Il maresciallo Rocca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il maresciallo Rocca
Il maresciallo Rocca.png
Paese Italia
Anno 1996-2008
Formato serie TV
Genere azione, poliziesco
Stagioni 5+ miniserie conclusiva
Episodi 30
Durata 90 min circa (episodio)
Lingua originale italiano
Rapporto 4:3
Crediti
Ideatore Laura Toscano
Regia Giorgio Capitani, Josè Maria Sanchez, Fabio Jephcott
Soggetto Laura Toscano
Sceneggiatura Franco Marotta
Interpreti e personaggi
Musiche Guido e Maurizio De Angelis
Produttore Adriano e Guglielmo Ariè
Casa di produzione Solaris Cinematografica
Rai Fiction
Prima visione
Dal 16 gennaio 1996
Al 23 ottobre 2008
Rete televisiva Rai 2 (1996)
Rai 1 (1998-2008)
Opere audiovisive correlate
Seguiti Il maresciallo Rocca e l'amico d'infanzia

Il maresciallo Rocca è stata una serie televisiva italiana prodotta dalla Rai e dalla Solaris Cinematografica, andata in onda dal 16 gennaio 1996 al 23 ottobre 2008[1], dapprima su Rai 2 e in seguito su Rai 1. Il protagonista della serie è Gigi Proietti.

La serie, ambientata a Viterbo, narra le indagini del maresciallo aiutante Giovanni Rocca alle prese con i più svariati crimini che assediano la città. Ogni episodio inoltre è incentrato sulla conflittualità tra la sfera privata e lavorativa del maresciallo il quale deve sempre riuscire a bilanciarle in maniera equa.

Il maresciallo Rocca ha fin da subito ottenuto un grande successo di audience, superando agevolmente i 10 milioni di spettatori, testimoniato anche dal costante successo delle numerose repliche andate in onda sia sulla rete ammiraglia Rai che sul canale tematico Rai Premium. La serie è stata anche elogiata a più riprese dalla critica televisiva che l'ha spesso accostata a grandi serial polizieschi internazionali come CSI - Scena del crimine e L'ispettore Derrick.[2] Il successo di ascolti l'ha reso la serie più vista dai tempi de La Piovra.[3][4]

Il format della serie è stato creato da Laura Toscano

Trama generale[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Rocca è un astuto maresciallo dei carabinieri, che lavora in una caserma di Viterbo. Vedovo da molti anni, ha tre figli: Giacomo, Daniela e Roberto. Le sue indagini coinvolgono spesso la sua famiglia, ma grazie al suo intuito, il maresciallo fiuta sempre la pista giusta, riuscendo a proteggere i suoi cari e assicurando i criminali alla giustizia. L'episodio che segnerà profondamente la prima serie sarà la morte prematura del carabiniere Antonio Fait, uno degli uomini migliori di Rocca, ucciso da una banda di trafficanti di droga. Non manca però l'amore: il maresciallo, infatti, comincia una relazione con la farmacista Margherita, dividendosi fra lei, la famiglia e il lavoro.

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

Anche in questa stagione il maresciallo deve bilanciare famiglia e lavoro e non è semplice quando Margherita viene arrestata per l'omicidio del suo ex marito, facendo fra l'altro saltare le nozze di Rocca, o quando il loro viaggio di nozze viene interrotto da un omicidio. Per di più il maresciallo deve affrontare un serial killer che uccide giovani ragazze e lascia dei bigliettini con dei rebus, nei quali è scritto il nome della vittima successiva. In questi delitti ci andranno di mezzo una ragazza madre, la sorella dell'appuntato Banti e infine anche Daniela Rocca. Fortunatamente il maresciallo interviene appena in tempo per fermare il killer, che viene prima colpito ad una spalla da Banti mentre stava per accoltellare li maresciallo. Visto che il killer non voleva arrendersi ma continuava ad aggredire viene ucciso dallo stesso Banti. Rocca deve poi cedere alla voglia di maternità di Margherita e i due ottengono la custodia di Tommy, il neonato figlio della prima vittima del killer. Altro lieto evento in casa Rocca quando la fidanzata di Giacomo scopre di essere incinta.

Terza stagione[modifica | modifica wikitesto]

In questa stagione il maresciallo è alle prese con Giacomo, insicuro sulla scelta del matrimonio, e con il padre naturale di Tommy, che estorce denaro a Margherita in cambio del bambino. Inoltre Margherita è gelosa della vicinanza di Rocca alla dottoressa Ascari, nuova sostituta procuratrice e per rabbonirla, il maresciallo le promette il viaggio di nozze che non hanno avuto. La mattina della partenza però, un boss nemico di Rocca posiziona una bomba sulla sua auto per ucciderlo, ma la macchina salta in aria davanti agli occhi del maresciallo, con Margherita all'interno. Il boss verrà poi catturato da Rocca.

Quarta stagione[modifica | modifica wikitesto]

Sono passati tre anni dalla morte di Margherita, ma le ferite sono sempre aperte per il maresciallo, che comunque organizza il matrimonio di Daniela. A scuola da Tommy poi incontra la maestra Francesca, figlia del suo maresciallo di quand'era giovane. La donna ha sempre avuto un debole per lui e questa è una buona occasione per riprendere a fargli il filo. Roberto apre un pub grazie a un prestito del padre, Giacomo litiga con i genitori della moglie dopo aver scoperto che il ricco suocero vende carne macellata clandestinamente e Daniela vive, tra amore e piccoli litigi, con Marco. Alla fine Rocca dichiara finalmente il suo amore a Francesca, che sta per sposare un altro, ma molla tutto per il maresciallo.

Quinta stagione[modifica | modifica wikitesto]

In questa stagione il maresciallo avvia una bella amicizia (che diventerà qualcosa di più) con la dottoressa Solimeni, un medico legale. Francesca ne sarà gelosissima e per ripicca anche lei si rende molto disponibile con un nuovo maresciallo. Daniela partorisce la piccola Alice, Giacomo decide finalmente che cosa fare nella vita e sceglie di diventare carabiniere come suo padre, e Roberto entra in seminario. Il maresciallo, chiusa la storia con la Solimeni, si rompe una gamba in un incidente domestico e si trasferisce da Francesca, anche lei tornata single. Alla fine Rocca e Francesca si sposano, non prima però di un altro incidente domestico, in cui stavolta sarà lei a rompersi una gamba.

Miniserie conclusiva[modifica | modifica wikitesto]

A conclusione delle cinque stagioni della serie televisiva è stata realizzata una miniserie conclusiva dal titolo Il maresciallo Rocca e l'amico d'infanzia, con protagonisti Gigi Proietti e Giancarlo Giannini.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

La serie è stata prodotta dal 1995 al 2008; la prima stagione è andata in onda su Rai 2, mentre le successive furono trasmesse su Rai 1. Nel 2008 è andata in onda la miniserie conclusiva Il maresciallo Rocca e l'amico d'infanzia. L'emittente tematica Rai Premium ha trasmesso assiduamente le repliche della serie in versione integrale. Anche il portale Rai.tv propone le repliche, ma in versione parziale. Tutte le stagioni della fiction inclusa la miniserie sono state girate l'anno prima della loro messa in onda.

Stagione Episodi Prima TV
Prima stagione 8 1996
Seconda stagione 4 1998
Terza stagione 4 2001
Quarta stagione 6 2003
Quinta stagione 6 2005
Miniserie conclusiva 2 2008

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

1995: concezione e creazione[modifica | modifica wikitesto]

La serie venne creata nel 1995 dai romanzi gialli di Laura Toscano e Franco Marotta, che raccontano le storie del maresciallo Giovanni Rocca, ambientate a Viterbo. È prodotta dalla Solaris Cinematografica di Adriano e Guglielmo Ariè, in collaborazione con la Rai. Il protagonista è interpretato da Gigi Proietti, affiancato da Stefania Sandrelli nel ruolo della farmacista Margherita, Sergio Fiorentini nel ruolo del brigadiere Alfio Cacciapuoti, Francesca Rinaldi, Angelo Sorino e Francesco Lodolo che interpretano i figli del maresciallo, Mattia Sbragia nel ruolo del sostituto procuratore Mannino, Roberto Accornero nei panni del maggiore Aloisi, Paolo Gasparini nel ruolo dell'appuntato Michele Banti e Massimiliano Virgilii nei panni del carabiniere Carmelo Russo. Laura Toscano, ideatrice e sceneggiatrice della serie, rivela che "Il maresciallo Rocca è una serie diversa dalle altre. Qui ogni giorno si ha a che fare con rapimenti, omicidi, traffico di droga, insomma può succedere di tutto". La regia è affidata a Giorgio Capitani e Lodovico Gasparini. La colonna sonora e le musiche sono realizzate da Guido e Maurizio De Angelis. La fiction è un misto tra giallo-poliziesco e azione, il che rappresentava una novità allora tra le serie dell'azienda pubblica italiana, ed è inizialmente destinata a Rai 2.

Il maresciallo Rocca rappresentava il primo ruolo realmente impegnato di Gigi Proietti sul piccolo schermo:[5] negli ultimi anni infatti l'attore si era dedicato prevalentemente al teatro e solo recentemente aveva ripreso a girare miniserie televisive o serial di breve durata, il che spiegò anche l'iniziale indecisione di Proietti: "«Non so, ero indeciso, non corrispondeva alla mia immagine e alla mia età, in fondo non sono più un ragazzino»" commentò l'attore.[6] Fu inoltre una delle primissime fiction incentrate sul corpo dell'Arma dei Carabinieri, fino ad allora noto al pubblico più che altro in chiave ironica.[7]

1996: l'esordio e il grande successo[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi di settembre 1995 cominciarono le riprese della prima stagione della serie, formata da otto episodi, della durata di 90 minuti ciascuna. La regia è di Giorgio Capitani per i primi cinque episodi, mentre negli ultimi tre è affidata a Lodovico Gasparini. In questa prima serie presero parte diverse guest-star, tra cui Nino Castelnuovo, Angelo Nicotra, Tosca D'Aquino, Orso Maria Guerrini, Ettore Bassi, Anita Zagaria, Andrea Tidona e Emilio De Marchi. La prima stagione venne trasmessa in prima visione su Rai 2 dal 16 gennaio al 23 marzo 1996 a partire dalle 20:40[8].

Il primo episodio, "Una morte annunciata", venne seguito da circa 8,7 milioni di spettatori e il 35% di share, un successo clamoroso per la seconda rete Rai. Successivamente gli ascolti crebbero di puntata in puntata, riuscendo già dalla seconda a sfondare il muro dei 10 milioni di spettatori, e toccando picchi di 12/13 milioni di spettatori verso le ultime puntate della stagione, fino al record di 15.585.000 spettatori e quasi il 50% di share nell'ultimo episodio, "La vendetta"[9]. L'episodio centrale della stagione è il quinto, "Morire d'amore", dove trova la morte Antonio Fait (interpretato da Daniele Petruccioli) uno degli uomini migliori di Rocca. Grazie allo straordinario successo, la serie vinse molti riconoscimenti: al Premio Regia Televisiva la fiction ottenne ben cinque premi, nelle categorie "Miglior Fiction", "Grandi ascolti", "Programma innovativo". Inoltre il 7 maggio 1996 vinse il Telegatto come trasmissione dell'anno, ritirato da Gigi Proietti e Stefania Sandrelli.

Nel febbraio 1996, fece scalpore una polemica da parte di Striscia la notizia: l'inviato della trasmissione Stefano Salvi rilevò un presunto caso di pubblicità occulta all'interno della fiction[10] relativo ad una nota casa automobilistica. Le accuse vennero rapidamente smentite dalla Solaris Cinematografica, casa di produzione del telefilm, e dallo stesso Proietti durante un'intervista alla trasmissione di Antonio Ricci; successivamente, l'Antitrust assolse a pieno titolo la fiction.[11]

1997-1998: il passaggio a Rai 1[modifica | modifica wikitesto]

La fiction venne replicata per la prima volta nel settembre 1996 sempre su Rai 2: il dato di ascolto fu formidabile anche in replica, con 6 milioni di spettatori e il 22,82% alla prima replica, mentre le restanti ottennero una media di 5,6 milioni di spettatori[12]. Questi ascolti così alti portarono la RAI e la Solaris ad avviare la produzione di una seconda stagione, le cui riprese iniziarono nel settembre 1997 e durarono fino a gennaio 1998. Questa seconda serie, costituita da quattro episodi, venne promossa su Rai Uno e trasmessa a partire dal 22 marzo 1998.

In questa stagione furono molti i colpi di scena: nel primo episodio Margherita viene accusata dell'omicidio del marito, mentre nel successivo la donna e Rocca si sposano dopo mille peripezie, ma sono costretti a rimandare il loro matrimonio a causa di un omicidio. Inoltre nell'ultimo episodio un serial killer, il professor Aleppi (Nicola Di Pinto) uccide la sorella di Banti, uno degli uomini migliori di Rocca, e tenta di uccidere sua figlia Daniela, salvata poi dal padre. La figura del professor Aleppi sarà centrale anche in altri episodi successivi. Nell'ultimo episodio inoltre, Margherita e il maresciallo decidono di adottare il figlio della prima vittima del killer, Tommy.

Questa seconda serie bissò il successo della precedente, con una media di ascolti tra i 10 e i 12 milioni di spettatori a sera.[13][14] Anche le successive repliche della stagione, sempre su Rai 1, andate in onda nella primavera 1999 ottennero invidiabili dati auditel; la serie ottenne inoltre il plauso dell'intero corpo dell'Arma dei carabinieri.[15]

1999-2001: un successo senza fine[modifica | modifica wikitesto]

La terza stagione della fiction venne annunciata nell'autunno 1998, con Proietti e la Sandrelli che confermarono la loro volontà di tornare, insieme alla produzione; le riprese sarebbero dovute partire nel marzo 1999, ma a causa del conseguente successo della fiction Commesse, interpretata da Sabrina Ferilli e Veronica Pivetti, la RAI decise di accantonare momentaneamente la produzione della fiction[16]. Successivamente, a causa di lunghe diatribe tra la RAI, la produzione della serie e lo stesso Gigi Proietti, portate avanti per tutto l'autunno 1999, la stessa RAI decise di rinviare la produzione della seconda stagione di Commesse, per far spazio alle riprese della terza stagione de Il maresciallo Rocca[17].

Le riprese cominciarono il 15 settembre 2000 e terminarono a gennaio del 2001. Al cast avrebbe dovuto aggiungersi Fiorenzo Fiorentini, nei panni del padre del maresciallo ma alla fine il suo ruolo venne cancellato dalla sceneggiatura. I primi due episodi furono diretti da Giorgio Capitani, che aveva già diretto le prime due serie, mentre gli altri due furono diretti da Josè Maria Sanchez. La terza serie, trasmessa a partire dal 4 marzo 2001 e composta sempre da quattro episodi, vide come episodio centrale quello della morte di Margherita, il personaggio interpretato da Stefania Sandrelli, intitolato "Crudele Destino". Quest'evento determinante venne appreso dal pubblico solo dopo la messa in onda dell'episodio, lasciando di stucco i telespettatori. La stessa Stefania Sandrelli, in un intervento sul Corriere della Sera, rivelò successivamente di aver deciso di abbandonare la serie per girare su Canale 5 la fiction Il bello delle donne.

Questo e molti altri fattori permisero ascolti molto alti: tra gli 8 e i 9 milioni di telespettatori a sera, con punte di oltre 12 e del 40% di share. Nell'estate del 2001 vennero trasmesse le repliche delle prime tre serie finora prodotte, tutte in onda su Rai Uno. Voci di quell'estate affermavano che, per il continuo successo della serie anche in replica, gli sceneggiatori Laura Toscano e Franco Marotta stessero pensando ad uno spin-off della serie[18].

2002-2004: l'arrivo di Veronica Pivetti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 18 ottobre 2002 partirono le riprese della quarta stagione della fiction, che vide l'entrata nel cast di Veronica Pivetti nel ruolo di Francesca Mariani, nuova compagna di Rocca verso la fine della serie[19]. I 6 episodi che componevano la stagione andarono in onda, dopo diversi rinvii,[20] a partire dal 26 ottobre 2003 fino al 10 novembre. Questa quarta serie venne annunciata nel 2002 da Proietti come "la chiusura definitiva della fiction".

Anche in questa stagione ci furono eventi che stravolsero la vita del maresciallo: oltre alla relazione con Francesca, Rocca organizza il matrimonio di Daniela col poliziotto Marco, Roberto decide di aprire un pub, Giacomo, dopo essersi sposato ed aver avuto un figlio, scopre che il suocero, ricco imprenditore, vende carne macellata clandestinamente e Rocca sarà occupato anche in questo caso, poiché il figlio deciderà di andare via di casa; in seguito il maresciallo riuscirà a farli riappacificare e, nell'ultima puntata, dichiarerà finalmente il suo amore a Francesca. Tra le guest-star di questa stagione sono da ricordare Ugo Fangareggi, Andrea Tidona che era già apparso nell'ultimo episodio della terza stagione, e Luigi Maria Burruano.

Nonostante la lunga pausa tv (due stagioni televisive e quasi tre anni cronologici), il numero di telespettatori addirittura salì rispetto alla terza stagione; al debutto ottenne circa 10,3 milioni di spettatori, e le restanti oscillarono tra i 9 e i 10 milioni a sera. Anche molti critici, come Aldo Grasso elogiarono questa quarta serie definendola una delle più belle, al pari della prima.[21][22]

2004-2005: la controversa quinta stagione[modifica | modifica wikitesto]

Con il termine della quarta serie, Gigi Proietti, i creatori Toscano e Marotta, e la Solaris considerarono conclusa l'esperienza televisiva del maresciallo Rocca:[23] in particolare la Toscano considerò il successo della quarta serie "una dignitosa fine per una serie così popolare".[24] Tuttavia la Rai si rese disponibile alla possibilità di proseguire la serie, mentre nel cast solo Veronica Pivetti e pochi altri attori minori si mostrarono interessati a riprendere i loro ruoli.

Dopo diversi tentennamenti e lunghe trattative portati avanti per tutto il 2004, la Solaris visti anche i considerevoli ascolti delle repliche in onda in estate, nell'ottobre 2004 cedette alle continue richieste della Rai e avviò la produzione della quinta serie.[25] La prima tranch di riprese si svolse a dicembre 2004, mentre le restanti si svolsero da febbraio 2005; rispetto alle altre serie, l'impianto della quinta ha avuto un risvolto più comico. Durante le riprese, Laura Toscano rivelò: "«il rischio che ci si ripeta tutti un po' c'è. Ma Rocca è un personaggio consolidato nell'immaginario; l'ultima serie ha avuto una media di oltre 10 milioni di spettatori. Rocca ha una marcia in più che è Proietti, un attore talmente grande da aver saputo creare un'alchimia col personaggio»".[26]

I sei episodi della quinta stagione andarono in onda a partire dal 3 ottobre fino al 23 ottobre 2005: gli ascolti rimasero sempre molto alti (circa 7 milioni di telespettatori a sera, con punte di oltre 9), anche se in calo rispetto alla serie precedente. Tra le new entry di questa stagione ci furono Bettina Giovannini nei panni del tenente Natalina Solimeni, Corrado Tedeschi in quelli del maresciallo Andrea Di Carmine.

2007-2008: il ritorno con Il maresciallo Rocca e l'amico d'infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Durante il 2006 si discusse a lungo sulla possibilità di nuovi progetti con protagonista il maresciallo Rocca. Sia la Rai che la Solaris, alla luce anche dei considerevoli ascolti che la serie aveva registrato, proposero a Laura Toscano di creare una nuova linea narrativa per concludere in maniera definitiva le avventure del personaggio, vista anche la disponibilità di Gigi Proietti e del resto del cast a riprendere i loro ruoli.[27]

Il 16 marzo 2007 venne ufficialmente annunciata la produzione di una miniserie dal titolo Il maresciallo Rocca e l'amico d'infanzia, un prequel in due puntate tratto dall'omonimo romanzo della Toscano in cui vengono narrate le origini del protagonista.[28] Ad affiancare il protagonista arrivò Giancarlo Giannini, nei panni di Benedetto, l'amico d'infanzia del maresciallo. Le riprese si svolsero tra agosto e settembre 2007 riconfermando tutto il cast originale, con l'ingresso anche di Caterina Vertova nei panni di un ex amore del maresciallo.[29] La miniserie viene trasmessa il 3 e 4 marzo 2008 in prima serata su Rai 1: la serie ha mantenuto lo stesso successo delle precedenti stagioni, superando persino l'agguerrita concorrenza di Canale 5 che ha proposto il Grande Fratello (programma di punta della rete) e la seguitissima fiction Dr. House - Medical Division.[30]

Dopo il termine definitivo della serie, a partire dal 2009 il maresciallo Rocca, assieme ad altre storiche fiction RAI, cominciò ad essere replicato in vari orari della settimana sul canale satellitare Rai Premium. Il canale ha trasmesso le repliche dell'intera serie, che ha continuato a ricevere ottimi consensi anche in replica, fino al marzo 2012. La stessa Rai 1 ha riproposto la serie sia in prima che in seconda serata, e nel 2012 anche nel primo pomeriggio. A partire dal settembre 2014 la serie è nuovamente replicata su Rai Premium.

2008: la fine della fiction[modifica | modifica wikitesto]

Prima della messa in onda dell'ultima miniserie, la Solaris in più occasioni sottolineò che tale serie sarebbe stata l'ultima, anche per la volontà degli autori di dedicarsi ad altri progetti. Dopo il successo di ascolti dell'ultima serie però, Gigi Proietti rivelò che gli sarebbe piaciuto vestire ancora i panni del maresciallo Rocca. Il 10 marzo 2008 tuttavia l'ideatrice Laura Toscano confermò la volontà di chiudere definitivamente con la fiction e che non ci saranno più altre produzioni della serie: «Sono felicissima, ma non mi interessa più continuare: per me è l'ultimo, voglio fare altro» commenterà.[31] In un'intervista del 18 dicembre 2008 il direttore di Rai 1 Fabrizio Del Noce disse: «Se Gigi Proietti vorrà rifarlo noi siamo pronti, ne saremmo entusiasti».[32]

Negli anni successivi infatti Gigi Proietti ribadì, in varie interviste, che sarebbe stato disponibile a riprendere il suo ruolo. Dopo la scomparsa della creatrice Laura Toscano nel 2011, in un'intervista al quotidiano dell'Arma dei carabinieri che gli chiedeva se fosse ancora interessato a riproporre il personaggio, Proietti rivelò «Sì, vestirei ancora la divisa del maresciallo, ma ci vorrebbe un’idea nuova, e non è facile trovare quella giusta. Oltretutto ci ha lasciato la nostra autrice, Laura Toscano...».[33]

In un'intervista alla trasmissione Porta a porta del 29 gennaio 2014, Gigi Proietti disse che avrebbe ripreso il ruolo solo nel caso si fosse trovata un'idea originale.

Le repliche[modifica | modifica wikitesto]

Dato il notevole successo di pubblico e critica, la serie è stata più volte replicata dai canali Rai. In particolare Rai 2 trasmise le repliche della prima serie nell'estate 1996, mentre Rai Uno dopo l'approdo della serie sulla rete ammiraglia, trasmise spesso le puntate delle prime tre stagioni nel suo palinsesto estivo verso la fine degli anni novanta e la prima metà degli anni duemila. Dopo la quinta stagione, nel 2006 e nel 2007 la serie è stata replicata anche in fascia notturna. Nell'estate 2009 le repliche sono approdate anche in day-time, mentre il 9 giugno 2010 è stata replicata in prima serata la miniserie finale nel formato film-tv. Dal 2011 al 2013 la serie è stata interamente replicata su Rai Premium; sempre nel 2012 per il successo delle repliche la serie è stata promossa nuovamente su Rai Uno che ne ha ritrasmesso la quarta e la quinta stagione sempre in day-time.[34] Dall'autunno 2014 la serie è nuovamente replicata su Rai Premium.

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 2006 la figura del maresciallo è stata trasposta a fumetti sulla rivista Il Carabiniere. Gli episodi, scritti da Minna Conti e disegnati da Gloria e Fiammetta Foresta Martin, vedevano Rocca impegnato nella risoluzione di enigmi, di impostazione simile a quelli de La Settimana Enigmistica.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996 - Premio Regia Televisiva
    • Premio della giuria categoria Miglior Fiction
    • Premio della giuria categoria Grandi ascolti
    • Premio del pubblico categoria Miglior fiction
    • Premio del pubblico categoria Grandi ascolti
    • Premio del pubblico categoria Programma innovativo
  • 1996 - Telegatto
    • Premio categoria Miglior trasmissione dell'anno

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il maresciallo Rocca, Internet Movie Database. URL consultato il 25 marzo 2007.
  2. ^ Torna il maresciallo Rocca: dal 4 marzo su Rai Uno
  3. ^ TvBlog - Dr. House insegue Rocca al martedì
  4. ^ TvBlog - Rocca contro Dr. House domenica su Rai Uno
  5. ^ Movieplayer - Torna il maresciallo Rocca
  6. ^ 1996 - Tutti fan di Rocca, parla Proietti
  7. ^ 1996 - Tutti fan di Rocca, parla Proietti
  8. ^ Il maresciallo Rocca: le riprese della fiction con Gigi Proietti
  9. ^ Record di Rai 2 col Maresciallo Rocca
  10. ^ Il teorema del maresciallo Rocca – articolo su Fanpage.it
  11. ^ 1996 - Tutti fan di Rocca, parla Proietti
  12. ^ Successo anche in replica per il Maresciallo Rocca
  13. ^ ASCOLTI TV: IL 'MARESCIALLO ROCCA 2' SUPERA I 12 MILIONI
  14. ^ http://www.proveperunsito.it/maresciallo/episodi2.htm
  15. ^ Adnkronos 1998 - Il maresciallo Rocca continuerà
  16. ^ Torna a settembre Il Maresciallo Rocca
  17. ^ Al via le riprese del Maresciallo Rocca 3
  18. ^ Vince di nuovo Rocca in ascolti
  19. ^ Gigi Proietti: torno al cinema solo per Mandrake
  20. ^ TV - La Rai punta su Rocca e Don Matteo
  21. ^ TV - Pivetti e Salvi in L'amore non basta
  22. ^ Adnkronos - Torna il maresciallo Rocca
  23. ^ Gigi Proietti: torno al cinema solo per Mandrake
  24. ^ Laura Toscano su Il maresciallo ROcca
  25. ^ Al via a dicembre le riprese di Rocca 5
  26. ^ Repubblica - Rocca 5 in onda a gennaio
  27. ^ TvBLOG - Il maresciallo Rocca 5 ai Telegatti
  28. ^ TvBlog - Un prequel per chiudere Rocca
  29. ^ Rai Fiction - Il maresciallo Rocca
  30. ^ Rocca batte sia Grande fratello che Dr. House
  31. ^ Torna a casa maresciallo Rocca
  32. ^ Del Noce: Più seriale e meno costume
  33. ^ Carabinieri - Intervista a Gigi Proietti
  34. ^ Rai Premium - Ascolti in continua crescita

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Precedente Telegatto come "Trasmissione dell'anno" Successivo
Festival di Sanremo 1995 1996 Anima mia
Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia:
0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione