George Rose

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

George Rose (Bicester, 19 febbraio 1920Sosúa, 5 maggio 1988) è stato un attore inglese.

Nato a Bicester, figlio di un macellaio, Rose studiò alla Central School of Speech and Drama[1]. Dopo il diploma, lavorò per un breve periodo come impiegato e segretario. Dopo il servizio militare e gli studi a Oxford, fece il suo debutto all'Old Vic nel 1946[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Rose passò quattro anni nella compagnia dell'Old Vic e fece il suo debutto a Broadway nel 1946 in una produzione dell'Enrico IV. Continuò a recitare a New York City per il resto del decennio, dopodiché rientrò in Inghilterra e si unì alla Royal Shakespeare Company[2]. Tornò a Broadway per interpretare Dogberry in Molto rumore per nulla nel 1959. Due anni dopo, fu co-protagonista dell'acclamata pièce Un uomo per tutte le stagioni, prima a Londra e poi a New York. Da allora apparve in lavori teatrali e cinematografici statunitensi.

Rose fece il suo debutto al cinema con Midnight Frolics nel 1949 e nella sua carriera interpretò più di 30 film, tra i quali sono da ricordare Il Circolo Pickwick (1952), Track the Man Down (1955), Titanic, latitudine 41 nord (1958), Hawaii (1966), È ricca, la sposo e l'ammazzo (1971) e I pirati di Penzance (1983)[2]. Rose partecipò anche alla serie televisiva Beacon Hill (1975), la versione americana di Su e giù per le scale. Altre apparizioni accreditate furono nelle serie Naked City, Trials of O'Brien, Hallmark Hall of Fame e nella miniserie Holocaust.

A Broadway, tra gli altri ruoli, interpretò Gravedigger nell'Amleto del 1964 di John Gielgud, un magazziniere sospetto in Slow Dance on Killing Ground (1964) di William Hanley, un duro soldato in La grande strage dell'impero del sole di Peter Shaffer (1965), e il detective in Loot di Joe Orton (1968). La sua prima nomination ai Tony Award fu per la sua interpretazione di Louis Greff, un amico di Coco Chanel, nel musical Coco (1969). Nella commedia del 1974 My Fat Friend, vinse un Drama Desk Award, battendo Lynn Redgrave, e ricevette un'altra nomination ai Tony. Nel 1976, vinse finalmente il Tony per l'interpretazione di Alfred P. Doolittle nella rivisitazione per Broadway di My Fair Lady. Ricevette anche ottime critiche per le sue interpretazioni in Devil's Disciple, Peter Pan e The Kingfisher; per quest'ultimo vinse il Drama Desk Award nel 1979.

Nel 1980 apparve nel ruolo del Generale Maggiore Stanley nell'adattamento di Joe Papp dell'opera comica The Pirates of Penzance di Gilbert e Sullivan, i cui co-protagonisti erano Kevin Kline e Linda Ronstadt. Per questo ruolo ricevette un'altra nomination ai Tony e partecipò anche all'adattamento cinematografico dell'opera, I pirati di Penzance, uscito nel 1983. Rose vinse il suo secondo Tony nel 1986, per l'adattamento di Rupert Holmes di The Mystery of Edwin Drood.

Rose morì nel 1988, a 68 anni, durante una pausa della tournée di Drood.[3]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Rose era appassionato di creature esotiche, infatti il suo animale da compagnia era una lince. Aveva anche una collezione di dischi che contava più di 17.000 esemplari[1].

Nel 1984 comprò una casa per le vacanze a Sosúa, nella Repubblica Dominicana, dove passò molto del suo tempo libero. Rose era omosessuale e non ebbe mai una famiglia o un partner duraturo. Secondo quanto riferito, desiderava avere un erede. Poco dopo il suo trasferimento a Sosúa, si prese cura di un ragazzo di 14 anni, contribuì al suo mantenimento e progettò di lasciargli il suo patrimonio. Adottò legalmente il ragazzo nel gennaio 1988[2].

Il 5 maggio 1988, durante una pausa di due settimane della tournè di Drood, Rose fu picchiato a morte dal figlio adottivo e da altri tre uomini. Gli assalitori, tra cui il padre biologico e lo zio del ragazzo, tentarono di far apparire la morte come conseguenza di un incidente stradale, ma presto confessarono di averlo ucciso[2]. Nonostante un periodo di detenzione, i quattro uomini non furono mai sottoposti a un processo e vennero infine rilasciati[1].

George Rose è sepolto in una tomba senza nome in un cimitero vicino alla sua casa a Sosúa[1].

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Premi
Nomination
  • 1970 Tony Award come Miglior attore non protagonista in un musical - Coco
  • 1975 Tony Award come Miglior attore non protagonista in uno spettacolo - My Fat Friend
  • 1977 Drama Desk Award come Miglior attore non protagonista in un musical - She Loves Me
  • 1981 Drama Desk Award come Miglior attore in un musical - The Pirates of Penzance
  • 1981 Tony Award come Miglior attore in un musical - The Pirates of Penzance

Produzioni teatrali[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Alix Kirsta, The Killing of Mr. George, in The Sunday Times, 25 maggio 1997. URL consultato il 7 giugno 2008.
  2. ^ a b c d e Dennis Hevesi, Dominican Police Say 4 Men Killed George Rose, in New York Times, 13 maggio 1988. URL consultato il 7 giugno 2008.
  3. ^ George Rose Biography, in filmreference, 2008. URL consultato il 7 giugno 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN35770645 · LCCN: (ENn81026233
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie