Emma Stone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emma Stone alla premiere britannica della miniserie TV Maniac nel 2018
Statuetta dell'Oscar Oscar alla miglior attrice 2017

Emma Stone, pseudonimo di Emily Jean Stone, (Scottsdale, 6 novembre 1988), è un'attrice e doppiatrice statunitense.


Nel 2017 viene acclamata dalla critica per la sua interpretazione nei panni di Mia Dolan nel pluripremiato film musicale La La Land, per il quale ha vinto l'Oscar alla miglior attrice, il Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia o musicale, lo Screen Actors Guild Award per la migliore attrice cinematografica, il BAFTA alla migliore attrice protagonista, e la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile alla 73ª Mostra del cinema di Venezia.

Ha ricevuto altre due candidature al Premio Oscar nella categoria miglior attrice non protagonista, nel 2015 e nel 2019, per la sua interpretazione rispettivamente nel film Birdman e ne La favorita.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Emily Jean Stone nasce a Scottsdale, in Arizona, figlia di Krista Jean Stone, una casalinga, e di Jeffrey Charles Stone, fondatore e CEO di una società di appalti generali.[1][2] Ha un fratello minore, Spencer.[3] Il nonno paterno, proveniva da una famiglia svedese che ha convertito il proprio cognome in "Stone" quando sono emigrati negli Stati Uniti attraverso Ellis Island. Ha inoltre delle origini tedesche, inglesi, scozzesi ed irlandesi.[4]

Da bambina aveva le "coliche del neonato" e piangeva frequentemente; di conseguenza ha sviluppato noduli e calli sulle corde vocali da piccola.[5] Soffriva di attacchi di panico,[6] che le hanno causato un declino nelle sue capacità sociali.[7] E' stata sottoposta ad una terapia, ma ha affermato che sono state le sue partecipazioni ad alcuni spettacoli teatrali, a curare gli attacchi.[6] L'attrice ha ricordato:

La prima volta che ho avuto un attacco di panico, ero a casa di un amico e credevo che la casa stesse bruciando. Ho chiamato mia madre che mi ha subito riportato a casa. Andavo in infermeria quasi tutti i giorni e mi torcevo continuamente le mani. Chiedevo a mia madre come sarebbe stata la giornata, e trenta secondi dopo glie lo chiedevo nuovamente. Sentivo solamente il bisogno di sapere che nessuno sarebbe morto e che nulla sarebbe cambiato.[6]

Ha studiato alla Sequoya Elementary School e frequentato la Cocopah Middle School, anche se non era una grande amante della scuola.[8] Voleva recitare sin dall'età di quattro anni;[9] inizialmente voleva una carriera negli sketch comici, ma spostò la sua attenzione verso il teatro musicale, prendendo lezioni di canto per diversi anni.[10] Ha debuttato come attrice all'età di undici anni, in una produzione teatrale de Il vento tra i salici, interpretando la parte di Otter.[11] L'attrice ha avuto un'istruzione domiciliare per due anni, durante i quali è apparsa in sedici diverse produzioni teatrali al Valley Youth Theathre a Phoenix, tra cui La principessa sul pisello e Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie, esibendosi inoltre con una compagnia d'improvvisazione teatrale.[12] In seguito i suoi genitori, la mandarono a delle lezioni private di recitazione con un insegnante che aveva lavorato presso la William Morris Agency.[2]

Ha frequentato lo Xavier College Preparatory, una scuola superiore cattolica femminile, ma abbandonò dopo un semestre per diventare un'attrice.[1] Preparò una presentazione con PowerPoint per i suoi genitori, intitolata "Project Hollywood", per convincerli a lasciarla trasferire in California e intraprendere la carriera d'attrice.[10] Nel gennaio del 2004, si trasferì assieme alla madre in un appartamento a Los Angeles.[2][6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Esordi (2004-2008)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 ha fatto il suo debutto televisivo nel reality show The New Partridge Family,[13] ed è in seguito apparsa nella serie Lucky Louie di Louis C.K.,[6] Zack e Cody al Grand Hotel, Malcolm e nel dramma d'azione Drive, cancellato dopo sette episodi.[1]

Nel 2007 debutta sul grande schermo nella commedia Suxbad - Tre menti sopra il pelo, al fianco di Jonah Hill. Un recensore della rivista The Hollywood Reporter, la definì "attraente", ritenendo però che il suo ruolo fosse stato scritto male.[14] L'attrice ha definito la sua prima esperienza cinematografica come "incredibile ma, molto diversa dalle altre esperienza avute in passato".[15] Il film è stato un successo e le è valso il Young Hollywood Awards come Exciting New Face.[16][17]

Nel 2008 prende parte alla commedia The Rocker - Il batterista nudo, interpretando la bassista di una band, ruolo con il quale ha imparato a suonare il basso.[18] Lo stesso anno recita in La coniglietta di casa, diventato un discreto successo al botteghino,[19] ricevendo recensioni generalmente negative,[20] che elogiavano però la sua interpretazione.[21]

La rivelazione (2009-2011)[modifica | modifica wikitesto]

Emma Stone nel 2012

Nel 2009 recita al fianco di Matthew McConaughey in La rivolta delle ex, pellicola basata liberamente sul romanzo Canto di Natale di Charles Dickens, che la vede interpretare un fantasma che perseguita il suo ex fidanzato.[22] Successivamente recita nella commedia horror Benvenuti a Zombieland, al fianco di Woody Harrelson e Jesse Eisenberg. Nel film interpreta una truffatrice sopravvissuta ad un'apocalisse zombie, performance elogiata da un critico della rivista The Daily Telegraph, che l'ha definita come "un biscotto duro che proietta l'aura d'essere più saggia dei suo anni".[23] E' inoltre co-protagonista nel film Paper Man, commedia drammatica che non convinse la critica.[24]

Nel 2010 presta la sua voce ad un Australian Shepherd nel film Sansone, commedia basata sul fumetto di Brad Anderson.[25] Lo stesso anno arriva la svolta con il ruolo da protagonista nel film Easy Girl, commedia diretta da Will Gluck.[26] Basato in parte sul romanzo storico La lettera scarlatta di Nathaniel Hawthorne. La pellicola ha ricevuto molte recensioni positive dalla critica e la sua performance è stata considerata la risorsa principale.[27] Con questo ruolo si è aggiudicata una candidatura ai British Academy Film Awards come miglior stella emergente,[28] ai Golden Globe come miglior attrice in un film commedia o musicale,[29] e vincendo un MTV Movie Awards per la miglior performance comica.[30]

Nell'ottobre del 2010 ha condotto un episodio del Saturday Night Live, definendo l'esperienza come "la più grande settimana della sua vita".[9][31] Lo ha poi condotto nuovamente nel 2011,[32] ed è apparsa in un episodio nel 2014,[33] e nell'episodio speciale dedicato al quarantesimo anniversario del 2015.[34]

Nel 2011 ha avuto una breve apparizione nella commedia Amici di letto, che l'ha riunita con il regista Will Gluck.[35] In seguito ottiene un ruolo nella commedia romantica Crazy, Stupid, Love, al fianco di Steve Carell e Ryan Gosling. Disillusa di essere considerata come il "sarcastico interesse del ragazzo", l'attrice ha recitato assieme a Viola Davis nel film drammatico The Help, ambientato negli anni sessanta a Jackson, dove interpreta Eugenia "Skeeter" Phelan, un aspirante scrittrice che impara a conoscere la vita delle cameriere afroamericane. Per prepararsi al ruolo, ha imparato a parlare con un accento del sud e si è istruita sul movimento per i diritti civili attraverso la letteratura e il cinema.[36] Sia il film che la sua performance hanno ricevuto recensioni molto positive dalla critica.[37]

Il successo (2012-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 veste i panni di Gwen Stacy, l'interesse amoroso di Peter Parker, nel reboot della serie Spider-man dal titolo The Amazing Spider-Man, diretto da Marc Webb.[38] Al The Vancouver Sun ha dichiarato di non aver mai letto i fumetti sull'Uomo ragno e che conosceva le gesta del supereroe solamente per i film diretti in precedenza da Sam Raimi.[39] Lo stesso anno doppia un personaggio nel videogioco Sleeping Dogs che le è valso una candidatura agli Spike Video Game Awards come miglior performance femminile.[40]

Nel 2013 presta la sua voce nel film d'animazione I Croods, film che si rivela un ottimo successo commerciale, ricevendo la candidatura come miglior film d'animazione ai Premi Oscar del 2014.[41] E' apparsa successivamente nel film Comic Movie,[42] e nel film Gangster Squad, un thriller poliziesco ambientato negli anni quaranta a Los Angeles, al fianco nuovamente di Ryan Gosling.[43]

Nel 2014 riprende il ruolo di Gwen Stacy in The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro, con una performance ben accolta dalla critica,[44] tanto che un recensore del magazine Empire l'ha elogiata definendola "come l'Heath Ledger di questa serie, che sta facendo qualcosa d'inaspettato con un personaggio secondario".[45] Nello stesso anno è co-protagonista al fianco di Colin Firth, nella commedia romantica Magic in The Moonlight di Woody Allen, rivelatosi un modesto successo commerciale.[46] Successivamente appare nella commedia drammatica Birdman al fianco di Michael Keaton ed Edward Norton, diretta da Alejandro González Iñárritu, in cui interpreta Sam Thomson, la figlia tossicodipendente del protagonista. La pellicola è stata fortemente acclamata dalla critica,[47] e la performance dell'attrice è ritenuta dalla rete televisiva The Movie Network come una delle sue migliori interpretazioni.[48] Grazie a questo ruolo ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui una candidatura al Premio Oscar,[49] ai British Academy Film Awards,[50] ai Golden Globe,[51] ai Screen Actors Guild Award,[52] ed ai Critics' Choice Awards,[53] come miglior attrice non protagonista. Da novembre del 2014 sino a febbraio del 2015, ha recitato nel musical revival Cabaret a Broadway, nei panni di Sally Bowles, definendo quest'esperienza come "la più snervante di sempre".[54]

Nel 2015 lavora nuovamente con Woody Allen, interpretando l'interesse amoroso di Joaquin Phoenix nel film Irrational Man e successivamente nella pellicola Sotto il cielo delle Hawaii, assieme a Bradley Cooper e diretta da Cameron Crowe. Entrambi i film sono stati dei fallimenti critici e commerciali ed i suoi ruoli sono stati stroncati dalla critica.[46][55] Lo stesso anno è protagonista del video musicale del singolo "Anna" di Will Butler.[56]

L'affermazione (2016-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'esibizioni nel revival di Cabaret, l'attrice conosce il regista Damien Chazelle, che impressionato dalla sua interpretazione la sceglie come protagonista nella sua commedia musicale La La Land. Il progetto segna la sua terza collaborazione con l'attore Ryan Gosling, che la vede nel ruolo di Mia un aspirante attrice che vive a Los Angeles.[57] L'attrice ha preso spunto da diverse esperienza della sua vita per interpretare il ruolo ed in preparazione al suo personaggio, ha guardato i film con Fred Astaire e Ginger Rogers.[58] La pellicola è stato il film d'apertura alla 73ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, dove ha ottenuto il plauso della critica e l'attrice si è aggiudicata la prestigiosa Coppa volpi per la migliore interpretazione femminile.[59][60] Grazie a questo ruolo si è aggiudicata il Premio Oscar come miglior attrice,[61] il Golden Globe come miglior attrice in un film commedia o musicale,[62] il British Academy Film Awards come miglior attrice protagonista,[63]e lo Screen Actors Guild Award come migliore attrice protagonista cinematografica.[64] Dopo il successo di La La Land, assieme al collega Ryan Gosling, lascia le impronte delle mani e dei piedi al TCL Chinese Theatre.[65]

Nel 2017 interpreta la tennista Billie Jean King nel film biografico La battaglia dei sessi, basata sull'omonimo match tra la King e Bobby Riggs. Per prepararsi al ruolo l'attrice ha conosciuto personalmente la tennista e guardato sue vecchie interviste e filmati.[66] Per questo ruolo ha ottenuto la sua quarta ai candidatura ai Golden Globe,[67] partecipando alla cerimonia con la King.[68] Lo stesso anno il settimanale Time la inserisce nella lista delle cento persone più influenti nel mondo,[69][70] e viene inoltre nominata dalla rivista Forbes come l'attrice più pagata dell'anno, con un guadagno di ventisei milioni di dollari.[71]

Nel 2018 lavora al fianco di Rachel Weisz ed Olivia Colman, nel film La favorita diretta da Yorgos Lanthimos. Il film è stato un grande successo di critica e le è valsa la sua terza candidatura al Premio Oscar,[72] la quinta candidatura ai Golden Globe,[73] e la quarta ai British Academy Film Awards.[74] Lo stesso anno è produttrice esecutiva e recita per la seconda volta assieme a Jonah Hill nella miniserie Maniac, diretta da Cary Fukanaga. Da grande ammiratrice del regista, l'attrice ha accettato il ruolo senza leggere la sceneggiatura.[75] Judy Berman della rivista Time, è rimasta molto colpita dalla crescita dei due attori dopo Suxbad, notando la complessità delle loro interpretazioni.[76] Successivamente appare nel video musicale del singolo "Who Cares" di Paul McCartney.[77]

Nel 2019 riprende il ruolo di Wichita nel film sequel Zombieland - Doppio Colpo,[78] narra la serie Netflix di documentari The Mind, Explained e riprestando la sua voce nella pellicola d'animazione I Croods 2 - Una nuova era.[79][80]

Nel 2021 sarà protagonista del film Crudelia, live-action Disney e prequel de La carica dei cento e uno, in cui interpreterà la celebre cattiva Crudelia De Mon.[81][82]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Relazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 durante le riprese di The Amazing Spider-man, ha iniziato a frequentare il suo co-protagonista Andrew Garfield.[83] La relazione è stata seguita dei media ed è stata oggetto di numerose speculazioni, nonostante la coppia abbia sempre rifiutato di parlare pubblicamente della loro relazione, i due sono apparsi insieme in diverse occasioni pubbliche. Nel 2014 a New York entrambi hanno incoraggiato i paparazzi a visitare siti web che sensibilizzano riguardo a cause come l'autismo.[84] Nel 2015 si sono lasciati.[85]

Nel 2017 comincia a frequentare Dave McCary, regista e sceneggiatore del Saturday Night Live.[86] Si sono fidanzati ufficialmente nel 2019, sposandosi l'anno seguente.[87] Nel gennaio del 2021, viene riportato che la coppia è in attesa del loro primo figlio.[88]

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

Ha dichiarato di soffrire d'asma, scoprendolo solamente dopo aver avuto difficoltà a respirare durante le riprese di Easy Girl.[89] A sua madre venne diagnosticato un cancro al seno, venendo poi curata nel 2008.[90] L'attrice e la madre hanno festeggiato, facendosi tatuare delle zampe di uccello disegnate da Paul McCartney, in riferimento alla canzone "Black Bird" dei The Beatles, che entrambe adorano.[91] E' apparsa in una campagna della Revlon, che promuoveva la consapevolezza del cancro al seno,[92] e nel 2011 in un video collaborativo tra Star Wars e Stand Up to Cancer, che mirava a raccogliere fondi per la ricerca sul cancro.[93]

Nel 2014 ha partecipato all'Ora della Terra, un movimento mondiale per il pianeta organizzato dal WWF.[94] Nel 2015 ha partecipato ad un evento di raccolta fondi a sostegno del Motion Picture & Television Fund, che aiuta le persone nel settore cinematografico e televisivo con risorse limitate o assenti.[95] Nel 2018 ha collaborato con trecento donne a Hollywood, per avviare l'iniziativa Time's Up per proteggere le donne da molestie e discriminazioni.[96]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Emma Stone al Mill Valley Film Festival nel 2016

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Produttrice[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Oscar

British Academy Film Awards

British Independent Film Awards

  • 2018 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista per La favorita[97]

Critics' Choice Awards

Golden Globe

Gotham Independent Film Awards

Independent Spirit Awards

Mostra Internazionale d'arte cinematografica

MTV Movie & TV Awards

National Board of Review

Nickeleodeon Kids' Choice Awards

Satellite Award

Saturn Award

Screen Actors Guild Award

Spike Video Game Awards

Teen Choice Award

  • 2010 – Candidata alla miglior attrice in un film commedia per Benvenuti a Zombieland[119]
  • 2011 – Miglior attrice in un film commedia romantica per Easy Girl[120]
  • 2012 – Miglior attrice in un film drammatico per The Help[121]
  • 2012 – Miglior attrice in un film commedia per Crazy, Stupid, Love[121]
  • 2012 – Candidata al miglior bacio in un film per Crazy, Stupid, Love[121]
  • 2012 – Candidata alla miglior star femminile dell'estate per The Amazing Spider-Man[121]
  • 2014 – Candidata alla miglior attrice in un film sci-fi/fantasy per The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro[122]
  • 2015 – Candidata alla miglior attrice in un film commedia per Sotto il cielo delle Hawaii[123]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Emma Stone è stata doppiata da:

  • Domitilla D'Amico ne La rivolta delle ex, Easy Girl, Crazy, Stupid, Love, Amici di letto, The Help, Gangster Squad, Comic Movie, Magic in the Moonlight, Irrational Man, La La Land, Maniac, La favorita, Crudelia
  • Alessia Amendola in Birdman, Sotto il cielo delle Hawaii, La battaglia dei sessi
  • Laura Facchin in Suxbad - Tre menti sopra il pelo, Benvenuti a Zombieland, Zombieland - Doppio colpo
  • Emanuela Damasio in The Amazing Spider-Man, The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro
  • Valentina Mari in The Rocker - Il batterista nudo
  • Rossella Acerbo ne La coniglietta di casa

Da doppiatrice è sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Emma Stone Biography, su biography.com.
  2. ^ a b c (EN) Hollywood Is Her Oyster, su vanityfair.com.
  3. ^ (EN) Emma Stone's 'Globes' Date Is Her Brother Spencer!, su bustle.com.
  4. ^ (EN) Emma Stone - Elliot W. David, su elliottwdavid.com.
  5. ^ (EN) Q&A: Emma Stone, su nowtoronto.com (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2012).
  6. ^ a b c d e (EN) Emma Stone Talks ‘Irrational Man,’ the Sony Hack and Keeping Her Personal Life Private, su wsj.com.
  7. ^ (EN) Emma Stone Has History of Panic Attacks, su abcnews.go.com.
  8. ^ Michael A. Schuman, Emma!: Amazing Actress Emma Stone, Enslow Publisher, 2013.
  9. ^ a b (EN) Emma Stone Biography: People.com, su people.com (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2016).
  10. ^ a b (EN) ‘Zombieland’s’ Emma Stone Dreams of SNL and Mexican Food, su blackbookmag.com.
  11. ^ (EN) Emma Stone: Before She Was Famous, su huffpost.com.
  12. ^ (EN) Emma Stone explores comedy with latest roles, su eastvalleytribune.com (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2012).
  13. ^ (EN) Emma Stone Flashback: See Star Sing on Partridge Family Reality Competition in Pre-Fame Days, su eonline.com.
  14. ^ (EN) Superbad - The Hollywood Reporter, su hollywoodreporter.com.
  15. ^ (EN) Rising Star: Emma Stone, su accesshollywood.com (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2008).
  16. ^ (EN) Superbad - Box Office, su boxofficemojo.com.
  17. ^ (FR) Emma Stone, une muse qui ne craint pas les défis, su lexpress.fr.
  18. ^ (EN) Interview: Emma Stone And Teddy Geiger of The Rocker, su cinemablend.com.
  19. ^ (EN) French auds flock to ‘Barcelona’, su variety.com.
  20. ^ (EN) The House Bunny (2008) - Rotten Tomatoes, su rottentomatoes.com.
  21. ^ (EN) The Talent in the House, su newyorker.com.
  22. ^ (EN) Ghost of Girlfriends Past (2009) - Rotten Tomatoes, su rottentomatoes.com.
  23. ^ (EN) Zombieland, review, su telegraph.co.uk.
  24. ^ (EN) The heart of Stone, su independent.ie.
  25. ^ (EN) Owen Wilson signs on for "Marmaduke", su reuters.com.
  26. ^ (EN) Emma Stone - NOW Magazine, su nowtoronto.com.
  27. ^ (EN) Lies, paranoia and jealousy on the internet's social networks inspire Hollywood, su theguardian.com.
  28. ^ a b (EN) The Orange Wednesdays Rising Star Award 2011, bafta.org, 13 febbraio 2011. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  29. ^ a b Golden Globes 2011: tutte le nomination, cineblog, 14 dicembre 2010. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  30. ^ (EN) MTV Movie Awards 2011: List of winners, su cbsnews.com.
  31. ^ (EN) SNL Season 36 Episode 04 – Emma Stone, Kings of Leon, su nbc.com.
  32. ^ (EN) Recap: 'Saturday Night Live' - Emma Stone And Coldplay, su hitfix.com (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2016).
  33. ^ (EN) Andrew Garfield, Emma Stone spoof 'Amazing Spider-Man 2' with awkward make-out sessions on ‘Saturday Night Live’, su nydailynews.com (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2016).
  34. ^ (EN) Watch: Jon Hamm, Emma Stone Audition for ‘Star Wars: The Force Awakens’ on ‘SNL’, su variety.com.
  35. ^ (EN) A-Rod goes from big leagues to bigscreen, su variety.com.
  36. ^ (EN) 'Paper Man' Co-Star Emma Stone on Playing Skeeter Phelan in 'The Help', su wsj.com.
  37. ^ (EN) The Help Review - Movie - Empire, su empireonline.com.
  38. ^ (EN) Confirmed! Emma Stone to Play Gwen Stacy in Spider-Man, su comingsoon.net, 6 ottobre 2010. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  39. ^ (EN) Interview: Emma Stone Plays Spider-Man's First Love, su web.archive.org.
  40. ^ a b (EN) 2012 Spike Video Game Awards Nominees Announced, su gamerant.com.
  41. ^ (IT) Le nomination agli Oscar 2014, su ilpost.it.
  42. ^ (EN) After 'Hours', a Q & A with star, su tucson.com (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2016).
  43. ^ (EN) Emma Stone rounds up ‘Gangster Squad’, su variety.com.
  44. ^ (EN) Review Roundup: The Amazing Spider-Man 2 Belongs to Emma Stone, su vulture.com.
  45. ^ (EN) "The Amazing Spider-Man 2 Review", su empireonline.com.
  46. ^ a b (EN) Arthouse blues: why did indie films have such a terrible summer?, su theguardian.com.
  47. ^ (EN) The Secret Life of the Other Birdman, su hollywoodreporter.com.
  48. ^ (EN) Was 2014 the Most Significant Breakthrough Year for Emma Stone? Oscar Chances for 'Birdman, su themovienetwork.com (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2016).
  49. ^ a b Emma Stone nominata agli Oscar 2015: leggi la lista completa delle nomination!, su tweens.screenweek.it, 15 gennaio 2015. URL consultato il 17 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2018).
  50. ^ a b (EN) Supporting Actress Nominees in 2015, su bafta.org.
  51. ^ a b (EN) Golden Globe Awards 2015 winners: full list, su theguardian.com.
  52. ^ a b c (EN) The 21st Annual Screen Actors Guild Awards, su sagawards.org.
  53. ^ (EN) ‘Birdman,’ ‘Grand Budapest’ Top Critics Choice Awards Nominations, su variety.com (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2014).
  54. ^ (EN) Emma Stone Is Mentally Preparing for the Moment Taylor Swift Sees Her Sing in Broadway’s Cabaret, su vanityfair.com.
  55. ^ (EN) Emma Stone: ‘I’ve become the butt of many jokes”, su news.com.au.
  56. ^ (EN) Emma Stone is absolutely magnetic in Will Butler’s “Anna” video — watch, su consequenceofsound.net.
  57. ^ (EN) Ryan Gosling, Emma Stone musical La La Land pushed to December, su ew.com.
  58. ^ (EN) Emma Stone on Reteaming With Ryan Gosling in 'La La Land' and Her New Appreciation of Los Angeles, su yahoo.com.
  59. ^ (EN) Damien Chazelle’s ‘La La Land’ to Open Venice Film Festival in Competition, su variety.com.
  60. ^ a b Venezia 73: Emma Stone vince la Coppa Volpi come miglior attrice!, su gingergeneration.it, 11 settembre 2016. URL consultato l'11 settembre 2016.
  61. ^ a b Oscar 2017: la prima volta di Emma Stone, in vanityfair.it. URL consultato il 27 febbraio 2017.
  62. ^ a b (IT) Golden Globe 2017, tutti i vincitori, su wired.it.
  63. ^ a b QuotidianoNet, Bafta, La La Land fa da padrone. Emma Stone miglior attrice, in QuotidianoNet, 12 febbraio 2017. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  64. ^ a b Le foto e i vincitori dei SAG Awards 2017, su ilpost.it, 30 gennaio 2017. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  65. ^ Emma Stone e Ryan Gosling lasciano le loro impronte su Hollywood Boulevard, movieplayer.it, 7 dicembre 2016. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  66. ^ (EN) Emma Stone on preparing to play Billie Jean King: ‘I was a real creep’, su ew.com.
  67. ^ a b Golden Globe 2018, tutte le nomination, in Il Post, 11 dicembre 2017. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  68. ^ (EN) Emma Stone Brings Billie Jean King, Who She She Played in Battle of the Sexes, as Globes Date, su people.com.
  69. ^ (EN) Brie Larson, Emma Stone: The World’s 100 Most Influential People, in Time.com. URL consultato il 23 aprile 2017.
  70. ^ (EN) Cole Delbyck, Viola Davis, James Corden And Emma Stone Make Time's 100 Most Influential People List, in Huffington Post, 20 aprile 2017. URL consultato il 23 aprile 2017.
  71. ^ Classifica Forbes, è Emma Stone l'attrice più pagata del 2017, su tg24.sky.it, 17 agosto 2017. URL consultato il 17 agosto 2017.
  72. ^ a b (EN) Oscars: 'Roma,' 'Favourite' Top Nominations With 10 Apiece, su hollywoodreporter.com.
  73. ^ a b (EN) 2019 Golden Globe Nominations: Complete List, su variety.com.
  74. ^ a b (IT) BAFTA 2019: le nomination, su vogue.it.
  75. ^ (EN) Emma Stone opens up about Maniac rewrites and why her Netflix series is "so absurd in so many ways", su digitalspy.com.
  76. ^ (EN) Maniac Is the Most Exciting Netflix Drama Since Stranger Things, su time.com.
  77. ^ (EN) See Paul McCartney, Emma Stone Shrug Off Bullies in ‘Who Cares’ Video, su Rolling Stones.
  78. ^ Zombieland: Double Tap (2009) - Rotten Tomatoes, su rottentomatoes.com.
  79. ^ (EN) The mind, explained in five 20-minute Netflix episodes, su vox.com.
  80. ^ (EN) ‘Croods 2,’ Revived as Animated Sequel, and Jason Blum’s ‘Spooky Jack’ Get Release Dates, su variety.com.
  81. ^ (EN) Craig Gillespie In Talks To Direct Emma Stone In ‘Cruella’, su deadline.com.
  82. ^ (IT) La giovane "Crudelia" di Emma Stone si svela: guarda il primo trailer, su TGcom24.
  83. ^ (EN) Spider-Man Gets His Girl: Emma Stone To Play Female Lead, su sonypictures.com.
  84. ^ (EN) Boy with Autism Thanks Emma Stone for Spreading Awareness, su autismspeaks.org (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2016).
  85. ^ (EN) Emma Stone and Andrew Garfield Have Reportedly Split For Good, su vanityfair.com.
  86. ^ (EN) He's Her Favourite! Emma Stone and Boyfriend Dave McCary Make Rare Appearance at SAG Awards, su people.com.
  87. ^ (EN) Emma Stone and Dave McCary Are Married After 3 Years of Dating, su people.com.
  88. ^ (EN) Emma Stone Is Pregnant! Actress Expecting Her First Child with Husband Dave McCary, su people.com.
  89. ^ (EN) Emma Stone Recalls Asthma Attack During 'Easy A' Fake-Sex Scenes, su mtv.com.
  90. ^ (EN) Emma Stone: My Mom's Cancer Diagnosis 'Was Terrifying', su people.com.
  91. ^ (EN) Emma Stone Has Paul McCartney Design Mother-Daughter Tattoo, su tvguide.com.
  92. ^ (EN) Emma Stone Poses With Breast Cancer Survivor Mom in New Awareness Campaign, su eonline.com.
  93. ^ (EN) 'Star Wars' stands up to cancer, with the help of Andy Samberg, Emma Stone, Seth Rogen, and more! -- EXCLUSIVE VIDEO, su ew.com.
  94. ^ (EN) 2014 Celebrates the Biggest Earth Hour in History, su earthhour.org (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2016).
  95. ^ (EN) 2015 MPTF 'Night Before' Host Committee Members George Clooney, Eddie Redmayne, Reese Witherspoon, And More Attend 13th Annual Fundraiser In Support Of MPTF, su prnewswire.com.
  96. ^ (EN) Selena Gomez, Reese Witherspoon, And Emma Stone Among 300 Women In Hollywood to Sign Anti-Harassment Action Plan, su wmagazine.com.
  97. ^ (EN) Stewart Clarke, ‘The Favourite’ Leads the Field in the British Independent Film Award Nominations, in Variety, 31 ottobre 2018. URL consultato il 20 novembre 2018.
  98. ^ (EN) Critics' Choice Movie Awards 2012: List of winners, su cbsnews.com.
  99. ^ a b (EN) Critics' Choice Awards: The Winners, su hollywoodreporter.com.
  100. ^ (EN) Critics' Choice Awards 2017: The Complete Winner's List, su etonline.com.
  101. ^ (EN) Pete Hammond, Critics’ Choice Awards Nominations: ‘The Shape Of Water’ Leads With 14; Netflix Tops TV Contenders, deadline.com, 6 dicembre 2017. URL consultato il 6 dicembre 2017.
  102. ^ a b (EN) Critics' Choice Awards 2019: See the full winners list, su ew.com.
  103. ^ (EN) Gotham Awards 2018 Winners: The Complete List, su eonline.com.
  104. ^ (EN) Spirit Awards 2015: The Complete Winners List, su hollywoodreporter.com.
  105. ^ a b c (EN) 2011 MTV Movie Awards, su mtv.com (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2016).
  106. ^ a b c d (EN) 2012 MTV Movie Awards, su mtv.com (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2016).
  107. ^ (EN) MTV Movie Awards 2015: See The Full Winners List, mtv.com, 12 aprile 2015. URL consultato il 19 aprile 2015.
  108. ^ (EN) Here Are Your 2017 MTV Movie & TV Awards Nominations: See The Full List, su mtv.com.
  109. ^ (EN) 2011 Award Winners, su nationalboardofreview.org.
  110. ^ Kids Choice Awards 2015: Ecco tutti i vincitori!, su www.gingergeneration.it. URL consultato il 20 aprile 2015.
  111. ^ (EN) 'Drive,' The Help,' 'Tintin' win 2011 Satellite Awards, su ew.com.
  112. ^ (EN) ‘Birdman’ Leads Satellite Awards Nominations, su thewrap.com.
  113. ^ (EN) Satellite Award Nominees Revealed, su hollywoodreporter.com.
  114. ^ (EN) 'Dunkirk,' 'The Shape of Water' Lead Satellite Award Nominations, in TheWrap, 29 novembre 2017. URL consultato il 30 novembre 2017.
  115. ^ a b c (EN) 2018 Winners, su pressacademy.com.
  116. ^ (EN) 2015 Saturn Awards: Captain America: Winter Soldier, Walking Dead lead nominees, su ew.com. URL consultato il 24 agosto 2015.
  117. ^ (EN) The 18th Annual Screen Actors Guild Awards, su sagawards.org.
  118. ^ a b (EN) The 25th Annual Screen Actors Guild Awards, su sagawards.org.
  119. ^ (EN) Teen Choice Awards 2010, su mtv.com.
  120. ^ (EN) Teen Choice Awards 2011 winners, su latimesblogs.latimes.com.
  121. ^ a b c d (EN) Teen Choice Awards 2012, su mtv.com.
  122. ^ (EN) Teen Choice Awards Nominees For 2014 Announced, su huffpost.com.
  123. ^ (EN) Variety Staff, Teen Choice Awards 2015 Winners: Full List, su variety.com. URL consultato il 23 agosto 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Oscar alla miglior attrice Successore
Brie Larson
per Room
2017
per La La Land
Frances McDormand
per Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Controllo di autoritàVIAF (EN161765799 · ISNI (EN0000 0001 1707 3271 · LCCN (ENno2008188319 · GND (DE141517719 · BNF (FRcb16608495k (data) · BNE (ESXX4779916 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2008188319