Walt Disney Pictures

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Walt Disney Pictures
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariafiliale
Fondazione1983 a Burbank
Fondata daWalt Disney
Sede principaleBurbank
GruppoThe Walt Disney Studios (The Walt Disney Company)
Controllate
Persone chiaveSean Bailey (presidente)
SettoreCinema
Prodotti
Slogan«Movies, Magic and more...»
Sito webmovies.disney.com

Walt Disney Pictures è una casa di produzione cinematografica statunitense, divisione della The Walt Disney Company. Mantiene da sempre l'immagine familiare associata a tutte le produzioni della Disney e normalmente realizza film per tutti, sebbene ad oggi ci sia un'eccezione: nel 2003 realizzò il film La maledizione della prima luna, etichettato dalla MPAA come vietato ai minori di 13 anni.

Walt Disney Pictures fu costituita come divisione della Disney nel 1983, indipendente dalla Buena Vista Distribution; precedentemente a tale data, i film Disney venivano prodotti dalla società madre, la Walt Disney Productions.

Walt Disney Pictures include Walt Disney Animation Studios (precedentemente nota come Walt Disney Feature Animation) e Pixar Animation Studios, e fa parte di The Walt Disney Studios.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il predecessore dello studio (e la moderna The Walt Disney Company nel suo insieme) viene fondata come Disney Brothers Cartoon Studio, dal regista Walt Disney e dal suo socio in affari e fratello Roy, nel 1923.

La creazione di Topolino e dei successivi cortometraggi e merchandise generò entrate per lo studio che venne ribattezzato The Walt Disney Studio nel 1926. Nel 1929, venne ribattezzato Walt Disney Productions. La serie di successi dello studio continuò negli anni '30, culminando con l'uscita nel 1937 del primo lungometraggio d'animazione, Biancaneve e i sette nani, che diventò un enorme successo finanziario. Con i profitti di Biancaneve, Walt si trasferì in un nuovo studio a Burbank.

Negli anni '40, la Disney iniziò a sperimentare nel campo dei lungometraggi live-action, con l'introduzione di film ibridi di animazione e live action. Nello stesso decennio, lo studio ha iniziato anche a produrre documentari sulla natura.

La Walt Disney Productions produsse il suo primo film completamente live-action nel 1950 con l'uscita de L'isola del Tesoro, considerata dalla Disney la concezione ufficiale di ciò che alla fine si sarebbe evoluto nella moderna Walt Disney Pictures. Nel 1953, la società terminò i propri accordi con distributori di terze parti come RKO Radio Pictures e United Artists e formò la propria società di distribuzione, Buena Vista Distribution.

Nascita di Walt Disney Pictures[modifica | modifica wikitesto]

La divisione live-action della Walt Disney Productions ha dato vita alla Walt Disney Pictures il 1º aprile del 1983 per diversificare i soggetti dei film ed espandere il pubblico per le proprie uscite cinematografiche. Nell'aprile 1983, Richard Berger viene assunto dal CEO della Disney Ron W. Miller per ricoprire il ruolo di presidente dello studio. Nel 1984 Miller fonda il marchio Touchstone Pictures come etichetta per i film dello studio PG-13 e R-rated con la previsione di distribuire sotto questo nome metà dei film Disney annui. Nello stesso anno, il nuovo CEO della Disney Michael Eisner licenzia Berger, sostituendolo con Jeffrey Katzenberg. Hollywood Pictures si forma all'interno di quell'unità rispettivamente il'1 febbraio 1989.

Nel gennaio 2010, Sean Bailey viene nominato presidente della produzione live-action dello studio. Sotto la guida di Bailey e con il supporto dell'allora CEO della Disney Bob Iger, e successivamente del presidente dello studio Alan Horn, la Walt Disney Pictures ha perseguito una strategia cinematografica a che prevedeva la produzione di film ad alto budget che potessero fare rientrare facilmente i soldi spesi.

Nel 2011 Disney semplifica il logo visualizzato nella intro e nei titoli dei film con la semplice scritta "Disney".

Nel 2017, The Walt Disney Company annuncia la volontà creare la propria piattaforma streaming. Il nuovo servizio, noto come Disney+, sarebbe caratterizzato da una programmazione originale creata dalla vasta gamma di studi di produzione cinematografica e televisiva dell'azienda, inclusa la Walt Disney Pictures. Come parte di questa nuova piattaforma di distribuzione, viene confermato che la Walt Disney Pictures avrebbe rinnovato lo sviluppo di film di genere a budget ridotto che lo studio aveva precedentemente smesso di produrre per il mercato cinematografico pochi anni prima. Nel 2018, sono stati annunciati nove film in produzione o in sviluppo per il servizio. Questi film avrebbero un budget compreso tra i 20 e i 60 milioni di dollari. Si prevede che lo studio produrrà circa 3-4 film all'anno esclusivamente per Disney+, oltre alla sua lista di produzioni cinematografiche. Disney+ è stato lanciato il 12 novembre 2019 negli Stati Uniti, in Canada e nei Paesi Bassi, con successive espansioni internazionali, tra cui l'Italia nel 2020. Nei primi due mesi dal lancio del servizio, la Walt Disney Pictures ha rilasciato tre film (Lilli e il vagabondo, Noelle e Togo) esclusivamente per Disney+.

Il 12 marzo 2020, la presidente di Fox Family, Vanessa Morrison viene nominata presidente dello sviluppo live-action e della produzione di contenuti in streaming sia per Walt Disney Pictures che per 20th Century Studios, rispondendo direttamente a Bailey. Quello stesso giorno, Philip Steuer e Randi Hiller sono stati nominati rispettivamente come presidente dello studio fisico, post produzione e VFX, e vice presidente esecutivo per il casting, supervisionando queste funzioni sia per la Walt Disney Pictures che per la 20th Century Studios.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Film d'animazione Disney, Lista dei lungometraggi d'animazione Pixar e DisneyToon Studios.

Lungometraggio Documentario[modifica | modifica wikitesto]

Live-action[modifica | modifica wikitesto]

Disneynature[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2008 la Walt Disney Pictures ha in progetto la realizzazione di almeno un documentario all'anno. A fronte di questa decisione viene istituito il marchio Disneynature. Il primo documentario ad essere prodotto dalla Disney è stato intitolato Earth - La nostra Terra.

[modifica | modifica wikitesto]

Durante gli anni la casa di produzione ha avuto diversi loghi:

  • 1985-2006 (per i film in animazione tradizionale e alcuni in live-action): su uno sfondo blu comincia a formarsi in 2D il castello Disney davanti al quale dopo compare il nome dell'omonima casa di produzione.

(Primo film: Nel fantastico mondo di Oz) (Ultimo film: Red e Toby 2 - Nemiciamici)

  • 1995-2007 (per i film e i cortometraggi relativi ai film della Pixar Animation Studios)): sempre su sfondo blu molto simile ad un cielo l'immagine indietreggia fino ad arrivare ad inquadrare il castello in 3D con la scritta Walt Disney Pictures.

(Primo film: Toy Story) (Ultimo film: Ratatouille)

  • 2006-2012 (per tutti i film tranne quelli dei Marvel Studios): si comincia vedendo un cielo notturno e pian piano l'inquadratura si sposta, partendo dalla bandiera, sul castello e con i fuochi d'artificio, per poi terminare con un'inquadratura sul castello stesso con davanti il fiume e la scritta Walt Disney Pictures.

(Primo film: Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma) (Ultimo film: Supercuccioli a caccia di tesori)

  • 2011-oggi: stessa animazione del logo precedente ma con due differenze: la luce e il cielo sono leggermente più chiari e nella scritta comprare solo Disney.

(Primo film: I Muppet)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Co-produzione con Caravan Pictures.
  2. ^ Co-produzione con la divisione Hollywood Pictures.
  3. ^ a b Co-produzione con Great Oaks.
  4. ^ a b c d e f g h i Co-produzione con Jerry Bruckheimer Films.
  5. ^ a b Co-produzione con Walden Media.
  6. ^ Co-produzione con Mandeville Films.
  7. ^ Co-produzione con Amblin Entertainment, Walden Media e Reliance Entertainment.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN133636157 · ISNI (EN0000 0001 1882 0099 · LCCN (ENn84202014 · WorldCat Identities (ENlccn-n84202014