Lukas Haas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lukas Haas nel 2007 al Tribeca Film Festival

Lukas Daniel Haas (West Hollywood, 16 aprile 1976) è un attore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Haas nasce a West Hollywood, cittadina poco distante da Los Angeles (in California), il 16 aprile del 1976, figlio di Berthold Haas, un pittore tedesco, e di Emily Tracy, una cantante e sceneggiatrice statunitense originaria del Texas. Ha due fratelli gemelli, Simon Jakoway e Nikolai Johannes, entrambi designer.

Debutta come attore bambino nel 1983 con una impegnativa parte drammatica nel film Testament, che subito lo segnala all'attenzione della critica.[1] Il successo presso il grande pubblico arriva nel 1985 grazie all'interpretazione del bambino amish nel film di Peter Weir Witness - Il testimone. In seguito partecipa al film I guerrieri del sole.

Negli anni successivi si divide tra produzioni televisive e film indipendenti. Nel 1989 recita in Music Box - Prova d'accusa, ma il film che rilancia la sua carriera è Boys al fianco di Winona Ryder; infatti in seguito viene scelto da Woody Allen per partecipare a Tutti dicono I Love You e da Tim Burton in Mars Attacks!.

Dopo aver partecipato nel 2004 ad alcuni episodi della serie tv 24, negli ultimi anni ha preso parte a film come Last Days, The Darwin Awards - Suicidi accidentali per menti poco evolute, Alpha Dog e Material Girls. Inoltre è apparso nel videoclip dei My Chemical Romance Welcome to the Black Parade e in quello degli Outkast Roses.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Lukas Haas è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John Holmstrom, The Moving Picture Boy, p.398.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Holmstrom, The Moving Picture Boy: An International Encyclopaedia from 1895 to 1995, Norwich, Michael Russell, 1996, p. 398.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN80489479 · LCCN: (ENn93059696 · ISNI: (EN0000 0001 1475 8996 · GND: (DE136085040 · BNF: (FRcb14023613v (data)