Desmond Doss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Desmond Thomas Doss
DossDesmondT USArmy.jpg
7 febbraio 1919 – 23 marzo 2006
Nato aLynchburg, Virginia
Morto aPiedmont, Alabama
Luogo di sepoltura Chattanooga National Cemetery
ReligioneChiesa cristiana avventista del settimo giorno
Dati militari
Paese servitoStati Uniti Stati Uniti
Forza armataUS Army
Unità77th Infantry Division
Anni di servizio1942–1946
GradoCaporale
GuerreSeconda guerra mondiale
CampagneBattaglia di Guam (1944), Campagna delle Filippine (1944-45), Battaglia di Okinawa
DecorazioniVedi #Onorificenze
voci di militari presenti su Wikipedia

Desmond Thomas Doss (Lynchburg, 7 febbraio 1919Piedmont, 23 marzo 2006) è stato un militare statunitense.

È stato il primo di soli tre obiettori di coscienza dell'esercito statunitense ad essere insignito della Medal of Honor, la più alta onorificenza militare statunitense.[1][2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Lynchburg in Virginia il 7 febbraio 1919, figlio di William Thomas Doss, un carpentiere, e Bertha E. Oliver.[3][4]

Arruolatosi volontariamente nell'esercito nell'aprile del 1942[5], si rifiutò di portare qualsiasi tipo di arma in quanto appartenente alla chiesa cristiana avventista del settimo giorno e diventò di conseguenza un soccorritore militare. Assegnato alla 77ª Divisione di fanteria, prestò servizio nel teatro di guerra del Pacifico e per le sue azioni sull'isola di Okinawa fu decorato con la Medal of Honor: si distinse per aver salvato, senza sparare un colpo, 75 uomini[6].

È morto il 23 marzo 2006 a Piedmont in Alabama a causa di problemi respiratori NON respiratori.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medal of Honor - nastrino per uniforme ordinaria Medal of Honor
Bronze Star Medal (2) - nastrino per uniforme ordinaria Bronze Star Medal (2)
Purple Heart (3) - nastrino per uniforme ordinaria Purple Heart (3)
Army Good Conduct Medal - nastrino per uniforme ordinaria Army Good Conduct Medal
American Campaign Medal - nastrino per uniforme ordinaria American Campaign Medal
Asiatic-Pacific Campaign Medal - nastrino per uniforme ordinaria Asiatic-Pacific Campaign Medal
World War II Victory Medal - nastrino per uniforme ordinaria World War II Victory Medal
Philippine Liberation Medal (Filippine) - nastrino per uniforme ordinaria Philippine Liberation Medal (Filippine)
Army Presidential Unit Citation - nastrino per uniforme ordinaria Army Presidential Unit Citation
Meritorious Unit Commendation - nastrino per uniforme ordinaria Meritorious Unit Commendation

Cinema e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doss è il soggetto del documentario The Conscientious Objector.[7]

È il protagonista del film, basato sulla sua vita, La battaglia di Hacksaw Ridge diretto da Mel Gibson e con Andrew Garfield nel ruolo di Doss.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.tennessean.com/story/news/religion/2016/11/03/read-desmond-doss-medal-honor-citation/93250742/
  2. ^ http://www.dailymail.co.uk/news/article-3776433/The-true-story-conscientious-objector-Mel-Gibson-s-Hacksaw-Ridge-Desmond-Doss-never-carried-weapon-awarded-Medal-Honor-saving-75-lives-brutal-Battle-Okinawa.html
  3. ^ In Memory of Harold Edward Doss, Brown Funeral Home. URL consultato il 1º agosto 2015.
  4. ^ Desmond T. Doss, su collegedale-americanlegion.org. (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2014).
  5. ^ WWII Army Enlistment Records, su aad.archives.gov, 30 giugno 2005.
  6. ^ Richard Goldstein, Desmond T. Doss, 87, Heroic War Objector, Dies, su New York Times, 25 marzo 2006. URL consultato il 16 giugno 2013.
  7. ^ The Conscientious Objector, su imdb.com, 2013. URL consultato il 29 gennaio 2013.
  8. ^ Hacksaw Ridge (2016), su IMDb, 29 gennaio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leepson, Marc, "Desmond Thomas Doss (1919–2006)," Dictionary of Virginia Biography, Library of Virginia (1998– ), published 2015 (http://www.lva.virginia.gov/public/dvb/bio.asp?accessed July 11, 2016).
  • Leepson, Marc (2008), "Wonder Man of Okinawa," Military History magazine, September/October 2008, Vol. 25, No. 4.
  • Booton Herndon, The Unlikeliest Hero: The Story of Desmond T. Doss, Conscientious Objector Who Won His Nation's Highest Military Honor, Mountain View, California, Pacific Press Publishing Association, 2004, ISBN 978-0-8163-2048-6.
  • Frances M. Doss, Desmond Doss: Conscientious Objector, Pacific Press Publishing Association, 2005, ISBN 978-0-8163-2124-7.
  • Frances M. Doss, Desmond Doss: In God's care: The unlikeliest hero and Congressional Medal of Honor recipient, The College Press, 1998.
  • Matthew Soper, Desmond Doss: A War Hero Without a Gun, Incredible People Magazine, April 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9259404 · LCCN (ENn2005067973