Richard Kiley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Richard Kiley nello show antologico The United States Steel Hour (1960)

Richard Paul Kiley (Chicago, 31 marzo 1922Warwick, 5 marzo 1999) è stato un attore statunitense.

È conosciuto per aver cantato per la prima volta The Impossible Dream (The Quest), tratto dal musical di Broadway Man of la Mancha del 1965, e per aver interpretato il ruolo del califfo nel musical Kismet del 1953. Durante la sua carriera ha vinto tre Emmy Awards, due Golden Globe e due Tony Awards.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Richard Kiley con Peter Falk nella serie televisiva Colombo (1974)

Kiley è nato nell'Illinois, cresciuto come un cattolico. Si è diplomato al Mount Carmel High School di Chicago nel 1940 e dopo un anno alla Loyola University Chicago[1] ha lasciato per studiare recitazione presso la Barnum Dramatic School. Ha iniziato a lavorare come attore e annunciatore radiofonico prima di trasferirsi a New York, dove ha studiato musica con Ray Smolover[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Kiley ha recitato in Kismet, No Strings di Richard Rodgers di cui ha scritto musica e testi, I Had a Ball con Buddy Hackett, Redhead, Man of La Mancha e The Max Incomparable .

Ha vinto il Tony Award come miglior attore in un musical. Il duplice ruolo di Miguel de Cervantes e Don Chisciotte è uno dei pochi ruoli che implica sia quello del protagonista, sia quello di un attore caratterista contemporaneamente, anziché il classico eroe bello che conquista la ragazza. Kiley ha dichiarato che si era stancato del solito ruolo da protagonista, ma fu sempre riconoscente per aver avuto la possibilità di interpretarlo.

Ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Kiley ha vinto numerosi Emmy Awards e Golden Globe per il suo lavoro in televisione, tra cui Uccelli di rovo (1983) e Un anno nella vita (1986-1988). Kiley è apparso anche in un episodio di Star Trek: Deep Space Nine.

Ha fatto da voce nel film Jurassic Park (1993) di Steven Spielberg e fino al 1998 a diversi documentari di network televisivi.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Kiley è morto a causa di una malattia del midollo osseo, un mese prima del suo 77º compleanno. Le luci dei teatri di Broadway si sono spente in suo onore.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tom Vallance, Obituary: Richard Kiley in The Independent (Londra), 11 marzo 1999.
  2. ^ (EN) Earl Wilson, Off the Grapevine in The Blade, 22 settembre 1977. URL consultato il 18 febbraio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN34667961 · LCCN: (ENn84002597 · ISNI: (EN0000 0001 1053 213X · GND: (DE134822927 · BNF: (FRcb141934775 (data)