Starscream

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Starscream
Astrum nella serie G1
Astrum nella serie G1
Universo Transformers
Nome orig. Starscream (Starscream)
Lingua orig. Inglese/Giapponese
Alter ego F-15 Eagle/F-22 Raptor
Autori
Studio Sunbow e Tokyo Movie Shinsha Hanno prodotto la prima serie animata del 1984
Editore Marvel Comics Ha curato la prima edizione a fumetti
1ª app. 17 ottobre 1984 – 9 gennaio 1986
1ª app. in Tatakae! Chorobots seimeitai Transformers Prima serie (G1) dei Transformers
Editore it. Euro TV
app. it. ottobre 1985
Voci orig.
Voci italiane
Sesso Maschio
Luogo di nascita Cybertron
« La paura può colpire bersagli che i proiettili non riescono a raggiungere »

Starscream (Astrum nel vecchio doppiaggio italiano) è un personaggio dei Transformers, il primo ufficiale della fazione dei Decepticons.

Animazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Transformers (animazione).

Serie G1 (Stagioni 1 e 2)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Transformers (G1).

Durante le serie G1 Starscream servirà la causa dei Decepticons, sotto il comando, non gradito, di Megatron. Più volte cercherà di usurpare il potere al suo comandante che puntualmente lo smaschera e dopo le più assurde scuse decide di non smontarlo o distruggerlo. La volta che più ci andrà vicino sarà durante l'episodio "La brigata di Starscream" dove riuscirà a impiantare le coscienze di reclusi Cybertroniani in veicoli terrestri costruendosi un piccolo esercito. La cosa finirà poi per sfuggirgli di mano e dovrà ricorrere all'aiuto di Megatron per fermarli.

Transformers: the Animated Movie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Transformers: the Animated Movie.

Dopo la sconfitta subita ad Autobot City, durante la fuga verso un luogo sicuro a bordo di Astrotrain, i Decepticons si liberano dei loro compagni feriti, ormai considerati "zavorra" in quanto il troppo peso non farebbe loro raggiungere nessun pianeta dove rifugiarsi. Starscream ne approfitta così per abbandonare nello spazio Megatron e si autoproclama nuovo leader dei Decepticons. Starscream fa predisporre una cerimonia di incoronazione, alla fine della quale però arriverà Galvatron (Megatron riformattato da Unicron) che senza pensarci due volte lo distrugge.

Transformers G1 (Stagione 3)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Transformers 2010.

Starscream appare come fantasma in diversi episodi, fino a riuscire ad ottenere un nuovo corpo dalla testa di Unicron, in cambio di nuovi pezzi di ricambio per ricostruirsi attraverso la connessione al pianeta Cybertron.

Beast Wars[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Biocombat.

Troviamo Starscream anche in Beast Wars (in Italia Biocombat). Si tratta dello stesso personaggio G1, ormai ucciso nel lontano passato, di cui sopravvive solo la sua scintilla vitale (da qui il nome Scintillor nell'edizione italiana di Beast Wars). La scintilla viaggiò non solo nello spazio ma anche nel tempo, finendo all'epoca della guerra delle bestie, di cui si impossessò del corpo di Waspinator.

Beast Wars II[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Beast Wars II.

In Beast Wars 2 (inedito in Italia) Starscream rappresenta il braccio destro dei comandanti Predacon/Destron Galvatron e Megastorm. Questo personaggio non è lo stesso Starscream G1, però anch'esso come il suo omonimo cerca di tradire i suoi capi per prenderne il posto. Dopo un'immersione nell'Algomois puro, viene riformattato in Helscream (con la modalità alternativa di uno cyber squalo).

Trilogia di Unicron[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Trilogia Unicron.

In Transformers: Armada Starscream, a differenza di G1, risulta più fedele a Megatron ma lo disprezza ugualmente e viene sovente messo contro di lui da Sideways e Thrust (araldi/servi di Unicron) per sottrargli le potenti armi Minicon. Ma Starscream viene toccato dalla bontà degli umani e si sacrifica combattendo Unicron, finendo disintegrato.

In Transformers: Energon il fantasma di Starscream, dopo essersi teletrasportato alla sua base dall'alieno Alpha Q, viene riformattato da Megatron, rendendolo più ubbidiente e fedele rispetto a prima. In seguito all'immersione nel super energon sotterraneo di Cybertron, Starscream ottiene un nuovo corpo più stabile, conservando ancora i poteri di teletrasporto. Quando Galvatron (versione rinnovata di Megatron) si sacrifica nel sole artificiale creato da Primus per eliminare la scintilla di Unicron dentro di sé, Starscream pensa bene di seguirlo e finisce anch'esso sacrificato.

In Transformers: Cybertron Starscream riuscì a liberarsi dal collasso del sole artificiale insieme a Megatron, dimenticando il suo recente passato e ripristinando la sua personalità. Lo stesso Decepticon inizia a tramare per ottenere il potere delle Chiavi Planetarie, riuscendo ad acquisire un potentissimo e gigantesco corpo. Starscream continuò a crescere ulteriormente dopo aver incanalato il potere del raggio di Primus, ma viene comunque sconfitto. Starscream infine si scontrò con Galvatron e la potenza liberata dai due nella battaglia fu tale da spedire il primo in un'altra dimensione.

Transformers Animated[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Transformers Animated.

Starscream appare nella serie animata prodotta nel 2007. Si trasforma in un futuristico jet, e assomiglia al suo omonimo della G1 sia nel design, sia nella personalità e nelle ambizioni. È involontariamente comico in questa incarnazione e il suo grado di incompetenza è uguale se non maggiore alla sua controparte animata della G1. Starscream è tutt'altro che vile ed è un guerriero eccellente, dal momento che quasi da solo ha combattuto contro tutti gli Autobots in una battaglia per l'Allspark. Durante la seconda stagione, dopo essere stato resuscitato da un frammento di Allspark incastrato sulla sua fronte, Starscream da prova di grande perseveranza con numerosi tentativi di eliminare Megatron, prima e dopo la distruzione da parte del leader Decepticon. Nella versione giapponese di Transformers:Animated, la storia è stata modificata per renderlo un prequel al film cinematografico del 2007, Transformers. Ciò rende questa versione di Starscream la stessa del personaggio cinematografico.

Transformers: Prime[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Transformers: Prime.

Starscream è uno dei principali membri del gruppo di Decepticons nella serie in CGI Transformers: Prime. In questa serie, è un personaggio molto più oscuro come la sua controparte Trilogia di Unicron. Assomiglia molto anche al omonimo della G1, e cerca molte volte (alcune con successo) di prendere il posto di Megatron. Ha mostrato un disprezzo per i Decepticon che non scelgono una modalità di volo, come Knockout.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Transformers (film), Transformers - La vendetta del caduto e Transformers 3.

Viene chiamato con il nome originale di Starscream, quando si trasforma in veicolo ha le sembianze di un F-22 Raptor. Fa la sua prima apparizione dopo lo scongelamento di Megatron e vistose sono le scene che lo vedono combattere nella battaglia che poi avrà luogo a Mission City (nome di fantasia). Durante i titoli di coda lo si vede sfrecciare in cielo (presumibilmente verso Cybertron), lasciando così aperta una parentesi per il sequel. Ricompare in Transformers - La vendetta del caduto dove combatte la battaglia finale in Egitto, a fianco dei suoi maestri: Megatron e The Fallen(il Decepticon originale). Alla fine Optimus Prime mutila e sfigura Megatron, e uccide The Fallen, allora Starscream invita il suo maestro a fuggire. Ricompare in Transformers 3, dove aiuta Megatron a posizionare in tutto il mondo i pilastri di Sentinel Prime per il teletrasporto di Cybertron, ma viene ucciso da Sam che gli pianta una bomba nell'occhio.