'epoca della fuga da Cybertron. Scopo del patto era consolidare una tregua e ricostruire la propria patria: la Terra risulta essere un pianeta ideale, dove poter trovare molte risorse e miliardi di schiavi umani. Il primo a fare i conti con il tradimento di Sentinel è Ironhide, che viene ucciso. Dopo aver devastato la base del NEST, l'ex leader degli Autobot ruba i pilastri recuperati dall'Arca e scappa senza ostacoli. La sera, Sam irrompe ad una cena tra Carly e Dylan, durante la quale il ragazzo assiste alla rivelazione di Soundwave, che prende in ostaggio Carly. Dylan si scopre essere un complice dei Decepticon e comanda a Sam di chiedere ad Optimus Prime quale sarà la strategia che gli Autobot seguiranno. Con i pilastri di Sentinel, viene creato un ponte spaziale e vengono trasportati sulla Terra migliaia di Decepticon. Sentinel Prime offre ai leader del pianeta la salvezza in cambio dell'esilio degli Autobot: i Decepticon preleveranno le risorse a loro necessarie per poi andarsene. La verità è in realtà un'altra: Sentinel Prime e Megatron hanno intenzione di costruire sulla Terra una nuova colonia di Cybertron. La proposta di Sentinel viene accettata, e gli Autobot vengono costretti a lasciare il pianeta.

L'astronave su cui gli Autobot viaggiano, la Xantium, viene però attaccata e distrutta da Starscream. Senza più ostacoli, i Decepticon possono così compiere il proprio piano: grazie alla tecnologia di Sentinel Prime, comincia il processo di avvicinamento del pianeta Cybertron alla Terra. I Decepticon assaltano per prima Chicago, isolandola ed assediandola. Sembra essere la fine, ma improvvisamente giungono nella città gli Autobot sani e salvi al completo, che si erano separati dalla Xantium prima dell'attacco di Starscream. Anche Sam e i soldati di Epps si presentano in città, con l'obiettivo non solo di salvare la ragazza di Sam, Carly, dalle grinfie di Dylan, nascostosi nella Trump Tower, ma anche di distruggere il "pilastro di controllo", che sostiene tutti gli altri pilastri e senza il quale non è possibile attivare il ponte spaziale. In città arrivano anche i militari di Lennox a supporto dei robot. Dopo aver salvato Carly e ucciso Laserbeak, Sam riesce anche ad uccidere Starscream, grazie alle armi innovative fornitegli dal geniale Que. Nel frattempo però, quattro Autobot vengono fatti prigionieri da un gruppo di Decepticon e Dylan, furioso per il salvataggio di Carly e vedendo il suo piano in collaborazione con Megatron fallire, ordina a Soundwave di non fare prigionieri, ma soltanto di uccidere: Soundwave accoglie con gioia l'ordine. Sam e Carly, tra le lacrime, vedono i Decepticon giustiziare brutalmente Que, mentre anche gli altri Autobot assistono impotenti. Mentre Sam resta impietrito dinnanzi all'imminente esecuzione di Bumblebee, Wheelie e Brains salvano la situazione a discapito della loro vita: infiltratisi su una grossa nave Decepticon, riescono a sabotarla ed a farla precipitare, distraendo i robot e permettendo agli Autobot di ribellarsi e a Bumblebee di distruggere Soundwave. Intanto diversi altri Decepticon, tra cui Barricade, colti di sorpresa dai militari di Lennox vengono uccisi.

Nel caos generale, Carly scova Megatron tra le macerie della città e gli fa notare ciò che sta realmente accadendo: Sentinel sta cercando di sottrargli il potere e l'esercito e, sconfitti gli Autobot, nessuno potrebbe ostacolarlo. Optimus, dopo aver ucciso Driller e Shockwave, ingaggia una durissima battaglia corpo a corpo contro Sentinel. Mentre i due Prime combattono, Sam trova Dylan e dopo una breve lotta corpo a corpo lo uccide facendolo morire fulminato contro il pilastro di controllo. Alla fine, Bumblebee riesce a distruggere il pilastro di controllo una volta per tutte, facendo collassare il ponte spaziale e distruggendo Cybertron. Intanto, Optimus ha la peggio nello scontro con Sentinel, anche indebolito dall'attacco dei rinforzi Decepticon, poi distrutti dall'intervento dell'Aeronautica militare. Optimus continua ad opporre resistenza, ma sta per essere giustiziato dal più forte nemico: solo il provvidenziale intervento di Megatron, che si scaglia contro Sentinel per indebolirlo e riottenere il comando, salva Optimus da una fine prematura. Senza nessuno a poter interferire, i due rivali di sempre, Megatron e Optimus, che addirittura si ritrova mutilato ad un braccio, si affrontano nello scontro decisivo: l'Autobot ha ragione del Decepticon, staccandogli la testa con un'ascia e uccidendolo definitivamente. Sentinel, ridotto in fin di vita, cerca di giustificare il suo tradimento, ma viene anch'esso terminato. La pace torna finalmente sulla Terra e gli Autobot rimangono i custodi indiscussi della libertà sul pianeta.

Terminata la guerra, Simmons, su una sedia a rotelle dopo l'attacco dei Dreads, bacia la Mearing, che ordina di farlo arrestare. Ma Simmons, ebbro d'amore, non chiede di meglio.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese sono iniziate il 18 maggio e terminate ufficialmente il 9 novembre 2010. Si sono svolte a Chicago, Detroit, Florida, Gary (Indiana), Houston, Long Beach (California), Los Angeles, Milwaukee, Playa Vista Studios, Washington; si sono svolte anche in due centri aerospaziali, Lyndon B. Johnson Space Center e John F. Kennedy Space Center[2]. Il terzo film ha avuto un finanziamento di 195 milioni di dollari, più del primo capitolo (150 milioni di $) e meno del secondo (200 milioni di $)[3][4].

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 2 settembre 2010 sono state temporaneamente sospese le riprese ad Hammond, Indiana a causa di un incidente, un cavo di acciaio si è spezzato a causa di una saldatura malriuscita, colpendo un'auto danneggiandola, e rompendo il cranio alla conduttrice della vettura, Gabriella Cedillo, che ha dovuto affrontare un'operazione delicata al cervello[5]. Il danno ha causato problemi permanenti cerebrali lasciandola paralizzata sull'intero lato sinistro, e danni anche all'occhio della medesima parte.[6][7] La Paramount Pictures ha ammesso la responsabilità per l'incidente e coperto tutte le spese mediche della Cedillo. Tuttavia, il 5 ottobre, la famiglia ha intentato una causa con sette capi di negligenza contro la Paramount (escludendo Bay), con danni complessivi al di sopra dei 350.000 dollari[8]. Stando agli ultimi aggiornamenti, il tutto si sarebbe concluso con un accordo, secondo il quale le case di produzione, Paramount Pictures e DreamWorks dovranno versare la cifra di 18 milioni di dollari come risarcimento alla famiglia della vittima.[9]
  • L'11 ottobre 2010, durante le riprese di una scena di inseguimento in strada, una macchina della polizia ha colpito la Camaro protagonista del film. I motivi della presenza del SUV non sono stati chiariti. Entrambi i poliziotti presenti nell'auto al momento dell'incidente sono rimasti illesi, ma la Camaro è stata gravemente danneggiata.[10][11]

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Transformers (serie di film).
L'animatore Scott Benza ha dichiarato di essersi ispirato all'attore Sean Connery per il personaggio di Sentinel Prime[12]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Dai precedenti film tornano Shia LaBeouf, Josh Duhamel, Tyrese Gibson e John Turturro; Megan Fox viene sostituita da Rosie Huntington-Whiteley (già protagonista di uno spot per Victoria's Secret diretto da Michael Bay), che interpreta Carly, la nuova ragazza di Sam Witwicky; completa il cast Patrick Dempsey. Tra i personaggi minori torna Glenn Morshower nel ruolo del capo nel Networked Elements: Supporters and Transformers (NEST), oltre a John Malkovich (il datore di lavoro di Sam) e Frances McDormand nel ruolo di Charlotte Mearing, Direttore della sicurezza nazionale Statunitense.

Autobot[modifica | modifica wikitesto]

Decepticon[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del film è caratterizzata, oltre che dalle musiche di accompagnamento, da undici brani di diversi artisti di livello internazionale. Questi sono stati pubblicati il 14 giugno 2011 in una compilation intitolata Transformers: Dark of the Moon – The Album:

  1. Linkin Park - Iridescent
  2. Paramore - Monster
  3. My Chemical Romance - The Only Hope for Me Is You
  4. Taking Back SundayFaith
  5. StaindThe Bottom
  6. Art of DyingGet Thru This
  7. Goo Goo DollsAll That You Are
  8. Theory of a Deadman - Head Above Water
  9. Black Veil Brides - Set the World on Fire
  10. Skillet - Awake & Alive (Remix)
  11. Mastodon - Just Got Paid [ZZ Top cover]

Le musiche di accompagnamento sono di Steve Jablonsky:

  1. Dark on the Rock
  2. Sentinel Prime
  3. Lost Signal
  4. In Time You'll See
  5. Impress Me
  6. What War Destroyed, We Can Rebuild
  7. Battle
  8. There Is No Plan
  9. We All Work for the Decepticons
  10. The Fight Will Be Your Own
  11. Driller
  12. No Prisoners, Only Trophies
  13. Ospreys
  14. It's Our Fight
  15. I'm Just the Messenger
  16. I Promise
  17. The World Needs You Now

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Come i due precedenti film, Transformers 3 ha un adattamento a fumetti della IDW Publishing (che detiene i diritti su concessione della Hasbro dal 2006); la storia del film è preceduta da due prequel originali, Rising Storm (ambientato nel presente, mostra l'arrivo di Shockwave sulla Terra) e Foundation (ambientato nel passato, rivela notizie su Sentinel Prime e su come cominciò la rivalità tra Optimus Prime e Megatron). Le due trame mostrano apparizioni di diversi Autobot della linea Revenge of the Fallen, oltre a Mirage e Wheeljack, che nel film saranno ribattezzati Dino e Que.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer del film è stato distribuito il 14 dicembre 2010[14], mentre Il 16 dicembre è stato distribuito quello in lingua italiana[15]. Un altro spot pubblicitario è stato trasmesso al Super Bowl in data 7 febbraio 2010, insieme ai trailer di Thor e Captain America - Il primo Vendicatore. Il primo trailer esteso è stato pubblicato da Apple il 28 aprile 2011[16], mentre la versione italiana del primo trailer è stata pubblicata in esclusiva su Yahoo! dopo circa 24 ore, il 29 aprile 2011[17]. Il primo trailer risulta essere il più visto e scaricato nella storia di iTunes, ben più di 6 milioni di visualizzazioni in un solo giorno[18]. Giovedì 19 maggio, sempre il sito Yahoo! Movie ha pubblicato una clip di pochi minuti. Dopo una prima presentazione alla stampa americana al Paramount Teathre di Los Angeles, l'evento è stato riproposto in Italia a giugno dove sono stati presentati ad una stretta cerchia di giornalisti i primi cinque minuti del film.[19] La prima mondiale del film si è svolta a Mosca in Russia, il 23 giugno 2011, seguito dal concerto dei Linkin Park.

Edizione home video[modifica | modifica wikitesto]

Il DVD e Blu-Ray del film sono stati distribuiti a partire dal 30 settembre negli Stati Uniti, mentre in Italia sono arrivati dal 21 ottobre. Oltre il semplice DVD, è stata anche distribuita l'edizione Blu-Ray+DVD+E-Copy. Inoltre, nel dicembre 2011 è disponibile anche il cofanetto in edizione limitata, il "Big Head Edition" che include: Transformers edizione 2 dischi B.D. + Transformers 2 edizione 2 dischi BD + Transformers 3 edizione 2 dischi COMBO Blu-ray/DVD/E-Copy, più alcuni gadget. Inoltre è stato anche pubblicato il classico cofanetto della trilogia sia in Blu-Ray che in DVD, mentre per l'edizione Blu-Ray 3D è uscita nel febbraio 2012, composta da 4 dischi: 1 Blu-Ray contenente solo il film, 1 DVD contenente solo il film, 1 Blu-ray 3D contenente anche qui solo il film e 1 Blu-Ray contenente solo contenuti speciali.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

  1. Russia Russia: 23 giugno 2011 (prima visione mondiale)
  2. Stati Uniti Stati Uniti: 28 giugno 2011
  3. Italia Italia: 29 giugno 2011
  4. Danimarca Danimarca: 29 giugno 2011
  5. Regno Unito Regno Unito: 29 giugno 2011
  6. Svizzera Svizzera: 29 giugno 2011
  7. Francia Francia: 29 giugno 2011
  8. Australia Australia: 29 giugno 2011
  9. Cile Cile: 29 giugno 2011
  10. Malesia Malesia: 29 giugno 2011
  11. Taiwan Taiwan: 29 giugno 2011
  12. Brasile Brasile: 29 giugno 2011
  13. Canada Canada: 29 giugno 2011
  14. Colombia Colombia: 29 giugno 2011
  15. India India: 29 giugno 2011
  16. Messico Messico: 29 giugno 2011
  17. Norvegia Norvegia: 29 giugno 2011
  18. Polonia Polonia: 29 giugno 2011
  19. Panamá Panamá: 30 giugno 2011
  20. Ungheria Ungheria: 30 giugno 2011
  21. Cina Cina: 21 luglio 2011
  22. Giappone Giappone: 29 luglio 2011

Ritorno nei cinema[modifica | modifica wikitesto]

Grazie al grande successo ottenuto dalla pellicola, la Paramount Pictures decise di riportarlo al cinema solo in IMAX e solo nel territorio del Nord America dal 26 agosto all'8 settembre 2011 in ben 246 sale, tutte in 3D.[20]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Solo dopo due giorni di programmazione il film, è riuscito ad incassare oltre 70 milioni di dollari in tutto il mondo.[21] Invece solo nella prima settimana, ha guadagnato globalmente ben 418 milioni di dollari, superando così il precedente, che in 7 giorni guadagnò solo 214 milioni.[22] Totalmente ha incassato 1.123.794.079 $, superando così il secondo capitolo che guadagnò 836.303.693 $ e anche la soglia del miliardo,[23] diventando così uno dei pochi film a raggiungere e superare questa soglia.

La nuova attrice arrivata Rosie Huntington-Whiteley ha ricevuto critiche prevalentemente negative per il suo modo di recitare

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Considerato migliore del secondo, il film ha riscosso critiche sia positive che negative. In particolare è stata molto apprezzata l'alta qualità degli effetti speciali e del 3D. Tuttavia, la pellicola presenta molti difetti e mancanze in diversi aspetti: la poca consistenza della trama, con poco senso e in parte incoerente (soprattutto se confrontata con gli avvenimenti dei primi due film); la recitazione delle due giovani star, considerata di qualità inferiore alla media; infine, è stata criticata anche la sceneggiatura per i suoi dialoghi futili e la presenza di personaggi "rigidi" o, comunque, privi di profondità (in particolare personaggi storici della serie animata come Megatron e Starscream, Ratchet ed altri sono stati messi in secondo piano, con ruoli marginali o privi di senso).

Rotten Tomatoes assegna a Transformers: Dark of the Moon un punteggio del 35% basandosi su 235 recensioni che porta ad un voto medio di 4.9/10.[24]

Metacritic, assegna al film 42/100 Metascore, basandosi su 37 critici e diverse recensioni.[25]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2012 viene annunciato il sequel con Bay alla regia e nel settembre 2013 viene svelato in titolo del quarto capitolo: Transformers: Age of Extinction, in uscita nei cinema americani il 27 giugno 2014 mentre in quelli italiani il 16 luglio 2014.[26][27]

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Transformers Fan site - tutto su Transformers Dark of the moon
  1. ^ Transformers 3 @ ScreenWEEK
  2. ^ Transformers: Dark of the Moon (2011) - Luoghi delle riprese, imdb.it. URL consultato il 27-11-2010.
  3. ^ tiscali.spettacoli | "Transformers 3": è la battaglia finale ma senza Megan Fox
  4. ^ Box office weekend: al top Transformers 3 | magtrailer
  5. ^ Transformers 3 Accident - Gabriella Cedillo In Stable Condition, Paramount Explains To Press - Transformers News - TFW2005
  6. ^ Family of 'Transformers 3' extra files suit over accident - Chicago Tribune
  7. ^ BBC News - Paralysed extra sues film company
  8. ^ Injured 'Transformers 3' Extra Sues Studio - Deadline.com
  9. ^ [1]
  10. ^ Bumblebee Smashes Cop Car In Yet Another Transformers 3 Accident
  11. ^ Video: Transformers 3 "Bumblebee" Car Hits Police Cruiser: DCist
  12. ^ AWN | Animation World Network
  13. ^ Nelson svela i nomi della Ferrari e della Mercedes di Transformers 3 | | Transformers BlogTransformers Blog
  14. ^ Transformers: Dark of the Moon - Movie Trailers - iTunes, trailers.apple.com. URL consultato il 14-12-2010.
  15. ^ Cinema Notizie: Trailer italiano Transormers 3, cinemanotizie.blogspot.com. URL consultato il 17-12-2010.
  16. ^ Transformers: Dark of the Moon - Full Trailer, filminuscita.info.
  17. ^ Transformers 3 trailer italiano, filminuscita.info.
  18. ^ Un trailer da record per Transformers 3! | | Transformers BlogTransformers Blog
  19. ^ 'Transformers 3': preview 3D, Silenzio-In-Sala.com. URL consultato l'11-06-2010.
  20. ^ Transformers 3 torna in IMAX, ma solo in America! | | Transformers BlogTransformers Blog
  21. ^ http://transformersblog.seenweek.it/2011/07/01/quasi-70-milioni-al-box-office-per-transformers-3/
  22. ^ http://cinemaecinema1.blogspot.com/2011/07/418-milioni-di-dollari-in-una-settimana.html
  23. ^ Transformers: Dark of the Moon (2011) - Box Office Mojo
  24. ^ [2]
  25. ^ [3]
  26. ^ Il tramonto di Iacon: Transformers: Age of Extinction - Il teaser poster pubblicato da Bay!
  27. ^ Transformers 4 | Sito Ufficiale del Film | Dal 17 luglio al cinema
  28. ^ (EN) Nomination Razzie Awards 2012, Razzies.com Official Site. URL consultato il 26-02-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN183787068 · LCCN: (ENno2011074576