Cara Delevingne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cara Delevingne
Cara Delevingne by Gage Skidmore.jpg
Cara Delevingne al San Diego Comic-Con International 2016
Altezza173[1] cm
Misure80-59-87[1]
Taglia34 (UE)
Scarpe39 (UE)
Occhiazzurri
Capellibiondi
Dati riferiti al 5 dicembre 2017

Cara Jocelyn Delevingne (AFI: [ˈkɑːrə ˌdɛləˈviːn][2][3]; Londra, 12 agosto 1992) è un'attrice e supermodella britannica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Pandora e Charles Delevingne,[4] Cara è cresciuta nel quartiere londinese di Belgravia insieme alle due sorelle maggiori, Poppy, anche lei modella, e Chloe. Per via materna discende dalla famiglia di baroni Faudel-Phillips; due dei suoi antenati di questo ramo della sua famiglia furono Lord sindaci della città di Londra.[5][6][7]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Modella[modifica | modifica wikitesto]

Cara Delevingne incomincia la sua carriera a 17 anni, firmando un contratto con la Storm Model Management e lasciando la scuola per dedicarsi a tempo pieno al mestiere di modella. Il suo primo lavoro fu una foto sul Love Magazine. Successivamente diventa il volto della Burberry's Beauty insieme con i modelli britannici Jamie Campbell Bower e Jourdan Dunn. Poco dopo è diventata il volto di Burberry primavera/estate 2012 accanto all'attore Eddie Redmayne.

Cara Delevingne durante una sfilata nel 2014

Delevingne è anche apparsa in campagne pubblicitarie per altri marchi come H&M, Blumarine, Zara e Chanel; è stata scelta da Vogue Inghilterra come il volto della collezione autunno/inverno 2012-2013. Ha inoltre sfilato come modella nel fashion show di Victoria's Secret nel 2012 e 2013.

Ha sfilato per numerose case di moda, come Versace, Fendi, Chanel, Burberry e altre ancora.

Nel 2012 e 2014 ha vinto ai British Fashion Awards il titolo di modella dell'anno.[8]

Nel 2013 ha partecipato al festival di Cannes e al Met Ball Gala indossando un vestito firmato Burberry disegnato appositamente per lei. Nello stesso anno Cara era tra gli ospiti dell'Animal Ball, organizzato dall'associazione The Elephant Family, che si è tenuto a Clarence House, residenza del principe Carlo e Camilla Parker Bowles. Nel 2013 è testimonial di Pepe Jeans[9] e della campagna Roman Skyline di Fendi[10] per l'autunno/inverno 2013-2014. Nello stesso anno diventa la testimonial del nuovo profumo Tender di Burberry.

Nel 2014 è tra le protagoniste della campagna La Perla primavera/estate.[11] Nel marzo dello stesso anno è stata posta alla posizione numero 5 della classifica relativa alle 50 migliori e più ricercate modelle del periodo che è stata stilata dal sito models.com. Nel settembre dello stesso anno, in collaborazione con Mulberry, rilascia una collezione di borse ispirate alla sua personalità. È inoltre il volto della campagna pubblicitaria per il profumo My Burberry di Burberry insieme con Kate Moss.[12] Nel mese di agosto viene scelta da Tom Ford come testimonial del profumo Black Orchid, dove appare nuda e immersa a metà in una piscina di acqua oscura su cui galleggiano diverse orchidee.[13]

Cara Delevingne alla première australiana di Città di carta (2015)

In occasione della settimana della moda di Parigi nel settembre 2014, Delevingne apre la sfilata protesta di Chanel ideata da Karl Lagerfeld.[14]

Sempre nel 2014 si classifica al 54 posto nella classifica stilata da FHM che raggruppa le cento donne più belle del mondo.[15]

Nel 2015 è protagonista, accanto a Kate Moss, della campagna pubblicitaria autunno/inverno di Mango.[16]

Nell'agosto 2015 annuncia, tramite un'intervista al TIME, di ritirarsi dalle passerelle per dedicarsi alla recitazione.[17] Intanto viene nominata dalla rivista Forbes la seconda modella più pagata, con un guadagno di 9 milioni di dollari, ex aequo con Adriana Lima.[18]

Nel gennaio 2016 riceve una statua di cera presso il Madame Tussauds di Londra,[19] e viene nominata dalla rivista Forbes la quinta modella più pagata, con un guadagno di 8,5 milioni di dollari.[20] Posizione mantenuta anche nel 2018 con un guadagno di 10 milioni di dollari.[21]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 ha avuto un piccolo ruolo nel film Anna Karenina di Joe Wright.

Nel 2013 presta la voce per il videogioco Grand Theft Auto V, nei panni di speaker per una radio ascoltabile nel gioco,[22] tornando l'anno successivo per integrare nuove parti.

Nel novembre del 2013 ha preso parte alle riprese di The Face of an Angel, per la regia di Michael Winterbottom.

Nel 2013 prende parte al film Kids in Love, affiancata da Sebastian de Souza e Will Poulter.[23] Nel 2015 partecipa alla pellicola drammatica Tulip Fever. Inoltre ha interpretato la protagonista del film Città di carta, ispirato al libro omonimo di John Green, nei panni di Margo Roth Spiegelman.[24]

Delevingne durante il Toronto International Film Festival nel 2014

Nel 2014 ha partecipato al video musicale della canzone Ugly Boy del gruppo sudafricano Die Antwoord.

Nel 2015 è apparsa nel trailer di Call of Duty: Black Ops III, uscito il 6 novembre. Sempre nel 2015 ha partecipato, insieme con altre star, al video musicale della canzone Bad Blood di Taylor Swift in collaborazione con Kendrick Lamar.[25]

Nel 2016 interpreta la parte della villain Incantatrice nel film della DC Comics diretto da David Ayer Suicide Squad.[26] L'anno successivo è protagonista della pellicola Valerian e la città dei mille pianeti.[27] Nel 2019 prende parte col ruolo di Vignette Stonemoss nella serie Carnival Row accanto ad Orlando Bloom.[28]

Musicista[modifica | modifica wikitesto]

Batterista, nell'agosto 2013 ha realizzato una cover della canzone Sonnentanz (Sun Don't Shine) dei Klangkarussel, insieme con il cantante Will Heard.[29] Nel 2014, in occasione della sfilata di Chanel a Strasburgo, canta CC the World insieme con Pharrell Williams nel cortometraggio Reincarnation, realizzato da Karl Lagerfeld. Il 27 Luglio 2017 canta I Feel Everything per il film Valerian e la città dei mille pianeti.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Cara Delevingne è apertamente bisessuale,[30][31] dal 2018 è fidanzata con la modella e attrice Ashley Benson.[32][33]

Nel 2017 Cara Delevingne è divenuta ambasciatrice della prima campagna mondiale di I'm Not a Trophy, movimento globale dedicato alla lotta contro la caccia e la raccolta di trofei di specie in via d'estinzione come leoni, rinoceronti ed elefanti.[34]

Agenzie[modifica | modifica wikitesto]

Campagne pubblicitarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Armani Exchange (2017)
  • Balmain A/I (2014)
  • Blumarine A/I (2012)
  • Burberry P/E (2011-2013) A/I (2012;2014)
  • Burberry Beauty (2011-2012)
  • Burberry Body Tender Fragrance (2013)
  • Burberry April Showers Campaign (2011)
  • Burberry Holiday (2017)
  • Call of Duty: Black Ops 3 (2015)
  • Chanel A/I (2014, 2017)
  • Chanel Eyewear P/E (2016)
  • Chanel Handbags P/E (2017)
  • Chanel Resort (2013)
  • Dior Beauty (2017-2018)
  • DKNY P/E (2013-2015)
  • DKNY Jeans P/E (2013) A/I (2013)
  • Dominic Jones Jewelry P/E (2012)
  • Douglas Cosmetics (2018)
  • Fendi A/I (2013)
  • H&M Authentic Collection A/I (2011)
  • Jimmy Choo (2017)
  • John Hardy Jewelry A/I (2014) P/E (2015)
  • La Perla P/E (2014)
  • Magnum Ice Cream by Moschino (2017)
  • Mango A/I (2015)
  • Marc Jacobs (2016)
  • Mulberry A/I (2013-2014) P/E (2014)
  • My Burberry Fragrance (2014-2016)
  • Ochirly P/E (2013)
  • Pepe Jeans P/E (2013; 2015) A/I (2013)
  • Penshoppe (2015)
  • Puma (2016-2017)
  • Reserved P/E (2013)
  • Rimmel (2016-presente)
  • Saint Laurent A/I (2013)
  • Tag Heuer (2015-2016;2018)
  • Tom Ford Black Orchid Fragrance (2014)
  • Topshop A/I (2014) P/E (2015)
  • YSL Baby Doll Spring (2013)
  • YSL A/I (2013)
  • YSL Beauty (2014-2016)
  • Zara A/I (2012)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Playhouse Presents - serie TV, episodio 3x08 (2014)
  • Carnival Row - serie TV, 9 episodi (2019-in corso)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I Feel Everything - (From Valerian and the City of a Thousand Planets) - (2017)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Cara Delevingne è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Cara Delevingne, su fashionmodeldirectory.com.
  2. ^ Cara Delevingne on Twitter: "@SmileItsNiall de-le-veen", Twitter.com. URL consultato il 19 maggio 2015.
  3. ^ Cara Delevingne Interview for British Vogue Cover Part 1, YouTube, 26 febbraio 2013. URL consultato il 19 maggio 2015.
  4. ^ Joshi Herrmann, The divine Delevingnes: Cara Delevingne's society family, in London Evening Standard, 29 novembre 2012. URL consultato il 16 marzo 2014 (archiviato il 29 ottobre 2013).
  5. ^ Person Page 47557, Thepeerage.com. URL consultato il 3 marzo 2015.
  6. ^ John Sheffield, Telegraph. URL consultato il 3 marzo 2015.
  7. ^ Anglo Jewish Coats of Arms: Being a List of Armorial Bearings in Current Use - Alfred Rubens - Google Books, Books.google.ca. URL consultato il 3 marzo 2015.
  8. ^ Fashion Britsh awards 2014, su vanityfair.it. URL consultato il 3 dicembre 2014.
  9. ^ melza de Burca sul settimanale "Panorama" del 15 gennaio 2014 pagg. 84-85
  10. ^ Cara Delevingne per Fendi: le foto di Karl Lagerfeld
  11. ^ Tre top model per La Perla 28/11/2013
  12. ^ Cara Delevingne e Kate Moss insieme per My Burberry, Elle, 4 settembre 2014. URL consultato il 2 maggio 2015.
  13. ^ Cara Delevingne posa nuda per il profumo Black Orchid di Tom Ford, su bellezza.excite.it, 22 agosto 2014. URL consultato il 2 maggio 2015.
  14. ^ Sfilata protesta Chanel primavera estate 2015: Video - Beautydea, su Beautydea. URL consultato il 25 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2015).
  15. ^ Cara Delevigne al tra le donne più belle del mondo. URL consultato il febbraio 2016.
  16. ^ Kate Moss-Cara Delevingne testimonial della campagna AI 2015, Grazia, 4 giugno 2015. URL consultato il 5 giugno 2015.
  17. ^ Cara Delevingne dice basta: troppo stress, addio alle passerelle, tgcom27, 20 agosto 2015. URL consultato il 20 agosto 2015.
  18. ^ Gisele Bundchen è la modella più pagata del mondo, gossipblog, 18 settembre 2015. URL consultato il 19 settembre 2015.
  19. ^ Le curiosità sulla statua di cera di Cara Delevingne svelate dallo scultore!, su meltyfan.it, 25 gennaio 2016. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  20. ^ Le top model più pagate del 2016, su d.repubblica.it, 31 agosto 2016. URL consultato il 31 agosto 2016.
  21. ^ La classifica delle modelle più pagate del mondo nel 2018, su forbes.it, 14 dicembre 2018. URL consultato il 16 dicembre 2018.
  22. ^ (EN) Corinne Redfern, GTA 5: Cara Delevingne ditches the catwalk to star in a computer game, su mirror.co.uk, 18 settembre 2016. URL consultato l'8 marzo 2016.
  23. ^ Cara Delevingne attrice: sarà la protagonista del film «Kids In Love» - it news - Grazia.it, su grazia.it. URL consultato il 19 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2014).
  24. ^ Cara Delevingne protagonista di un film dal romanzo di John Green Città di Carta, Comingsoon, 17 settembre 2014. URL consultato il 20 agosto 2015.
  25. ^ TAYLOR SWIFT VIDEO BAD BLOOD: TUTTE LE STAR DA CARA DELEVINGNE A ELLIE GOULDING, teamworld, 11 maggio 2015. URL consultato il 20 agosto 2015.
  26. ^ Ecco Cara Delevingne sul set di Suicide Squad, su badtaste.it, 7 marzo 2015. URL consultato il 28 agosto 2017.
  27. ^ Valerian e la città dei mille pianeti, Cara Delevingne e Dane Dehaan si sono divertiti un sacco sul set del film - News Mtv Italia, in news.mtv.it, 4 agosto 2017. URL consultato il 29 agosto 2017.
  28. ^ Carnival Row: Orlando Bloom e Cara Delevingne ci raccontano un romantico inferno steampunk, su Movieplayer.it. URL consultato il 2 dicembre 2019.
  29. ^ Cara Delevingne records Klangkarussell cover with Will Heard|Metro News
  30. ^ Logan Hill, Cara Delevingne, Ready to Conquer Hollywood, Immerses Herself in 'Paper Towns', in The New York Times, 16 luglio 2015. URL consultato il 29 luglio 2015.
  31. ^ Rob Haskell, Cara Delevingne Opens Up About Her Childhood, Love Life, and Why Modeling Just Isn't Enough, in Vogue, 19 giugno 2015. URL consultato il 19 giugno 2015.
  32. ^ Cara Delevingne e Ashley Benson: il bacio e la love story ufficiale, su Movieplayer.it, 21 agosto 2018. URL consultato il 6 agosto 2019.
  33. ^ Cristiano Vitali, Cara Delevingne e Ashley Benson sono ufficialmente una coppia, su iO Donna, 19 giugno 2019. URL consultato il 6 agosto 2019.
  34. ^ "Non sono un trofeo", Cara Delevingne posa 'nuda' per salvare gli animali /Guarda, su adnkronos.com. URL consultato il 18 settembre 2017.
  35. ^ Cara Delevingne: Britain's Model of the Year – Fashion Galleries – Telegraph, su fashion.telegraph.co.uk. URL consultato il 13 maggio 2015.
  36. ^ British Fashion Awards 2014: The Winners, su vogue.co.uk. URL consultato il 13 maggio 2015.
  37. ^ elle style awards 2015 the winners, su www.elleuk.com. URL consultato il 9 marzo 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305857352 · ISNI (EN0000 0004 2337 9498 · LCCN (ENnb2015001330 · GND (DE1080533370 · BNF (FRcb17022719c (data) · NDL (ENJA001152202 · WorldCat Identities (ENnb2015-001330