Il processo ai Chicago 7

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il processo ai Chicago 7
The Trial of the Chicago 7 Netflix.png
Una scena del film
Titolo originaleThe Trial of the Chicago 7
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2020
Durata129 min
Rapporto2,39:1
Generedrammatico, storico, thriller
RegiaAaron Sorkin
SceneggiaturaAaron Sorkin
ProduttoreMarc Platt, Stuart Besser, Matt Jackson, Tyler Thompson
Produttore esecutivoWalter F. Parkes, Laurie MacDonald, Marc Butan, Anthony Katagas, James Rodenhouse, Nia Vazirani, Kristie Macosko Krieger, Lauren Lohman, Thorsten Schumacher, Shivani Rawat, Slava Vladimirov, Monica Levinson, Jared Underwood, Ryan Smith, Andrew Robinson, Nicole Shipley, Jan McAdoo, Steve Matzkin, Maurice Fadida, Sarah Schroeder-Matzkin
Casa di produzioneCross Creek Pictures, Dreamworks Pictures
Distribuzione in italianoNetflix
FotografiaPhedon Papamichael
MontaggioAlan Baumgarten
Effetti specialiEran Dinur
MusicheDaniel Pemberton
ScenografiaShane Valentino
CostumiSusan Lyall
TruccoRay Santoleri, Stephen M. Kelley
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7) è un film del 2020 scritto e diretto da Aaron Sorkin.

La pellicola narra del processo ai cosiddetti Chicago Seven, un gruppo di attivisti contro la guerra del Vietnam accusati di aver cospirato per causare lo scontro tra manifestanti e Guardia Nazionale avvenuto il 28 agosto 1968 a Chicago in occasione delle proteste alla convention del Partito Democratico.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 1968 Abbie Hoffman, Jerry Rubin, Tom Hayden, Rennie Davis, David Dellinger, Lee Weiner, John Froines e Bobby Seale si preparano a protestare alla Convention Nazionale Democratica di Chicago. Cinque mesi dopo, tutti e otto vengono arrestati e accusati di aver incitato alla rivolta. John N. Mitchell, il procuratore generale, nomina Tom Foran e Richard Schultz come procuratori, mentre tutti gli imputati, tranne Seale, sono rappresentati da William Kunstler e Leonard Weinglass. L'avvocato di Seale non può partecipare poiché è ricoverato in ospedale, il che porta il giudice Julius Hoffman a insistere che Kunstler rappresenti tutti e otto gli imputati, proposta che viene ripetutamente respinta sia da Kunstler che da Seale. Il giudice mostra un significativo pregiudizio a favore dell'accusa e inizia a rimuovere i giurati sospettati di simpatizzare con gli imputati, accusando inoltre gli imputati e i loro avvocati di molteplici oltraggi alla corte. Al processo vengono chiamati a testimoniare numerosi agenti di polizia locale sotto copertura e vari agenti dell'FBI.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 Steven Spielberg ha incontrato Aaron Sorkin per commissionargli una sceneggiatura per un film che sperava di dirigere sulla vicenda dei Chicago Seven, della quale Sorkin allora non era a conoscenza.[2][3] Spielberg ne ha supervisionato la stesura assieme ai produttori Walter F. Parkes e Laurie MacDonald,[2] con l'intenzione di farlo uscire prima delle elezioni presidenziali del 2008.[3] Il film è stato annunciato ufficialmente nel luglio 2007 come parte di un contratto di tre film che Sorkin avrebbe dovuto scrivere per la DreamWorks.[2] A dicembre Sacha Baron Cohen è entrato nel cast nel ruolo di Abbie Hoffman.[4] Il mese seguente Will Smith è entrato in trattative per interpretare Bobby Seale, mentre Spielberg pianificava di offrire la parte di Tom Hayden a Heath Ledger.[5] Nel febbraio 2008, tuttavia, la produzione del film è stata sospesa per timore di uno sciopero da parte della Screen Actors Guild simile a quello degli sceneggiatori della Writers Guild of America, cominciato nel novembre 2007 e terminato da poco.[6][7][8]

Mentre Sorkin continuava a lavorare alla sceneggiatura e Spielberg era alla ricerca di un cast di attori meno conosciuti per tenere basso il budget,[8] la produzione ha continuato a slittare e il regista ha abbandonato il film in favore di altri progetti.[9] Negli anni seguenti Paul Greengrass,[6][10] Ben Stiller,[11] Peter Berg e Gary Ross si sono susseguiti alla regia del film senza che questo riuscisse mai ad uscire dal development hell a causa del budget richiesto, ritenuto impossibile da recuperare al botteghino con un film del genere.[3][9] Nel frattempo Sorkin ha provato, senza successo, a trasformare la sceneggiatura inutilizzata in una pièce teatrale.[9]

In seguito al risultato elezioni presidenziali del 2016 e al successo al botteghino dell'esordio alla regia di Sorkin Molly's Game (2017), Spielberg ha deciso che i tempi fossero maturi per riesumare il progetto.[3][9] Il film è stato annunciato ufficialmente nell'ottobre 2018 con Sorkin alla regia,[12] mentre Spielberg è rimasto coinvolto nella produzione «in un ruolo emerito [...] elargendomi consigli in materia di sceneggiatura, casting e montaggio preliminare», nonché presenziando talvolta alle riprese.[9] Due mesi dopo, la produzione del film è stata nuovamente sospesa a causa di nuove incertezze sul budget,[13] riprendendo poi nel febbraio 2019 in seguito alle prime offerte sulla distribuzione,[14] che la Paramount Pictures si è aggiudicata nell'agosto 2019.[15]

Casting[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2018 Baron Cohen è stato il primo attore ad unirsi al cast, riprendendo lo stesso ruolo che aveva nel progetto del 2007, mentre Eddie Redmayne è entrato in trattative per quello di Hayden.[12][16] Nel novembre dello stesso anno Jonathan Majors è entrato in trattative per interpretare Seale.[17] Nel febbraio 2019 Redmayne, Majors, Seth Rogen, Joseph Gordon-Levitt e Alex Sharp si sono uniti al cast, mentre Michael Keaton è entrato in trattative per una parte.[18] Ad agosto Frank Langella e Mark Rylance si sono uniti al cast,[15] mentre a settembre dello stesso anno Jeremy Strong ha sostituito Rogen nel ruolo di Jerry Rubin.[19] Ad ottobre, Yahya Abdul-Mateen II ha rimpiazzato Majors, mentre Keaton, Kelvin Harrison Jr., William Hurt, J. C. MacKenzie, Thomas Middleditch e Max Adler si sono uniti al cast.[20][21][22][23]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono cominciate nell'ottobre 2019 e si sono tenute a Chicago e nel New Jersey (a Paterson, Hoboken e nella Contea di Morris).[9][24][25][26][27]

Il budget del film è stato di 35 milioni di dollari, di cui 11 milioni per il cast.[9]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film è stato diffuso il 13 settembre 2020.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Originariamente, Paramount Pictures avrebbe dovuto distribuire il film nelle sale cinematografiche statunitensi, in maniera limitata a partire dal 25 settembre 2020 ed ampia dal 16 ottobre seguente.[28][22] In seguito alla chiusura temporanea delle sale a causa della pandemia di COVID-19 negli Stati Uniti, il film è stato acquistato da Netflix nel giugno 2020 per 56 milioni di dollari.[29][30]

Netflix ha distribuito limitatamente il film in cento sale cinematografiche statunitensi a partire dal 25 settembre 2020,[31] mentre in Italia è stato distribuito in sala da Lucky Red dal 30 settembre.[32] Dopo i passaggi nelle sale cinematografiche, la pellicola è stata distribuita a livello globale sulla piattaforma streaming a partire dal 16 ottobre 2020.[1][33]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 90% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 7,80 su 280 recensioni positive su 159,[34] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 77 su 100 basato su 48 critiche.[35]

Richard Roeper, critico del Chicago Sun-Times, ha dato al film quattro stelle su quattro, aggiungendo che il film è uno dei migliori dell'anno;[36] Owen Gleiberman di Variety ha elogiato le performance di Sacha Baron Cohen ed Eddie Redmayne e la struttura del film scelta da Aaron Sorkin;[37] John DeFore del The Hollywood Reporter ha promosso il film descrivendolo come "avvincente, illuminante, tagliente ed erudito";[38] Eric Kohn di IndieWire.com ha dato al film una B ed ha elogiato Sacha Baron Cohen, capace di "rubare la scena".[39]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Filmato audio Netflix Italia, l processo ai Chicago 7 - Teaser ufficiale - Film Netflix, su YouTube, 13 settembre 2020. URL consultato il 14 settembre 2020.
  2. ^ a b c (EN) Michael Fleming Jr. e Pamela McClintock, Sorkin on 'Trial' at DreamWorks, in Variety, 12 luglio 2007. URL consultato il 23 settembre 2007.
  3. ^ a b c d (EN) David Ansen, First Look at Aaron Sorkin’s The Trial of the Chicago 7, su Vanity Fair, 22 luglio 2020. URL consultato il 14 settembre 2020.
  4. ^ (EN) John Harlow, No more jokes as Borat turns war protester, in The Sunday Times, 30 dicembre 2007. URL consultato il 31 dicembre 2007.
  5. ^ (EN) Will Smith Confirms Involvement in Spielberg’s CHICAGO 7, 15 gennaio 2008. URL consultato il 22 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2008).
  6. ^ a b (EN) Rebecca Ford, Paul Greengrass in Talks for Aaron Sorkin-Penned 'The Trial of the Chicago 7', su The Hollywood Reporter, 23 luglio 2013. URL consultato il 14 settembre 2020.
  7. ^ (EN) Nicole Sperling, Spielberg's 'Chicago 7' delayed, in Entertainment Weekly, 22 febbraio 2008. URL consultato il 23 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2008).
  8. ^ a b (EN) Nikki Finke, Spielberg Delays Start Of 'Chicago 7' Due To "Uncertainty Over A SAG Strike", su Deadline Hollywood, 22 febbraio 2008. URL consultato il 23 febbraio 2008.
  9. ^ a b c d e f g (EN) Rebecca Keegan, The Long Journey and Intense Urgency of Aaron Sorkin's 'The Trial of the Chicago 7', su The Hollywood Reporter, 23 settembre 2020. URL consultato il 24 settembre 2020.
  10. ^ (EN) Neil Miller, Paul Greengrass to Direct The Trial of the Chicago 7?, su filmschoolrejects.com, 10 agosto 2008. URL consultato il 10 agosto 2008.
  11. ^ (EN) Ben Stiller Might Direct Sorkin's The Trial of the Chicago 7?!, su firstshowing.net, 22 ottobre 2008. URL consultato il 14 settembre 2020.
  12. ^ a b (EN) Justin Kroll, Aaron Sorkin to Direct ‘Trial of the Chicago 7’ With Sacha Baron Cohen in Talks to Star (EXCLUSIVE), su Variety, 26 ottobre 2018. URL consultato il 14 settembre 2020.
  13. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Aaron Sorkin’s ‘Trial of the Chicago 7’ Put On Pause, su Deadline Hollywood, 12 dicembre 2018. URL consultato il 13 agosto 2019.
  14. ^ (EN) Aaron Sorkin’s ‘The Trial of the Chicago 7’ Moving Forward After Shutdown, su The Hollywood Reporter, 1º febbraio 2019. URL consultato il 13 agosto 2019.
  15. ^ a b (EN) Mike Fleming Jr., Paramount & Cross Creek Board Aaron Sorkin’s ‘Chicago 7;’ Frank Langella, Mark Rylance Join Sacha Baron Cohen, Eddie Redmayne, Joseph Gordon-Levitt, Jonathan Majors, su deadline.com, 9 agosto 2019.
  16. ^ Justin Kroll, Eddie Redmayne in Talks to Star in Aaron Sorkin’s ‘Trial of the Chicago 7’ (EXCLUSIVE), su Variety, 30 ottobre 2018. URL consultato il 13 agosto 2019.
  17. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Jonathan Majors In Talks To Play Black Panther Party Co-Founder Bobby Seale In Aaron Sorkin’s ‘Trial of the Chicago 7’, su Deadline Hollywood, 26 novembre 2018. URL consultato il 13 agosto 2019.
  18. ^ (EN) Hot Berlin Pic: Aaron Sorkin’s ‘Trial of the Chicago 7’ Adds Seth Rogen, Jonathan Majors, Joseph Gordon-Levitt & Heads To Market Before Summer Shoot, su Deadline Hollywood, 1º febbraio 2019. URL consultato il 13 agosto 2019.
  19. ^ (EN) Justin Kroll, ‘Succession’ Star Jeremy Strong Joins Aaron Sorkin’s ‘Trial of the Chicago 7’ (EXCLUSIVE), su Variety, 4 settembre 2019.
  20. ^ (EN) Justin Kroll, Aaron Sorkin’s ‘The Trial of the Chicago 7’ Adds ‘Aquaman’s’ Yahya Abdul-Mateen II (EXCLUSIVE), su Variety, 1º ottobre 2019.
  21. ^ (EN) Amanda N'Duka, ‘The Trial Of The Chicago 7’: Kelvin Harrison Jr Joins Aaron Sorkin-Helmed Feature, su Deadline Hollywood, 14 ottobre 2019.
  22. ^ a b (EN) Amanda N'Duka, Aaron Sorkin’s ‘The Trial Of The Chicago 7’ Gets October 2020 Release Date; Michael Keaton & More Board, su Deadline Hollywood, 25 ottobre 2019.
  23. ^ (EN) Jeff Sneider, Exclusive: Thomas Middleditch, Max Adler Join Aaron Sorkin’s ‘Trial of the Chicago 7’, su collider.com, 28 ottobre 2019. URL consultato il 28 ottobre 2019.
  24. ^ (EN) Adam Chitwood, Aaron Sorkin’s ‘Trial of the Chicago 7’ Gets New Life as Paramount Backs the Star-Studded Drama, su collider.com, 30 agosto 2019.
  25. ^ (EN) Nina Metz, Phoebe Waller-Bridge HBO series ‘Run,’ Aaron Sorkin film ’The Trial of the Chicago 7’ shooting here, in Chicago Tribune, 9 ottobre 2019.
  26. ^ (EN) Eric Kiefer, Filming For Major Movie In Hoboken Will Affect Traffic, su patch.com.
  27. ^ (EN) Amy Kuperinsky, Aaron Sorkin movie ‘The Trial of the Chicago 7’ filming at 2 N.J. colleges, su nj.com, New Jersey, 20 novembre 2019.
  28. ^ Trilby Beresford, Latest 'Transformers' Lands 2022 Release Date, in The Hollywood Reporter, 1º maggio 2020. URL consultato il 20 giugno 2020.
  29. ^ Andrea Bedeschi, Il processo ai Chicago 7 è finito su Netflix per colpa dei negazionisti del Coronavirus, su badtaste.it, 25 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020.
  30. ^ (EN) Andreas Wiseman, Netflix Closes $50M+ Global Deal For Aaron Sorkin’s ‘The Trial Of The Chicago 7’, su Deadline Hollywood, 1º luglio 2020. URL consultato il 1º luglio 2020.
  31. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, ‘Tenet’ Now At $41.2M In Domestic Pandemic Marketplace That Is Starving For Business & Tentpole Movies – Sunday Final, su Deadline Hollywood, 27 settembre 2020. URL consultato il 30 settembre 2020.
  32. ^ Il processo ai Chicago 7, dal 30 settembre al cinema e dal 16 ottobre su Netflix, su MyMovies.it, 14 settembre 2020. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  33. ^ (EN) Tom Brueggemann, Business as Usual? Netflix Follows ‘The Irishman’ Model for ‘The Trial of the Chicago 7’, su indiewire.com, 22 settembre 2020. URL consultato il 22 settembre 2020.
  34. ^ (EN) Il processo ai Chicago 7, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 2 gennaio 2021. Modifica su Wikidata
  35. ^ (EN) Il processo ai Chicago 7, su Metacritic, Red Ventures. URL consultato il 2 gennaio 2021. Modifica su Wikidata
  36. ^ (EN) Richard Roeper, ‘The Trial of the Chicago 7’: From an infamous event, Aaron Sorkin makes an instant classic, su Chicago Sun-Times, 24 settembre 2020. URL consultato il 30 settembre 2020.
  37. ^ (EN) Owen Gleiberman, ‘The Trial of the Chicago 7’ Review: Aaron Sorkin’s Counterculture Docudrama Is a Knockout — the Rare Profound Movie About the 1960s, su Variety, 24 settembre 2020. URL consultato il 30 settembre 2020.
  38. ^ (EN) John DeFore, 'The Trial of the Chicago 7': Film Review, su The Hollywood Reporter, 24 settembre 2020. URL consultato il 30 settembre 2020.
  39. ^ (EN) Eric Kohn, ‘The Trial of the Chicago 7’ Review: Sacha Baron Cohen Transforms Sorkin’s Old-School Courtroom Drama, su IndieWire.com, 24 settembre 2020. URL consultato il 30 settembre 2020.
  40. ^ Filmato audio Oscars, 93rd Oscars Nominations, su YouTube, 15 marzo 2021. URL consultato il 15 marzo 2021.
  41. ^ Fabio Fusco, GOLDEN GLOBE 2021: TUTTE LE NOMINATION, su Movieplayer.it, 3 febbraio 2021. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  42. ^ (EN) GOLDEN GLOBE WINNERS 2021: FULL LIST OF WINNERS AT THE 78TH GOLDEN GLOBE AWARDS, su Rotten Tomatoes, 28 febbraio 2021. URL consultato il 1º marzo 2021.
  43. ^ (EN) Ryan Adams, Chloe Zhao’s Nomadland Leads Chicago Film Critics Association 2020 Nominations, su awardsdaily.com, 18 dicembre 2020. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  44. ^ (EN) 2020 CIC Awards, su chicagoindiecritics.org, 3 gennaio 2021. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  45. ^ (EN) The Best of 2020 from NTFCA, su northtexasfilmcritics.com. URL consultato il 10 febbraio 2021.
  46. ^ a b Andrea Francesco Berni, Il processo ai Chicago 7 domina sia gli ACE Eddie che i Golden Reel Awards, su BadTaste.it, 18 aprile 2021. URL consultato il 18 aprile 2021.
  47. ^ (EN) Jacqueline Coley, NOMADLAND, ONE NIGHT IN MIAMI, THE MANDALORIAN, AND THE QUEEN'S GAMBIT AMONG AFI'S 2020 HONOREES, su Rotten Tomatoes, 25 gennaio 2021. URL consultato il 26 gennaio 2021.
  48. ^ Andrea Francesco Berni, Cherry, Mank e Nomadland tra i nominati ai premi della American Society of Cinematographers, su BadTaste.it, 10 marzo 2021. URL consultato il 12 marzo 2021.
  49. ^ Andrea Francesco Berni, Art Directors Guild: Mank, Pinocchio, Tenet tra i nominati di quest’anno, su BadTaste.it, 26 febbraio 2021. URL consultato il 26 febbraio 2021.
  50. ^ (EN) 2021 EE British Academy Film Awards: The Nominations, su British Academy Film Awards, 9 marzo 2021. URL consultato il 9 marzo 2021.
  51. ^ Sandra Orlando, Capri Hollywood: miglior film è Il processo ai Chicago 7, su taxidrivers.it, 4 gennaio 2021. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  52. ^ Andrea Francesco Berni, Cinema Audio Society Awards: Mank e Soul tra i nominati ai premi per il sonoro, su BadTaste.it, 3 marzo 2021. URL consultato il 3 marzo 2021.
  53. ^ (EN) Film nominees for the 26th annual Critics Choice Awards have been announced, su Critics' Choice Awards, 8 febbraio 2021. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  54. ^ Andrea Francesco Berni, Nomadland domina i Critics Choice Awards con quattro premi: tutti i vincitori, su BadTaste.it, 8 marzo 2021. URL consultato l'8 marzo 2021.
  55. ^ (EN) 2021 DIRECTORS GUILD AWARDS NOMINATIONS: THE FULL LIST, su Rotten Tomatoes, 9 marzo 2021. URL consultato il 10 marzo 2021.
  56. ^ Beatrice Pagan, LONDON CRITICS' CIRCLE FILM AWARDS 2021: SAINT MAUD DOMINA CON OTTO NOMINATION, su Movieplayer.it, 13 gennaio 2021. URL consultato il 13 gennaio 2021.
  57. ^ Beatrice Pagan, MTV MOVIE & TV AWARDS 2021: BORAT E WANDAVISION DOMINANO LE NOMINATION, su Movieplayer.it, 20 aprile 2021. URL consultato il 20 aprile 2021.
  58. ^ Valentina D'Amico, PGA 2021: NOMADLAND E IL PROCESSO AI CHICAGO 7 GUIDANO LE NOMINATION, su Movieplayer.it, 9 marzo 2021. URL consultato il 9 marzo 2021.
  59. ^ (EN) San Diego Film Critics Society 2020 Awards Nominations, su sdfcs.org, San Diego Film Critics Society Awards, 8 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021.
  60. ^ (EN) 2020 NOMINEES, su pressacademy.com, International Press Academy, 1º febbraio 2021. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  61. ^ (EN) 2020 WINNERS, su pressacademy.com, 15 febbraio 2021. URL consultato il 16 febbraio 2021.
  62. ^ (EN) NOMINATIONS ANNOUNCED FOR THE 27TH ANNUAL SCREEN ACTORS GUILD AWARDS, su Screen Actors Guild Award, 4 febbraio 2021. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  63. ^ Beatrice Pagan, SAG AWARDS 2021: THE CROWN E MA RAINEY'S BLACK BOTTOM TRA I VINCITORI, CHADWICK BOSEMAN MIGLIOR ATTORE, su Movieplayer.it, 5 aprile 2021. URL consultato il 5 aprile 2021.
  64. ^ (EN) 'Nomadland' Finds a Home with WAFCA Critics, su Washington D.C. Area Film Critics Association. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  65. ^ (EN) 2021 Writers Guild Awards Nominees, su Writers Guild of America. URL consultato il 17 febbraio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]