Lin-Manuel Miranda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lin-Manuel Miranda alla Casa Bianca nel 2016

Lin-Manuel Miranda (New York, 16 gennaio 1980) è un attore, compositore, paroliere, cantante, rapper e traduttore statunitense di origini portoricane, principalmente noto per aver scritto e recitato nei musical di Broadway In the Heights nel 2008 e Hamilton: An American Musical nel 2015.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Miranda nasce a New York e cresce a Inwood, nonostante passasse un mese ogni anno a Vega Alta, in Porto Rico, città natale dei nonni.[1]

Dopo essersi diplomato al Hunter College High School, Miranda frequenta la Wesleyan University laureandosi nel 2002. In quel periodo comincia a scrivere i primi musical e a coordinare le sue prime produzione teatrali. Nel 2015 riceve dalla Wesleyan un dottorato onorario.[2]

I suoi primi lavori sono insegnante di inglese al suo ex liceo, editorialista e critico di ristoranti per il Manhattan Times e compositore di musiche per pubblicità.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

2002-2010: In the Heights[modifica | modifica wikitesto]

Lin-Manuel Miranda nel 2009 durante un'esibizione alla Casa Bianca

Nel 2002 Miranda e John Buffalo Mailer lavorano assieme al direttore Thomas Kail e scrivono cinque bozzetti per il progetto del musical In the Heights. Il Music Hall ottiene il successo Off-Broadway E viene trasferito a Broadway nel 2008 vincendo il Tony Award al miglior musical e alla miglior colonna sonora e il Grammy Award al miglior album di un musical.[3][4] Il ruolo di Miranda come protagonista del musical, Usnavi, gli assicura una candidatura al Tony Award al miglior attore in un musical. La sua ultima interpretazione a Broadway avviene il 15 febbraio 2009 e Miranda riprende il ruolo nel tour nazionale iniziando da Los Angeles il 23 giugno 2010.[5]

Nel 2007 appare come guest in un episodio della serie TV I Soprano. Nel 2008 viene invitato da Stephen Schwartz a contribuire nella sua nuova versione del musical del 1978 Working. Nel 2009, per il revival del musical di Stephen Sondheim West Side Story, scrive la trasposizione dei testi in spagnolo e nello stesso anno partecipa al revival di The Electric Company.[6] Nel settembre dello stesso anno interpreta Alvie, un paziente di un ospedale psichiatrico della serie TV Dr. House e riprende il ruolo nel 2010. Inoltre compare nella serie Sesamo apriti.[7]

2010-2016: Hamilton[modifica | modifica wikitesto]

Lin-Manuel Miranda nel musical Hamilton nel 2016

Nel 2008, mentre è in vacanza, Miranda legge la biografia di Alexander Hamilton scritta da Ron Chernow e, ispirato dal libro, scrive un rap su Hamilton che esibisce durante la Serata della Poesia, Musica e della Parola Parlata alla Casa Bianca il 12 maggio 2009, accompagnato da Alex Lacamoire.[8][9] Miranda in seguito disse che stava scrivendo la canzone di Hamilton "My Shot" da un anno, rivedendo più volte ogni verso in modo che riflettesse l'intelletto di Alexander Hamilton.

Produce sia l'album omonimo sia il mixtape ispirato al musical Hamilton.

Il musical riceve sedici nomination ai Tony Awards (record), vincendo undici premi, tra cui quello per il miglior musical. Nel 2016 Hamilton è premiato anche con il premio Pulitzer per la drammaturgia.

2016-presente: Oceania[modifica | modifica wikitesto]

La Disney ha diffuso all'inizio del 2017 il video musicale ufficiale della versione pop di You’re Welcome, la canzone di Maui nel film di animazione Disney Oceania (tit. originale "Moana")

Il brano è interpretato in qualità di co-interprete ed autore con Jordan Fisher ed è stato girato tra New York e Londra.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Lin-Manuel Miranda è sposato con Vanessa Adriana Nadal, sua compagna di superiori, dal 2010 e la coppia ha avuto un figlio, Sebastian, nato il 10 novembre 2014.[10]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Autore[modifica | modifica wikitesto]

  • The Electric Company – serie TV (2009) – compositore
  • KTLA Morning News, compositore 1 episodio (2010) – compositore
  • Good Morning America, compositore, 1 episodio (2012) – compositore
  • Freestyle Love Supreme – film TV (2012) – paroliere
  • 67th Tony Awards (2013) – compositore
  • The American Life: One Night Only at BAM (2014) – sceneggiatore
  • Star Wars: Il risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens), regia di J. J. Abrams (2015) – compositore speciale
  • Oceania, regia di Ron Clements e John Musker (2016) – compositore

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Autore[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Tony Awards

Grammy Awards

Emmy Awards

  • 2014 – Miglior colonna sonora per Rhymes with Mando

Golden Globe

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lin-Manuel Miranda Takes In the Heights to Puerto Rico | Playbill, su Playbill. URL consultato il 18 aprile 2016.
  2. ^ Lin-Manuel Miranda: Scaling the Heights, su Broadway.com. URL consultato il 18 aprile 2016.
  3. ^ 2007-2008 Tony Nominations Announced; In the Heights Earns 13 Noms | Playbill, su Playbill. URL consultato il 18 aprile 2016.
  4. ^ 2009 Grammy Awards - Complete Winners and Nominees, su HitFix. URL consultato il 18 aprile 2016.
  5. ^ (EN) Lin-Manuel Miranda returning to 'In the Heights' at Pantages Theater, latimesblogs.latimes.com, 10 maggio 2010. URL consultato il 18 aprile 2016.
  6. ^ Patricia Cohen, Same City, New Story, in The New York Times, 15 marzo 2009. URL consultato il 18 aprile 2016.
  7. ^ Latina Blogs: Hispanic Mommy Baby, Celebrity, Relationship & Wedding Bloggers, su www.latina.com. URL consultato il 18 aprile 2016.
  8. ^ (EN) Lin-Manuel Miranda Performs at the White House Poetry Jam: 8 of 8, whitehouse.gov, 2009-11-06, whitehouse.gov. URL consultato il July 11, 2015. (archiviato dall'url originale il ).
  9. ^ (EN) Rebecca Mead, A Hip-Hop Interpretation of the Founding Fathers, su The New Yorker, 9 febbraio 2015. URL consultato il 25 settembre 2015.
  10. ^ Lois Smith Brady, Vows: Vanessa Nadal and Lin Miranda, in The New York Times, 10 settembre 2010. URL consultato il 15 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN163147814 · LCCN: (ENno2008101876 · ISNI: (EN0000 0001 1482 990X · GND: (DE142923826