Mark Strong

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mark Strong alla prima di Sherlock Holmes (2009)

Mark Strong, nato Marco Giuseppe Salussolia (Londra, 30 agosto 1963), è un attore britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mark Strong nasce nel 1963 a Londra da padre italiano e madre austriaca[1]. "Mark Strong" non è un nome d'arte, ma il vero nome dell'attore è stato cambiato dalla madre per aiutarlo ad integrarsi con i coetanei.[2] Studia presso il Wymondham College, dove si diploma con ottimi voti[3].

Al college di Wymondham era il cantante nonché leader di un gruppo punk rock chiamato "The Electric Hoax and Private Party". L'originale ambizione di Mark era di diventare avvocato, ma dopo aver studiato all'Università di Monaco e di ritorno a Londra decise di intraprendere la carriera nel cinema.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Alto 1,88 m, è sposato con Liza Marshall, da cui ha avuto due figli: Roman e Gabriel; la coppia risiede a Londra.[senza fonte]

Strong è poliglotta: parla fluentemente il tedesco e discretamente l'italiano, cosa che ricorda spesso durante alcune interviste. [4][5].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Mark Strong è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Imogen Edwards-Jones, Brightest star in Mamet's plow su Peter Gill, playwright and theatre director (from The Times), John Pavel, 14 marzo 2000. URL consultato il 18 agosto 2012.
  2. ^ Olga Craig, Mark Strong: how I put the fear factor into Sherlock Holmes in The Telegraph (London), 20 dicembre 2009.
  3. ^ Brightest star in Mamet's plow
  4. ^ Elizabeth Day, Robin Hood star Mark Strong: 'Real knights would have needed tea breaks' in The Observer (London), 9 maggio 2010. URL consultato il 6 luglio 2010.
  5. ^ Susan Griffin, Interview: Mark Strong in Yorkshire Evening Post, 13 maggio 2010. URL consultato il 6 luglio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN102429280 · LCCN: (ENno2005091684 · ISNI: (EN0000 0001 2031 8786 · GND: (DE138635684 · BNF: (FRcb16159296s (data)