Caso Harvey Weinstein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nel 1998 Gwyneth Paltrow è la prima ad evocare pubblicamente il comportamento di Weinstein.

Il caso Harvey Weinstein è la rivelazione pubblica di molestie e aggressioni sessuali commesse da Harvey Weinstein, personalità influente dell'industria del cinema americano. A ottobre 2017, il New York Times e il New Yorker riportano l'accusa di molestie sessuali, aggressioni sessuali o di violenza sessuale di una dozzina di donne a Harvey Weinstein, un famoso produttore cinematografico americano. In seguito a queste accuse, molte altre personalità femminili dell'industria cinematografica accusano Weinstein di fatti simili.

Weinstein smentisce di avere avuto delle relazioni sessuali non consenzienti. Poco dopo la mediatizzazione delle prime accuse, Weinstein viene licenziato dalla sua compagnia, la Weinstein Company, ed espulso dall'Academy of Motion Picture Arts and Sciences e da altre associazioni professionali. Delle indagini giudiziarie e delle denunce sono state avviate da sei donne a Los Angeles, New York, e Londra.

Le prime accuse[modifica | modifica wikitesto]

Da anni ad Hollywood circolano voci sulla presunta pratica di "casting couch" di Weinstein e delle note personalità dell'industria del cinema a volte vi alludono[1]. Nel 1998, Gwyneth Paltrow indica, nel programma Late Show con David Letterman, che Weinstein «può obbligarvi a fare una o due cose». Nel 2010 un articolo intitolato Harvey's Girls[2] («Le donne di Harvey») su Pajiba, evoca la reputazione di Weinstein a proposito delle sue pratiche di "casting couch".

Le accuse del 2015[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 il New York Times riporta che Weinstein è interrogato dalla polizia, dopo che una donna di 22 anni lo accusa di palpeggiamento inappropriato[3]. La donna in questione, la modella italiana Ambra Gutierrez, collabora con la polizia per ottenere una registrazione audio nella quale Weinstein ammette di averla toccata in modo inappropriato[4]. Mentre l'inchiesta della polizia progredisce, i tabloid iniziano a pubblicare degli articoli diffamatori sulla Gutierrez, descrivendola come un'arrivista opportunista[5]. Il procuratore di Manhattan Cyrus Vance Jr. decide di non perseguire Weinstein, allegando una mancanza di prove, contro l'opinione degli stessi servizi della polizia che reputano sufficienti le prove a suo carico.

Le accuse del 2017[modifica | modifica wikitesto]

Harvey Weinstein

Delle accuse di comportamenti sessualmente abusivi da parte di Weinstein sono riportati dai giornalisti Jodi Kantor e Megan Twohey sul New York Times il 5 ottobre 2017. Le testimonianze accusano Weinstein di molestie sessuali durante tre decenni, e indicano anche che ha concluso otto accordi finanziari con otto donne della Miramax e della Weinstein Company[6][7].

Il 10 ottobre 2017 l'inviato della NBC News Ronan Farrow svela nel The New Yorker le accuse supplementari di 13 donne aggredite sessualmente, indicando che ne avrebbe stuprato tre[8]. Farrow avrebbe voluto svelare il caso qualche mese prima con NBC, ma che avrebbe subito pressioni per non pubblicare[9], NBC smentisce[10]. Secondo Farrow, 16 assistenti e responsabili in relazione professionale con Weinstein dicono essere stati testimoni o essere stati informati delle avances sessuali non consenzienti di Weinstein a delle donne. Quattro attrici hanno espresso i loro dubbi riguardo al fatto che dopo aver rifiutato le avances di Weinstein o di essersene lamentate, lui le avrebbe ritirate dai progetti o convinto altre persone a farlo. Numerose fonti di Farrow hanno detto che Weinstein faceva riferimento alla sua influenza per far pubblicare delle storie nei media a proposito delle persone che hanno incrociato il suo cammino. Il New Yorker pubblica la registrazione della polizia di New York City del 2015 nel quale Weinstein ammette di aver toccato Gutierrez. Il 20 ottobre 2017 l'attrice Heather Kerr dà dei dettagli sull'aggressione sessuale che ha subito[11].

Vittime dichiarate[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Claire Tervé dell'Huffington Post, il 30 ottobre, 93 donne si dichiarano vittime di Harvey Weinstein e 14 testimoniano di essere state stuprate[12].

Molestie e aggressioni sessuali[modifica | modifica wikitesto]

Circa 80 donne hanno annunciato pubblicamente di aver subito degli stupri, aggressioni sessuali e molestie da Weinstein[13]. Secondo le loro testimonianze, esso invitava le giovani attrici in un motel o in ufficio sotto il pretesto di discutere della loro carriera, esigendo in seguito un massaggio o un rapporto sessuale. Dei colleghi e collaboratori di Weinstein hanno indicato ai giornalisti che queste pratiche erano rese possibili dal personale, i soci e gli agenti che organizzavano questi appuntamenti, ed anche dagli avvocati e pubblicisti che cancellavano le denunce con l'aiuto di minacce e accordi finanziari[14].

Una lunga lista di donne ha detto di essere stata aggredita da Weinstein.[15]

Stupri[modifica | modifica wikitesto]

Diverse donne lo hanno accusato di stupro:

  1. Lysette Anthony ha annunciato alla polizia britannica che Weinstein l'ha stuprata alla fine degli anni 1980 a casa sua a Londra[16].
  2. Asia Argento ha detto al The New Yorker che nel 1997 Weinstein l'ha invitata in una camera d'albergo, le ha sollevato la gonna, l'ha forzata ad aprire le gambe e praticato un cunnilingio mentre lei gli chiedeva ripetutamente di smettere.
  3. Lucia Evans riporta che dopo un appuntamento di lavoro nel 2001, Weinstein l'ha forzata a fare sesso orale.
  4. Hope Exiner d'Amore, una vecchia collaboratrice di Weinstein, riporta di essere stata stuprata durante un viaggio di lavoro a New York alla fine degli anni 1970.
  5. Secondo Mimi Haleyi, Weinstein l'ha forzata ad avere delle relazioni sessuali orali non consenzienti nell'appartamento di Weinstein a New-York nel 2006 quando aveva una ventina d'anni[17].
  6. Dominique Huett afferma che Weinstein ha praticato una relazione di sesso orale non consenziente per poi dedicarsi ad altri atti sessuali davanti a lei[18].
  7. Natassia Malthe indica che nel 2008, Weinstein si è introdotto nella sua camera d'hotel a Londra e l'ha stuprata[19].
  8. Rose McGowan scrive su Twitter di aver avvertito il direttore di Amazon Video Roy Price che Weinstein l'aveva stuprata, ma che Price ha ignorato le sue accuse continuando a collaborare con Weinstein[18]. Price da in seguito le dimissioni dal suo posto di lavoro dopo delle rivelazioni di molestie sessuali a suo conto[20].
  9. Annabella Sciorra afferma che, all'inizio degli anni 1990, Weinstein ha forzato l'ingresso del suo appartamento, l'ha spinta nel suo letto e stuprata[21].
  10. Una donna anonima riporta al The New Yorker che Weinstein l'ha invitata in una camera d'albergo e l'ha forzata ad accettare una relazione sessuale malgrado le sue proteste.
  11. Un'altra attrice anonima racconta al Los Angeles Times che nel 2013, Weinstein a forza di molestie entra nella sua camera d'hotel, la prende per i capelli, la trascina in bagno e la stupra[22].
  12. Paz de la Huerta indica a CBS News che è stata violentata a due riprese nel 2010 da Weinstein[23] · [24]. Un'inchiesta è aperta dall'ufficio del procuratore di Manhattan.
Georgina Chapman annuncia il suo divorzio con Weinstein.

In risposta all'articolo del New York Times Weinstein afferma: "L'avvocato di Weinstein, Charles Harder, afferma che il suo cliente perseguirà The New York Times[25], ma il 15 ottobre Harder non lavora più per lui[26]".

In risposta al New Yorker, un porta parola di Weinstein dice: "Le presunte azioni di Weinstein sono denunciate da personalità eminenti dell'industria dell'intrattenimento e della sfera politica, provocando delle discussioni pubbliche a proposito di quello che l'Academy of Motion Picture Arts and Sciences indica essere, "l'ignoranza voluta e la complicità vergognosa con dei comportamenti da predatori sessuali e di molestie sul lavoro nell'industria del cinema"[27]. The Guardian contatta 20 attori che hanno lavorato con Weinstein; nessuno commenta. L'articolo conclude dicendo che mentre la maggior parte delle donne condanna le azioni di Weinstein," la maggior parte degli uomini influenti dell'industria del cinema è rimasta in silenzio"[28].

Associazioni professionali[modifica | modifica wikitesto]

L'8 ottobre 2017 il consiglio di amministrazione della Weinstein Company licenzia Weinstein[29] e il 17 ottobre da le dimissioni dal suo ruolo nel consiglio d'amministrazione[30]. Diverse aziende mettono fine alla loro collaborazione con la Weinstein Company, come Apple (9 ottobre 2017)[31], Hachette (12 ottobre)[32], Amazon (13 ottobre)[33], Lexus e Ovation (25 ottobre)[34].

Durante la settimana dopo il licenziamento di Weinstein, la British Academy of Film and Television Arts sospende lo statuto di membro di Weinstein[35] e l'Academy of Motion Picture Arts and Sciences, che decerne gli Academy Awards, espelle Weinstein. Inoltre, la Producers Guild of America espelle Weinstein dopo un voto unanime del Consiglio d'amministrazione[36].

Inchiesta giudiziaria[modifica | modifica wikitesto]

A ottobre 2017 la polizia di New York, la polizia di Londra e la polizia di Los Angeles (LAPD) indagano sulle accuse di aggressione di Weinstein in seguito ai rapporti sulle sue azioni[37]. Le investigazioni sono in merito alle accuse delle sette donne riguardo alle aggressioni commesse tra il 1980 e il 2015, a Londra e altrove[38]. L'inchiesta della LAPD riguarda un'accusa di stupro di un'attrice anonima.

Il 23 ottobre 2017 il procuratore generale di New York Eric Schneiderman apre un'inchiesta sui diritti civici sulla Weinstein Company, introducendo una subpoena (ingiunzione) riguardo ai registri collegati a delle denunce per molestie sessuali e discriminazioni in seno all'azienda Weinstein[39].

La polizia di Beverley Hills annuncia l'apertura di un'inchiesta il 30 ottobre[40]. A questa data, 80 donne hanno testimoniato pubblicamente di essere state vittime di Harvey Weinstein. James Toback è sotto accusa per dei fatti simili.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Delle personalità del mondo politico condannano le azioni di Weinstein. Hillary Clinton, Barack Obama e Michelle Obama denunciano il comportamento presunto di Weinstein il 10 ottobre 2017[41]. Il presidente francese Emmanuel Macron avvia il ritiro della Legion d'onore di Weinstein[42]. In Gran Bretagna, dei membri del partito laburista del parlamento esigono il ritiro del titolo dell'Ordine dell'Impero Britannico di Weinstein[43].

Dei politici sostenuti da Weinstein donano i fondi ricevuti a degli enti di beneficenza, in particolare i senatori democratici Al Franken[44], Patrick Leahy, e Martin Heinrich[45].

Altre reazioni[modifica | modifica wikitesto]

La moglie di Weinstein Georgina Chapman annuncia il 10 ottobre 2017 la domanda di divorzio[46].

In ottobre 2017 l'Università di Buffalo avvia una procedura di revoca del suo diploma onorifico[47] e l'Università di Harvard abroga la medaglia del 2014 W. E. B. Du Bois, attribuita a delle persone come riconoscimento ai loro contributi alla cultura afro-americana[48].

Il 19 ottobre 2017 Quentin Tarantino riconosce pubblicamente di aver chiuso un occhio all'epoca dei fatti.[49]

Le conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Questo caso incoraggia numerose vittime a parlare in Europa ma anche in Asia[50].


In Francia[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 ottobre 2017 la giornalista francese Sandra Muller lancia su Twitter l'hashtag #BalanceTonPorc. Utilizza consapevolmente la parola «porco» perché era il soprannome di Harvey Weinstein a Cannes[51] e per dire che gli uomini che agiscono in tal modo non si comportano da esseri umani[52]. Per Irène Théry, sociologa, questo significa che «la vergogna, poco a poco, passa dall'altra parte». Il 17 ottobre, vengono scambiati 150.000 messaggi, 16.000 persone hanno raccontato la loro aggressione, stupro o abuso[53]. La violenza dell'hashtag scelto in francese è stata a volte criticata[54], in particolare per il suo carattere specista[55] poiché oggettiva un animale. Altri utilizzano l'hashtag #moiaussi[56].

Il 16 ottobre 2017 la municipalità di Deauville cancella il nome di Weinstein dalla Promenade des Planches, dove era stato dipinto in seguito all'omaggio che gli era stato reso dal Festival del cinema americano nel 1998[57].

Il 30 ottobre 2017 vengono organizzate molte manifestazioni in numerose città per denunciare le violenze subite dalle donne[58]. L'hashtag #metoo partito dagli Stati Uniti è ripreso sulle reti francofone come #moiaussi.

Negli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

L’attrice statunitense Alyssa Milano incoraggia le donne a raccontare il proprio vissuto lanciando l'hashtag #metoo su Twitter.[59] Riceve più di 65 000 risposte.

Kevin Spacey, l'attore principale della serie televisiva House of Cards - Gli intrighi del potere e di varie pellicole di successo come American Beauty e I soliti sospetti viene messo in causa a sua volta da un suo impiegato che lo accusa di aggressione sessuale facendo coming out. Un assistente di produzione annuncia ugualmente di essere stato aggredito. Spacey presenta le sue scuse pubbliche a Anthony Rapp in un post su Twitter, il quale dichiara di essere stato aggredito dall'attore quando aveva 14 anni e Spacey 26[60][61]. In seguito a questi annunci, Netflix decide di sospendere la produzione di House of Cards, per poi annunciare la chiusura definitiva della serie fino alla sesta stagione e il licenziamento di Spacey da essa. E Ridley Scott insieme a tutta la produzione del film Tutti i soldi del mondo, rigirerà tutte le scene in cui compariva Spacey (che avrebbe dovuto interpretare Jean Paul Getty) con al suo posto Christopher Plummer.

Vengono accusate molte altre personalità del cinema e dello spettacolo[62], come Dustin Hoffman da Wendy Riss Gatsiounis[63] e Anna Graham Hunter[64] e Jeremy Piven da Cassidy Freeman, Louis CK e Ariane Bellamar[65]. Nell'ottobre 2017 l'attore ed ex giocatore di football americano Terry Crews disse di essere stato molestato da un famoso produttore hollywoodiano con sua moglie che assistette alla scena.[66][67] Nello stesso periodo anche James Van Der Beek disse di essere stato vittima di molestie.[68] Due mesi dopo invece fu accusato di molestie anche il milionario produttore discografico e imprenditore (attivo nell'ambito dell'hip hop) Russell Simmons.[69][70] Venne accusato da oltre 10 donne.[71] Nel maggio 2018 fu accusato anche Morgan Freeman da otto donne.[72][73]

A causa dello scandalo la Weinstein Company entra in crisi e nel marzo 2018 fa richiesta di fallimento.[74] Il 25 maggio 2018 Harvey Weinstein si è presentato al commissariato di Lower Manhattan a New York per consegnarsi alle autorità. Secondo la CNN, che cita fonti giudiziarie, l'ex produttore è in stato di arresto con l'accusa di aver stuprato una donna e aver costretto un'altra a praticargli sesso orale. Weinstein è indagato per crimini sessuali anche a Los Angeles e Londra. Sempre secondo la CNN la cauzione sarà fissata in due milioni di dollari (circa 1,7 milioni di euro).

Nel giugno 2018 l'attore Jamie Foxx ricevette un'accusa da parte di una donna che dichiarò che, al suo diniego di fare sesso orale, la schiaffeggiò con il suo pene.

Inchiesta giudiziaria[modifica | modifica wikitesto]

Anche James Tobback viene accusato da 38 donne[75] per dei fatti di abuso sessuale.

Brett Ratner è accusato da sei donne, tra le quali Olivia Munn, Natasha Hentridge e Jaime Ray Newman, di aver avuto un comportamento inappropriato[76].

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Asia Argento testimonia il 5 ottobre sul New York Times: pubblica dopo la lista delle vittime di Harvey Weinstein e trasmette l'informazione via il suo conto twitter ed incassa aspre critiche in Italia[77]. Renato Farina[78] la accusa di prostituzione, negando lo stupro e le aggressioni subite[79]. Vittorio Feltri, editore capo di Libero[80] indica non soltanto che la relazione sessuale sia stata senza dubbio consensuale, ma che Asia Argento dovrebbe essere grata nei confronti di Weinstein. Il politico e critico d'arte Vittorio Sgarbi[81] evoca anche la possibilità che Weinstein sia stata la vittima delle aggressioni di Asia Argento. Ad agosto 2018 la Argento viene a sua volta accusata di molestie sessuali nei confronti dell'attore statunitense Jimmy Bennett, con cui si sarebbe accordata privatamente nei mesi successivi alle sue rivelazioni su Weinstein, per pagare un risarcimento di 380 000 dollari[82]. Asia Argento annuncia che lascia l'Italia in seguito a queste critiche per scappare allo slut-shaming[83] e di andare a risiedere in Germania.

Inoltre molte attrici italiane hanno accusato di violenza sessuale e molestie il regista Fausto Brizzi, seguendo "l'esempio" delle accuse a Weinstein.

In Argentina[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 giugno 2018, poco prima dell'inizio dei Mondiali 2018, il C.T. dell'Argentina Jorge Sampaoli è stato accusato di abusi sessuali da una cuoca nella struttura della federcalcio argentina.[84][85]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Haley Britzky, The hints of Weinstein's behavior that went ignored, in Axios, 14 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  2. ^ (EN) Harvey's Girls, in Pajiba, 21 dicembre 2010. URL consultato il 29 novembre 2017.
  3. ^ (EN) Marc Santora e Al Baker, Harvey Weinstein, Producer, Questioned by New York Police After Groping Accusation, in The New York Times, 30 marzo 2015. URL consultato il 29 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Gersen Jeannie Suk, Why Didn't the Manhattan D.A. Cyrus Vance Prosecute the Trumps or Harvey Weinstein?, su The New Yorker, 13 ottobre 2017. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  5. ^ (EN) Manhattan DA Vance had declined to prosecute Weinstein in 2015, in ABA Journal. URL consultato il 29 novembre 2017.
  6. ^ (EN) Allegations of sexual abuse have ended Harvey Weinstein's career, su The Economist, 14 ottobre 2017. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  7. ^ Kantor Jodi e Twohey Megan, Harvey Weinstein Paid Off Sexual Harassment Accusers for Decades, su The New York Times, 5 ottobre 2017. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  8. ^ Ronan Farrow, From Aggressive Overtures to Sexual Assault: Harvey Weinstein’s Accusers Tell Their Stories, in The New Yorker, 10 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  9. ^ Moraes Lisa de, Ronan Farrow To Rachel Maddow: Ask NBC Why My Harvey Weinstein Report Did Not Break On Its Air, Deadline, 11 ottobre 2017. URL consultato il 18 ottobre 2017.
  10. ^ (EN) John Koblin, How Did NBC Miss Out on a Harvey Weinstein Exposé?, in The New York Times, 11 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  11. ^ http://www.20minutes.fr/monde/2155379-20171020-affaire-harvey-weinstein-larmes-actrice-heather-kerr-detaille-agression-sexuelle.
  12. ^ (FR) Les victimes d'Harvey Weinstein ont dressé la liste des victimes d'Harvey Weinstein: 93 femmes, 14 viols, in Le Huffington Post, 31 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  13. ^ (EN) Harvey Weinstein scandal: A complete list of the 83 accusers, in USA TODAY. URL consultato il 29 novembre 2017.
  14. ^ (EN) Rory Carroll Sam Levin in San Francisco, 'Pack of hyenas': how Harvey Weinstein's power fuelled a culture of enablers, in The Guardian, 13 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  15. ^ Sand Nardine, The full list of Harvey Weinstein accusers includes fledgling actresses and Hollywood royalty, su Los Angeles Times, 17 ottobre 2017. URL consultato il 21 ottobre 2017.
  16. ^ Charlotte Metcalf Duncan Geddes, ‘Harvey Weinstein raped me in my home,’ British actress Lysette Anthony tells police, in The Sunday Times, 15 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  17. ^ (EN) Telegraph Reporters, Harvey Weinstein 'forcibly performed oral sex on aspiring film production worker', in The Telegraph, 24 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  18. ^ a b (EN) Actress Dominique Huett sues Weinstein Company after rape claim, in Sky News. URL consultato il 29 novembre 2017.
  19. ^ Battaglio Stephen, Actress Natassia Malthe says Harvey Weinstein raped her in 2008, su latimes.com, 25 ottobre 2017. URL consultato il 25 ottobre 2017.
  20. ^ (EN) Roy Price Resigns as Amazon Studios Head, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 29 novembre 2017.
  21. ^ Associated Press, Annabella Sciorra alleges she was raped by Harvey Weinstein, su The Guardian, 28 ottobre 2017. URL consultato il 29 ottobre 2017.
  22. ^ (EN) Richard Winton, Victoria Kim, Investigation launched after actress tells LAPD she was raped by Harvey Weinstein – LA Times, in latimes.com. URL consultato il 29 novembre 2017.
  23. ^ (EN) Harvey Weinstein faces 2 new criminal investigations, in CBC News. URL consultato il 29 novembre 2017.
  24. ^ (FR) Le traumatisant récit de Paz de la Huerta, 94e victime de Harvey Weinstein, in LExpress.fr, 3 novembre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  25. ^ (EN) Harvey Weinstein to Sue N.Y. Times, Says His Attorney, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 29 novembre 2017.
  26. ^ (EN) THR Staff, Harvey Weinstein's Attorney Exits Without Filing Threatened N.Y. Times Lawsuit, su The Hollywood Reporter, 15 ottobre 2017. URL consultato il 16 ottobre 2017.
  27. ^ (EN) Jamiles Lartey e Edward Helmore David Batty in London, Stars welcome Academy move to expel Weinstein over sexual assault claims, in The Guardian, 15 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  28. ^ (EN) Sam Levin e Julia Carrie Wong, Hollywood men silent over Weinstein allegations as women speak out, in The Guardian, 11 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  29. ^ (EN) Weinstein sacked after harassment claims, in BBC News, 9 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  30. ^ (EN) Dominic Patten, Harvey Weinstein Resigns From TWC Board As Termination Ratified In Meeting, in Deadline, 17 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  31. ^ Andreeva Nellie, Apple Kills Deal For TWC Elvis Series In Wake Of Harvey Weinstein Scandal, Deadline, 9 ottobre 2017. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  32. ^ (EN) Weinstein Books Imprint Terminated by Hachette Group (Exclusive), in The Hollywood Reporter. URL consultato il 29 novembre 2017.
  33. ^ Lincoln Ross A., Amazon Axes David O. Russell Series, Cuts Ties With TWC, The Wrap, 13 ottobre 2017. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  34. ^ (EN) Denise Petski, Lexus & Ovation Latest To Cut Ties With Harvey Weinstein, in Deadline, 25 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  35. ^ (EN) Bafta suspends Harvey Weinstein, in BBC News, 11 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  36. ^ Robb David, Producers Guild Board Votes Unanimously To Expel Harvey Weinstein, Deadline, 16 ottobre 2017. URL consultato il 17 ottobre 2017.
  37. ^ (EN) Jamiles Lartey Kevin Rawlinson in London, Harvey Weinstein: police in New York and London investigating allegations, in The Guardian, 12 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  38. ^ (EN) UK inquiry into Weinstein widens, in BBC News, 31 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  39. ^ (EN) Sam Levin, Weinstein Company under investigation by New York attorney general, in The Guardian, 23 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  40. ^ (FR) Abus sexuels : la police de Beverly Hills ouvre une enquête sur Harvey Weinstein, in Le Monde.fr, 1º novembre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  41. ^ Hillary Clinton, Obamas Rebuke Harvey Weinstein After Assault Allegations, in Rolling Stone. URL consultato il 29 novembre 2017.
  42. ^ UK police investigate new Weinstein claims, BBC News Online, 15 ottobre 2017. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  43. ^ (EN) Ritman Alex, British Government Under Pressure to Strip Harvey Weinstein of Honorary CBE, su The Hollywood Reporter, 11 ottobre 2017. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  44. ^ Rao Maya, Sen. Al Franken to donate campaign contributions from Harvey Weinstein, su Star Tribune, 6 ottobre 2017. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  45. ^ Sophie Tatum, CNN, Democrats pressured to return Weinstein donations, in CNN. URL consultato il 29 novembre 2017.
  46. ^ (EN) Pat Saperstein, Harvey Weinstein’s Wife Georgina Chapman Divorcing Him, in Variety, 10 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  47. ^ (EN) University at Buffalo moves to revoke Harvey Weinstein's honorary degree, in syracuse.com. URL consultato il 29 novembre 2017.
  48. ^ (EN) Stephanie Saul, Harvard Revokes Du Bois Medal Awarded to Harvey Weinstein, in The New York Times, 18 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  49. ^ http://people.bfmtv.com/cinema/guillermo-del-toro-comprend-pourquoi-quentin-tarantino-n-a-rien-dit-sur-harvey-weinstein-1283578.html.
  50. ^ (FR) #metoo ou #balancetonporc, le flot ne s’arrêtera pas, in Le Monde.fr, 30 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  51. ^ (FR) Mathilde Damgé, Petit manuel pour lutter contre les idées simplistes sur le harcèlement sexuel, in Le Monde.fr, 31 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  52. ^ (FR) Quelles conséquences a eues la révélation de cette affaire ?, in Le P'tit Libé. URL consultato il 29 novembre 2017.
  53. ^ (FR) Comment le hashtag #BalanceTonPorc est devenu viral sur Twitter, in FIGARO, 16 ottobre 2017. URL consultato il 1º novembre 2017.
  54. ^ (FR) Balance ton porc ? Non merci !, in Libération.fr. URL consultato il 29 novembre 2017.
  55. ^ (FR) #BalanceTonPorc: Aymeric Caron regrette un mot-clé "spéciste", in Le Huffington Post, 15 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  56. ^ (FR) Violaine Morin, #moiaussi, #balancetonporc : et après la catharsis en ligne, la mobilisation ?, in Le Monde.fr, 20 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  57. ^ « Weinstein effacé de Deauville », Ouest-France, 17 octobre 2017. .
  58. ^ (FR) #Metoo : les femmes dans la rue contre le harcèlement et les agressions, su Libération.fr. URL consultato il 1º novembre 2017.
  59. ^ #MeToo, la campagna contro le molestie sessuali diventa virale, in Repubblica.it, 17 ottobre 2017. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  60. ^ (FR) Kevin Spacey fait son coming out en même temps qu'il s'excuse d'un harcèlement sexuel, in Le Huffington Post, 30 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  61. ^ (EN) Michael Paulson, Kevin Spacey Issues Apology to Actor After Sexual Accusation, in The New York Times, 30 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  62. ^ (FR) Après Harvey Weinstein, ces figures du cinéma américain visées par un scandale sexuel, in Madame Figaro. URL consultato il 29 novembre 2017.
  63. ^ (EN) Daniel Holloway, ‘Genius’ Producer Accuses Dustin Hoffman of Sexually Harassing Her in 1991 (EXCLUSIVE), in Variety, 2 novembre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  64. ^ (EN) Dustin Hoffman Sexually Harassed Me When I Was 17 (Guest Column), in The Hollywood Reporter. URL consultato il 29 novembre 2017.
  65. ^ (EN) Nellie Andreeva, Jeremy Piven “Unequivocally” Denies Groping Accusations: “It Did Not Happen”, in Deadline, 1º novembre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  66. ^ L'attore Terry Crews dice di essere stato molestato da un dirigente di Hollywood - Il Post, in Il Post, 11 ottobre 2017. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  67. ^ (EN) Aisha Harris, Terry Crews’ Alleged Sexual Assault Highlights Hollywood’s Tricky Race and Gender Imbalances, in Slate, 15 novembre 2017. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  68. ^ James Van Der Beek e Terry Crews denunciano molestie da parte di potenti produttori (evidentemente gay) - Spetteguless, in Spetteguless, 12 ottobre 2017. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  69. ^ Scandalo molestie, anche l’hip hop ha il suo Weinstein: è Russell Simmons. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  70. ^ (EN) Joe Coscarelli e Melena Ryzik, Music Mogul Russell Simmons Is Accused of Rape by 3 Women, in The New York Times, 13 dicembre 2017. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  71. ^ Il produttore discografico e imprenditore Russell Simmons è stato accusato da altre nove donne di violenze sessuali - Il Post, in Il Post, 14 dicembre 2017. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  72. ^ Otto donne accusano Morgan Freeman di molestie, in LaStampa.it. URL consultato il 25 maggio 2018.
  73. ^ CNN, otto donne accusano Morgan Freeman di molestie. "Chiedo scusa a chi ho offeso", in Spettacoli - La Repubblica, 24 maggio 2018. URL consultato il 25 maggio 2018.
  74. ^ La società di Weinstein dichiara bancarotta. Cancellati gli accordi per zittire le vittime di abusi, in Repubblica.it, 20 marzo 2018. URL consultato il 20 marzo 2018.
  75. ^ (EN) Glenn Whipp, 38 women have come forward to accuse director James Toback of sexual harassment, in latimes.com. URL consultato il 29 novembre 2017.
  76. ^ (EN) Six women accuse filmmaker Brett Ratner of sexual harassment or misconduct, in Los Angeles Times. URL consultato il 29 novembre 2017.
  77. ^ (FR) Affaire Harvey Weinstein : Asia Argento ne lâche pas, malgré les attaques en Italie, in L'Obs. URL consultato il 29 novembre 2017.
  78. ^ Argento Asia, Rendo noto di aver querelato @Libero_official per aver offeso la mia dignità di donna e leso la mia reputazione con il loro pessimo articolopic.twitter.com/9wRy8ZMCot, su @AsiaArgento, 8:54 AM - 13 Oct 2017. URL consultato il 2 novembre 2017.
  79. ^ (EN) Asia Argento flees Italy after public condemns her for speaking out about Harvey Weinstein, in Women in the World in Association with The New York Times - WITW, 19 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  80. ^ Cunnilingus, la verità di Feltri: Asia Argento e quella "leccatina". Il direttore senza freni. URL consultato il 29 novembre 2017.
  81. ^ "Morgan mi ha detto che Asia era in ottimi rapporti con Weinstein. Il loro era un rapporto sadomaso: lei dominava lui", in L’Huffington Post, 17 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  82. ^ Nyt: Asia Argento versa 380mila dollari al giovane attore che l'accusa di violenza sessuale, in repubblica.it, 20 agosto 2018. URL consultato il 20 agosto 2018.
  83. ^ (EN) Asia Argento leaves Italy to escape 'victim-blaming', 18 ottobre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  84. ^ Argentina, bufera su Sampaoli: accusato di abusi sessuali - Sportmediaset, su Sportmediaset.it. URL consultato il 9 giugno 2018.
  85. ^ Argentina, accuse di molestie sessuali: bufera sul ct Sampaoli, in Repubblica.it, 9 giugno 2018. URL consultato il 9 giugno 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]