Grammy Award al miglior album di un musical teatrale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Grammy Award al miglior album di un musical teatrale è stato assegnato ogni anno a partire dal 1959.

Negli anni la qualifica del candidato è stata rivolta ai principali artisti, ai compositori o ai produttori. Dal 2012 la descrizione del premio afferma: "Premio per il principale interprete (o interpreti) e il produttore (o produttori) di almeno il 51% della durata della musica dell'album. Il paroliere (o parolieri) e compositore (o compositori) di nuovi brani sono eleggibili per il Premio se hanno scritto e/o composto almeno il 51% della durata della musica dell'album." Quindi questi ultimi non sono eleggibili quando l'album contiene per la maggior parte materiale precedentemente pubblicato (revival, jukebox musical, citazioni). Inoltre, sebbene non presente tra le candidature, dal 2001 è riconosciuto un Grammy agli ingegneri musicali dell'album vincente.

L'anno indice l'anno in cui è avvenuta la premiazione dei Grammy Awards, destinati a lavori dell'anno precedente. Dal 2008, l'anno di candidatura inizia il 1 ottobre e finisce il 30 settembre dell'anno successivo. I premi sono assegnati a febbraio.

Modifiche al nome[modifica | modifica wikitesto]

Il premio ha avuto diverse ma lievi modifiche al nome:

  • 1959: Miglior album di un cast originale (Broadway o televisivo)
  • 1960: Miglior album di uno spettacolo Broadway
  • 1961: Miglior album di uno spettacolo (cast originale)
  • 1962-1963: Miglior album di un cast originale di uno spettacolo
  • 1964-1973: Migliore colonna sonora da un album di un cast originale di uno spettacolo
  • 1974-1975: Migliore colonna sonora dall'album di un cast originale di uno spettacolo
  • 1976-1986: Miglior album di un cast di uno spettacolo
  • 1987-1991: Miglior album di un cast di uno spettacolo musical
  • 1992-2011: Miglior album di uno spettacolo musical
  • 2012-presente: Miglior album di un musical teatrale[1]

Vincitori[modifica | modifica wikitesto]

In seguito sono elencati i vincitori del premio, divisi per decennio. I nomi che seguono il "punto e virgola" indicano i produttori, i nomi che seguono il secondo "punto e virgola" dopo il 2001 indicano gli ingegneri del suono:[2]

1950[modifica | modifica wikitesto]

1960[modifica | modifica wikitesto]

1970[modifica | modifica wikitesto]

1980[modifica | modifica wikitesto]

1990[modifica | modifica wikitesto]

2000[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015: Beautiful: The Carole King Musical – Jessie Mueller; Jason Howland, Steve Sidwell e Billy Jay Stein
    • Aladdin – James Monroe Iglehart, Adam Jacobs e Courtney Reed; Frank Filipetti, Michael Kosarin, Alan Menken e Chris Montan
    • A Gentleman's Guide to Love and Murder – Jefferson Mays e Bryce Pinkham; Kurt Deutsch e Joel W. Moss,; Steven Lutvak; Robert L. Freedman
    • Hedwig and the Angry Inch – Lena Hall e Neil Patrick Harris; Justin Craig, Tim O'Heir e Stephen Trask
    • West Side Story – Cheyenne Jacksone Alexandra Silber; Michael Tilson Thomas e Jack Vad
  • 2016: Hamilton – Daveed Diggs, Renée Elise Goldsberry, Jonathan Groff, Christopher Jackson, Jasmine Cephas Jones, Lin-Manuel Miranda, Leslie Odom, Jr., Okieriete Onaodowan, Anthony Ramos e Phillipa Soo; Alex Lacamoire, Bill Sherman, Ahmir Thompson e Tarik Trotter
    • An American in Paris – Leanne Cope, Max von Essen, Robert Fairchild, Jill Paice e Brandon Uranowitz; Rob Fisher e Scott Lehrer
    • Fun Home – Michael Cerveris, Judy Kuhn, Sydney Lucas, Beth Malone e Emily Skeggs; Philip Chaffin e Tommy Krasker
    • The King and I – Ruthie Ann Miles, Kelli O'Hara, Ashley Park, Conrad Ricamora e Ken Watanabe; David Lai e Ted Sperling
    • Something Rotten! – Heidi Blickenstaff, Christian Borle, John Cariani, Brian d'Arcy James, Brad Oscar e Kate Reinders; Kurt Deutsch, Karey Kirkpatrick, Wayne Kirkpatrick, Lawrence Manchester, Kevin McCollum e Phil Reno
  • 2017: The Color Purple – Danielle Brooks, Cynthia Erivo e Jennifer Hudson; Stephen Bray, Van Dean, Frank Filipetti, Roy Furman, Joan Raffe, Scott Sanders e Jhett Tolentino; Stephen Bray, Brenda Russell e Allee Willis
    • Bright Star – Carmen Cusack; Jay Alix, Peter Asher e Una Jackman; Steve Martin; Edie Brickell
    • Fiddler on the Roof – Danny Burstein; Louise Gund, David Lai e Ted Sperling; Jerry Bock; Sheldon Harnick
    • Kinky Boots – Killian Donnelly e Matt Henry; Sammy James, Jr., Cyndi Lauper, Stephen Oremus e William Wittman; Cyndi Lauper
    • Waitress – Jessie Mueller; Neal Avron, Sara Bareilles e Nadia DiGiallonardo; Sara Bareilles

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Explanation For Category Restructuring, su The GRAMMYs. URL consultato il 20 febbraio 2016.
  2. ^ Past Winners Search, Grammy.Com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica