Transformers: War for Cybertron

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Transformers: War for Cybertron
videogioco
Transformers War for Cybertron.jpg
PiattaformaMicrosoft Windows, PlayStation 3, Xbox 360
Data di pubblicazioneMicrosoft Windows, PlayStation 3, Xbox 360:
Flags of Canada and the United States.svg 22 giugno 2010
Zona PAL 25 giugno 2010

Steam:
Mondo/non specificato 22 giugno 2010

Xbox Live:
Flags of Canada and the United States.svg 28 dicembre 2010
Zona PAL 28 dicembre 2010
GenereSparatutto in terza persona
TemaTransformers
SviluppoHigh Moon Studios
PubblicazioneActivision
SerieTransformers
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputGamepad, tastiera, DualShock 3
Motore graficoUnreal Engine 3
SupportoDVD, Blu-ray Disc, download
Distribuzione digitaleSteam, Xbox Live
Fascia di etàESRB: T
OFLC (AU): M
PEGI: 12+
Seguito daTransformers: Rise of the Dark Spark, Transformers: La caduta di Cybertron

Transformers: War for Cybertron è un videogioco sparatutto in terza persona sviluppato dalla High Moon Studios e pubblicato dalla Activision. È stato pubblicato in America del Nord il 22 giugno 2010 ed in Europa il 25 giugno 2010 per Xbox 360, PlayStation 3 e PC. Il videogioco è stato anche convertito per Nintendo DS in due versioni: una in cui il giocatore controlla gli autobot, e l'altra in cui il giocatore controlla i decepticon. Un gioco per Wii chiamato Transformers: Cybertron Adventures è stato sviluppato dalla Next Level Games ed utilizza gli stessi personaggi ed ambientazioni di War for Cybertron.

Il gioco si svolge sul pianeta Cybertron, prima dell'arrivo dei Transformers sulla Terra. Gli Autobots ed i Decepticons sono coinvolti in una guerra civile. Il gioco può essere giocato utilizzando il punto di vista di uno schieramento o dell'altro, ma cronologicamente inizia con la campagna dei Decepticon. Il gioco ruota intorno all'utilizzo di una sostanza conosciuta come Dark Energon, che il leader dei Decepticon Megatron crede possa permettergli di far ritornare il pianeta a quella che lui chiama l'"età dell'oro".

War for Cybertron ha generalmente giudizi positivi da parte della critica. I siti GameRankings e Metacritic hanno assegnato al videogioco una valutazione media intorno al 70% per tutte le conversioni del titolo. Molti recensori hanno citato un notevole miglioramento rispetto ai precedenti titoli dedicati ai Transformers.[1][2][3][4][5][6]

Nel 2012 è stato pubblicato un sequel intitolato Transformers: La caduta di Cybertron.

Nel 2014 è stato pubblicato un prequel/spin-off di questultimo gioco che presenta pure un versione alternata di Transformers 4, di nome Transformers: Rise of the Dark Spark.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Prima campagna (Decepticon)[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima missione (Energon Oscuro) Megatron combatte per restituire il pianeta natale dei Transformers, Cybertron a quello a cui si riferisce come a un'età dell'oro. Si apre con Megatron, dopo aver ascoltato leggende sull'Energon Oscuro, una sostanza instabile che sarebbe la materia fossilizzata che gli antichi Autobot chiamano il sangue di Unicron il portatore del caos con il potere di corrompere la vita sul pianeta e di far resuscitare i morti trasformandoli in Terrercon, e i Decepticon attaccano una stazione di ricerca orbitale sorvegliata dal comandante del cielo degli Autobot chiamato Starscream e le sue forze. Dopo aver combattuto attraverso centinaia di soldati di Starscream, Megatron, Barricade e Brawl raggiungono lo stabilimento di produzione di Energon Oscuro e Megatron si immerge in esso. Ispirato dalla capacità di Megatron di gestire l'Energon Oscuro, Starscream gli chiede di insegnargli come controllarlo in cambio del suo servizio. Scioccato dal suo tradimento, il collega di Starscream e il suo migliore amico Jetfire fugge dalla stazione spaziale, promettendo di mettere in guardia il leader degli Autobot Zeta Prime.

Nella seconda missione (Carburante per la Guerra) Megatron invia Starscream e i suoi uomini Thundercracker e Skywarp per riattivare un ponte di Energon che alimenterà la stazione con Energon grezzo, consentendo la produzione di più Energon Oscuro. Una volta che ci riescono, Megatron sviluppa un piano per infettare il nucleo di Cybertron con l'Energon Oscuro, sentendo che può ottenere il controllo del pianeta una volta infettato.

Nella terza missione (Iacon distrutta) Megatron lancia un assalto a grandezza naturale sulla capitale Autobot di Iacon, alla ricerca di un oggetto chiamato Omega Key, che userà per entrare nel nucleo di Cybertron e infettarlo. I Decepticon apprendono che Zeta Prime ha posto la chiave sotto la sua guardia personale. Le forze di Megatron entrano nelle stanze di Zeta Prime e lo sconfiggono in battaglia. Zeta Prime dice a Megatron che la chiave Omega non è in realtà ciò che sblocca l'accesso al nucleo, ma è il mezzo per attivare la vera chiave, un trasformers colossale noto come Omega Supreme. Dopo aver sentito questo, Megatron uccide presumibilmente Zeta Prime.

Nella quarta missione (Vana Speranza) Ora attivato, Omega Supreme insegue implacabilmente Megatron e i suoi servi. Megatron, Soundwave e Breakdown escogitano un piano per attirare Omega Supreme su un tetto difeso con torrette, dove il gigantesco Transformer subisce un'imboscata. Omega Supreme subisce danni ingenti e precipita ai livelli inferiori di Cybertron.

Nella quinta missione (Il Guardiano Finale) I Decepticon seguono Omega Supreme e lo impegnano in una lunga battaglia finale, in cui Omega Supreme viene infine sconfitto, infettato dall'Energon Oscuro e catturato dai Decepticon. Megatron forza Omega Supreme per aprire la porta del nucleo di Cybertron e viaggiare con i suoi seguaci. All'arrivo infetta il nucleo di Cybertron, anch'esso un Trasformer (Primus, il fratello di Unicron il portatore del caos, dio della creazione degli Autobot e dei 13 Prime originali che furono in grado di sconfiggere Unicron, dato che lo scontro tra i due durò diversi millenni), conl'Energon Oscuro, che poi inizia a diffondersi su tutto il pianeta.

Seconda campagna (Autobot)[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima missione (Difesa di Iacon) Zeta Prime, leader degli Autobot, viene segnalato morto dallo scout Bumblebee che informa personalmente Optimus. Optimus decide quindi di assumere temporaneamente il manto della leadership. Optimus, Bumblebee e l'amico di Optimus, Ratchet guidano una campagna difensiva per proteggere la loro città natale di Iacon. Il trio attiva i cannoni di difesa della città e riattiva la rete di comunicazione. Poi si recano a Decagon Plaza dove i tre Autobot combattono l'ex Autobot Starscream e dopo averlo ferito gravemente, lo costringono a ritirarsi.

Nella seconda missione (Fuga da Kaon) Poco dopo, gli Autobot ricevono una chiamata di soccorso da Zeta Prime, - rivelato vivo - che li informa che è detenuto nella prigione di Kaon. Prendendo Bumblebee e Sideswipe con lui, Optimus permette a se stesso e agli altri di essere catturati per infiltrarsi a Kaon. Con l'aiuto dell'Autobot Aerialbot Air Raid, gli Autobot riescono a liberare tutti i prigionieri Autobot di Kaon, che fuggono sui trasporti Decepticon. Optimus, accompagnato da Bumblebee e Sideswipe, trova la cella di Zeta Prime custodita dal leale decepticon officer delle comunicazioni Soundwave. Segue una lotta in cui schiera i suoi servi Frenzy, Rumble e Laserbeak. Alla fine, Soundwave e i suoi seguaci si ritirano a causa di un danno esteso, ma non prima che Soundwave lanci un colpo fatale a Zeta Prime. Gli Autobot rilasciano Zeta Prime, che muore poco dopo dalle sue precedenti ferite dopo la sua battaglia con Megatron e viene sparato da Soundwave. Optimus ritorna a Iacon con il corpo di Zeta Prime e parla con il sommo consiglio che dichiara Optimus il nuovo Prime e lo informa delle attività di Megatron.

Nella terza missione (Verso il Nucleo) Optimus ha il compito di rimuovere l'Energon Oscuro dal nucleo di Cybertron dal consiglio. Optimus e il suo vecchio amico Ironhide, insieme al primo soldato Autobot Warpath, tentano di salvare Omega Supreme dai Decepticon, che viene torturato dall'Energon Oscuro. Chiamano Ratchet che guarisce Omega Supreme. Gli Autobot liberano Omega Supreme e ottengono l'accesso al nucleo di Cybertron. Lottando contro un misterioso verme corrotto e innumerevoli Decepticon, Optimus parla poi con il nucleo di Cybertron, che lo informa che è stato pesantemente danneggiato dall'Energon Oscuro. Afferma che può ripararsi chiudendo, ma il processo richiederà milioni di anni durante i quali Cybertron diventerà freddo, sterile e senza vita. Il nucleo quindi dice a Optimus che se porta con sé un piccolo pezzo del nucleo, il nucleo può ancora sopravvivere durante le riparazioni. Optimus accetta il peso e il nucleo rinuncia alla matrice Autobot della leadership.

Nella quarta missione (Assalto Aereo) Con il pianeta che sta per spegnersi, Optimus ordina l'evacuazione di tutte le città Autobot. Mentre l'evacuazione degli Autobot viene trasportata fuori dall'orbita, molti vengono attaccati dalla stazione spaziale orbitale di Megatron. Silverbolt, il leader degli Aerialbots porta con sé Air Raid e Jetfire per recuperare la stazione di Starscream - che apparteneva agli Autobot - e distruggere i sistemi vitali, ma durante l'attacco si rendono conto che la stazione è stata alterata da Megatron e ora è un enorme Decepticon noto come Trypticon. Dopo averlo combattuto fuori dall'orbita di Cybertron per un po', gli Aerialbots vedono Trypticon danneggiato precipitare su Cybertron, e gli Autobot si uniscono per sconfiggerlo in una vittoriosa battaglia finale.

Nella quinta missione (Uno resterà in piedi) gli Aerialbots vedono Trypticon danneggiato precipitare su Cybertron, e gli Autobot si uniscono per sconfiggerlo nella battaglia finale e devono distruggerlo definitivamente.

L'epilogo vede l'inizio della costruzione dell'Arca, una gigantesca nave spaziale che porterà gli Autobot lontano da Cybertron quando il pianeta sarà completamente in letargo. Optimus e una piccola banda di Autobot rimasti rimangono a difendere Cybertron da Megatron il più a lungo possibile.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Autobot[modifica | modifica wikitesto]

  • Optimus Prime (giocabile)
  • Bumblebee (giocabile)
  • Ratchet (giocabile)
  • Ironhide (giocabile)
  • Sideswipe (giocabile)
  • Jetfire (giocabile)
  • Silverbolt (giocabile)
  • Arcee (sbloccabile per la modalità cooperativa dopo aver terminato la campagna)
  • Air Raid (giocabile)
  • Warpath (giocabile)
  • Jazz (giocabile)
  • Scattershot (giocabile)
  • Cliffjumper (giocabile)
  • Ultra Magnus (disponibile solo con i contenuti scaricabili)
  • Grimlock (disponibile solo con i contenuti scaricabili)
  • Swoop (disponibile solo con i contenuti scaricabili)
  • Hot Shot (disponibile solo con i contenuti scaricabili)
  • Zeta Prime (giocabile)

Decepticon[modifica | modifica wikitesto]

  • Megatron (giocabile)
  • Starscream (giocabile)
  • Soundwave (giocabile)
  • Thundercracker (giocabile)
  • Skywarp (giocabile)
  • Breakdown (giocabile)
  • Brawl (giocabile)
  • Barricade (giocabile)
  • Slipstream (sbloccabile per la modalità cooperativa dopo aver terminato la campagna)
  • Shockwave (giocabile)
  • Demolishor (giocabile)
  • Onslaught (giocabile)
  • Cyclonus (giocabile)
  • Motormaster (giocabile)
  • Dragstrip (giocabile)
  • Dirge (giocabile)
  • Ramjet (giocabile)
  • Dead End (disponibile solo con i contenuti scaricabili)

Contenuti scaricabili[modifica | modifica wikitesto]

I servizi Xbox Live e PlayStation Network hanno caricato online due pacchetti di materiale aggiuntivo contenente nuove missioni, nuove mappe per il multiplayer, e nuovi personaggi: gli Autobot Jazz, Zeta Prime e Scattershot, i Decepticon Shockwave, Onslaught, Dead End e Demolishor.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Transformers: War for Cybertron for PC - GameRankings, GameRankings. URL consultato il 19 ottobre 2010.
  2. ^ Transformers: War for Cybertron (PC) reviews at Metacritic, Metacritic. URL consultato il 19 ottobre 2010.
  3. ^ Transformers: War for Cybertron for PlayStation 3 - GameRankings, GameRankings. URL consultato il 19 ottobre 2010.
  4. ^ Transformers: War for Cybertron (PS3) reviews at Metacritic, Metacritic. URL consultato il 19 ottobre 2010.
  5. ^ Transformers: War for Cybertron for Xbox 360 - GameRankings, GameRankings. URL consultato il 19 ottobre 2010.
  6. ^ Transformers: War for Cybertron (Xbox 360) reviews at Metacritic, Metacritic. URL consultato il 19 ottobre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi