Artemis Fowl (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Artemis Fowl
ArtemisFowlMovie.png
Artemis Fowl II (Ferdia Shaw) in una scena del teaser trailer
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2020
Durata135 minuti
Genereavventura, fantastico, fantascienza
RegiaKenneth Branagh
SoggettoEoin Colfer (Artemis Fowl)
SceneggiaturaMichael Goldenberg, Judy Hofflund
ProduttoreKenneth Branagh
Casa di produzioneWalt Disney Pictures, TriBeCa Productions
Distribuzione in italianoWalt Disney Studios Motion Pictures
FotografiaHaris Zambarloukos
MontaggioMartin Walsh
MusichePatrick Doyle
Interpreti e personaggi

Artemis Fowl è un film del 2020 diretto da Kenneth Branagh.

Tratto dai primi due libri della omonima saga creata dall'irlandese Eoin Colfer,[1] il film è prodotto e distribuito da Walt Disney Pictures in collaborazione con TriBeCa Productions.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Artemis Fowl II è un geniale dodicenne miliardario che sfrutta il crimine per fare soldi. Quando rapisce una fata per rubarle la magia necessaria a salvare la sua famiglia, non si rende conto che si mette contro un potere molto pericoloso.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 erano stati annunciati i piani per un adattamento cinematografico della serie.[2] La Miramax era stata nominata come acquirente dei diritti cinematografici, e Lawrence Guterman era stato scelto come regista.[3] Nel 2003 Eoin Colfer annunciava una sceneggiatura completata, e che il casting sarebbe dovuto iniziare lo stesso anno, ma espresse scetticismo sulla possibilità che ciò accadesse o meno. Il film rimase in sviluppo, e, si presuppose fosse ancora in via di sviluppo fino al 2011, quando fu riferito che Jim Sheridan era interessato alla regia.[4][5]

Nel luglio 2013, la Walt Disney Pictures annunciava la realizzazione di un film su Artemis Fowl incentrato sugli eventi del primo e del secondo romanzo della serie, e, che sarebbe stato prodotto dalla Disney e dalla Weinstein Company, con la sceneggiatura affidata a Michael Goldenberg. Robert De Niro e Jane Rosenthal firmarono il progetto come produttori esecutivi.[6]

Il 1º settembre 2015 Variety riferiva che Kenneth Branagh era stato assunto per dirigere il film per la Disney, il drammaturga irlandese Conor McPherson come sceneggiatore e Judy Hofflund come produttore esecutivo.[7] In seguito arrivò la conferma da parte di Eoin Colfer.[8]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 settembre 2017 viene annunciato che Judi Dench era in trattativa per un ruolo non specificato.[9] L'11 ottobre 2017 la Disney comunicò che a Harvey Weinstein era stato tolto l'incarico come produttore del film in seguito allo scandalo sulle rivelazioni pubbliche di molestie su personalità influenti nel cinema.[10] Il 20 dicembre 2017 venne annunciato che il ruolo di Artemis Fowl era stato affidato all'emergente attore irlandese Ferdia Shaw, insieme a Judi Dench nel ruolo del Comandante Root, Josh Gad nel ruolo di Bombarda Sterro, Lara McDonnell nel ruolo di Spinella Tappo e Nonso Anozie nel ruolo di Domovoi Leale.[11]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

La riprese si sono svolte nel mese di marzo del 2018 ai Longcross Studios ed in Inghilterra, Irlanda del nord, Ho Chi Minh e Taipei.[12][13]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer del film è stato pubblicato il 27 novembre 2018.[14]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola era inizialmente prevista per il 9 agosto 2019 negli Stati Uniti e per il 20 settembre in Italia;[14], tuttavia l'8 maggio 2019 la Disney ha rinviato l'uscita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 29 maggio 2020[15] e in quelle italiane dal 27 maggio.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Fornasiero, ARTEMIS FOWL, BRANAGH TRASPONE PER IL CINEMA I PRIMI 2 ROMANZI DELL'OMONIMA SAGA, su MYmovies.it, 8 maggio 2019. URL consultato l'8 maggio 2019.
  2. ^ Artemis Fowl: Disney conferma il via alle riprese e dettagli sul cast, su Cineblog.it, 14 marzo 2018. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  3. ^ Star-News - Google News Archive Search, su news.google.com. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  4. ^ (EN) Irish fantasy role raises Saoirse's elf esteem, su Independent.ie. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  5. ^ Artemis Fowl Film Attracts Director Jim Sheridan And Star Saoirse Ronan, su www.bleedingcool.com. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  6. ^ (EN) Jim Vejvoda, Disney, Harvey Weinstein Team for Artemis Fowl Movie Adaptation, su IGN, 29 luglio 2013. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  7. ^ (EN) Justin Kroll, Justin Kroll, Kenneth Branagh Developing ‘Artemis Fowl’ Adaptation for Disney, su Variety, 1º settembre 2015. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  8. ^ (EN) AFC Eoin Colfer Interview (5), su Artemis Fowl Confidential. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  9. ^ (EN) Justin Kroll, Justin Kroll, Judi Dench in Talks to Join Kenneth Branagh’s ‘Artemis Fowl’ Movie Adaptation (EXCLUSIVE), su Variety, 18 settembre 2017. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  10. ^ (EN) Dave McNary, Dave McNary, Disney Removes Harvey Weinstein as Producer on ‘Artemis Fowl’, su Variety, 11 ottobre 2017. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  11. ^ (EN) Michelle Lema, The Cast for the Upcoming Live-Action Adaptation of Artemis Fowl Has Been Announced, su Oh My Disney, 20 dicembre 2017. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  12. ^ (EN) Dave Trumbore, Disney's 'Artemis Fowl' Officially Starts Production for Director Kenneth Branagh, su Collider, 12 marzo 2018. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  13. ^ Artemis Fowl (2019). URL consultato il 27 dicembre 2018.
  14. ^ a b Simona Vitale, Artemis Fowl, il primo teaser trailer del film diretto da Kenneth Branagh, su mondofox.it, 27 novembre 2018. URL consultato il 27 novembre 2018.
  15. ^ Mirko D'Alessio, Disney: il film su Crudelia De Mon nel 2020, Artemis Fowl rimandato e le date dei prossimi film, su badtaste.it, 7 maggio 2019. URL consultato il 7 maggio 2019.
  16. ^ Andrea Francesco Berni, The Walt Disney Company Italy: Jojo Rabbit, Onward, New Mutants e Black Widow nel listino del primo semestre 2020, su badtaste.it, 3 dicembre 2019. URL consultato il 3 dicembre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema