Victoria's Secret

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo singolo dei Sonata Arctica, vedi Victoria's Secret (singolo).
Victoria's Secret Stores, Inc.
Logo
Victoria's Secret Store 9, 722 Lexington Ave, New York, NY 10022, USA - Dec 2012.JPG
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Fondazione 1977 a San Francisco
Fondata da Roy Raymond
Sede principale Columbus
Persone chiave
Settore abbigliamento
Prodotti
  • biancheria intima
  • costumi
  • maglieria
  • calzature
  • profumi e prodotti di bellezza
Fatturato 4.6 miliardi di dollari (2012)
Sito web

Victoria's Secret in italiano Il segreto della vittoria , è un marchio statunitense di abbigliamento femminile e di prodotti di bellezza, noto soprattutto per le creazioni di lingerie. Il nome della società è un riferimento alla regina Vittoria e fu fondata nel 1977 da un imprenditore chiamato Roy Raymond.

Tutti i negozi sono proprietà della società Limited Brands[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lingerie di Victoria's Secret

Victoria's Secret fu fondata da Roy Raymond e sua moglie Gaye[3] a San Francisco nel 1977[4][5]. Otto anni prima di fondare questa società, Raymond si recò in un grande magazzino per acquistare biancheria intima per la moglie, ma si trovò di fronte a scaffali con accappatoi in spugna e brutte camicie da notte di nylon con stampe floreali, così decise di fondare Victoria's Secret. Studiò il mercato della lingerie per otto anni[6] e si fece prestare 40 000 dollari dai suoi genitori e altri 40 000 da una banca e aprì il suo primo negozio[7] presso la Stanford Shopping Center[8][9]. Nel suo primo anno Victoria's Secret incassò 500 000 dollari[9] sufficiente per finanziare altri quattro punti vendita; la società ha poi ampliato i suoi canali di vendita attraverso la vendita per corrispondenza.[10]

Nel 1982 Raymond vende la società, che ha avuto un guadagno annuo di 6 milioni di dollari grazie ai 6 negozi e al catalogo, a Leslie Wexner, creatore di Limited Brands[11][12]. Nel 1983 Leslie Wexner rinnova Victoria 's Secret scartando la biancheria maschile dedicandosi solo a quella femminile e proponendo nuovi colori e modelli, la società continuò a guadagnare tanto che nei cinque anni successivi i negozi diventarono 346.

Negli anni 90 aumentò la vendita per corrispondenza e fu creata una propria linea di profumi, e la propria offerta venne ampliata con prodotti di abbigliamento per la città e per lo sport. Al 1998 si data l'entrata nel mercato cosmetico.

La vetrina di un negozio di Victoria's Secret.

Nel 2006 i negozi di Victoria's Secret diventano più di 1000[13]. Victoria's Secret ha totalizzato vendite per più di 5 miliardi di dollari[14] grazie ai suoi 900 punti vendita negli Stati Uniti nel 2007 e un risultato operativo superiore al miliardo di dollari nel 2006[15][16].

Nel 2012 Victoria's Secret ha un fatturato di 4.6 miliardi di dollari e rappresenta il 40% del fatturato della Limited Brands[17]. Nel 2015 il fatturato dell'azienda cresce del 6,4% rispetto all'anno precedente, con un guadagno di 7,67 miliardi di dollari. Mentre la Limited Brands, che oltre a Victoria's Secret controlla anche i marchi Pink, Bath & Body Works, La Senza e Henri Bendel, archivia l'esercizio fiscale al 30 gennaio 2016 con un fatturato di 12,15 miliardi di dollari[18].

Franchising[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 l'azienda si amplia con un franchising internazionale aprendo negozi in America latina, come in Venezuela e Colombia. Lo stesso anno è stato aperto il primo negozio in medio oriente in Kuwait, con vendita di prodotti, tra cui accessori cosmetici e di marca ma non di lingerie.

Nel 2011 sono stati aperti negozi ai Caraibi, Porto Rico e Santo Domingo. In Europa il primo negozio è stato aperto, nel 2012, a Varsavia, in Polonia, e subito dopo a Londra. Tuttavia, poiché si tratta di un negozio in franchising, in Polonia, vende solo prodotti di bellezza e accessori, mentre nel Regno Unito, risiede la prima società che vende Lingerie e abbigliamento di Victoria's Secret in Europa.

In Italia i primi negozi verranno aperti nel 2015 grazie al Gruppo Percassi con la vendita di lingerie, pelletteria e prodotti di bellezza.[19] Al 2017 in Italia i negozi sono 11:

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Negozio Victoria's Secret

Nel 2011 un'indagine svolta dal sito americano Bloomberg ha dimostrato che molto del "cotone biologico" utilizzato nei loro capi, è in realtà per la maggior parte frutto del lavoro di aziende che sfruttano il lavoro minorile in Burkina Faso.[20]

Nel 2014 è stata lanciata una petizione online contro la linea Body, dopo che sui manifesti è apparso lo slogan The Perfect Body, in cui le modelle troppo magre mandano un messaggio non salutare e dannoso. La petizione ha ottenuto più di 30 000 firme, e anche se la casa di moda non si è mai scusata, ha cambiato lo slogan in A Body For Every Body.[21][22]

Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Victoria's Secret è una delle aziende di lingerie più famose al mondo, ma oltre a creazioni di intimo produce anche costumi, maglieria, calzature, profumi, pelletteria e prodotti di bellezza e make up. Nel 2016 l'azienda prende la decisione di non produrre più calzature, accessori, abbigliamento e costumi da bagno, quest'ultimi a causa del calo delle vendite. Nel 2015 infatti i costumi hanno avuto un fatturato del 6,5% delle vendite totali, circa 500 milioni di euro.[23]

I prodotti di Victoria's Secret sono acquistabili anche attraverso il catalogo Victoria's Secret Direct che ha vendite per circa 870 milioni di dollari.

PINK Victoria's Secret[modifica | modifica wikitesto]

Negozio Pink (Victoria's Secret) a New York.

Nel luglio 2004 i dirigenti della compagnia lanciarono Pink, una linea di abiti da casa e da notte, prodotti di bellezza, accessori e abbigliamento intimo, appositamente disegnati per un pubblico costituito da ragazze tra i 15 e i 22 anni.[24] Nel 2009 Pink stabilisce i suoi primi quattro negozi indipendenti in Canada. Nel 2010 le vendite di Pink hanno raggiunto 1 miliardo di dollari.

Le modelle Pink girano in tour i vari campus universitari della nazione. La compagnia vende i propri prodotti ai giovani attraverso MySpace, in collaborazione con MTV e blog orientati ai giovani.

Nel 2006 Ashlee Simpson è stata nominata spokesmodel per Pink diventando la prima non-modella rappresentante di un brand di Victoria's Secret.

Le spokesmodels (rappresentanti) della nuova linea sono state:

Anche Jessica Stam e Rosie Huntington-Whiteley hanno rappresentato PINK in varie occasioni, ad esempio, sono apparse ai concerti organizzati per lo Spring Break.

Victoria's Secret Angels[modifica | modifica wikitesto]

Le modelle più importanti (spokesmodel) di Victoria's Secret sono le Victoria's Secret Angels.

Tra le Angels, al 2017, troviamo:

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2007 le Victoria's Secret Angels (Heidi Klum, Adriana Lima, Alessandra Ambrosio, Karolina Kurkova, Selita Ebanks, Izabel Goulart, Marisa Miller, e Miranda Kerr) hanno ricevuto una stella sulla Hollywood Walk of Fame di Los Angeles, incoronando la casa di moda come icona della lingerie femminile.[35]

Victoria's Secret Fashion Show[modifica | modifica wikitesto]

Il primo show, nel 1995, si è tenuto all'Hotel Plaza di New York ed aveva numerose modelle che sfilavano in passerella indossando camicie da notte.

La compagnia fece storia nel 1999 con la prima trasmissione broadcast via web del Victoria's Secret Fashion Show che totalizzò 1,5 milioni di spettatori, più molti altri che non riuscivano a vederlo. Lo spettacolo fu pubblicizzato al Super Bowl.

Generalmente il Fashion Show ha luogo al New York Armony sulla Lexington Avenue e mostra per lo più biancheria intima e reggiseni. Lo show è diventato un evento grandioso (e quindi costoso) caratterizzato da elaborate lingerie e costumi, musiche e scenografie che cambiano a seconda dei diversi temi che sta presentando lo show, nel 2011 il budget per la sfilata di moda era di $12 milioni rispetto a budget di $120.000 del primo spettacolo. Lo show attira centinaia di celebrità e intrattenitori che partecipano ogni anno. Le enormi ali d'angelo indossate dalle modelle così come altre ali di varie forme (farfalla, pavone o ali da diavolo) sono un marchio di fabbrica di Victoria's Secret.

Nel 2004 invece dell'annuale sfilata gli Angeli Tyra Banks, Heidi Klum, Gisele Bündchen, Adriana Lima e Alessandra Ambrosio hanno fatto un Angels Across America Tour, visitando le città di New York, Miami, Los Angeles e Las Vegas. Nel 2006 e 2007 gli spettacoli si sono svolti presso il Kodak Theatre di Los Angeles. Nel 2006 ha debuttato in passerella la linea Pink e Justin Timberlake ha aperto lo show con la sua canzone Sexy Back. L'anno successivo, durante lo show, si sono esibite le Spice Girls, mentre Kanye West ha annullato la sua apparizione a causa della morte della madre, ed è stato sostituito da will.i.am.

Nel 2008 la sfilata ha avuto luogo presso il Fountainebleu Miami Beach. A differenza degli altri spettacoli, la pista è stata progettata in parallelo con i sedili del pubblico. Dal 2009 al 2014 lo show si è svolto al Lexington Avenue Armory di New York. Nel 2011 Kanye West ha cantato Stronger, con un omaggio a sua madre che era morta prima del suo concerto in programma quattro anni prima.

Durante la sfilata del 2012 nel segmento "Calendar Girls" la modella Karlie Kloss ha indossato un maestoso copricapo di piume bianche, rosse e nere che toccava fino a terra, tipico dei nativi americani. Sull'immagine della modella si è abbattuta una pioggia di critiche poiché è stata giudicata irrispettosa della storia e delle tradizioni dai nativi americani. L'outfit viene successivamente rimosso dalle registrazioni che sono state trasmesse in televisione[36].

Nel 2015 Rihanna avrebbe dovuto esibirsi durante lo show accanto a Selena Gomez e The Weeknd, tuttavia decise di annullare il live[37] per dedicarsi al nuovo album e venne sostituita da Ellie Goulding. Nel 2016 lo show si è svolto al Grand Palais di Parigi ed ha fatto il suo debutto come performer allo show la cantautrice Lady Gaga, che si è esibita con Million Reasons, A-Yo e John Wayne, brani tratti dal suo album Joanne. Per l'occasione la cantante ha anche indossato una giacca con le ali, simulando le modelle Angels[38].

A settembre 2017 la casa di lingerie annuncia la sua prima collaborazione la casa di moda Balmain.[39]

Fashion Show[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Rete televisiva Telespettatori (milioni) Modelle Ospiti
1º agosto 1995 Hotel Plaza, New York nessuna Natane Adcock, Helena Barquilla, Leilani Bishop, Keri Claussen, Valerie Jean, Angelika Kallio, Catherine McCord, Beverly Peele, Stephanie Seymour, Ingrid Seynhaeve, Frédérique van der Wal, Veronica Webb, Magdalena Wrobel
6 febbraio 1996 Hotel Plaza, New York nessuna Tyra Banks, Leilani Bishop, Naomi Campbell, Helena Christensen, Beverly Peele, Catherine McCord, Carrie Salmon, Stephanie Seymour, Frédérique van der Wal, Veronica Webb
4 febbraio 1997 Hotel Plaza, New York nessuna Tyra Banks, Elsa Benítez, Naomi Campbell, Esther Cañadas, Laetitia Casta, Helena Christensen, Yasmeen Ghauri, Tricia Helfer, Heidi Klum, Vendela Kirsebom, Georgianna Robertson, Rebecca Romijn, Carrie Salmon, Claudia Schiffer, Ingrid Seynhaeve, Stephanie Seymour, Frédérique van der Wal
3 febbraio 1998 Hotel Plaza, New York nessuna - Natane Adcock, Tyra Banks, Naomi Campbell, Laetitia Casta, Bridget Hall, Tricia Helfer, Jaime King, Heidi Klum, Valeria Mazza, Annie Morton, Karen Mulder, Astrid Muñoz, Chandra North, Daniela Peštová, Inés Rivero, Rebecca Romijn, Chrystele Saint Louis Augustin, Carrie Salmon, Stephanie Seymour
3 febbraio 1999 Cipriani Wall Street restaurant, New York Broadcast.com (webcast) 2.0+ Natane Adcock, Tyra Banks, Elsa Benítez, Leilani Bishop, Gisele Bündchen, Laetitia Casta, Ana Cláudia Michels, Trish Goff, Eva Herzigová, Kirsty Hume, Kiara Kabukuru, Carmen Kass, Jaime King, Heidi Klum, Hollyanne Leonard, Adriana Lima, Karen Mulder, Daniela Peštová, Frankie Rayder, Inés Rivero, Stephanie Seymour, Eugenia Silva -
15 maggio 2000 Cannes webcast Alessandra Ambrosio, Mini Andén, Danita Angell, Tyra Banks, Gisele Bündchen, Naomi Campbell, Laetitia Casta, Aurélie Claudel, Haylynn Cohen, Rhea Durham, Trish Goff, Eva Herzigová, Carmen Kass, Heidi Klum, Karolína Kurková, Adriana Lima, Angela Lindvall, Ana Cláudia Michels, Karen Mulder, Oluchi Onweagba, Daniela Peštová, Frankie Rayder, Caroline Ribeiro, Inés Rivero, Stephanie Seymour, Ingrid Seynhaeve, Fernanda Tavares
13 novembre 2001 (sfilata), 15 novembre 2001 (trasmessa) Bryant Park, New York ABC 12.4 Alessandra Ambrosio, Mini Andén, Tyra Banks, Gisele Bündchen, Aurélie Claudel, Rhea Durham, Karen Elson, Trish Goff, Bridget Hall, Emma Heming, Eva Herzigová, Heidi Klum, Karolína Kurková, Anouck Lepere, Adriana Lima, Audrey Marnay, Diána Mészáros, Omahyra Mota, Daniela Peštová, Rie Rasmussen, Caroline Ribeiro, Inés Rivero, Maggie Rizer, Molly Sims, Fernanda Tavares, Alek Wek Mary J. Blige e Andrea Bocelli
14 novembre 2002 (sfilata), 20 novembre 2002 (trasmessa) Lexington Avenue Armory, New York CBS 10.5 Michelle Alves, Alessandra Ambrosio, Caitriona Balfe, Tyra Banks, Ana Beatriz Barros, Letícia Birkheuer, Gisele Bündchen, Naomi Campbell, Dewi Driegen, Reka Ebergenyi, Lindsay Frimodt, Bridget Hall, Ana Hickmann, Carmen Kass, Liya Kebede, Heidi Klum, Karolína Kurková, Adriana Lima, Oluchi Onweagba, Ujjwala Raut, Frankie Rayder, Caroline Ribeiro, Inga Savits, Nadine Strittmatter, Yfke Sturm, Fernanda Tavares, Eugenia Volodina, Raquel Zimmermann Destiny's Child, Marc Anthony e Phil Collins
13 novembre 2003 (sfilata), 19 novembre 2003 (trasmessa) Lexington Avenue Armory, New York CBS 9.4 Michelle Alves, Alessandra Ambrosio, Mini Andén, Tyra Banks, Ana Beatriz Barros, Letícia Birkheuer, Marcelle Bittar, Gisele Bündchen, Naomi Campbell, Dewi Driegen, Isabeli Fontana, Lindsay Frimodt, Carmen Kass, Liya Kebede, Heidi Klum, Karolína Kurková, Adriana Lima, Angela Lindvall, Deanna Miller, Oluchi Onweagba, Ujjwala Raut, Frankie Rayder, Margarita Svegzdaite, Fernanda Tavares, Eugenia Volodina, Jacquetta Wheeler Sting, Mary J. Blige e Eve
2004 (Angeli in un tour) New York, Miami, Las Vegas e Los Angeles Alessandra Ambrosio, Tyra Banks, Gisele Bündchen, Heidi Klum, Adriana Lima
9 novembre 2005 (sfilata), 6 dicembre 2005 (trasmessa) Lexington Avenue Armory, New York CBS 8.9 Alessandra Ambrosio, Tyra Banks, Bianca Balti, Ana Beatriz Barros, Gisele Bündchen, Inguna Butane, Naomi Campbell, Morgane Dubled, Selita Ebanks, Isabeli Fontana, Izabel Goulart, Heidi Klum, Tatiana Kovylina, Doutzen Kroes, Karolína Kurková, Adriana Lima, Angela Lindvall, Andi Muise, Oluchi Onweagba, Natasha Poly, Julia Stegner, Yfke Sturm, Fernanda Tavares, Caroline Trentini, Eugenia Volodina, Marija Vujović, Caroline Winberg e Raquel Zimmermann Chris Botti, Ricky Martin, Seal e Rutgers University Drumline
16 novembre 2006 (sfilata), 5 dicembre 2006 (trasmessa) Kodak Theatre, Los Angeles CBS 7.4 Alessandra Ambrosio, Ana Beatriz Barros, Gisele Bündchen, Jeísa Chiminazzo, Élise Crombez, Flavia de Oliveira, Morgane Dubled, Selita Ebanks, Izabel Goulart, Rosie Huntington-Whiteley, Miranda Kerr, Doutzen Kroes, Karolína Kurková, Adriana Lima, Angela Lindvall, Heather Marks, Andi Muise, Ajuma Nasenyana, Oluchi Onweagba, Natasha Poly, Katja Shchekina, Hana Soukupová, Jessica Stam, Julia Stegner, Caroline Trentini, Caroline Winberg e Raquel Zimmermann Justin Timberlake
16 novembre 2007 (sfilata), 4 dicembre 2007 (trasmessa) Kodak Theatre, Los Angeles CBS 6.8 Alessandra Ambrosio, Inguna Butane, Élise Crombez, Flavia de Oliveira, Morgane Dubled, Selita Ebanks, Lindsay Ellingson, Isabeli Fontana, Izabel Goulart, Rosie Huntington-Whiteley, Miranda Kerr, Heidi Klum, Michaela Kocianova, Karolína Kurková, Noémie Lenoir, Adriana Lima, Angela Lindvall, Marisa Miller, Andi Muise, Oluchi Onweagba, Behati Prinsloo, Hana Soukupová, Jessica Stam, Julia Stegner, Candice Swanepoel, Eugenia Volodina, Marija Vujović, Erin Wasson, Jessica White, Katie Wile e Caroline Winberg Spice Girls[40], Will.i.am[41], Seal e Heidi Klum
15 novembre 2008 (sfilata), 1º dicembre 2008 (trasmessa) Fontainebleau Hotel, Miami CBS 8.3 Clara Alonso, Alessandra Ambrosio, Ana Beatriz Barros, Inguna Butane, Shannan Click, Emanuela de Paula, Flavia de Oliveira, Morgane Dubled, Selita Ebanks, Lindsay Ellingson, Isabeli Fontana, Izabel Goulart, Erin Heatherton, Rosie Huntington-Whiteley, Carmen Kass, Miranda Kerr, Heidi Klum, Doutzen Kroes, Karolína Kurková, Abbey Lee, Noémie Lenoir, Adriana Lima, Maryna Linchuk, Angela Lindvall, Sessilee Lopez, Marisa Miller, Behati Prinsloo, Arlenis Sosa Peña, Julia Stegner, Sarah Stephens, Lara Stone, Candice Swanepoel, Edita Vilkeviciute, Anne Vyalitsyna e Caroline Winberg[42] Usher e Jorge Moreno
19 novembre 2009 (sfilata), 3 dicembre 2009 (trasmessa) Lexington Avenue Armory, New York CBS 8.7 Lily Aldridge, Alessandra Ambrosio, Ana Beatriz Barros, Kylie Bisutti, Shannan Click, Jamie Lee Darley,[43] Selita Ebanks, Lindsay Ellingson, Isabeli Fontana, Izabel Goulart, Erin Heatherton, Rosie Huntington-Whiteley, Chanel Iman, Anna Jagodzinska, Dorothea Barth Jorgensen, Miranda Kerr, Heidi Klum, Abbey Lee Kershaw, Tatiana Kovylina, Doutzen Kroes, Anastasia Kuznetsova, Maryna Linchuk, Sessilee Lopez, Enikő Mihalik, Marisa Miller, Aminata Niaria, Behati Prinsloo, Anja Rubik, Lyndsey Scott, Julia Stegner, Candice Swanepoel, Elyse Taylor, Caroline Trentini, Edita Vilkeviciute, Liu Wen e Caroline Winberg Black Eyed Peas
10 novembre 2010 (sfilata), 30 novembre 2010 (trasmessa) Lexington Avenue Armory, New York CBS 9 Lily Aldridge, Alessandra Ambrosio, Gracie Carvalho, Shannan Click, Katsia Damankova, Lily Donaldson, Selita Ebanks, Lindsay Ellingson, Isabeli Fontana, Magdalena Frackowiak, Izabel Goulart, Heloise Guerin, Erin Heatherton, Rosie Huntington-Whiteley, Chanel Iman, Constance Jablonski, Jacqueline Jablonski, Karolina Kurkova, Adriana Lima, Maryna Linchuk, Flavia de Oliveira, Emanuela de Paula, Behati Prinsloo, Lais Ribeiro, Anja Rubik, Fabiana Semprebom, Jessica Stam, Julia Stegner, Martha Streck, Candice Swanepoel, Edita Vilkeviciute, Anne Vyalitsyna, Liu Wen e Caroline Winberg Katy Perry e Akon
9 novembre 2011 (sfilata), 29 novembre 2011 (trasmessa) Lexington Avenue Armory, New York CBS 10.30 Lily Aldridge, Alessandra Ambrosio, Jessica Clarke, Shannan Click, Lily Donaldson, Lindsay Ellingson, Magdalena Frackowiak, Toni Garrn, Izabel Goulart, Sui He, Erin Heatherton, Bregje Heinen, Elsa Hosk, Chanel Iman, Constance Jablonski, Jacqueline Jablonski, Miranda Kerr, Karlie Kloss, Doutzen Kroes, Ieva Lagūna, Adriana Lima, Maryna Linchuk, Caroline Brasch Nielsen, Flavia de Oliveira, Emanuela de Paula, Behati Prinsloo, Lais Ribeiro, Anja Rubik, Joan Smalls, Shanina Shaik, Julia Stegner, Candice Swanepoel, Anne Vyalitsyna, Liu Wen e Caroline Winberg[44][45][46] Maroon 5, Kanye West e Nicki Minaj[47]
7 novembre 2012 (sfilata), 4 dicembre 2012 (trasmessa) Lexington Avenue Armory, New York CBS 9. 48 Lily Aldridge, Alessandra Ambrosio, Dorothea Barth Jörgensen, Cara Delevingne, Sharam Diniz, Lily Donaldson, Jourdan Dunn, Lindsay Ellingson, Barbara Fialho, Isabeli Fontana, Magdalena Frackowiak, Toni Garrn, Izabel Goulart, Frida Gustavsson, Jessica Hart, Sui He, Erin Heatherton, Bregje Heinen, Elsa Hosk, Constance Jablonski, Jacquelyn Jablonski, Miranda Kerr, Karlie Kloss, Doutzen Kroes, Ieva Lagūna, Adriana Lima, Barbara Palvin, Shu Pei, Behati Prinsloo, Hilary Rhoda, Cameron Russell, Shanina Shaik, Joan Smalls, Candice Swanepoel, Jasmine Tookes, Maud Welzen, Liu Wen[48] Rihanna, Justin Bieber e Bruno Mars[49]
11 novembre 2013 (sfilata), 10 dicembre 2013 (trasmessa) Lexington Avenue Armory, New York CBS 9. 72 Sigrid Agren, Lily Aldridge, Alessandra Ambrosio, Maria Borges, Cindy Bruna, Cara Delevingne, Lily Donaldson, Jourdan Dunn, Lindsay Ellingson, Barbara Fialho, Malaika Firth, Magdalena Frackowiak, Kelly Gale, Toni Garrn, Izabel Goulart, Jessica Hart, Sui He, Erin Heatherton, Elsa Hosk, Martha Hunt, Constance Jablonski, Jacquelyn Jablonski, Monika Jagaciak, Karlie Kloss, Doutzen Kroes, Ieva Lagūna, Adriana Lima, Maryna Linchuk, Caroline Brasch Nielsen, Behati Prinsloo, Hilary Rhoda, Lais Ribeiro, Sara Sampaio, Josephine Skriver, Joan Smalls, Kasia Struss, Candice Swanepoel, Jasmine Tookes, Devon Windsor, Ming Xi Taylor Swift, Fall Out Boy, A Great Big World e Neon Jungle[50]
2 dicembre 2014 (sfilata), 9 dicembre 2014 (trasmessa) Earls Court, Londra CBS 9. 29 Sigrid Agren, Lily Aldridge, Alessandra Ambrosio, Maria Borges, Daniela Braga, Cindy Bruna, Lily Donaldson, Jourdan Dunn, Lindsay Ellingson, Barbara Fialho, Isabeli Fontana, Magdalena Frackowiak, Kelly Gale, Izabel Goulart, Kate Grigorieva, Imaan Hammaam, Sui He, Bregje Heinen, Taylor Marie Hill, Elsa Hosk, Martha Hunt, Constance Jablonski, Jacquelyn Jablonski, Monika Jagaciak, Karlie Kloss, Doutzen Kroes, Ieva Lagūna, Yumi Lambert, Adriana Lima, Grace Mahary, Stella Maxwell, Eniko Mihalik, Blanca Padilla, Behati Prinsloo, Lais Ribeiro, Sara Sampaio, Romee Strijd, Kasia Struss, Shanina Shaik, Irina Sharipova, Josephine Skriver, Joan Smalls, Candice Swanepoel, Jasmine Tookes, Maud Welzen, Devon Windsor, Ming Xi[51][52] Ariana Grande, Taylor Swift, Hozier e Ed Sheeran[53]
10 novembre 2015 (sfilata), 8 dicembre 2015 (trasmessa)[54] Lexington Avenue Armory, New York CBS 6. 59 Lily Aldridge, Alessandra Ambrosio, Leomie Anderson, Maria Borges, Daniela Braga, Cindy Bruna, Gracie Carvalho, Sharam Diniz, Lily Donaldson, Barbara Fialho, Magdalena Frackowiak, Izabel Goulart, Kate Grigorieva, Gigi Hadid, Rachel Hilbert, Sui He, Taylor Marie Hill, Pauline Hoarau, Elsa Hosk, Martha Hunt, Constance Jablonski, Jacquelyn Jablonski, Monika Jagaciak, Kendall Jenner, Valery Kaufman, Yumi Lambert, Adriana Lima, Bruna Lirio, Flavia Lucini, Bridget Malcolm, Stella Maxwell, Leila Nda, Behati Prinsloo, Megan Puleri, Lais Ribeiro, Sara Sampaio, Shanina Shaik, Vita Sidorkina, Josephine Skriver, Joan Smalls, Romee Strijd, Candice Swanepoel, Jasmine Tookes, Sanne Vloet, Maud Welzen, Devon Windsor, Ming Xi[55] Ellie Goulding, Selena Gomez e The Weeknd[56]
30 novembre 2016 (sfilata), 5 dicembre 2016 (trasmessa) Grand Palais, Parigi CBS 6.67 Lily Aldridge, Alessandra Ambrosio, Leomie Anderson, Alanna Arrington, Maria Borges, Daniela Braga, Cindy Bruna, Janiece Dilone, Lily Donaldson, Grace Elizabeth, Barbara Fialho, Georgia Fowler, Lameka Fox, Kelly Gale, Luma Grothe, Izabel Goulart, Kate Grigorieva, Bella Hadid, Gigi Hadid, Sui He, Rachel Hilbert, Taylor Hill, Elsa Hosk, Martha Hunt, Kendall Jenner, Valery Kaufman, Maggie Laine, Adriana Lima, Keke Lindgard, Flavia Lucini, Bridget Malcolm, Stella Maxwell, Lais Oliveira, Herieth Paul, Brooke Perry, Jourdana Phillips, Lais Ribeiro, Camille Rowe, Sara Sampaio, Irina Shaik, Josephine Skriver, Joan Smalls, Romee Strijd, Zuri Tibby, Jasmine Tookes, Sanne Vloet, Liu Wen, Xiao Wen Ju, Megan Williams, Devon Windsor, Ming Xi Lady Gaga, Bruno Mars e The Weekend[57]
20 novembre 2017 (sfilata) Mercedes Benz Arena, Shangai[58] Lily Aldridge, Alessandra Ambrosio, Adriana Lima, Leomie Anderson, Alanna Arrington, Alecia Morais, Maria Borges, Daniela Braga, Cindy Bruna, Janiece Dilone, Estelle Chen, Vanessa Moody, Frida Aasen, Aiden Curtiss, Roosmarie de Kok, Georgia Fowler, Grace Elizabeth, Amilna Estevão, Gizele Oliveira, Grace Bol, Barbara Fialho, Kelly Gale, Alexina Graham, Bella Hadid, Sui He, Taylor Hill, Elsa Hosk, Martha Hunt, Jourdana Phillips, Victoria Lee, Nadine Leopold, Bruna Lirio, Stella Maxwell, Leila Nda, Karlie Kloss, Blanca Padilla, Herieth Paul, Lameka Fox, Lais Ribeiro, Sara Sampaio, Josephine Skriver, Romee Strijd, Candice Swanepoel, Devon Windsor, Zuri Tibby, Jasmine Tookes, Sanne Vloet, Maggie Laine, Xiao Wen Ju, Liu Wen, Megan Williams, Ming Xi, Samile Bermannelli, Xin Xie, One Wang Yi Harry Styles,

Miguel, Leslie Odom Jr. e Jane Zhang

Il Bombshell Fantasy Bra del 2010.

Fantasy Bra[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fantasy Bra.

Durante il fashion show viene presentato il particolare e costoso reggiseno della linea "Fantasy Bra". Inizialmente pensato per comparire solamente nel catalogo di Victoria Secret, compare durante la sfilata dal 2001. Questi reggiseni sono formati da diamanti, smeraldi e rubini.

I Fantasy Bra, dopo essere stati indossati durante la sfilata vengono messi all'asta; se non venduti, dopo un anno, vengono ridati ai designer che ne recupera le pietre. Gli unici ad essere stati venduti furono il VS Heavenly '70 Fantasy Bra indossato nel 2004 da Tyra Banks e il Floral Fantasy Bra del 2012 indossato da Alessandra Ambrosio.

Heidi Klum e Adriana Lima hanno indossato il Fantasy Bra in tre diversi anni. Gisele Bündchen, Tyra Banks, Karolina Kurkova e Alessandra Ambrosio hanno invece indossato ben due Fantasy Bra.

Red Hot Fantasy Bra/Panties (2000) conquista il Guinness dei primati come capo di intimo più costoso mai creato, 15 milioni di dollari. Harlequin Fantasy Bra (2009) e Bombshell Fantasy Bra (2010) sono stati creati da Damiani.

Nel 2014 per la prima volta vengono realizzati due Fantasy bra, indossati da Adriana Lima e Alessandra Ambrosio[59].

Swarovski Outfit[modifica | modifica wikitesto]

Insieme al Fantasy Bra, lo Swarovski Outfit è un altro pezzo importante della collezione.

Anno Modelle Segmento
2010 Chanel Iman Heavenly Bodies
2011 Bregje Heinen Passion
2012 Cameron Russell Silver Screen Angels
2013 Lindsay Ellingson[60] Snow Angels
2014 Lily Donaldson[61] Fairy Tale
2015 Martha Hunt[62] Fireworks
2016 Josephine Skriver[63] Bright Night Angel
2017 Elsa Hosk[64] Nomadic Adventure

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Karolina Kurkova è la modella più giovane che abbia mai calcato la passerella di Victoria Secret. Aveva sedici anni quando fece il suo debutto nel 2000.
  • Caitriona Balfe (conosciuta per il suo ruolo di protagonista nello show Outlander) sfilò per Victoria's Secret nel 2002[65].
  • Nel 2012, Lais Ribeiro si ruppe la caviglia durante le prove[66]. Non partecipando allo show, i suoi due outfit furono indossati da Behati Prinsloo e Shanina Shaik.
  • Gigi e Bella Hadid diventano nel 2016 la prima coppia di sorelle a sfilare insieme[67].
  • Nel corso degli anni sono stati utilizzati svariati materiali per produrre le Ali indossate dalle modelle durante la sfilata: ad esempio cartoline, palloncini ed anche caramelle.
  • Adriana Lima è la modella ad aver aperto più show, ben 5 (2003, 2007, 2008, 2010 e 2012), dopo di lei Gisele Bündchen con 4 show (2000, 2002, 2005 e 2006).
  • Gisele Bündchen (2005-2006), Adriana Lima (2007-2008) e Behati Prinsloo (2014-2015) sono gli unici angeli ad aver aperto lo show per due anni consecutivi.
  • Nel 2017 le modelle russe Julia Belyakova, Kate Grigorieva (ex angelo) e Irina Sharipova, l'ucraina Dasha Khlystun e l'americana Gigi Hadid non hanno ricevuto il visto per la Cina, dovendo rinunciare allo show.[68][69]
  • Lindsay Ellingson ha indossato per la prima volta un outfit in 3D nella sezione "Snow Angels" del 2013.[70]
  • Heidi Klum ha indossato le ali più alte mai realizzate, mentre Joan Smalls quelle più lunghe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] Informazioni sull'azienda, 25 luglio 2007.
  2. ^ (EN) L Brands - Victoria's Secret, su www.lb.com. URL consultato il 13 agosto 2017.
  3. ^ Katherine Bishop, An Elegant Kid's Store Fails, in The New York Times, 27 dicembre 1986. URL consultato il 9 dicembre 2012.
  4. ^ Victoria's Secret, Fashion Model Directory. URL consultato il 27 novembre 2013.
  5. ^ Roy Raymond, 47; Began Victoria's Secret, in The New York Times, 2 settembre 1993. URL consultato il 14 ottobre 2012.
  6. ^ Peter J. Rea e Harold Kerzner, Strategic Planning: A Practical Guide, Wiley, 19 settembre 1997, p. 299, ISBN 978-0-471-29197-8. URL consultato il 14 ottobre 2012.
  7. ^ Richard Alan Nelson e Abbass Alkhafaji, Strategic Management: Formulation, Implementation, and Control in a Dynamic Environment, Psychology Press, 3 aprile 2003, p. 291, ISBN 978-0-7890-1810-6. URL consultato il 9 ottobre 2012.
  8. ^ Peter J. Rea e Harold Kerzner, Strategic Planning: A Practical Guide, Wiley, 19 settembre 1997, p. 299, ISBN 978-0-471-29197-8. URL consultato il 9 ottobre 2012.
  9. ^ a b Benjamin Pimentel, Lingerie Firm Founder Dies – Body in Bay Former Victoria's Secret owner left car at bridge, in San Francisco Chronicle, 1º settembre 1993.
  10. ^ La storia di Victoria's Secret 31 ottobre 2013
  11. ^ Briefs, in The New York Times, 15 luglio 1982.
  12. ^ Victoria's Secret, in The Globe and Mail, 5 agosto 1982.
  13. ^ (EN) Michael Barbaro, What Women Want; Underwear That Fits So Well It Can Be Outerwear, in The New York Times, 15 luglio 2006. URL consultato il 13 agosto 2017.
  14. ^ Jeff Yang, Why the Rise of Asia In Fashion Isn't As Beautiful As It Seems, in The Wall Street Journal, 17 settembre 2012. URL consultato il 29 ottobre 2012.
  15. ^ Victoria's Secret launches new line in LA
  16. ^ Limited Brands 2006 Annual Report[collegamento interrotto], ww3.ics.adp.com. URL consultato il 21 aprile 2007.
  17. ^ Gli "angeli" di Victoria's Secret da 4,6 miliardi di dollari, in Moda24 - Il Sole 24 ORE. URL consultato il 13 agosto 2017.
  18. ^ L Brands (Victoria’s Secret), ricavi 2015 a +6%, pambianconews.com, 5 febbraio 2016. URL consultato il 10 febbraio 2016.
  19. ^ Victoria's Secret in Italia con Percassi, ana.it. URL consultato il 23 marzo 2015.
  20. ^ Victoria’s Secret: lo scandalo del lavoro minorile, fanpage, 15 dicembre 2011. URL consultato il 2 giugno 2015.
  21. ^ Victoria's Secret, campagna Perfect Body sotto accusa: "basta vergognarsi del proprio corpo", parte la petizione online, excite, 29 ottobre 2014. URL consultato il 3 giugno 2015.
  22. ^ Le reazioni allo slogan “The perfect body” di Victoria’s Secret, curvitaly. URL consultato il 3 giugno 2015.
  23. ^ Victoria’s Secret dopo i costumi chiude anche l'abbigliamento, gli accessori e le scarpe, fashionblog.it, 25 maggio 2016. URL consultato il 28 maggio 2016.
  24. ^ Victoria's Secret teams up with coeds
  25. ^ (EN) Rachel Hilbert Named New Face Of Victoria’s Secret PINK, hollywoodlife, 10 giugno 2015. URL consultato l'11 giugno 2015.
  26. ^ (EN) Zuri Tibby Named Face Of Victoria's Secret Pink, Follows Alessandra Ambrosio, Behati Prinsloo, fashiontimes.com, 25 agosto 2016. URL consultato il 1 settembre 2016.
  27. ^ (EN) Gisele Bundchen, Victoria’s Secret Part Ways, in PEOPLE.com, 1° maggio 2007. URL consultato il 13 agosto 2017.
  28. ^ Heidi Klum quitting Victoria’s Secret, su Page Six, 30 settembre 2010. URL consultato il 13 agosto 2017.
  29. ^ Marisa Miller non lavora più per Victoria's Secret, gossipblog.it, gennaio 2010.
  30. ^ Miranda Kerr e Victoria's Secret: fine della collaborazione?, in Fashionblog.it. URL consultato il 13 agosto 2017.
  31. ^ Karlie Kloss and Doutzen Kroes Retires From Victoria’s Secret, rumorfix.com. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  32. ^ Karlie Kloss Leaving Victoria’s Secret, hollywoodlife.com. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  33. ^ a b c d e f g h i j Victoria’s Secret si allarga ecco i nuovi 10 angeli, lastampa.it. URL consultato il 29 aprile 2015.
  34. ^ Il nuovo angelo di Victoria: è l'attivista lgbt Josephine Skriver, repubblica.it, 20 febbraio 2016. URL consultato il 4 marzo 2016.
  35. ^ Victoria’s Secret conquista il Walk of Fame, styleforstyle.it, 15 novembre 2007. URL consultato il 26 novembre 2014.
  36. ^ Victoria's Secret Fashion Show 2012, Karlie Kloss con copricapo indiano: è polemica, lei.excite.it, 12 novembre 2012. URL consultato il 4 novembre 2015.
  37. ^ Rihanna: annullato il live per Victoria’s Secret, bluewin, 4 novembre 2015. URL consultato il 4 novembre 2015.
  38. ^ (EN) Did You Catch This Insane Lady Gaga Costume Change at the Victoria's Secret Show Last Night?, in Marie Claire, 06 dicembre 2016. URL consultato il 13 agosto 2017.
  39. ^ Balmain disegna una capsule collection per Victoria's Secret, vogue.it, 5 ottobre 2017. URL consultato il 17 novembre 2017.
  40. ^ Alexandria Sage, Spice Girls strut down Victoria's Secret runway, Reuters, 16 novembre 2007. URL consultato il 7 dicembre 2007.
  41. ^ Popcrunch, Will.i.am To Replace Kanye West, Popcrunch, 15 novembre 2007. URL consultato il 6 gennaio 2008.
  42. ^ A. B. C. News, Victoria's Secret Models Reveal Their Secrets, su ABC News, 20 novembre 2009. URL consultato il 13 agosto 2017.
  43. ^ As the runner-up to Victoria's Secret Model Search competition winner Kylie Bisutti, Jamie Lee Darley appeared in the broadcast, but not on the catwalk.
  44. ^ (EN) Karyn Monget, Victoria’s Secret Show Date Set, in WWD, 19 settembre 2011. URL consultato il 13 agosto 2017.
  45. ^ (EN) the Fashion Spot - View Single Post - Victoria's Secret Fashion Show 2011 - *Please see first post before posting* - #2, su forums.thefashionspot.com. URL consultato il 13 agosto 2017.
  46. ^ (EN) Victoria's Secret Fashion Show 2011 - *Please see first post before posting* - #2 - Page 29 - the Fashion Spot, su forums.thefashionspot.com. URL consultato il 13 agosto 2017.
  47. ^ Kanye, Jay-Z, Nicki Minaj, Maroon 5 Rock Victoria's Secret Fashion Show, in Billboard, 30 novembre 2011. URL consultato il 13 agosto 2017.
  48. ^ VSAllAccess Archiviato il 27 febbraio 2015 in Internet Archive.
  49. ^ Victoria's secret 2012 New York: Rihanna, Justin Bieber e Bruno Mars cantano mentre sfilano gli "angeli", su L’Huffington Post, 08 novembre 2012. URL consultato il 13 agosto 2017.
  50. ^ Victoria's Secret Fashion Show 2013: Taylor Swift super-ospite musicale. Niente One Direction, in Excite. URL consultato il 13 agosto 2017.
  51. ^ Victoria's Secret 2014: the angels, vogue.it. URL consultato il 6 novembre 2014.
  52. ^ Victoria's Secret Fashion Show 2014, gli angeli e le modelle, fashionblog.it. URL consultato il 10 novembre 2014.
  53. ^ ARIANA GRANDE, TAYLOR SWIFT E ED SHEERAN PER VICTORIA’S SECRET, bambini.eu, 18 novembre 2014. URL consultato il 19 novembre 2014.
  54. ^ Victoria's Secret Fashion Show 2015: la sfilata più famosa al mondo torna a New York City, styleandfashion, 11 settembre 2015. URL consultato l'11 settembre 2015.
  55. ^ Gli angeli di Victoria' Secret conquistano New York, La Repubblica, 11 novembre 2015. URL consultato l'11 novembre 2015.
  56. ^ Victoria’s Secret: Selena Gomez e Rihanna si esibiranno alla sfilata!, gingergeneration, 13 ottobre 2015. URL consultato il 14 ottobre 2015.
  57. ^ (EN) Lady Gaga to Perform at the 2016 Victoria's Secret Fashion Show, eonline.com, 1 novembre 2016. URL consultato il 1 novembre 2016.
  58. ^ Victoria’s Secret: già pronti per Shanghai i suoi «Angeli» misteriosi, corriere.it, 29 agosto 2017. URL consultato il 30 agosto 2017.
  59. ^ Victoria’s Secret Fantasy Bras (Yep, There are Two!) for 2014: Get the First Look and Exclusive Photos!, su PEOPLE.com, 1° novembre 2014. URL consultato il 13 agosto 2017.
  60. ^ Lindsay Ellingson scintillante di cristalli Swarovski, Elle.it, 15 novembre 2013. URL consultato il 1 novembre 2016.
  61. ^ 150 mila cristalli swarovsky per Victoria's secret, vanityfair.it, 27 novembre 2014. URL consultato il 1 novembre 2016.
  62. ^ (EN) Martha Hunt Teases Swarovski Lingerie For VS Fashion Show & It's A Must-See, bustle, 10 novembre 2015. URL consultato il 1 novembre 2016.
  63. ^ Josephine Skriver: look Swarovski per lo show di Victoria’s Secret, vogue.it, 2 novembre 2016. URL consultato il 3 novembre 2016.
  64. ^ (EN) Exclusive: Elsa Hosk to Unveil Victoria’s Secret Fashion Show’s Swarovski Look, wwd.com, 13 novembre 2017. URL consultato il 17 novembre 2017.
  65. ^ (EN) ‘I was the whitest girl on the stage!’ - Caitriona Balfe cringes at memory of Victoria’s Secret Fashion Show, su Independent, 2 giugno 2016. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  66. ^ (EN) An Interview With Victoria's Secret Angel Lais Ribeiro Before VS Show 2016, su TeenVogue, 5 dicembre 2016. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  67. ^ (EN) 'I'm so proud': Gigi Hadid is overcome with emotion moments before younger sister Bella makes her breathtaking debut at Victoria's Secret Fashion Show in Paris, su DailyMail, 6 dicembre 2016. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  68. ^ Cina, negato il visto agli angeli di Victoria's Secret: lo show a rischio, ilmessaggero.it, 16 novembre 2017. URL consultato il 17 novembre 2017.
  69. ^ Gigi Hadid, niente visto per la Cina: la top «punita» non sarà allo Show di Victoria’s Secret, corriere.it, 17 novembre 2017. URL consultato il 18 novembre 2017.
  70. ^ Victoria’s Secret: sfilata 2013. L'angelo più sexy? Lindsay Ellingson scintillante di cristalli Swarovski, elle.it, 15 novembre 2013. URL consultato il 18 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN133781201 · BNF: (FRcb13573727k (data)