Transformers - La vendetta del caduto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Transformers - La vendetta del caduto
Transformers - La vendetta del caduto.jpg
Optimus Prime e Sam in una scena del film
Titolo originaleTransformers: Revenge of the Fallen
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneUSA
Anno2009
Durata150 min
Rapporto2,35:1 (1,44:1 in alcune scene IMAX)
Genereazione, fantascienza, avventura, thriller
RegiaMichael Bay
SoggettoHasbro (modellino in azione)
SceneggiaturaEhren Kruger, Alex Kurtzman, Roberto Orci
ProduttoreLorenzo di Bonaventura, Ian Bryce, Tom DeSanto, Don Murphy
Produttore esecutivoSteven Spielberg
Casa di produzioneDreamWorks SKG, Paramount Pictures, Hasbro, Di Bonaventura Pictures
Distribuzione (Italia)Universal Pictures
FotografiaBen Seresin
MontaggioRoger Barton, Paul Rubell, Joel Negron, Thomas A. Muldoon
Effetti specialiScott Farrar
MusicheSteve Jablonsky
ScenografiaNigel Phelps
CostumiDeborah Lynn Scott
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Premi

Transformers - La vendetta del caduto (Transformers: Revenge of the Fallen) è un film di fantascienza del 2009, adattamento cinematografico basato sui giocattoli omonimi della società Hasbro.

Il film è il secondo capitolo della serie cinematografica dedicata ai Transformers, iniziata con Transformers e proseguita con Transformers 3 e Transformers 4 - L'era dell'estinzione. Come per il capitolo precedente il regista e il produttore esecutivo sono ancora Michael Bay e Steven Spielberg.

Il film è uscito nelle sale degli Stati Uniti d'America il 24 giugno 2009 e in quelle italiane il 26 giugno 2009, ricevendo critiche negative dai critici e fan della serie,[1] nonostante sia stato un successo finanziario, guadagnando $402.1 milioni negli Stati Uniti e $836.3 millioni internazionalmente, divenendo il secondo film più redditizio in Nord America e il quarantaquattresimo maggiore incasso nella storia del cinema.[2] Vinse tre premi nei Razzie Awards del 2009 per il peggior film, peggior regista, e peggior sceneggiatura, oltre ad essere stato nominato per peggiore attrice protagonista, peggiore attrice non protagonista, peggior coppia, e peggior remake o sequel.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Alla squadra di Optimus Prime si sono uniti nuovi combattenti cybertroniani, rifugiatisi sulla Terra su invito proprio del leader della fazione. Sam Witwicky intanto continua la sua vita normale insieme alla fidanzata Mikaela e al suo Autobot guardiano, Bumblebee.

Nel frattempo Soundwave intercetta una conversazione tra Optimus Prime e il consigliere Galloway, scoprendo che è rimasto un altro frammento dell'AllSpark, custodito in una base navale. Soundwave scopre inoltre che Megatron, dopo la sua morte, è stato gettato nell'Abisso Laurenziano, sorvegliato dalla marina militare. Il Decepticon invia quindi sulla Terra Ravage, una pantera robotica, con il compito di rubare la scheggia dell'AllSpark: Ravage entra furtivamente nella base e, con l'aiuto di Reedman, ne esce con il frammento, nonostante l'intervento tempestivo degli umani.

Optimus riferisce a Sam del furto della scheggia del Cubo e gli chiede aiuto, informandolo del suo colloquio con il consigliere Galloway, ma il ragazzo, pretendendo una vita normale con i coetanei, si rifiuta di aiutarlo. Tuttavia Sam, da quando ha toccato la scheggia dell'AllSpark trovata nella sua felpa, ha iniziato a vedere strani simboli cybertroniani. Il ragazzo chiama al telefono Mikaela per metterla in guardia, e proprio in quel momento Wheelie, un piccolo Decepticon che si trasforma in un'auto radiocomandata, entra nell'officina dove lavora la ragazza e tenta di rubarle la scheggia, custodita in una cassaforte. Il robot viene scoperto da Mikaela, che gli brucia un occhio e lo rinchiude in una scatola di ferro. La ragazza, preoccupata per Sam, decide di raggiungere il fidanzato al college e parte con il primo aereo per Filadelfia. Giunta al college, Mikaela sorprende Sam nella sua camera proprio mentre viene costretto a baciarsi con Alice. In quel momento, Alice si rivela essere un Transformer con sembianze umane ed inizia a seminare caos per tutta la scuola. Sam, Mikaela e Leo, capitato in camera per caso in quel momento, rubano un'auto e scappano, arrotando e uccidendo Alice durante il percorso. All'improvviso però sopraggiunge Grindor, un Decepticon con sembianze di elicottero che conduce i tre ragazzi ad una fabbrica abbandonata. Qui Megaton, con Scalpel, cerca di trovare nella mente di Sam una mappa per una nuova fonte di Energon, l'energia che dà vita ai Transformers. Proprio al momento opportuno, Optimus Prime e Bumblebee intervengono in soccorso del ragazzo. In un arduo combattimento presso una foresta, Optimus da solo deve tenere testa a Megatron, Starscream e Grindor: subito dopo la morte di quest'ultimo, Megatron colpisce Optimus alle spalle e lo uccide. Sul posto arrivano anche gli altri Autobot, ma ormai è troppo tardi: Megatron e Starscream scappano.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prima della release internazionale di Transformers, il produttore Tom DeSanto dichiarò di avere in progetto numerosi film sui Transformers per introdurre meglio le storie dei Dinobots e dei Constructions.[3] Michael Bay prese in considerazione l'utilizzo di una portaerei come nuova macchina, poiché l'idea fu scartata nel primo film.[4]

La Paramount Pictures ha dichiarato in settembre 2007 di distribuire la pellicola il 26 giugno 2009.[5] Shia LaBeouf,[6] Megan Fox[7] e Peter Cullen hanno confermato la loro presenza. Il produttore Tom DeSanto ha richiesto nella sceneggiatura la presenza dei Dinobots, Constructicons e Soundwave,[8] mentre il regista Michael Bay vorrebbe utilizzare una portaerei come nuovo tipo di Transformers.[9]

È stato assunto lo sceneggiatore Ehren Kruger per adattare il film e sono stati riconfermati i precedenti aiuto-sceneggiatori Roberto Orci e Alex Kurtzman.[10] La sceneggiatura è stata soggetta a ritardi di completamento per via dello sciopero degli sceneggiatori di Hollywood iniziato il 5 novembre 2007 a cui hanno aderito anche Kruger, Orci e Kurtzman; ciò ha implicato l'utilizzo delle bozze sviluppate per non tardare ulteriormente la lavorazione.

Le riprese sono cominciate il 29 maggio 2008 a Los Angeles, California. Il tempio dove si trova la matrice del comando è invvece il monastero El Deir, a Petra. Il budget del film è stato di circa 200.000.000 $.[11] Il titolo originale, "Revenge of the Fallen" si riferisce al personaggio malvagio del film, che in italiano viene chiamato grossolanamente The Fallen, quando bisognava tradurlo letteralmente, come nel titolo, essendo il suo soprannome "il Caduto".

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  1. Linkin ParkNew Divide
  2. Green Day21 Guns
  3. Taking Back SundayCapital M-E
  4. The FrayNever Say Never
  5. NickelbackBurn It to the Ground
  6. The UsedBurning Down the House
  7. Theory of a DeadmanNot Meant to Be
  8. The All-American RejectsReal World
  9. HoobastankDon't Think I Love
  10. StaindThis Is It
  11. CavoLet It Go

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Come il predecessore, il film ha avuto una trasposizione a fumetti da parte della IDW Publishing e ben due prequel: Alliance (Alleanza) e Defiance (Sfida)[12]; il primo narra degli inizi della collaborazione tra umani e Autobot nel dare la caccia ai Decepticon, il secondo di come iniziò la guerra su Cybertron e coinvolge The Fallen, che opera insieme a Megatron manovrandolo come una marionetta.
  • In Transformers: RotF Official Movie Prequel: Defiance #4, The Fallen fa delle rivelazioni importanti: sostiene di essere membro di una razza organica divenuta cibernetica grazie all'Allspark, che creò i Transformers come lavoratori; l'Allspark non ha un potere infinito, ma deve rigenerarsi; i primi Transformers esploravano lo spazio alla ricerca di stelle (soli) da cui prendere l'energia necessaria, poi costruivano un meccanismo per risucchiarla; ma The Fallen decise di tenerla solo per sé e tradì i suoi simili che, morendo, riuscirono ad imprigionarlo in un oggetto dalla forma simile all'emblema decepticon, finché Megatron non lo ha risvegliato; al momento del suo lancio nello spazio, l'Allspark si è diretta automaticamente verso il pianeta dove era stato costruito l'ultimo succhia-energia, la Terra. Il macchinario ora è invisibile perché gli antichi egizi edificarono una piramide intorno alla struttura stessa.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo fine settimana di programmazione in Italia il film ha guadagnato 3.238.466 euro[13], negli USA ha incassato una cifra pari a 401,790,274 dollari[2], mentre nello stesso lasso di tempo in tutto il mondo il film ha raccolto una cifra che supera 430,635,467 dollari[2].

Al 15 ottobre 2009 il film realizza in tutto il mondo un incasso di 836,303,693 dollari[14], superando così l'incasso del precedente Transformers.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto da recensioni negative da parte della critica. Tra le varie cose, i critici attaccarono pesantemente la sceneggiatura, la recitazione melodrammatica, la durata troppo lunga, la regia, e il grezzo umorismo.[15] Su Rotten Tomatoes, il film registra una valutazione del 19% basata su 243 recensioni professionali, mentre Metacritic assegna al film 35/100 Metascore, basandosi su 32 critici e diverse recensioni.[16]. Ai Razzie Awards del 2009 è stato nominato in sette categorie. Vinse quelle al Peggior film, Peggior regista a Michael Bay e Peggior sceneggiatura a Ehren Kruger, Alex Kurtzman e Roberto Orci. Fu anche nominato alla Peggiore attrice protagonista a Megan Fox, Peggiore attrice non protagonista a Julie White, Peggior coppia a Shia LaBeouf e a scelta tra Megan Fox o qualsiasi Transformer, e Peggior prequel, remake, rip-off o sequel. Tuttavia fu candidato anche ad un Oscar al miglior sonoro.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Transformers 3 e Transformers 4 - L'era dell'estinzione.

Il film ha due sequel, Transformers 3 (2011) e Transformers 4 - L'era dell'estinzione (2014)

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Transformers (serie di film).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Metacritic - Transformers: Revenge of the Fallen
  2. ^ a b c Box Office: Transformers 2 subito in vetta, su cinema-tv.corriere.it. URL consultato il 5 luglio 2009.
  3. ^ Dinobots in TF2, Movie Blog UGO, 05-06-2007. URL consultato il 3 giugno 2008.
  4. ^ Patrick Kolan, I Transformers di Michael Bay, Movies IGN, 13-06-2007. URL consultato il 3 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2009).
  5. ^ Pamela McClintock, Il sequel de "Transformers" nel 2009, Variety Magazine, 26-09-2007. URL consultato il 3 giugno 2008.
  6. ^ Rebecca Murray, Intervista a Shia LaBeouf, About. URL consultato il 28 novembre 2007.
  7. ^ Brian Jacks, Megan Fox torna nel sequel, MTV, 18-05-2007. URL consultato il 28 novembre 2007.
  8. ^ Ethan Kaye, C.G.I. ROBOT, Wizard, 03-07-2007. URL consultato il 28 novembre 2007.
  9. ^ Patrick Kolan, Transformers secondo Michael Bay, IGN, 13-06-2007. URL consultato il 28 novembre 2007 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2007).
  10. ^ Jay Fernandez, Ritorno del duo per Transformers 2, Los Angeles Times, 10-10-2007. URL consultato il 28 novembre 2007.
  11. ^ (EN) Michael Duck, Officials fired up for Bethlehem filming, in The Morning Call, 17 gennaio 2008.
  12. ^ Transformers: Revenge of the Fallen, su idwpublishing.com. URL consultato il 2 luglio 2009.
  13. ^ Per Transformers oltre 3mln in 3 giorni, su ansa.it. URL consultato il 5 luglio 2009.
  14. ^ (EN) Transformers: Revenge of The Fallen (2009) - Box Office, su boxofficemojo.com.
  15. ^ Transformers: Revenge of the Fallen (2009) - Rotten Tomatoes
  16. ^ http://www.metacritic.com/movie/transformers-revenge-of-the-fallen

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]