Whitewashing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un esempio di whitewashing: l'attore caucasico Mickey Rooney ha interpretato il personaggio asiatico Yunioshi nel film Colazione da Tiffany (1961).

Il whitewashing è un termine che indica una pratica dell'industria cinematografica in cui un attore caucasico ottiene il ruolo di un personaggio storicamente di un'altra etnia col fine di renderlo più appetibile al grande pubblico.[1]

Alcuni esempi che hanno attirato polemiche negli Stati Uniti su questa pratica sono la scelta di Johnny Depp in The Lone Ranger per interpretare il personaggio nativo americano Tonto; Benedict Cumberbatch in Into Darkness - Star Trek per interpretare Kahn, un personaggio medio orientale;[2] Scarlett Johansson per il ruolo del personaggio giapponese Motoko Kusanagi in Ghost in the Shell;[3] ed il quasi intero casting dei film Prince of Persia - Le sabbie del tempo, L'ultimo dominatore dell'aria e Death Note - Il quaderno della morte.[4]

Nel 2017 anche il film di Damien Chazelle La La Land, premiato con sei Oscar e sette Golden Globe, fu da diversi commentatori accusato di "whitewashing", oltre che di "mansplaining".[5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Whitewashing nel Cinema - AMFAV, su amfav.it, 4 maggio 2016. URL consultato il 5 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2016).
  2. ^ Parliamo di whitewashing, su softrevolutionzine.org, 5 febbraio 2014. URL consultato il 5 luglio 2016.
  3. ^ (EN) Brian Ashcraft, The Japanese Internet Reacts to Scarlett Johansson in Ghost in the Shell, su kotaku.com. URL consultato il 5 luglio 2016.
  4. ^ Emanuele Biotti, Death Note: il produttore del live-action respinge le accuse di whitewashing, badtaste.it, 28 aprile 2017. URL consultato il 28 aprile 2017.
  5. ^ Alice Vincent, Mansplaining, jazz and Priuses: all the reasons why people hate La La Land, in The Telegraph, 24-01-2017. URL consultato il 1º aprile 2019.
  6. ^ “La La Land” ha qualcosa che non torna, in Il Post, 31-01-2017. URL consultato il 1º aprile 2019.