Casting couch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Casting couch (letteralmente: "divano per il casting") è un eufemismo della lingua inglese usato per indicare l'atto con cui una persona che ha la possibilità di assegnare ruoli per formare un cast richiede prestazioni sessuali agli aspiranti attori o attrici. Sul piano legale, viene considerato un abuso di potere.[dove? In Italia è abuso/molestia sessuale]

Origine dell'espressione[modifica | modifica wikitesto]

L'espressione è stata coniata nell'industria cinematografica, settore in cui il fenomeno è molto più diffuso, per indicare quei casting riservati in cui produttori o registi preferivano avere colloqui privati con le aspiranti attrici per ottenere favori sessuali, per poi concedergli ruoli privilegiati in medie o grandi produzioni cinematografiche oppure apparizioni nel mondo dello spettacolo.

I casting couch hanno generato numerosi scandali sessuali in diversi campi: cinema, musica, televisione e persino politica, e in alcuni casi si è espressamente parlato di abuso di potere in quanto le vittime non erano sempre consenzienti all'atto ma obbligate dal contesto. L'affermazione nella cultura popolare di questi scandali di natura sessuale ha portato alla nascita di sottogeneri dell'industria pornografica, chiamati appunto "casting couch".

Alcuni casi di casting couch nell'industria cinematografica:

  • il regista polacco Roman Polanski, accusato nel 1977 di violenza sessuale nei confronti di una tredicenne, nella sua autobiografia Roman by Polanski, pur ammettendo i fatti, si difese sostenendo che la ragazza era consenziente e che il rapporto sarebbe stato favorito dalla stessa madre di lei al fine di favorire la carriera della figlia nel mondo cinematografico. Il giudice formulò tuttavia l'accusa di stupro sulla base del fatto che la ragazza, oltre ad essere stata ubriacata e drogata, non aveva raggiunto all'epoca dei fatti l'età del consenso;
  • l'attrice cinese Zhang Yu nel 2006 ha pubblicato 20 video pornografici che la ritraevano intenta nell'attività, allegando documenti che provavano la natura di casting couch che le hanno permesso di ottenere ruoli in diverse pellicole;[1]
  • l'attrice statunitense Megan Fox ha dichiarato nel 2009 di aver ricevuto richieste sessuali da alcuni registi con la promessa di ruoli importanti;[2]
  • l'attrice indiana Suchitra Krishnamoorthi ha dichiarato nel 2009 d'essere stata avvicinata, tramite il suo blog, da un produttore cinematografico che voleva offrirle una parte in un film, ma di avere in seguito ricevuto da quell'uomo richieste di prestazioni sessuali in cambio dell'ingaggio.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) China Debates Morality, Exploitation of Women, in NPR.org. URL consultato il 1º dicembre 2017.
  2. ^ (EN) Fox slams 'casting couch' directors, in Express.co.uk, 5 giugno 2009. URL consultato il 1º dicembre 2017.
  3. ^ (EN) I experienced casting couch: Suchitra, in India Today. URL consultato il 1º dicembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]