Città di carta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Città di carta
Titolo originale Paper Towns
Autore John Green
1ª ed. originale 2008
Genere romanzo
Lingua originale inglese
Protagonisti Quentin Jacobsen, Margo Roth Spiegelman
Altri personaggi Ben Starling, Marcus "Radar" Lincoln, Lacey Pemberton, Angela, Becca Arrington, Jason Worthington,Chuck Parson

Città di carta (Paper Towns) è un romanzo di John Green, pubblicato nel 2008 e vincitore del premio Edgar Award 2009 come miglior romanzo per ragazzi. Successivamente, nel 2015, è stato pubblicato il film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Orlando, Florida. Quentin Jacobsen, protagonista e voce narrante del racconto, ha 9 anni quando, in compagnia della vicina di casa e compagna di giochi Margo Roth Spiegelman, scopre nel parco il corpo di un uomo chiamato Robert Joyner, morto suicida. Mentre Quentin, spaventato, vorrebbe non preoccuparsi della cosa e lasciare il caso agli adulti, Margo conduce una piccola indagine finché rivela all'amico di poter ipotizzare il motivo del suicidio dell'uomo: tutti i suoi fili si sono rotti. Da quel momento i rapporti fra i due ragazzi si interrompono: Margo diventa molto popolare a scuola, soprattutto per le famose fughe che la vedono protagonista di avventure di cui tutti parlano, mentre Quentin, detto Q., conduce una vita da normale liceale.

È proprio al termine di una giornata normalissima che Margo si presenta, dopo 9 anni, alla finestra di Q., per coinvolgerlo nella vendetta ai danni di Jase Worthington, il fidanzato che sta tradendo la ragazza con Becca Arrington, della stessa Becca e di Lacey Pemberton, rivelatasi, secondo Margo, una falsa amica. I due ragazzi salgono poi sulla cima del SunTrust Building, e, osservando la città di Orlando dall'alto, Margo la definisce una "città di carta", abitata da persone "sottili e fragili come carta". Margo invita poi Q. a vendicarsi anch'egli su qualcuno: Chuck Parson, responsabile di atti di bullismo nei confronti di Q. I due ragazzi riescono poi a intrufolarsi nel parco divertimenti SeaWorld. Quentin spera che dopo questa indimenticabile notte potrà finalmente recuperare il rapporto con Margo, di cui è sempre stato innamorato.

Tuttavia il giorno dopo Margo scompare misteriosamente. Tutti sono convinti che si tratti di una fuga da niente come quelle precedenti. Ma Q. sa che questa volta c'è qualcosa di diverso. La vita del liceo inizia a risentire dell'assenza di Margo, che impediva ai ragazzi popolari di compiere atti di bullismo e che ora danno sfogo della loro rabbia dovute alle umiliazioni subite - a loro insaputa - da Margo. È questa l'occasione che permette a Q., sull'esempio di Margo, di non tirarsi indietro e affrontare la situazione, finché tutti si riappacificheranno.

Intanto Q. viene interrogato dal detective Otis Warren, secondo cui potrebbe trattarsi di una fuga definitiva e che dichiara di non essere tenuto a riportare Margo a casa, essendo lei maggiorenne. Q. decide così di iniziare a condurre una propria indagine, grazie al prezioso aiuto degli amici Ben Starling e Marcus "Radar" Lincoln, utente di Omnictionary ed esperto di tecnologie.

Dapprima Q. nota un insolito poster mai visto,che raffigura uno strano personaggio. Altri indizi portano Q. a intraprendere la lettura del poema "Io canto di me stesso" di Walt Withman, di cui Margo ha evidenziato alcuni versi. Q. continua a interrogarsi sul poema finché lo porta a trovare, nei cardini della porta di camera sua, un biglietto recante la scritta "8328, Bartlesville Avenue", che si rivela essere l'indirizzo di un centro commerciale abbandonato. Giunti sul posto, Q., Ben e Radar, trovano inquietanti indizi che farebbero pensare a un suicidio tra cui la scritta sul muro: "andrai nelle città di carta e non tornerai più indietro". Turbato ma incuriosito dall'espressione, Q. cerca su internet l'espressione "Città di carta", che scopre riferirsi a pseudoquartieri inesistenti segnati sulle mappe per questioni di copyright. Quentin non si scoraggia e si mette in moto per una disperata ricerca attraverso le città di carta della Florida e continuerà a tornare nel centro commerciale abbandonato, pullulante di indizi, arrivando a rinunciare alle feste scolastiche, tra cui il ballo di fine anno, alle quali invece Ben e Radar tengono particolarmente a partecipare, adesso che sono riusciti a raggiungere un alto livello di popolarità.

È la mattina del giorno del diploma quando Q., riuscendo a mettere insieme tutte le informazioni, risale al luogo in cui si si è rifugiata Margo: Agloe, una città di carta nello stato di New York, nella quale resterà soltanto fino alla sera seguente. Non c'è tempo da perdere: Q. decide di partire immediatamente, a bordo del minivan appena regalatogli dai genitori, anche a costo di perdere la cerimonia del diploma. Ben, Radar e Lacey (la quale adesso ha una relazione con Ben) si uniscono all'amico senza che neanche venga loro chiesto, e così i quattro partono per un intenso viaggio che per 21 ore li vedrà attraversare da sud a nord gli Stati Uniti orientali. Arrivati nella desolata Agloe, dopo un'iniziale arida accoglienza da parte di Margo, Q. avrà un'ultima, emozionante conversazione con la ragazza di cui è innamorato, consapevole che entrambi dovranno prendere strade diverse.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 la casa di produzione 20th century Fox ne ha tratto un film, diretto da Jake Schreier, con Nat Wolff nel ruolo di Quentin Jacobsen e la supermodella Cara Delevingne nel ruolo di Margo. Il film, che presenta notevoli differenze rispetto al libro, è uscito il 24 Luglio 2015 negli Stati Uniti e il 3 settembre 2015 nelle sale italiane.

Note[modifica | modifica wikitesto]

http://www.mymovies.it/film/2015/cittadicarta/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura