Mark Rylance

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Sir Mark Rylance, nome completo David Mark Rylance Waters (Ashford, 18 gennaio 1960), è un attore e drammaturgo britannico.

Considerato uno dei migliori attori teatrali britannici,[senza fonte] ha vinto tre Tony Awards e due Olivier Award. In televisione, ha vinto un BAFTA come miglior attore ed è stato candidato per un Emmy, un Golden Globe e uno SAG Award per il suo ruolo di Thomas Cromwell nella miniserie televisiva Wolf Hall (2015). In ambito cinematografico, è stato lodato per la sua interpretazione di Rudolf Abel ne Il ponte delle spie di Steven Spielberg (2015), per il quale si è aggiudicato l'Oscar al miglior attore non protagonista e il BAFTA al miglior attore non protagonista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Rylance è noto soprattutto come interprete teatrale, sia di classici shakespeariani che di opere moderne, ed è stato il direttore artistico del Globe Theatre dal 1995 al 2005. Per il suoi ruoli in teatro ha vinto due Tony Award e due Olivier Award. In televisione, ha vinto nel 2005 il suo primo BAFTA Award e nel 2015 ha interpretato Thomas Cromwell nella mini-serie tv Wolf Hall, da cui è stato candidato agli Emmy Award, Golden Globe e SAG Award.

Nel 2001 è stato protagonista, assieme a Kerry Fox, del film Intimacy - Nell'intimità, vincitore dell'Orso d'oro al Festival di Berlino. Nel 2015 ha interpretato Rudolf Abel ne Il ponte delle spie di Steven Spielberg, ruolo che gli è valso l'Oscar al miglior attore non protagonista nel 2016, il BAFTA Award e una nomination agli Screen Actors Guild Award e ai Golden Globe, sempre come miglior attore non protagonista. Nel 2016 è stato nuovamente diretto da Spielberg nel film fantasy Il GGG - Il grande gigante gentile. Nel 2017 è stato diretto dal suo connazionale Christopher Nolan in Dunkirk, film storico sulla battaglia di Dunkerque, insieme ad attori quali Tom Hardy, Cilian Murphy e Kenneth Branagh.

Torna di nuovo sul grande schermo nel 2018 con il film di fantascienza distopico Ready Player One, ancora una volta sotto la regia di Steven Spielberg. Nel film interpreta il co-fondatore dell'universo virtuale Oasis, J.D. Halliday, uomo schivo e con evidenti disturbi depressivi oltre che forti problemi sociali, che alla sua morte lancia una sfida a tutti i giocatori per conquistare la proprietà del gioco.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Rylance è sposato dal 1989 con la regista, sceneggiatrice e compositrice musicale Claire van Kampen.

Sostiene da molti anni Survival International, il movimento mondiale per i diritti dei popoli indigeni. È il testimonial della campagna internazionale dell'organizzazione per salvare gli ultimi Kawahiva del Brasile[1], una tribù incontattata che rischia l'estinzione a causa dell'invasione di taglialegna, allevatori, speculatori e minatori. Nell'ottobre 2015 ha dato la sua voce al video che contiene riprese uniche della tribù[2].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Oscar[modifica | modifica wikitesto]

Golden Globe[modifica | modifica wikitesto]

Premio BAFTA[modifica | modifica wikitesto]

Tony Award[modifica | modifica wikitesto]

Laurence Olivier Award[modifica | modifica wikitesto]

Screen Actors Guild Award[modifica | modifica wikitesto]

Critics' Choice Award[modifica | modifica wikitesto]

Satellite Award[modifica | modifica wikitesto]

AACTA Award[modifica | modifica wikitesto]

Premio Emmy[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015 - Candidatura a miglior attore in una miniserie o film tv per Wolf Hall

New York Film Critics Circle Award[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Mark Rylance è stato doppiato da:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor
«Per i servizi al teatro.»
— 31 dicembre 2016[5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87029822 · ISNI (EN0000 0001 2142 4660 · LCCN (ENno99010195 · GND (DE142013811 · BNF (FRcb14223260m (data)