Andrew Garfield

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrew Garfield

Andrew Russell Garfield (Los Angeles, 20 agosto 1983) è un attore britannico con cittadinanza statunitense.

L'attore fa il suo esordio sul grande schermo nel 2007 con il film Leoni per agnelli e sempre nel 2007 vince un British Academy Television Awards come miglior attore grazie alla sua interpretazione nel film per la televisione Boy A. Nel 2010, per il ruolo di Eduardo Saverin in The Social Network, ha ricevuto la sua prima nomination ai Golden Globe e a molti altri premi. Raggiunge la notorietà nel 2012, recitando nel ruolo di Peter Parker nel film The Amazing Spider-Man. Nel 2016 la sua interpretazione nel ruolo di Desmond Doss in La battaglia di Hacksaw Ridge di Mel Gibson gli è valsa la nomination ai Golden Globe, BAFTA, Screen Actors Guild Award, Satellite Award e al Premio Oscar al miglior attore.

Alla carriera cinematografica ha affiancato anche numerose e apprezzate performance teatrali sui palchi di Londra e Broadway, recitando in drammi come Romeo e Giulietta (Manchester), Morte di un commesso viaggiatore (2011) ed Angels in America - Fantasia gay su temi nazionali (2017-2018), per cui ha vinto il Tony Award al miglior attore protagonista in un'opera teatrale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Garfield nasce a Los Angeles il 20 agosto 1983, figlio di madre inglese, Lynn Hillman, e padre statunitense, Richard Garfield. Suo fratello maggiore è un medico, mentre i suoi nonni paterni hanno origini ebraiche. Vive in California fino all'età di tre anni, quando la sua famiglia si trasferisce in Inghilterra, ad Epsom, nella regione del Surrey.[1] All'età di soli nove anni appare in una commedia intitolata Bugsy Malone,[2] ma è all'età di sedici anni che si avvicina al mondo dello spettacolo, grazie ad un amico che lo convince a frequentare una scuola di recitazione. L'attore inizialmente frequenta la Preparatory School di Banstead e più tardi la City of London Freemen's School, ad Ashtead, per poi studiare recitazione presso la prestigiosa Royal Central School of Speech and Drama di Londra, dove si diplomerà nel 2004.[3][4]

Nello stesso anno vince il Men Theater Award per la sua performance nella commedia teatrale Kes. Nel ottobre del 2007 la famosa rivista Variety (rivista) lo inserisce tra i "10 attori da tenere d'occhio",[5] mentre il mese successivo interpreta uno studente universitario americano nel film Leoni per agnelli e, nello stesso anno, vince il premio BAFTA per la sua interpretazione nel film Boy A, distribuito sulle televisioni britanniche da channel 4.[6] Nel 2008 appare nel film L'altra donna del re e nel 2009 interpreta Anton nel film Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo, sempre nel 2009 recita nella trilogia di film polizieschi Red Riding, andata in onda nel Regno Unito su channel 4.[7] Il 2010 lo vede recitare nel film Non lasciarmi, tratto dal omonimo romanzo dello scrittore giapponese Kazuo Ishiguro e nel film The Social Network, dove interpreta Eduardo Saverin, cofondatore di Facebook; grazie alla sua prestazione è candidato per la prima volta ai Golden Globe.[8] L'attore è stato scelto per il ruolo del protagonista Peter Parker nel reboot sull'Uomo Ragno, The Amazing Spider-Man, diretto da Marc Webb[9] e uscito nelle sale cinematografiche italiane il 4 luglio 2012. Sempre nel 2012 debutta a Broadway nel dramma di Arthur Miller, Morte di un commesso viaggiatore, con Philip Seymour Hoffman nel ruolo del protagonista; per la sua performance Garfield viene candidato al Tony Award al miglior attore non protagonista in uno spettacolo.

Nel 2014 Garfield riprende il ruolo di Spider-Man nel film The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro. Nello stesso anno, ha co-prodotto e recitato nel thriller 99 Homes, film sulla crisi immobiliare americana, diretto da Ramin Bahrani.[10] L'attore avrebbe dovuto recitare nei sequel della serie "The Amazing Spider-Man", ma nonostante i buoni risultati ottenuti al box-office e le lodi della critica che avevano portato Garfield a candidarsi ad alcuni premi, tra cui i MTV Movie & TV Awards, l'attore è stato costretto ad abbandonare il ruolo del protagonista in seguito ad un accordo siglato tra Marvel Studios e Sony, volto a portare il personaggio dell'Uomo Ragno nel Marvel Cinematic Universe.[11] Nel 2016 ha ricoperto il ruolo del protagonista nell'acclamato film storico Silence, di Martin Scorsese, tratto dal romanzo omonimo dello scrittore Shūsaku Endō, in cui è accompagnato dai colleghi Adam Driver e Liam Neeson ed interpreta un prete partito per il Giappone nel tentativo di diffondere il cristianesimo e di salvare il suo mentore, sparito anni prima in una spedizione. Nello stesso anno recita in un altro film storico di grande successo: La battaglia di Hacksaw Ridge di Mel Gibson, in cui interpreta Desmond Doss, primo obiettore di coscienza nella storia statunitense, che servì l'esercito americano come medico durante la Battaglia di Okinawa. Grazie al ruolo di Desmond Doss ne La battaglia di Hacksaw Ridge ha ottenuto la nomination ai Golden Globe, BAFTA, Screen Actors Guild Award, al Premio Oscar al miglior attore e ad altri numerosi premi.[12] Nel 2017 è accompagnato dall'attrice Claire Foy nel film drammatico Ogni tuo respiro, diretto da Andy Serkis. Nel film, tratto da una storia vera, Garfield veste i panni di Robin Cavendish, giovane mercante inglese, ammalatosi di poliomielite e costretto a terminare i suoi giorni su una sedia a rotelle. Per prepararsi al meglio l'attore ha trascorso molto tempo con il figlio (produttore del film) e la moglie di Cavendish, al fine di imitare nel modo migliore i movimenti, il modo di parlare e di respirare di coloro che sono affetti dalla poliomielite.[13][14] Dall'aprile 2017 ricopre il ruolo di Prior Walter, un ragazzo omosessuale malato di AIDS nel revival del National Theatre del dramma di Tony Kushner, Angels in America - Fantasia gay su temi nazionali, con Nathan Lane e Russell Tovey.[15] Per prepararsi al ruolo l'attore ha dichiarato di aver visto tutte le puntate del reality America's Next Drag Queen, di RuPaul.[16] Nel 2018 torna a Broadway con Angels in America e grazie alla sua performance è candidato ai Laurence Olivier Awards e vince gli Evening Standard Awards, i Drama Desk Award, gli Outer Critics Circle Award ed i prestigiosi Tony Award al miglior attore protagonista in un'opera teatrale. Una volta salito sul palco, l'attore ha dedicato la vittoria del premio alla comunità LGBT con il suo discorso.[17] Sempre nel 2018 è occupato nel film Under the Silver Lake, un thriller diretto da David Robert Mitchell, presentato al Festival di Cannes 2018.[18]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Garfield ha cittadinanza sia inglese sia americana; nel 2009 in un'intervista rilasciata al "Sunday Herald", ha dichiarato di sentirsi a casa sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito.[19] Dal 2008 al 2011 è stato fidanzato con l'attrice Shannon Woodward e sempre nel 2008 è diventato Ambasciatore dello Sport per la Worldwide Orphans Foundation (WWO).[20][21][22] Garfield è anche noto per le poche interviste rilasciate in merito alla sua vita privata, in più di un'occasione infatti l'attore ha dichiarato di non sentire il bisogno di parlare della propria vita privata in pubblico. In un'intervista si è anche rifiutato di rilasciare delle informazioni in merito alla sua relazione con la collega Emma Stone, con cui è stato fidanzato fino al 2015 e che ha conosciuto sul set del film The Amazing Spider-Man[23][24] In un'intervista rilasciata ad "Out Magazine", riguardante lo spettacolo Angels in America - Fantasia gay su temi nazionali, in merito al suo orientamento sessuale, Garfield ha dichiarato di avere un'apertura verso qualsiasi impulso.[25][26]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Andrew Garfield ed Emma Stone nel 2014

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in lingua italiana dei suoi lavori, Andrew Garfield è stato doppiato da:

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Laurence Olivier Award
Evening Standard Award
Premio Oscar
Golden Globe
Screen Actors Guild Award
Critics' Choice Awards
MTV Movie Awards
Satellite Award
Saturn Awards 2010
Kids' Choice Awards
Tony Award
British Independent Film Awards 2010
London Critics Circle Film Awards
AACTA Award
Hollywood Film Festival
Evening Standard British Film Awards
Premio BAFTA

Drama Desk Award

Outer Critics Circle Award

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) John Hiscock, A child's dream come true: Andrew Garfield, 26 settembre 2010. URL consultato il 19 giugno 2018.
  2. ^ (EN) Andrew Garfield: Spiderman... with a hint of Surrey, in The Independent. URL consultato il 18 giugno 2018.
  3. ^ (EN) Central graduate Andrew Garfield interviewed at the Embassy Theatre | The Royal Central School of Speech and Drama, su www.cssd.ac.uk. URL consultato il 19 giugno 2018.
  4. ^ Priory Preparatory celebrates 90 year anniversary (From Your Local Guardian), su web.archive.org, 27 novembre 2013. URL consultato il 19 giugno 2018.
  5. ^ (EN) Karen Idelson, Andrew Garfield, in Variety, 20 ottobre 2007. URL consultato il 20 giugno 2018.
  6. ^ (EN) BAFTA winning drama Boy A starring Andrew Garfield comes to All 4 - Channel 4 - Info - Press, su www.channel4.com. URL consultato il 18 giugno 2018.
  7. ^ Angels in America: a gay fantasia on national themes. Pt. 2: Perestroika, in Choice Reviews Online, vol. 32, nº 01, 1º settembre 1994, pp. 32–0147-32-0147, DOI:10.5860/choice.32-0147.
  8. ^ (EN) The New York Times, List of Golden Globe Nominees and Winners. URL consultato il 20 giugno 2018.
  9. ^ (EN) It's Official! Andrew Garfield to Play Spider-Man! - ComingSoon.net, in ComingSoon.net, 2 luglio 2010. URL consultato il 18 giugno 2018.
  10. ^ La crisi immobiliare americana raccontata da Andrew Garfield, Michael Shannon e Ramin Bahrani, in ComingSoon.it. URL consultato il 18 giugno 2018.
  11. ^ (IT) Kevin Feige parla dell'accordo Sony/Marvel per Spider-Man, in MondoFox, 22 giugno 2017. URL consultato il 18 giugno 2018.
  12. ^ (EN) Joanna Robinson, Did Andrew Garfield Just Lock up His First Ever Oscar Nomination?, in HWD. URL consultato il 19 giugno 2018.
  13. ^ (IT) Andrew Garfield pioniere tra i disabili apre il London Film Festival, in Spettacoli - La Repubblica, 5 ottobre 2017. URL consultato il 19 giugno 2018.
  14. ^ (EN) Rebecca Rubin, Andrew Garfield on Learning About Polio for ‘Breathe’: ‘I Love the Research Period’, in Variety, 30 novembre 2017. URL consultato il 19 giugno 2018.
  15. ^ (EN) Susannah Clapp, Angels in America review – Kushner’s epic ‘gay fantasia’ flies again, in The Observer, 7 maggio 2017. URL consultato il 3 ottobre 2017.
  16. ^ (EN) Andrew Garfield faces backlash after saying 'I am a gay man just without the physical act', in The Independent. URL consultato il 20 giugno 2018.
  17. ^ (IT) Chiara Maffioletti, Garfield vince l’Oscar del teatro e diventa paladino dei diritti gay, in Corriere della Sera. URL consultato il 19 giugno 2018.
  18. ^ (EN) 'Under the Silver Lake': Film Review | Cannes 2018, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 19 giugno 2018.
  19. ^ (EN) Andrew Garfield Trivia: 45 interesting facts about the actor! | Useless Daily: The amazing facts, news & trivia free newsletter!, su www.uselessdaily.com. URL consultato il 19 giugno 2018.
  20. ^ British Spider-Man star Andrew Garfield splits from girlfriend Shannon Woodward after three year romance, in Mail Online. URL consultato il 20 giugno 2018.
  21. ^ Those British Boys: Andrew Garfield talks about WWO with InStyle Magazine, su web.archive.org, 22 giugno 2014. URL consultato il 19 giugno 2018.
  22. ^ Andrew Garfield in un commovente spot per i bambini orfani del WWO! - ScreenWEEK.it Blog, in ScreenWEEK.it Blog, 24 agosto 2014. URL consultato il 19 giugno 2018.
  23. ^ (EN) Will Lawrence, Andrew Garfield: a sensitive superhero, su the Guardian, 13 aprile 2014. URL consultato il 19 giugno 2018.
  24. ^ (EN) Andrew Garfield Jokingly Says F--k Off When Asked About Emma Stone, in E! Online. URL consultato il 19 giugno 2018.
  25. ^ (EN) Andrew Garfield on Stage Fright, Spirituality & His Role in Broadway's 'Angels in America', 8 febbraio 2018. URL consultato il 19 giugno 2018.
  26. ^ (IT) Andrew Garfield sulla sessualità: 'Sono aperto a ogni impulso', in FoxLife, 9 febbraio 2018. URL consultato il 19 giugno 2018.
  27. ^ (EN) MTV Movie Awards 2015: See The Full Winners List, mtv.com, 12 aprile 2015. URL consultato il 19 aprile 2015.
  28. ^ (EN) MTV Movie Awards 2015 Winners, mtv.com, 12 aprile 2015. URL consultato il 19 aprile 2015.
  29. ^ Kids Choice Awards 2015: Ecco tutti i vincitori!, su www.gingergeneration.it. URL consultato il 20 aprile 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61374636 · ISNI (EN0000 0001 1876 8702 · LCCN (ENno2008178694 · GND (DE139448721 · BNF (FRcb16186364b (data)