Slut-shaming

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine slut-shaming (in italiano onta della sgualdrina) è un neologismo nato in ambito filosofico femminista per definire l'atto di far sentire una donna colpevole o inferiore per determinati comportamenti o desideri sessuali che si discostino dalle aspettative di genere tradizionali o ortodosse, o che possano essere considerati contrari alla regola naturale o soprannaturale/religiosa. Alcuni esempi di comportamenti per cui le donne si dice siano sottoposte allo slut-shaming includono: violazioni del codice di abbigliamento socialmente accettato quando si vestono in modo sessualmente provocante, le richieste di accesso al controllo delle nascite,[1][2][3] e persino l'essere violentate o aggredite sessualmente.[4]

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

Proteste contro la colpevolizzazione della vittima e lo slut-shaming alla SlutWalk di New York dell'ottobre 2011.

Le femministe definiscono lo slut-shaming come un processo in cui le donne vengono attaccate per la loro trasgressione dei codici di condotta sessuale,[5] ovvero ammonite per comportamenti o desideri che sono più sessuali di quanto la società trovi accettabile.[6] Emily Bazelon dice che l'onta è "retrograda, il contrario di femminista. Chiamare una ragazza puttana l'avverte che c'è una linea: lei può essere sessuale, ma non troppo sessuale ".[7]

Le femministe hanno dichiarato che lo slut shaming è usato contro le donne da parte di uomini e donne.[8] Jessica Ringrose ha sostenuto che essa funziona tra donne come un modo per sublimare la gelosia sessuale "in una forma socialmente accettabile di critica sociale dell'espressione sessuale femminile".[5] È anche usata come forma di colpevolizzazione della vittima di stupro e aggressione sessuale, ad esempio sostenendo che il reato è stato causato (in parte o del tutto) dalla donna che indossa abiti succinti o che agisce in maniera sfacciata e sessuale prima di non acconsentire al sesso.[4]

Eventi importanti[modifica | modifica wikitesto]

La marcia di protesta SlutWalk fu inaugurata a Toronto in risposta alla vicenda in cui un agente di polizia locale disse a un gruppo di studentesse che avrebbero potuto evitare la violenza sessuale se non si fossero vestite come "troie".[4][9][10]

Il termine è stato poi utilizzato per descrivere le osservazioni di Rush Limbaugh durante la polemica Rush Limbaugh-Sandra Fluke.[11] Si è ipotizzato che la discussione potrebbe avere effetti a lungo termine sul peso dell'onta della sgualdrina nei media radiotelevisivi.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sharon Lamb, The 'Right' Sexuality for Girls., in Chronicle of Higher Education, vol. 54, nº 42, 27 giugno 2008, pp. B14–B15, ISSN 00095982.
    «In Dilemmas of Desire: Teenage Girls Talk About Sexuality (Harvard University Press, 2002), Deborah L. Tolman complained that we've "desexualized girls' sexuality, substituting the desire for relationship and emotional connection for sexual feelings in their bodies." Recognizing that fact, theorists have used the concept of desire as a way to undo the double standard that applauds a guy for his lust, calling him a player, and shames a girl for hers, calling her a slut.».
  2. ^ Kath Albury e Kate Crawford, Sexting, consent and young people's ethics: Beyond Megan's Story, in Continuum: Journal of Media & Cultural Studies, vol. 26, nº 3, 18 maggio 2012, pp. 463–473, DOI:10.1080/10304312.2012.665840.
    «Certainly the individualizing admonishment to 'think again' offers no sense of the broader legal and political environment in which sexting might occur, or any critique of a culture that requires young women to preserve their 'reputations' by avoiding overt demonstrations of sexual knowingness and desire. Further, by trading on the propensity of teenagers to feel embarrassment about their bodies and commingling it with the anxiety of mobiles being ever present, the ad becomes a potent mix of technology fear and body shame.».
  3. ^ a b Nancy J. Legge, James R. DiSanza, John Gribas e Aubrey Shiffler, "He sounded like a vile, disgusting pervert..." An Analysis of Persuasive Attacks on Rush Limbaugh During the Sandra Fluke Controversy, in Journal of Radio & Audio Media, vol. 19, nº 2, 2012, pp. 173–205, DOI:10.1080/19376529.2012.722468.
    «It is also possible that the Limbaugh incident has turned "slut-shaming," or other similar attacks on women, into a "Devil-term." It may be possible that Limbaugh's insults were so thoroughly condemned that he and others (such as Bill Maher) will have a more difficult time insulting women who are not virgins, or attacking them in other sexist ways.».
  4. ^ a b c Clare McCormack e Nevena Prostran, Asking for It, in International Feminist Journal of Politics, vol. 14, nº 3, 2012, pp. 410–414, DOI:10.1080/14616742.2012.699777.
  5. ^ a b Jessica Ringrose, Postfeminist Education?: Girls and the Sexual Politics of Schooling, Routledge, 21 agosto 2012, p. 93, ISBN 978-1-136-25971-5. URL consultato il 16 maggio 2013.
  6. ^ Denise Du Vernay, Feminism, Sexism, and the Small Screen, pp. 163–182. a Joseph J. Foy e Timothy M. Dale, Homer Simpson Ponders Politics: Popular Culture as Political Theory, University Press of Kentucky, 24 aprile 2013, p. 164, ISBN 978-0-8131-4151-0. URL consultato il 16 maggio 2013.
  7. ^ Emily Bazelon, Sticks and Stones: Defeating the Culture of Bullying and Rediscovering the Power of Character and Empathy, Random House Publishing Group, 19 febbraio 2013, p. 95, ISBN 978-0-679-64400-2. URL consultato il 16 maggio 2013. L'enfasi in originale.
  8. ^ Belisa Vranich, Psy.D. e Holly Eagleson, Boys Lie: How Not to Get Played, HCI, 1º luglio 2010, p. 52, ISBN 978-0-7573-1364-6. URL consultato il 16 maggio 2013.
  9. ^ Jessica Ringrose e Emma Renold, Slut-shaming, girl power and 'sexualisation': thinking through the politics of the international SlutWalks with teen girls, in Gender and Education, vol. 24, nº 3, ottobre 2011, pp. 333–343, DOI:10.1080/09540253.2011.645023.
  10. ^ SlutWalk Toronto
  11. ^ Krystal Ball, Boycott Rush, su The Blog, Huffington Post, 3 febbraio 2012. URL consultato il 13 dicembre 2012.
    «This type of despicable behavior is part and parcel of a time-worn tradition of Slut-Shaming. When women step out line, they are demeaned and degraded into silence. If you say Herman Cain sexually harassed you, you are a slut. If you say Supreme Court Justice Clarence Thomas sexually harassed you, you are a slut.».

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]