Valentina Carnelutti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valentina Carnelutti

Valentina Carnelutti (Milano, 6 febbraio 1973) è un'attrice, regista e doppiatrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia dell'attore Francesco Carnelutti, dopo aver frequentato la scuola di recitazione Teatro Azione a Roma, ha poi seguito diversi seminari, studiando tra Roma e New York. Vive e lavora tra Italia, Francia e Spagna. Ha due figlie: Suni Prisco (1991) e Nila Prisco (1992).

Ha debuttato nel 1989 in teatro con lo spettacolo Mal de Viver di suo padre Francesco Carnelutti, lavorando poi con registi diversi tra i quali Angelo Orlando, Giuseppe Bertolucci e Javier Barreiro Cavestany. Ha scritto, diretto e interpretato lo spettacolo Tutta la mia confusione da Alda Merini[1] e Sessione I - Antigone.

Per il cinema ha lavorato con registi importanti quali Marco Tullio Giordana in La meglio gioventù[2], Theo Angelopoulos, Paolo Virzì e Ridley Scott.

Protagonista anche di diverse produzioni tv, tra le quali Un mondo nuovo di Alberto Negrin, Barabba di Roger Young e Aldo Moro - Il presidente di Gianluca Maria Tavarelli.

È co-autrice della sceneggiatura del film Sfiorarsi, prodotto con il contributo del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, e di Casa libera tutti, scritto con Andrea Caccia. È regista del documentario per ActionAid Melkam zena (Buone notizie) girato in Etiopia nel 2011 e presentato in concorso a Roma al RIFF 2012[3].

È attrice per Rai Radio dal 1998. Oltre agli sceneggiati radiofonici (102 minuti a Ground Zero, Maigret, Futbol, Una strana coincidenza) collabora regolarmente con il programma Il terzo anello. Tra le sue letture quelle di Se questo è un uomo e La tregua di Primo Levi, I mandarini di Simone de Beauvoir.

Ha doppiato le protagoniste di diversi film, tra le quali Arta Debroshi ne Il matrimonio di Lorna, Sarah Polley in La mia vita senza me, Charlotte Gainsbourg in Antichrist.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Cantante[modifica | modifica wikitesto]

  • Post Romantic Empire (assolo con il gruppo MIR), Pre final Fest, Roma (2009].

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

  • Melkam Zena, mediometraggio (2012)
  • ReCuiem, cortometraggio (2013)
  • Le conseguenze dell'ingenuità, videoclip (2013)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tutta la mia confusione, Fondazione Tercas, 2011.
  2. ^ La Meglio Gioventù - Festival di Cannes 2003, Festival di Cannes, 2003.
  3. ^ Melkam Zena al RIFF 2012, RIFF 2012, 2012.
  4. ^ Nastri d'Argento - CinemaItaliano.info, su www.cinemaitaliano.info. URL consultato il 02 giugno 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN300332683 · SBN: IT\ICCU\RAVV\459880 · BNF: (FRcb16940185v (data)