Rush Limbaugh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rush Hudson Limbaugh III

Rush Hudson Limbaugh III (Cape Girardeau, 12 gennaio 1951) è un conduttore radiofonico e giornalista statunitense, orientato su posizioni conservatrici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato a lavorare in radio dall'età di 16 anni, conducendo vari programmi come disc jockey. Nel 1984 ha iniziato a condurre il proprio talk show sull'emittente KFBK di Sacramento, caratterizzato dal format, tuttora mantenuto, di alternanza tra i suoi commenti politici e le telefonate degli ascoltatori.

Dal 1988 la trasmissione è andata in onda su tutto il territorio statunitense, trasmessa dall'emittente newyorkese WABC. Limbaugh attualmente vive a Palm Beach, in Florida, e da lì trasmette il suo The Rush Limbaugh Show, che è il più seguito talk show radiofonico del paese.[1][2], con un'audience settimanale di 15 milioni di ascoltatori secondo Talkers Magazine.[3] Negli anni novanta i suoi libri The Way Things Ought to Be (1992) e See, I Told You So (1993) sono entrati nella classifica dei "best seller" del The New York Times. Nei suoi libri e nelle sue trasmissioni Limbaugh critica frequentemente e pesantemente quelli che considera politici di area liberal e le loro proposte, oltre a quelle che definisce come il dominio e l'influenza liberal sui più importanti media degli Stati Uniti.

Limbaugh, che nel 2008 ha sottoscritto un contratto per la sua trasmissione per un compenso di 400 milioni di dollari, è tra i conduttori più pagati del paese.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brian Wheeler, BBC News Magazine, in BBC News Magazine, 5 marzo 2012. URL consultato il 18 marzo 2012.
    «Currently hosts USA's highest-rated show, with approximately 15 million listeners.».
  2. ^ The Top Talk Radio Audiences, Talkers Magazine, 2011.
  3. ^ The 100 Most Important Talk Show Hosts in America Talkers Magazine 2012
  4. ^ Hilary Lewis, Rush Limbaugh Gets $400 Million To Rant Through 2016, in Business Insider, 2 luglio 2008. URL consultato il 27 febbraio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN53347701 · LCCN: (ENn92074505 · ISNI: (EN0000 0001 1461 2022 · GND: (DE136719643