John Lithgow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
John Lithgow a Central Park nel 2007

John Arthur Lithgow (Rochester, 19 ottobre 1945) è un attore, scrittore e cantautore statunitense.

Negli Stati Uniti d'America deve molta della sua popolarità al ruolo di Dick Solomon, il protagonista della sitcom Una famiglia del terzo tipo (3rd Rock from the Sun) trasmessa dalla NBC (1996-2001), e anche al ruolo di Arthur "Trinity Killer" Mitchell nella serie televisiva Dexter. Le sue interpretazioni, sia teatrali che cinematografiche (e anche radiofoniche), lo hanno portato a vincere 6 Emmy Award, 3 Golden Globe e 2 Tony Award, oltre a ricevere 2 candidature ai Premi Oscar.

Alla carriera di attore ha affiancato anche quella di cantante, ricevendo 4 candidature ai Grammy Award.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sua madre, Sarah Jane Price, era un'attrice ritirata dalle scene, mentre suo padre, Arthur Lithgow, era un produttore teatrale nonché un direttore di teatro. Ottenuta una borsa di studio per la prestigiosa Harvard, vi si laurea nel 1967 (magna cum laude). Successivamente rimane ad Harvard come membro del Board of Overseers.

John Lithgow ai Premi Emmy 1988

Decide di intraprendere la carriera artistica dopo aver recitato a Harvard nell'opera Utopia, Limited di Gilbert e Sullivan[1]. Nel 1973 debutta a Broadway nella commedia Lo spogliatoio di David Storey. Per questa sua interpretazione riceve sia il Tony che il Drama Desk Award come miglior attore. L'anno seguente recita a fianco di Lynn Redgrave nella commedia My Fat Friend e nel 1976 con Meryl Streep nella commedia A Memory of Two Mondays di Arthur Miller. Successivamente ottiene ancora due candidature al Tony Award per Una faccia piena di pugni nel 1985 e M. Butterfly nel 1988.

Durante la sua carriera cinematografica, Lithgow ottiene due candidature al premio Oscar al miglior attore non protagonista, la prima nel 1983 per la sua interpretazione di Roberta Muldoon in Il mondo secondo Garp, la seconda l'anno seguente, quando interpreta la parte di Sam Burns in Voglia di tenerezza. Nel 1983 interpreta John Valentine in Ai confini della realtà, remake di un famoso episodio dell'omonima serie classica, Nightmare at 20,000 Feet. Nel 1984 è il dottor Emilio Lizardo/Lord John Whorfin, uno psicotico fisico italiano posseduto da un alieno malvagio, nel film Buckaroo Banzai, quindi interpreta l'ingegnere aerospaziale Walter Curnow nel film 2010 - L'anno del contatto, sequel del classico di fantascienza 2001: Odissea nello spazio.

Lithgow ha anche partecipato al film-documentario The Day After - Il giorno dopo (1983), interpretando il Dr.Huxley, ruolo che gli valse una candidatura per l'Emmy come Miglior attore non protagonista in una mini-serie TV. Altre due candidature per l'Emmy, come Miglior attore protagonista in una mini-serie TV, gli arrivano per Resting Place (1986) e My Brother's Keeper (1995). Nel 1986 riceve l'Emmy come Miglior attore non protagonista in una serie drammatica per la sua interpretazione nell'episodio La bambola nella serie Storie incredibili (serie televisiva 1985). Nel 1992 ha il ruolo di protagonista nel thriller psicologico Doppia personalità, diretto da Brian De Palma. Nel 1993 interpreta il cattivo Eric Qualen nel film Cliffhanger di Sylvester Stallone. Dal 1987 al 1991 è il protagonista della sitcom Harry e gli Henderson, in cui una tipica famiglia americana si ritrova a convivere con un bigfoot che lentamente (e non senza problemi) diventa un membro effettivo della famiglia.

Dal 1996 al 2001 interpreta Dick Solomon, probabilmente il personaggio che più gli ha dato notorietà, nella sitcom Una famiglia del terzo tipo. La serie dura 6 stagioni e per ognuna di esse Lithgow ottiene la candidatura per l'Emmy come "Miglior attore protagonista in una sitcom" vincendolo 3 volte (1996, 1997, 1999). Inizia la sua carriera musicale nel 1999, anno del lancio del suo primo disco per bambini Singin' in the Bathtub. Tre anni dopo pubblica il suo secondo album Farkle and Friends, disco prodotto per accompagnare il libro per bambini da lui scritto The Remarkable Farkle McBride. Alla registrazione partecipa Bebe Neuwirth con accompagnamento della Bill Elliott Swing Orchestra.

John Lithgow legge un libro ad alcuni bambini nel 2007

Nel 2001 dà la voce al personaggio di Lord Farquaad nel film di animazione Shrek. Nel 2002 John vince ancora il Tony per la sua interpretazione di J.J. Hunsecker, protagonista nell'adattamento teatrale del film drammatico Piombo rovente (1957), mentre nel 2005 riceve una nuova candidatura per lo stesso premio con il musical Dirty Rotten Scoundrels (che aveva avuto già una trasposizione cinematografica nella commedia Due figli di...). Dal 2005 John Lithgow fa parte dell'American Theatre Hall of Fame.

Nel 2006 è co-protagonista con Jeffrey Tambor nella sitcom della NBC Twenty Good Years e, nell'agosto, pubblica The Sunny Side of the Street, il suo terzo album per bambini, che contiene anche delle versioni rivisitate di alcuni brani classici presi dal Great American Songbook. È il presentatore di Paloozaville[2], un programma per bambini sulla TV via cavo, basato sui libri da lui scritti. Nel 2009 entra nel cast della quarta stagione di Dexter, nel ruolo del serial killer Trinity, per il quale vince il Golden Globe 2010 come Miglior attore non protagonista in una serie, miniserie o film tv.

Interprete del padre di Barney Stinson in How I Met Your Mother, ha pubblicato vari libri per l'infanzia, tra cui The Remarkable Farkle McBride e Marsupial Sue, che sono stati nella bestseller list del New York Times. Altri libri da lui pubblicati sono Marsupial Sue Presents "The Runaway Pancake", Lithgow Party Paloozas!: 52 Unexpected Ways to Make a Birthday, Holiday, or any Day a Celebration for Kids, The Carnivale of Animals, A Lithgow Palooza: 101 Ways to Entertain and Inspire Your Kids, I'm a Manatee, Micawber, e Mahalia Mouse Goes to College. John Lithgow ha lavorato anche alla radio, dando voce a Yoda per la trasposizione radiofonica di Guerre stellari in L'Impero colpisce ancora e Il ritorno dello Jedi.

Tra il 2016 e il 2019 ha preso parte alla serie televisiva The Crown, in cui interpreta magistralmente la figura del Primo Ministro del Regno Unito Winston Churchill.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Si è sposato due volte: prima nel 1966 con Jean Taynton, da cui ha avuto un figlio, Ian (1972); dal 1981 è sposato con la docente Mary Yeager, da cui ha avuto due figli: Phoebe (1982) e Nathan (1983).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Lo spogliatoio (The Changing Room) (Tony Award - Best Featured Actor in a Play) (1973)
  • My Fat Friend (1974)
  • Trelawny of the "Wells" (revival) (1975)
  • A Memory of Two Mondays (1976)
  • Boy Meets Girl (revival)(regista) e Secret Service (revival) (1976)
  • Comedians (1976)
  • Anna Christie (revival) (1977)
  • Once in a Lifetime (revival) (1978)
  • Spokesong (1979)
  • Division Street (1980)
  • Beyond Therapy (1982)
  • Una faccia piena di pugni (Requiem for a Heavyweight) (candidatura per il premio Tony - Miglior attore protagonista) (1985)
  • The Front Page (1986)
  • M. Butterfly (candidatura per il premio Tony - Miglior attore protagonista) (1988)
  • Piombo rovente (Sweet Smell of Success) (Tony come miglior attore in un Musical) (2002)
  • The Retreat From Moscow (2003)
  • Dirty Rotten Scoundrels (candidatura per il premio Tony - Miglior Attore in un Musical) (2005)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Singin' in the Bathtub (1999, Sony Wonder)
  • The Sunny Side of the Street (2006, Razor & Tie)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premi Oscar

American Comedy Award

BAFTA

  • 2017 - Candidatura al miglior attore non protagonista per The Crown

Critic's Choice Television Award

  • 2016 - Miglior attore non protagonista in una serie drammatica per The Crown

Drama Desk Awards

Premi Golden Globe

  • 1997 - Miglior attore protagonista in una serie commedia o musicale per Una famiglia del terzo tipo
  • 1998 - Candidatura al miglior attore protagonista in una serie commedia o musicale per Una famiglia del terzo tipo
  • 1999 - Candidatura al miglior attore protagonista in una serie commedia o musicale per Una famiglia del terzo tipo
  • 2010 - Miglior attore protagonista in una serie televisiva, miniserie o film per le TV per Dexter
  • 2017 - Miglior attore protagonista in una serie televisiva, miniserie o film per le TV per The Crown

Premi Grammy

  • 2003 - Candidatura al miglior album parlato per bambini per Ogden Nash's the Christmas that Almost wasn't
  • 2005 - Candidatura al miglior album parlato per The World According to Mr. Rogers
  • 2005 - Candidatura al miglior album parlato per bambini per Il carnevale degli animali
  • 2007 - Candidatura al miglior album musicale per bambini per The Sunny Side of the Street

Los Angeles Film Critics Association Award

New York Film Critics Circle Award

People's Choice Award

Premi Emmy

Satellite Award

  • 1997 - Miglior attore in una serie televisiva musicale o commedia per Una famiglia del terzo tipo
  • 1998 - Candidatura al miglior attore in una serie televisiva musicale o commedia per Una famiglia del terzo tipo
  • 2009 - Miglior attore non protagonista in una serie, miniserie o film per la TV per Dexter

Saturn Award

Screen Actors Guild Award

Tony Award

  • 1973 - Miglior attore non protagonista in un'opera teatrale per The Changing Room
  • 1984 - Candidatura al miglior attore protagonista in un'opera teatrale per Una faccia piena di pugni
  • 1988 - Candidatura al miglior al miglior attore protagonista in un'opera teatrale per M. Butterfly
  • 2002 - Miglior attore protagonista in un musical per Piombo rovente
  • 2005 - Candidatura al miglior attore protagonista in un musical per Dirty Rotten Scoundrels
  • 2012 - Candidatura al miglior attore protagonista in un'opera teatrale per The Columnist

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, John Lithgow è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 'Stupid mistake' changed John Lithgow's life - for the better < PopMatters
  2. ^ Copia archiviata, su magrack.com. URL consultato il 20 giugno 2007 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2007).
  3. ^ Entrambi i doppiaggi.
  4. ^ Nell'episodio 3x01, è stato doppiato da Pietro Ubaldi

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN119676409 · ISNI (EN0000 0001 0939 4876 · LCCN (ENn87922147 · GND (DE1020299142 · BNF (FRcb139715157 (data) · BNE (ESXX1292068 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n87922147