Ryan Gosling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ryan Thomas Gosling (London, 12 novembre 1980) è un attore, regista, sceneggiatore, produttore cinematografico, cantante e musicista canadese.

Ha iniziato la sua carriera da bambino, prima come membro del Mickey Mouse Club poi come interprete di serie televisive, tra cui Young Hercules. Inizia a lavorare per il cinema nel 2000 e si fa conoscere grazie ai film Il sapore della vittoria - Uniti si vince, Formula per un delitto e The Believer, per quest'ultimo ha ottenuto una candidatura all'Independent Spirit Awards come miglior attore per la sua interpretazione di un fanatico neo-nazista.

Dopo aver ottenuto il successo internazionale grazie alla pellicola romantica Le pagine della nostra vita, Gosling riceve la prima candidatura all'Oscar per il suo ruolo in Half Nelson. Nel 2008 riceve una candidatura ai Golden Globe per Lars e una ragazza tutta sua e nel 2011 un'ulteriore candidatura per Blue Valentine. Il 2011 si rivela un anno importante per l'attore, che è apparso in tre importanti film: la commedia Crazy, Stupid, Love, il dramma politico Le idi di marzo, per i quali ha ricevuto una doppia candidatura ai Golden Globe 2012, e il thriller Drive. Dopo questi successi recita la parte di Luke Glanton nel thriller Come un tuono diretto da Derek Cianfrance nel 2012. Nel 2014 debutta alla regia con il film Lost River.

Per la sua interpretazione nel film musicale La La Land vince il suo primo Golden Globe[1], film per il quale riceve anche la sua seconda candidatura al premio Oscar come miglior attore protagonista.

Gosling è anche un musicista, ha fondato il duo musicale indie rock Dead Man's Bones, ed è un attivista che si batte per varie cause umanitarie.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ryan Gosling è nato in Ontario, a London, ma è cresciuto a Cornwall, figlio di Donna, una segretaria, e Thomas Gosling, operaio in una cartiera.[2] È stato tolto dalla scuola elementare che frequentava, a causa delle difficoltà che aveva negli studi, ma soprattutto perché preso di mira dal bullismo dei compagni. Fu dunque educato a casa dalla madre.[3][4] Ha effettuato gli studi alla Cornwall Collegiate and Vocational High School, in seguito la famiglia Gosling si trasferisce a Burlington e Gosling studia presso la Lester B. Pearson High School.

I genitori, entrambi mormoni, divorziarono quando lui aveva 13 anni, ma non crebbe particolarmente devoto a questo credo. È cresciuto nella Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, esperienza che lo ha formato e gli ha scolpito il carattere.[5] Iniziò ad esibirsi in giovane età in spettacoli amatoriali, in compagnia della sorella maggiore Mandi.[6]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Gosling vive tra Toronto e Los Angeles.[7]

È stato legato sentimentalmente all'attrice Sandra Bullock dal 2002 al 2003, conosciuta sul set di Formula per un delitto.[8] Sul set del film Le pagine della nostra vita ha conosciuto l'attrice Rachel McAdams, con cui è stato fidanzato dal 2004 al 2007.[9] Durante la loro relazione la coppia aveva vinto un MTV Movie Award al miglior bacio.[10] Gosling ha definito la McAdams come "uno dei grandi amori della sua vita". Dal settembre del 2011 ha una relazione con l'attrice e modella Eva Mendes,[11] conosciuta sul set di Come un tuono. La coppia ha due figlieː Esmeralda Amada, nata il 12 settembre 2014,[12][13] e Amada Lee, nata il 29 aprile 2016.[14]

Nel 2008, Gosling ha supportato la campagna presidenziale di Barack Obama.[15] Nel 2010 è stato nominato uno degli uomini dell'anno dalla rivista GQ, come "Contender of the Year".[16] Assieme a due amici ha aperto a Beverly Hills un ristorante marocchino di nome Tagine.

Gosling ha sempre sostenuto varie cause, ha lavorato a stretto contatto con John Prendergast, cofondatore dell'Enough Project. Egli è un rappresentante di Hollywood per il Campus Progress National Conference dove ha parlato della situazione del Darfur.[17] Nel dicembre del 2010, ha viaggiato con il cofondatore dell'Enough Project, John Prendergast, e l'analista Fidel Bafilemba nel Congo orientale. Durante la loro visita a Goma e in altre zone della provincia del Kivu Nord, Gosling ha incontrato organizzazioni per la difesa dei diritti umani ed i sopravvissuti al violento conflitto in corso. Attraverso la raccolta di materiale video, Gosling intende accendere i riflettori sulle loro storie di coraggio, sopravvivenza e speranza.[18]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Ryan Gosling nel 2011

Nei primi anni novanta partecipò a dei provini per il Mickey Mouse Club, fu preso e vi lavorò come presentatore, cantante e ballerino dal 1993 al 1995, lavorando al fianco di coetanei che in seguito sarebbero diventate delle star, come Christina Aguilera, Justin Timberlake, Britney Spears e Keri Russell.

Dalla metà degli anni novanta intraprende la carriera di attore in serie tv e film di produzione canadese, tra cui Hai paura del buio?, La strada per Avonlea, Piccoli brividi e molte altre.[19] Dal 1997 al 1998 recita nelle serie televisiva Breaker High. All'età di 17 anni abbandona gli studi e si trasferisce in Nuova Zelanda, dove per due anni lavora nella serie televisiva Young Hercules, che racconta le gesta di un Ercole adolescente alla prese con la sua formazione da guerriero. Dopo il suo debutto cinematografico del 1997, con il film Il mio amico Frankenstein, nel 2000 ottiene il suo primo ruolo importante nel film Il sapore della vittoria - Uniti si vince, dove recita al fianco di Denzel Washington.

La sua popolarità cresce grazie alla sua interpretazione di uno skinhead ebreo nel controverso film The Believer, vincitore del premio della giuria al Sundance Film Festival.[20] Nel 2002 Gosling recita nel film sportivo The Slaughter Rule, presentato al Sundance Film Festival, seguito da Formula per un delitto presentato fuori concorso al Festival di Cannes 2002.[21] Poi è di nuovo al Sundance Film Festival 2003 per Il delitto Fitzgerald, dove ha recitato con Don Cheadle e Kevin Spacey.

Le pagine della nostra vita e Half Nelson[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 l'attore interpreta il protagonista maschile nel film Le pagine della nostra vita diretto da Nick Cassavetes, tratto dall'omonimo romanzo di Nicholas Sparks, grazie al quale ottiene successo e popolarità. Il film racconta la storia d'amore fra due giovani statunitensi durante gli anni quaranta.

Nel 2007, Gosling vince il premio come miglior attore agli Independent Spirit Awards per la sua interpretazione in Half Nelson.[22] Per lo stesso ruolo ottiene la sua prima candidatura all'Oscar come attore protagonista.[23] Da quel momento Gosling detiene anche il primato di essere il primo ex membro del cast del Mickey Mouse Club ad essere candidato all'Oscar e il primo attore canadese ad essere nominato come miglior attore in 62 anni, da quando Alexander Knox fu nominato nel 1944.[24]

Nel dicembre del 2007 ottiene una candidatura al Golden Globe 2008[25] per l'interpretazione dell'instabile Lars nel film Lars e una ragazza tutta sua di Craig Gillespie. Per lo stesso ruolo viene nominato al Screen Actors Guild Award, al Broadcast Film Critics Association e vince un Satellite Award. Nello stesso anno era stato inizialmente scelto da Peter Jackson per il suo film Amabili resti, ma in seguito fu sostituito da Mark Wahlberg, a causa di divergenze con il regista.[26] Nel 2007 recita al fianco di Anthony Hopkins ne Il caso Thomas Crawford di Gregory Hoblit.

Nel 2009 è co-protagonista al fianco di Michelle Williams nel dramma indipendente Blue Valentine, di Derek Cianfrance. Blue Valentine viene presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2010 come uno dei 16 film selezionati tra oltre 1000 candidature per il concorso U.S. Dramatic.[27] Dopo la prima mondiale il viene presentato al Festival di Cannes 2010 nella sezione Un Certain Regard e al Toronto International Film Festival,[28][29] permettendo sia a Gosling che alla Williams di ottenere una candidatura ai Golden Globe 2011.[30]

Nel 2010, l'attore è il narratore ReGeneration, un documentario di Phillip Montgomery che esplora il cinismo diffuso nei giovani di oggi e l'apatia della cultura contemporanea verso le cause sociali e politiche.[31]

Fama internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ryan Gosling al Festival di Cannes 2011.

Nel luglio del 2011 viene distribuito nelle sale statunitensi Crazy, Stupid, Love, commedia in cui recita al fianco di Steve Carell e Julianne Moore. A maggio 2011 viene presentato al Festival di Cannes il film indipendente Drive, diretto dal regista danese Nicolas Winding Refn, con cui inizia un sodalizio artistico.[32]

A settembre 2011 viene presentato in concorso alla 68ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia Le idi di marzo, quarta regia dell'attore George Clooney, di cui Gosling è protagonista al fianco dello stesso Clooney.

Per le sue interpretazioni cinematografiche del 2011, Gosling riceve numerose candidature ai premi internazionali, tra cui un Independent Spirit Awards e un Satellite Awards per la sua prova in Drive, e una doppia candidatura ai Golden Globe 2012, come interprete drammatico ne Le idi di marzo e come interprete brillante in Crazy, Stupid, Love.[33]

Nel gennaio 2013 viene distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi il film poliziesco Gangster Squad, in cui Gosling interpretata il sergente Jerry Wooters della polizia di Los Angeles, impegnato nella cattura del pericoloso criminale Mickey Cohen, interpretato da Sean Penn. Dopo essere stato presentato al Toronto International Film Festival nel settembre 2012, nel marzo 2013 viene distribuito Come un tuono, sua seconda collaborazione con Derek Cianfrance, dopo Blue Valentine. Gosling ha il ruolo principale di Luke, un motociclista che inizia a rapinare banche al fine di mantenere la sua famiglia, del cast fanno parte anche Bradley Cooper, Eva Mendes e Rose Byrne.

Nel 2012 completa le riprese di Solo Dio perdona di Nicolas Winding Refn, da cui era già stato diretto in Drive. Nel film Gosling interpreta l'americano Julien, che assieme al fratello, gestisce un club di thai boxe a Bangkok, quando il fratello viene ucciso, spinto dalla madre, cerca la sua vendetta. Inizialmente per il ruolo fu scelto l'attore Luke Evans, che dovette rinunciare al ruolo per il sovrapporsi delle riprese del film Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato e fu rimpiazzato da Gosling.[34] Per prepararsi al ruolo, Gosling ha intrapreso una formazione di muay thai.[35] Il film è stato selezionato per partecipare in concorso al Festival di Cannes 2013.[36]

Debutto alla regia con Lost River, il successo di La La Land e altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Ad inizio 2013 Gosling annuncia il suo debutto alla regia con la pellicola fantasy/noir How to Catch a Monster, basata su una sua sceneggiatura originale.[37] Le riprese sono iniziate a maggio 2013 a Detroit, sotto la produzione dalla Marc Platt Productions assieme alla Phantasma Films, fondata da Gosling nel 2012.[38] Del cast fanno parte Christina Hendricks, Saoirse Ronan, Eva Mendes, Matt Smith e l'australiano Ben Mendelsohn.[39] Il film cambia titolo in Lost River e viene selezionato per partecipare al Festival di Cannes 2014 nella sezione Un Certain Regard.[40]

Già nel 2011 Gosling considerò la possibilità di esordire alla regia con il remake di Rock Machine, ma il progetto non si concretizzò e Gosling accantonò l'idea per un conflitto di impegni.[41]

Nel 2015 è nel cast del film La grande scommessa, accanto a Christian Bale e Brad Pitt, quest'ultimo anche produttore della pellicola.[42] Nel 2016 è protagonista, insieme a Russell Crowe, della commedia d'azione The Nice Guys, diretta da Shane Black. Sempre nel 2016, Gosling è protagonista con Emma Stone di musical di Damien Chazelle La La Land, per cui vince il suo primo Golden Globe[43] e ottiene la sua seconda candidatura al premio Oscar come miglior attore protagonista. Dopo il successo di La La Land, il 7 dicembre 2016, assieme alla collega e amica Emma Stone, lascia le impronte delle mani e dei piedi al TCL Chinese Theatre.[44]

Nel 2017 è nel cast della pellicola Song to Song, assieme a Rooney Mara, Christian Bale, Michael Fassbender e Natalie Portman e diretto da Terrence Malick. Le riprese del film si sono svolte nel 2012 ma l'uscita nelle sale è sempre stata posticipata. In passato Gosling e Malick erano stati vicini nel lavorare assieme, quando nel 2004 firmò per il film biografico Che - L'argentino,[45] tuttavia, Malick abbandonò il progetto per dirigere The New World - Il nuovo mondo e Gosling per conflitti di programmazione con altri film.[46]

Assieme al produttore Ken Kao, Gosling ha fondato una società di produzione cinematografica e televisiva chiamata Arcana. Tra i primi progetti della società, la produzione di The Favorite del regista greco Yorgos Lanthimos.[47] Nello stesso anno Gosling sarà protagonista di Blade Runner 2049, sequel di Blade Runner, diretto da Denis Villeneuve.[48]

Carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

Ryan Gosling in concerto con la sua band Dead Man's Bones al FYF Fest 2010.

Gosling fa parte del gruppo musicale indie rock Dead Man's Bones. Il 25 dicembre 2008, i Dead Man's Bones hanno distribuito un video musicale e il download gratuito per il loro brano In The Room Where You Sleep, il 4 aprile 2009, la band ha pubblicato un altro video musicale per la loro canzone Name In Stone, attraverso MySpace e YouTube. L'album eponimo di debutto della band, con il coro di bambini della Silverlake Conservatory of Music, è stato pubblicato il 6 ottobre 2009 sotto l'etichetta ANTI- Records.[49] Nel 2010 hanno distribuito altri due video musicali per i brani Dead Hearts e Pa Pa Power. Gosling e l'altro membro dei Dead Man's Bones, Zach Shields, hanno intrapreso un tour nell'autunno del 2009 in giro per il Nord America.[50]

Gosling ha contribuito alle colonne sonore di alcuni suoi film; ha interpretato un brano per la colonna sonora di Lars e una ragazza tutta sua, ha scritto ed interpretato due brani per Blue Valentine[51] e ha interpretato due brani per La La Land; A Lovely Night e City Of Stars, quest'ultima ha vinto il Golden Globe per la migliore canzone originale.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Ryan Gosling è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Golden Globes 2017, trionfa La La Land: tutti i vincitori!, comingsoon.it. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  2. ^ (EN) The Oddball, Time. URL consultato il 3 aprile 2011.
  3. ^ Bio IMDb URL consultato il 3 aprile 2011
  4. ^ (EN) About Ryan Gosling, celebrityspider.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  5. ^ (EN) In Love with a Real Doll, beliefnet.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  6. ^ Bio
  7. ^ (EN) Ryan Gosling Is Stepping Up To A Studio Tent Pole With 'Logan's Run' Remake, deadline.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  8. ^ (EN) Sandra Bullock Wants Ryan Gosling Back?, gossipcop.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  9. ^ Fine di un amore, mtv.it. URL consultato il 3 aprile 2011.
  10. ^ Foto, movieplayer.it. URL consultato il 3 aprile 2011.
  11. ^ (EN) Ryan Gosling and Eva Mendes Take a Macabre Tour of Paris, People. URL consultato il 9 aprile 2012.
  12. ^ Ryan Gosling ed Eva Mendes sono genitori di una bambina, daringtodo.com. URL consultato il 18 settembre 2014.
  13. ^ Ecco il nome della figlia di Eva Mendez e Ryan Gosling, thegossipers.com, 10 ottobre 2014. URL consultato il 10 ottobre 2014.
  14. ^ Seconda figlia per Eva Mendes e Ryan Gosling
  15. ^ Foto (JPG), cdn.buzznet.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  16. ^ (EN) Ryan Gosling, Joseph Gordon-Levitt Named as GQ Men of the Year, entertainment.gather.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  17. ^ (EN) Supporting Roles: Ryan Gosling as Darfur Activist and Humble Star, Washington Post. URL consultato il 3 aprile 2011.
  18. ^ (EN) Actor Ryan Gosling Previews Original Footage From Congo on Jimmy Kimmel Live, huffingtonpost.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  19. ^ Filmografia IMDb URL consultato il 3 aprile 2011
  20. ^ (EN) The Believer wins Sundance Grand Jury Prize, filmfestivals.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  21. ^ (EN) Murder by Numbers, festival-cannes.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  22. ^ (EN) 2007 Independent Spirit Awards Winners, slashfilm.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  23. ^ (EN) Half Nelson, movies.yahoo.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  24. ^ (EN) Ryan Gosling pictures & biography, celebrityring.info. URL consultato il 3 aprile 2011.
  25. ^ Awards for Lars e una ragazza tutta sua IMDb URL consultato il 3 aprile 2011
  26. ^ Ryan Gosling rivela perché fu licenziato da Amabili Resti, badtaste.it. URL consultato il 3 aprile 2011.
  27. ^ (EN) Blue Valentine, sundance.bside.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  28. ^ (EN) Blue Valentine by Derek Cianfrance in Un Certain Regard, festival-cannes.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  29. ^ (EN) Blue Valetine, tiff.net. URL consultato il 3 aprile 2011.
  30. ^ (EN) Awards for Blue Valentine, IMDb. URL consultato il 3 aprile 2011.
  31. ^ (EN) Ryan Gosling to narrate Phillip Montgomery’s “ReGeneration”, hollywoodnews.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  32. ^ Ryan Gosling e Nicholas Winding Refn, di nuovo insieme sul set?, primissima.it. URL consultato il 10 agosto 2011.
  33. ^ Golden Globes 2012: sei nomination per The Artist, movieplayer.it. URL consultato il 15 dicembre 2011.
  34. ^ (EN) Ruolo protagonista, Imdb. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  35. ^ (EN) Ryan Gosling Calls Upcoming Project 'Only God Forgives' The "Strangest Thing" He’s Ever Read, indiewire.com. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  36. ^ Cannes 66: ecco tutti i film del Festival di Cannes 2013, badtaste.it. URL consultato il 10 maggio 2013.
  37. ^ Ryan Gosling debutta alla regia con How to Catch a Monster, primissima.it. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  38. ^ (EN) Phantasma Films in Santa Monica, California - Single Location, companies.findthecompany.com. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  39. ^ (EN) Saoirse Ronan in How to Catch a Monster, fantasy diretto da Ryan Gosling, badtaste.it. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  40. ^ Lost River: la prima immagine del film di Ryan Gosling, movieplayer.it. URL consultato il 18 aprile 2014.
  41. ^ Justin Timberlake rileva Rock Machine da Ryan Gosling, comingsoon.it. URL consultato il 7 luglio 2017.
  42. ^ La grande scommessa: trailer italiano del film con Brad Pitt, Ryan Gosling e Christian Bale, cineblog, 12 ottobre 2015. URL consultato il 14 ottobre 2015.
  43. ^ Ryan Gosling ai Golden Globe 2017: "Senza Eva Mendes non sarei qui, grazie tesoro!", comingsoon.it. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  44. ^ Emma Stone e Ryan Gosling lasciano le loro impronte su Hollywood Boulevard, movieplayer.it, 7 dicembre 2016. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  45. ^ (EN) Four joining forces for Malick's take on 'Che', Variety. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  46. ^ (EN) Regime change for 'Che', Variety. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  47. ^ (EN) Ryan Gosling, Ken Kao Form Production Company Arcana, Peg First Project With Emma Stone, deadline.com. URL consultato il 14 giugno 2017.
  48. ^ (EN) Matt Goldberg, Ryan Gosling Confirms He’s in ‘Blade Runner 2’; Talks Shane Black’s ‘The Nice Guys’, su Collider, 16 novembre 2015.
  49. ^ (EN) Dead Man's Bones, pitchfork.com. URL consultato il 3 aprile 2011.
  50. ^ (EN) Dead Man's Bones (Ryan Gosling and Zach Shields) Announce First Tour, pitchfork.com, 21 agosto 2009. URL consultato il 16 marzo 2014.
  51. ^ Filmografia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN24811430 · LCCN: (ENno2003074087 · ISNI: (EN0000 0001 1439 8361 · GND: (DE143427903 · BNF: (FRcb141825879 (data)