Charles Durning

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Charles Durning a Washington nel 2008

Charles Durning (Highland Falls, 28 febbraio 1923New York, 24 dicembre 2012) è stato un attore statunitense.

Noto caratterista nel cinema americano, è stato candidato due volte all'Oscar come migliore attore non protagonista e ha vinto un Tony Award nel 1990 per la sua interpretazione ne La gatta sul tetto che scotta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Penultimo di cinque figli, sua madre Louise Leonard (1894–1982) era una lavandaia di West Point, mentre suo padre James Durning (originariamente Durnion, 1883-1939) era un immigrato irlandese che aveva ottenuto la cittadinanza americana prestando servizio nell'esercito.[1] Lo stesso Charles, all'età di 21 anni, servì l'esercito statunitense prendendo parte alla campagna di Normandia, partecipando anche allo sbarco durante il D-Day, ed alla battaglia delle Ardenne[2][3] Per il suo valore e le ferite riportate durante la guerra, a Durning furono conferite quattro medaglie, una Silver Star e tre Purple Heart, e nel 2008 gli venne conferita la Legion d'onore per essersi distinto in azioni di guerra nel territorio francese[4].

Al ritorno dal fronte decise di intraprendere la carriera d'attore, e si iscrisse all'Accademia americana di arti drammatiche a New York, avendo come compagni di corso, tra gli altri, Conrad Bain e Don Rickles, ma ne fu espulso poiché fu ritenuto privo di talento. Dopo una serie di piccole parti soprattutto per la televisione, nei primi anni settanta Durning ottenne ruoli significativi nel cinema, in film come Hi, Mom! (1970) e Le due sorelle (1973) di Brian De Palma e Un uomo senza scampo (1970) di John Frankenheimer. Tuttavia la sua carriera ebbe una svolta solo nel 1973 con il ruolo del corrotto tenente Snyder nel film La stangata di George Roy Hill. Da quel momento iniziò per Durning una carriera intensa, caratterizzata da centinaia di interpretazioni per il cinema e la televisione, in ruoli da comprimario di peso, con frequenti interpretazioni di uomini in divisa.

Negli anni settanta Durning prese parte ad autentici cult movie come Prima pagina (1974), Quel pomeriggio di un giorno da cani (1975), Ultimi bagliori di un crepuscolo (1976), Fury (1978). Nel decennio successivo, dopo L'assoluzione (1981) di Ulu Grosbard, l'attore recitò in Il più bel Casino del Texas (1982) di Colin Higgins, con cui vide riconosciuto in maniera ufficiale il proprio talento e ottenne una candidatura all'Oscar come migliore attore non protagonista. Il film evidenzia la dimestichezza di Durning con i ruoli brillanti, confermata successivamente dalle interpretazioni in film come Tootsie (1982) di Sydney Pollack, Essere o non essere (1983) di Mel Brooks e Il grande imbroglio (1986) di John Cassavetes, che aprirono nuovi orizzonti alla sua carriera.

Nel 1990 entrò nel cast della sitcom Evening Shade, di cui interpreterà ben 98 episodi nell'arco di quattro stagioni. Nonostante l'impegno sul piccolo schermo, Durning non rallentò il ritmo delle sue apparizioni cinematografiche, che in questi anni comprendono film come Dick Tracy (1990), Detective coi tacchi a spillo (1991), Mister Hula Hoop (1994), Genio per amore (1994), A casa per le vacanze (1995). Dalla fine degli anni novanta, la carriera di Durning si incentrò in lavori televisivi e produzioni a basso budget, ma l'attore apparve ancora in pellicole di richiamo, come Fratello, dove sei? (2000) e Hollywood, Vermont (2000).

Grazie ai numerosi ruoli televisivi, Durning collezionò nove nomination agli Emmy Awards e nel 1990 vinse un Golden Globe per la miniserie I Kennedy (The Kennedys of Massachusetts). Nel 2008 ricevette un premio alla carriera all'annuale Screen Actors Guild Award e nello stesso anno entrò a far parte della Hollywood Walk of Fame, al fianco del suo idolo James Cagney.

Morì a New York il 24 dicembre 2012, all'età di 89 anni[5].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze statunitensi[modifica | modifica wikitesto]

Silver Star - nastrino per uniforme ordinaria Silver Star
Purple Heart (3 volte) - nastrino per uniforme ordinaria Purple Heart (3 volte)
European-African-Middle Eastern Campaign Medal - nastrino per uniforme ordinaria European-African-Middle Eastern Campaign Medal
World War II Victory Medal - nastrino per uniforme ordinaria World War II Victory Medal

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Legion d'onore (Francia)
— 2008

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Charles Durning è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CHARLES DURNING; Healing the Wounds of Normandy
  2. ^ Scott Baron, They Also Served: June 6, 1944: The Longest Day [collegamento interrotto], in G.I. Jobs website, G.I. Jobs Online, gennaio 2007. URL consultato l'8 gennaio 2007.
  3. ^ War Hero on Walk of Fame by Solvej Schou (Associated Press)
  4. ^ VFrance honors wartime service of Charles Durning Archiviato il 26 giugno 2008 in Internet Archive.
  5. ^ Charles Durning, 'king of character actors,' dies

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN62988826 · ISNI (EN0000 0001 1446 0508 · LCCN (ENn85201929 · GND (DE139324305 · WorldCat Identities (ENn85-201929