Anna Mazzamauro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anna Mazzamauro nel 1975

Anna Maria Mazzamauro (Roma, 1º dicembre 1938) è un'attrice italiana nota al grande pubblico per aver interpretato il personaggio della signorina Silvani[1], l'impiegata vamp della serie di fortunati film sul ragionier Ugo Fantozzi (nonostante l'attrice si fosse presentata ai provini per interpretare la parte della moglie del protagonista, Pina[2]), ottenendo una nomination al Nastro d'Argento come miglior attrice non protagonista nel 1976 per Fantozzi e nel 1994 per Fantozzi in paradiso; la Mazzamauro non è solo una brillante caratterista e attrice comica, ma durante una carriera trentennale ha saputo distinguersi in numerosi ruoli drammatici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anna Mazzamauro con Paolo Villaggio nel film Il secondo tragico Fantozzi (1976)

Inizia la carriera di attrice sul finire degli anni sessanta, quando diventa impresaria di se stessa, aprendo un piccolo teatro in centro a Roma, Il Carlino. In questo laboratorio sperimentale, oltre alle sue prime prestazioni da attrice prevalentemente teatrale, muovevano i loro passi anche personaggi come Elio Pandolfi, i Vianella (Wilma Goich e Edoardo Vianello) e Bruno Lauzi. Nel frattempo debutta al cinema nel 1967 in Pronto... c'è una certa Giuliana per te di Massimo Franciosa. Dopo un disastroso incendio avvenuto nel 1968, il teatro andò praticamente distrutto, la compagnia chiuse e la Mazzamauro si trovò disoccupata. In quell'anno recita nella commedia musicale Non cantare, spara, insieme al Quartetto Cetra.

Nei primi anni settanta si esibì in numerosi spettacoli teatrali di cabaret dove presentava una serie di personaggi femminili, caricature prese dalla società contemporanea, mettendo in evidenza intelligenza e una notevole dose di autoironia. Da uno di questi spettacoli venne pubblicato un Lp che immortala alcuni dei suoi tormentoni. Fra i partner di scena Lino Banfi e Oreste Lionello.

A suo agio più in teatro che al cinema[3], a causa della maggiore esperienza accumulata sul palcoscenico nel corso degli anni, fra le interpretazioni più interessanti ed efficaci quelle in Raccontare Nannarella, un monologo di Mario Moretti dedicato ad Anna Magnani (nato nel 1970 e riproposto negli anni novanta); Sempre di Moretti mette in scena Carmen, quindi Cyrano de Bergerac, dove l'attrice interpretava la parte del nasuto protagonista, parte certamente non facile per una donna.[4] Da sottolineare anche il fatto che ad oggi sia stata l'unica donna nel mondo ad aver interpretato tale ruolo[5].

In televisione ha condotto Scuola serale per aspiranti italiani per la regia di Enzo Trapani su Rai 2, è stata chiamata da Corrado a far parte del cast del programma in diretta dal Teatro delle Vittorie in Roma Gran Canal, fra gli altri, con Tullio Solenghi e Patrizia Pellegrino (1981 su Rai 2). In seguito a questi spettacoli ha inciso su 45 giri alcune sigle e canzoncine per bambini, interessanti sotto il profilo del collezionismo musicale. Su Mediaset ha partecipato a Grand Hotel su Canale 5 nel 1985 a fianco dei migliori comici dell'epoca per la regia di Giancarlo Nicotra ed a Beato tra le donne con Enrico Papi per la regia di Beppe Recchia.

Fra le attività di doppiaggio, famosa quella della sorellina in Senti chi parla 2. Nel 2002 ha recitato nella fiction di Canale 5 Ma il portiere non c'è mai?.

Nel 2013 riceve Premio Charlot alla carriera e nel giugno 2014 il premio "Queen of Comedy" al Festival MIX Milano.[6] Nel dicembre del 2014 è protagonista della commedia teatrale Nuda e Cruda al Teatro Erba di Torino, tratto dall'omonimo libro scritto dalla stessa attrice nel 2013.[6]

È stata sposata con Bartolomeo Scavia: la coppia, nel 1970, ha avuto una figlia. Si è dichiarata anarchica[2].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Prosa radiofonica RAI[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Signorina Silvani... SIGNORA, prego!, (2006) - Ed. Interculturali s.r.l.
  • Adattiamoci, (2010) - graus editore
  • Nuda e Cruda, (2014) - DiamonD Editrice

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1974 - Anna Mazzamauro (Dig-It, TLE 201, LP)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1974 - Il bombardino/La prima volta (Dig-It, MM 032, 7")
  • 1977 - Raffreddore da fieno (La Strega Sbarabegola)/La zebra Maria (Cinevox, 7")
  • 1985 - Le mantellate/Le mantellate (strumentale) (VideoRadio, 7")

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Charlot alla carriera nel 2013

Nomination[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In questo ruolo compare in tutti i film della saga, fatta eccezione per Fantozzi contro tutti e Superfantozzi
  2. ^ a b Anna Mazzamauro: «Il vantaggio della bruttezza? Dura per sempre»
  3. ^ "Nasco come attrice di teatro, ma per me non fa molta differenza recitare per il cinema o in teatro, diciamo che mi piace di più fare teatro perché io sono più un animale da palcoscenico. Poi, io non sono bravissima al cinema…", intervista ad Anna Mazzamauro su Unmondoaparte
  4. ^ Anna Mazzamauro, dalla Signorina Silvani al Cyrano de Bergerac | Radio24, su Anna Mazzamauro, dalla Signorina Silvani al Cyrano de Bergerac | Radio24. URL consultato il 28 ottobre 2015.
  5. ^ Il teatro ci permette di scaricare tutte le battute della vita, Roberto Rinaldi, 22 febbraio 2009, Teatro.org
  6. ^ a b Laura Carcano, Virginia Michetti, Tff, Mazzamauro: Antimadrina? Basta non mi chiamiate signorina Silvani, in LaPresse, 29 novembre 2014. URL consultato il 26 ottobre 2015.
  7. ^ Evento segnalato dalla arzine VR_media lab, 31 gennaio 2015, su vrmedialab.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN90303357 · SBN: IT\ICCU\RAVV\097380