Adriana Lima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adriana Lima
Adriana Lima 2019 by Glenn Francis.jpg
Adriana Lima nel luglio 2019
Altezza178[1] cm
Misure86-61-89[1]
Taglia34[1] (UE) - 4[1] (US)
Scarpe39[1] (UE) - 8.5[1] (US)
OcchiAzzurri[1]
CapelliCastano scuro[1]
Dati riferiti al 2007

Adriana Lima (Salvador, 12 giugno 1981) è una supermodella e attrice brasiliana, celebre per essere stata dal 2000 al 2018 un Angelo di Victoria's Secret.[2] A 15 anni vinse il concorso Ford Supermodel del Brasile, per poi giungere seconda nello stesso concorso internazionale.[3] Debuttò sulla passerella nel 1997, sfilando alla settimana della moda di New York per Anna Sui e continuando per le più importanti case di moda.[4] Attualmente è ambasciatrice dei marchi IWC, Maybelline e Puma. Dal 2014 al 2016, secondo la rivista Forbes, è stata la seconda modella più pagata al mondo.[5][6][7] Dal 2009 al 2014 è stata sposata col cestista Marko Jarić, con cui ha avuto due figlie[8].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine portoghese, svizzera, giapponese e nativa brasiliana, è figlia unica di Maria Graça Lima e Nelson Torres, che ha lasciato Adriana e la madre quando lei aveva solo 6 mesi.[9] È cresciuta a Castelo Branco, quartiere di Salvador (Bahia).[10]

Parla quattro lingue: portoghese, inglese, spagnolo e italiano.[11]

Carriera da modella[modifica | modifica wikitesto]

Dagli inizi al 2010[modifica | modifica wikitesto]

Adriana Lima nel 2010

La carriera di Adriana Lima iniziò per caso, quando accompagnò una sua amica ad un concorso per modelle. A 15 anni vinse il Ford Supermodel del Brasile, successivamente giunse seconda nello stesso concorso internazionale. Si trasferì a New York, firmando un contratto con l'agenzia Elite Model Management, e apparve su numerose riviste internazionali di moda quali Vogue, Marie Claire, Elle, Harper's Bazaar, Esquire e GQ.[3]

Il suo debutto sulle passerelle avvenne per la collezione primavera/estate di Anna Sui, durante la settimana della moda di New York, nel 1997.[4] Da allora sfilò per stilisti come Vera Wang, Versace, Ralph Lauren, Giorgio Armani, Christian Dior, Christian Lacroix, Victoria's Secret, Louis Vuitton, Prada, Givenchy, Versace, Bottega Veneta, Marc Jacobs e molti altri. Nel 2000 divenne il volto di Guess?,[12] mentre l'anno successivo fu testimonial di Armani jeans.[13]

Nel dicembre 2002 posò per la prima volta senza veli per GQ Spain, fotografata da Russell James.[11] Nel 2003 fu sulla copertina dell'edizione brasiliana di Vogue in due mesi consecutivi, agosto e settembre.[14] Fu scelta come testimonial per il marchio di cosmetici Maybelline dal 2003 al 2009, dove fu protagonista di molte campagne pubblicitarie e nel 2009 anche di un calendario in edizione limitata.[15]

Adriana apparve per la prima volta sul Calendario Pirelli nel 2005,[16] fotografata da Patrick Demarchelier, e divenne nota in Italia in seguito ad un contratto con la TIM per la quale girò alcuni spot tra il 2004 e il 2005.[17] Sempre nel 2005 apparì sulla copertina di Vogue Messico per il mese di febbraio.[14] Nell'aprile 2006 fu sulla cover della versione americana di GQ, dove fece parecchio discutere il suo schierarsi contro il sesso prematrimoniale.[18] Nel 2008 fu sulla copertina della versione inglese di GQ insieme agli altri angeli di Victoria's Secret.[19] L'anno successivo fu una delle protagoniste della campagna di Givenchy per la stagione Autunno/Inverno 2009,[20] insieme a lei per la collezione donna posarono l'italiana Mariacarla Boscono, Iris Strubegger, Ranya Mordanova e Leonor Scherrer, nel mese di aprile, dopo un viaggio in Turchia firmò un contratto con la Doritos comparendo sia in campagne stampa che in spot pubblicitari.[21]

Nel 2010 venne scelta insieme ad Alessandra Ambrosio e Rosie Huntington-Whiteley, sue colleghe di Victoria's Secret, come testimonial del marchio di borse spagnolo Loewe.[22] Nel mese di luglio fu fotografata da Mario Sorrenti per lo speciale Sexy body issue della rivista V Magazine, in cui la modella appare senza veli e coperta da una "V" che una volta grattata lascia la modella in topless.[23]

Ha avuto l'opportunità di lavorare con i più prestigiosi fotografi tra cui, Mario Testino Giampaolo Sgura, Russell James, Steve McCurry e Vincent Peters quest'ultimo disse di lei:[24]

«Lo devo ammettere, la sottovalutavo. Per me era solo una bomba sexy di Victoria's Secret. Ma quando l'ho avuta davanti all'obiettivo ha sfoderato una vastissima gamma di espressioni.»

(Vincent Peters)

Dal 2011 al 2014[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 fu una dei due volti di Blumarine della stagione Autunno/Inverno 2011/2012[25], insieme a Sara Sampaio, e del marchio di lusso brasiliano Forum.[26] Nel mese di novembre rivelò al Daily Telegraph la dieta per prepararsi al Victoria's Secret Fashion Show dicendo che, oltre agli esercizi fisici, a nove giorni dalla sfilata non assume cibi solidi ma solo frullati di proteine e tre litri di acqua, un paio di giorni prima smette di assumere calorie, bevendo solo acqua, e dodici ore prima smette di bere qualsiasi liquido.[27] La dieta ebbe critiche negative, ma la modella la difese dicendo «Mi rendo conto che è molto intenso , ma ... ho la mente di un'atleta e apprezzo questo genere di cose. Non seguo diete pazzesche tutto l'anno. Lo faccio solo per questa cosa. Dopo la sfilata, torno normale!».[28] Secondo Google questa dieta fu la quinta più cliccata sul web, nel 2012.[29]

Fu scelta come volto della campagna pubblicitaria di Donna Karan primavera/estate del 2012,[30] realizzata sullo sfondo di Haiti la campagna originò non poche polemiche, infatti nonostante il suo impegno di raccolta fondi per aiutare gli haitiani nella situazione post terremoto, l'immagine della Lima accanto ad alcuni sfollati non fu molto gradita dai media.[31]

Nei primi mesi del 2012 la Mavi Jeans, azienda di abbigliamento turca, le fece un contratto per essere il volto del marchio, nel primo trimestre del 2012 la sua campagna incrementò le vendite del 50%. Grazie al successo con l'azienda la filiare europea russa decise di fare di lei il volto globale del marchio. Nello stesso anno fu l'unica celebrità a partecipare con 2 pubblicità al superbowl statunitense, il primo per il marchio teleflora, lo spot fu classificato secondo nella lista degli spot più sessisti di sempre, in quanto la modella spiegava come sia sufficiente un bouquet di fiori per sciogliere una donna e conquistarla.[32] Il secondo per la casa automobilistica Kia Motors,[33][34] le cui vendite aumentarono del 138% dopo aver trasmesso lo spot.

Nel 2013 comparve per la seconda volta nel Calendario Pirelli dove fu la prima donna ad essere fotografata in stato di gravidanza,[35] e diventò testimonial del Brand Metro City.[36] Sempre nello stesso anno, fu uno dei volti della campagna pubblicitaria Miu Miu[37] primavera/estate, nel mese di febbraio partecipò alla settimana della moda di Milano sfilando per Prada.[38] Venne fotografata per Calvin Klein che disegnò un'esclusiva t-shirt per la campagna di sensibilizzazione amfAR di San Paolo del Brasile, fondazione per la Ricerca sull'AIDS, oltre a lei, la campagna riunì un gruppo di illustri personaggi brasiliani[39]. Fu madrina della Confederations Cup in programma in Brasile dal 15 al 30 giugno.[40] Nel luglio dello stesso anno Desigual annunciò Adriana come volto del marchio sfilando in passerella durante Barcelona Fashion Week Primavera/Estate,[41][42] inoltre fu riconfermata tra le protagoniste della campagna Miu Miu autunno/inverno 2013/2014[43] e nel mese di ottobre apparve sulla copertina di Vogue Brazil.[44]

Nel 2014 fu scelta da Donna Karan come testimonial della sua linea di abbigliamento accanto al modello Andres Segura, ambientata nuovamente ad Haiti come nel 2012.[45] Nel mese di aprile il brand spagnolo Desigual annunciò il proseguimento del rapporto lavorativo con la modella che sarebbe stata il volto delle due main collection Autunno/Inverno e Primavera 2015, ruolo sancito anche da una serie di spot televisivi,[46][47][48] e per cui sfilò durante la New York Fashion Week.[49] In occasione dei mondiali in Brasile, di cui fu madrina, la Kia scelse nuovamente Adriana per pubblicizzare le sue auto.[50] Nello stesso anno venne scelta per la campagna pubblicitaria di Jason Wu[51] e di IWC, celebre marchio di orologeria,[52] inoltre tornò ad essere nuovamente testimonial Maybelline.[53]

Dal 2015 ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Adriana Lima al Festival di Cannes nel 2015

Nel 2015 apparve per la terza volta sul Calendario Pirelli, fotografata da Steven Meisel,[54] e venne scelta come testimonial di diverse campagne pubblicitarie, tra cui, Versace for Riachuelo[55], Marc Jacobs,[56] Vogue Eyewear e[57] Balmain,[58] per cui chiuse la sfilata durante la Settimana della moda di Parigi nel mese di marzo.[59][60] Fu il volto della linea Summer di H&M, accanto alle modelle Natasha Poly, Doutzen Kroes e Joan Smalls, realizzata dal fotografo Lachlan Bailey.[61] Nel mese di maggio fu scelta come testimonial del nuovo profumo di Marc Jacobs, Decadence, dove, immortalata da Steven Maisel, appare distesa mentre morde la catena d'oro del profumo.[62][63] Nel mese di novembre ricevette una statua di cera presso il Madame Tussauds di New York, facendo di lei la prima modella, nonché il primo angelo di Victoria's Secret, ad apparire in quel museo e la seconda personalità brasiliana dopo Pelé. La statua è ritratta con un outfit indossato dalla modella durante il Victoria's Secret Fashion Show del 2013.[64][65]

Nel 2016 continuò la sua collaborazione come testimonial per la primavera/estate di Marc Jacobs e di Vogue Eyewear,[66] inoltre venne scelta come testimonial della linea summer dal marchio Calzedonia.[67][68] Nel mese di agosto, oltre ad apparire sulla cover di Vogue Brasile,[69] fu arruolata, insieme alla collega Alessandra Ambrosio, dal network radiotelevisivo statunitense NBC, per raccontare le Olimpiadi 2016 realizzando un Best of Rio de Janeiro, per parlare di moda, cibo e cultura.[70] Durante questa esperienze fu scelta anche come tedofora per trasportare la torcia delle Olimpiadi.[71][72] Inoltre partecipò alla Milano Fashion Week sfilando per Versace[73] e Bottega Veneta.[74]

Nel 2017 venne scelta come testimonial delle campagne pubblicitarie primavera/estate e autunno/inverno di Sportmax,[75][76] nel mese di luglio apparve sulla copertina dell'edizione spagnola di Harper's Bazaar,[77] mentre nel mese di settembre fu, accanto alla modella Irina Shayk e al cantante The Weeknd, sulla cover dell'edizione americana di Harper's Bazaar, per celebrare il 150º anniversario.[78] Partecipò alla New York Fashion Week sfilando per Philepp Plein[79] e Fenty x Puma.[80] Nello stesso anno ricoprì il ruolo di presentatrice nella trasmissione American Beauty Star, un talent show sugli stilisti andato in onda su Lifetime.[81] Nel mese di dicembre, a seguito di una richiesta lavorativa di posare per un video sexy, la modella annunciò di non volersi spogliare più, se non per una buona causa.[82] Inoltre fu candidata, insieme ad altre 14 modelle, come Social Media Star of the Year dal sito models.com.[83]

Nella primavera del 2018 venne scelta come ambasciatrice globale del marchio di scarpe Schutz,[84] mentre nell'autunno dello stesso anno fu scelta come testimonial del brand sportivo Puma.[85] Nel gennaio 2019 Puma e Maybelline, due brand di cui è testimonial, realizzano una linea beauty ad edizione limitata, Puma x Maybelline e scelsero nuovamente la modella come volto.[86] Nel mese di aprile prese parte ad uno spot pubblicitario per il Palms Casino Resort di Las Vegas, al suo fianco Cardi B, Emily Ratajkowski, Ezra Miller e Rita Ora.[87] Nel mese di agosto fu sulla cover di Vogue Spain, insieme alla modella Irina Shaik.[88] Inoltre fu scelta dal brand BCBGMAXAZRIA come testimonial della campagna autunno/inverno in occasione del trentesimo anniversario del marchio,[89] e nel mese di novembre apparì per la prima volta sulla copertina della versione araba di Vogue.[90] Nello stesso mese lanciò, sempre in collaborazione con Puma, una sua linea di abbigliamento sportivo.[91]

Nel 2020 fu tra le protagonista della campagna pubblicitaria primavera/estate di Max Mara, realizzata da Steven Meisel[92][93] e realizzò, in collaborazione con Prive Revaux, una sua linea di montature per occhiali.[94] Nel marzo 2020 fu sulla copertina di Vogue Japan.[95]

Victoria's secret[modifica | modifica wikitesto]

Adriana Lima è meglio conosciuta per il suo lavoro con Victoria's Secret. La sua prima sfilata avvenne nel 1999,[96] e diventa una Victoria's Secret Angels nel 2000.[97] È la modella ad aver aperto più show, ben 5, nelle edizioni del 2003, 2007, 2008, 2010 e nel 2012, in quest'ultimo sfila a meno di due mesi dopo aver dato alla luce la sua seconda figlia.[98] Detiene anche il record di chiusura, con Heidi Klum, di tre show, nel 2001, 2002 e 2018. Saltò l'edizione del 2009 a causa della sua gravidanza[99]. È apparsa in moltissime campagne pubblicitarie e spot, tra cui uno del 2003 accanto a Bob Dylan.[100] Nel 2004 è stata una dei cinque angeli a partecipare al tour Angels Across America accanto a Tyra Banks, Heidi Klum, Gisele Bündchen, ed Alessandra Ambrosio. Nel 2007 insieme agli altri angeli riceve una stella sulla Walk of Fame di Hollywood.[101]

Adriana Lima con il Bombshell Fantasy Bra nel 2010

Adriana è l'unica modella, insieme ad Heidi Klum, ad aver avuto l'opportunità di indossare il Fantasy Bra in tre diverse occasioni. Il Black Diamond Fantasy Miracle Bra per il Victoria's Secret fashion show del 2008, dal valore di 5 milioni di dollari, fu creato dal designer statunitense di gioielli Martin Katz usando 3.575 diamanti neri, 117 diamanti da 1 carato, 34 rubini e 2 diamanti neri a goccia di un peso totale di 100 carati.[102] Nel 2010 venne scelta per indossare il Bombshell Fantasy Bra dove in totale si contano ben 142 carati di pietre preziose, di cui 60 solo di diamanti e 82 di topazi e zaffiri, dal valore di 2 milioni di dollari[103] creato da Damiani. Ripeté nuovamente l'esperienza nel 2014, anno in cui per la prima volta Victoria's Secret decise di creare ben 2 Dreams Angel Fantasy Bras nelle varianti di rosso e blu, quello indossato da Adriana fu realizzato con 16 000 zaffiri incastonati su una montatura di oro 18 carati. L'altro, realizzato con rubini, venne indossato da Alessandra Ambrosio, entrambi i Fantasy Bra furono creati dal gioielliere Pascal Mouawad per un valore di 2 milioni di dollari ciascuno.[104]

Nel 2008 fu scelta, da Victoria's Secret, come protagonista per lo spot trasmesso durante il Super Bowl, visto da 103,7 milioni di telespettatori, fu lo spot più visto durante il gioco.[105] Nel 2015 e 2016 venne scelta nuovamente dalla casa di moda per apparire negli spot trasmessi durante il Super Bowl, nel 2015 accanto alle colleghe Doutzen Kroes, Behati Prinsloo, Lily Aldridge e Candice Swanepoel, mentre l'anno successivo accanto alle modelle Alessandra Ambrosio, Elsa Hosk, Jasmine Tookes e Taylor Hill, in entrambi gli spot fu ricreata proprio una partita di Football.[106][107]

Nel gennaio 2017 venne dichiarata dalla rivista O Globo l’Angelo di Victoria’s Secret più influente, capace di far aumentare le vendite e rappresentare l’ideale sexy e sensuale del brand di lingerie. Secondo il quotidiano di Rio de Janeiro, a stabilirlo è un algoritmo basato su 14 parametri che vanno dai followers su Instagram al numero di sfilate a cui è richiesta.[108]

L’8 Novembre 2018, durante lo show del famoso brand di lingerie, annunciò il suo addio alla famosa casa di moda, dichiarando sul suo profilo instagram: «Cara Victoria, Grazie per avermi mostrato il mondo, per aver condiviso i tuoi segreti con me e soprattutto per avermi dato non solo le ali ma per avermi insegnato a volare». Nella sua carriera partecipò a numerosi press tours, alle aperture di nuovi negozi e al lancio di molte collezioni. È stata la modella ad aver partecipato a più sfilate, ben 18, e l'angelo più longevo, dal 2000 al 2018.[2][109]

Carriera da attrice[modifica | modifica wikitesto]

Il primo ruolo di Adriana fu in un cortometraggio in serie della BMW The Hire, dal titolo The follow nel 2001, interpretato da Clive Owen e Mickey Rourke e diretto da Wong Kar-wai.[110] Inoltre comparve con le sue colleghe Angeli (di Victoria's Secret) nella serie tv How I Met Your Mother[111] nel novembre del 2007.

Nel 2008 partecipò ad un episodio della serie televisiva Ugly Betty[112] nel ruolo di sé stessa. Nel dicembre 2013 è stata guest star di un episodio, intitolato Models Love Magic, della prima stagione della sitcom The Crazy Ones[113], dove interpreta sé stessa. Nel 2018 recita un cameo nella pellicola Ocean's 8, diretta da Gary Ross.[114]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 febbraio 2009 ha sposato il cestista Marko Jarić,[115] a Jackson Hole, nel Wyoming. La coppia ha avuto due figlie: Valentina,[116] nata il 15 novembre 2009, e Sienna, nata il 12 settembre 2012,[117][118] entrambe nate a New York. Nel maggio 2014 la coppia ha annunciato la separazione, il divorzio fu finalizzato nel marzo 2016.[8]

Immagine pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 fu inserita dalla rivista AskMen al primo posto della classifica Top 99 Women of 2005.[119] Nel 2008 il sito models.com la classificò al primo posto[120] nella top sexiest, la classifica delle modelle più sexy. Posizione riconfermata per cinque anni consecutivi.[121] Nel 2011 e 2013 la rivista spagnola DT la classificò al terzo posto tra le donne più sexy del mondo.[122][123] Nel 2010, 2011 e 2013, secondo il sito McAfee, si posizionò rispettivamente sesta, ottava e nona, come celebrità più pericolosa del web, ovvero quelle dietro i cui nomi si nascondono tentativi di phishing, malware e pagine che sono cariche di software dannosi.[124][125][126]

Nel 2006 Forbes la inserì nel quinto posto fra le modelle più pagate al mondo, con un compenso di 4 milioni di dollari[127], da allora è stata costantemente inserita in questa classifica fino al 2014, 2015 e 2016, dove sale in seconda posizione, con un guadagno rispettivamente di 8, 9 e 10.5 milioni di dollari. Sempre secondo Forbes, nel 2012 il suo patrimonio era di 35 milioni di dollari,[128] mentre nel 2016 si aggira intorno ai 75 milioni.[129]

Forbes

  • 5º posto, con 4 milioni (2006)[127]
  • 4º posto, con 6 milioni (2007)[130]
  • 4º posto, con 7 milioni (2008)[131]
  • 4º posto, con 7 milioni (2009)[132]
  • 4º posto, con 7.5 milioni (2010)[133]
  • 4º posto, con 8 milioni (2011)[134]
  • 4º posto, con 7.3 milioni (2012)[135]
  • 3º posto, con 6 milioni (2013)[136]
  • 2º posto, con 8 milioni (2014) ex aequo con Doutzen Kroes[5]
  • 2º posto, con 9 milioni (2015) ex aequo con Cara Delevingne[6]
  • 2º posto, con 10.5 milioni (2016)[7]
  • 4º posto, con 10.5 milioni (2017)[137]

Beneficenza[modifica | modifica wikitesto]

Adriana Lima è impegnata anche nella beneficenza per un orfanotrofio nella sua città natale. Si adopera per l'ampliamento dell'orfanotrofio e l'acquisto di abiti per i bambini poveri di Salvador. Nel maggio 2012 partecipò al progetto maternità a Saint Damien, Haiti, per visitare le mamme ed i bambini nel reparto di neonatologia.[138] Nell'aprile 2015 inaugurò nuove aree ricreative e una biblioteca per i bambini dell'ospedale Pequeno Principe a Curitiba, in Brasile. L'iniziativa avvenne grazie ad un'asta realizzata dal marchio di orologeria svizzera IWC, di cui è ambasciatrice.[139]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

  • Lenny Kravitz: Yesterday Is Gone (2001) - non accreditato

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici Italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi lavori, Adriana Lima è stata doppiata da:

Dall'ottavo al dodicesimo spot di Tim Turbo recita in italiano.

Agenzie[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2013 lasciò l'agenzia Marilyn Agency, che la rappresentava a New York da lungo tempo, a favore della Society Management.[140]

Attualmente le agenzie da cui è rappresentata sono:

Campagne pubblicitarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Adriana Lima x Puma (2019-2020)
  • Amazon (2019)
  • Anna Sui Jeans
  • Amazon Beverages (2013-2014)
  • Armani Jeans (2001)
  • Balmain P/E (2015)
  • BCBG Max Azria P/E (2000) A/I (2019)
  • Blumarine A/I (1997 e 2011)
  • Bebe Stores P/E (1999) A/I (1999)
  • BMW (2001)
  • Bulgari P/E (1999,2003)
  • BuzzFeed (2016)
  • Calzedonia Summer (2016)
  • Colcci (1995)
  • Chopard (2019)
  • De Beers
  • Desigual A/I (2014)
  • Donna Karan P/E (2012 e 2014)
  • Doritos (2009 e 2014)
  • Dudalina P/E (2019)
  • Elie Saab (2006)
  • Emporio Armani (2001)
  • Emporio Armani White fragrance (2001-2003)
  • Errenno A/I (2000)
  • Forum P/E (2003 e 2012) A/I (2011)
  • French Connection
  • Gai Mattiolo (1997)
  • Gasoline P/E (1998)
  • George Rech A/I (1998)
  • Givenchy A/I (2009)
  • Guess? (2000-2001)
  • H&M Summer (2015)
  • Iguatemi A/I (2003)
  • Intimissimi A/I (2000)
  • IWC A/I (2014)
  • Jason Wu A/I (2014)
  • Keeds
  • Kia Motors (2012 e 2014)
  • La Perla
  • Le Lis Blanc P/E (2017) A/I (2017)
  • Liverpool (2008)
  • Loewe (2012)
  • Marc Jacobs P/E (2015-2016)
  • Marc Jacobs Decadence Fragrance (2015-2017)
  • Marc Jacobs Divine Decadence Fragrance (2016-2017)
  • Mavi Jeans (2012-2013)
  • Max Mara P/E (2020)
  • Maybelline (2003-2009; 2014-presente)
  • Messika
  • Metro City P/E (2013) A/I (2013)
  • Miu Miu Eyewear P/E (2013)
  • Miu Miu P/E (2013) A/I (2013)
  • Miu Miu Croisière (2019)
  • Mossimo (1999)
  • M. Officer (2002)
  • Napier
  • Neiman Marcus
  • Newport News (2000-2001)
  • Ona Saez
  • Palms Casino Resort (2019)
  • Puma (2018-presente)
  • Puma x Maybelline (2019)
  • Privè reveaux (2020)
  • Schutz (2018)
  • Sportmax P/E (2017) A/I (2017)
  • Swatch 'Skin' watches
  • Teleflora (2012)
  • TIM (2004-2005)
  • Unsorted
  • Versace A/I (2003)
  • Versace x Raichuelo P/E (2015)
  • Vassarette
  • Veet (2014-2015)
  • Victoria's Secret (1999-2018)
  • Victoria's Secret Angels (2000-2018)
  • Vogue Eyewear P/E (2015-2016) A/I (2015-2016)
  • XOXO (2003)
  • Zapping A/I (1998)
  • Zeki Triko (2005)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Adriana Lima, su Fashion Model Directory, Fashion One Group. Modifica su Wikidata
  2. ^ a b Marika Gennari, Victoria's Secret: Adriana Lima dice addio alla passerella degli angeli, su d.repubblica.it, 9 settembre 2018. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 9 novembre 2018).
  3. ^ a b NicolettaSalvi, Adriana Lima: uno splendido "Angelo" in lingerie venuto dal Brasile, su worldcelebrities.blogosfere.it, 10 luglio 2013. URL consultato il 7 gennaio 2014 (archiviato il 7 gennaio 2014).
  4. ^ a b (EN) ADRIANA LIMA Profile, su fashiontv.com. URL consultato il 17 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2016).
  5. ^ a b Classifica Forbes delle Top Model più pagate del 2014, su forbesitalia.it, 19 agosto 2014. URL consultato il 19 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2014).
  6. ^ a b Gisele Bundchen è la modella più pagata del mondo - Top10, su gossipblog.it, 18 settembre 2015. URL consultato il 19 settembre 2015 (archiviato il 23 settembre 2015).
  7. ^ a b Le modelle più pagate dell'anno secondo Forbes, domina Gisele Bündchen: la classifica, su gds.it, 31 agosto 2016. URL consultato il 31 agosto 2016 (archiviato il 1º settembre 2016).
  8. ^ a b Adriana Lima: finalizzato il divorzio, su tio.ch, 17 marzo 2016. URL consultato il 22 marzo 2020.
  9. ^ Adriana Lima biografia, alfemminile.com. URL consultato l'11 settembre 2013 (archiviato il 4 novembre 2013).
  10. ^ (EN) Adriana Lima Talks About Her Childhood And Becoming A Supermodel, su perezhilton.com, 29 novembre 2010. URL consultato il 27 dicembre 2015 (archiviato il 5 gennaio 2016).
  11. ^ a b Adriana Lima: 35 anni e 10 cose che non sapete di lei, su iodonna.it, 10 giugno 2016. URL consultato il 7 settembre 2018 (archiviato il 7 settembre 2018).
  12. ^ (EN) Adriana Lima, su guessadvertising.com. URL consultato il 7 gennaio 2007 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2007).
  13. ^ Adriana Lima Armani Jeans Commercial 3, su youtube.com. URL consultato il 16 gennaio 2020.
  14. ^ a b (EN) Vogue's covers: Adriana Lima, su voguescovers.blogspot.com. URL consultato il 16 gennaio 2020 (archiviato il 16 gennaio 2020).
  15. ^ Make – Up da calendario, su stile.it, 21 novembre 2008. URL consultato il 22 marzo 2020.
  16. ^ Adriana Lima calendario Pirelli 2005, Today.it, 28 novembre 2012. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 25 settembre 2015).
  17. ^ Adriana Lima , la top model dello spot Tim, publiweb. URL consultato il 24 settembre 2015 (archiviato il 25 settembre 2015).
  18. ^ Tutto su Adriana Lima, dal sesso prematrimoniale al cinema con Tarantino, su foxlife.it, 15 giugno 2017. URL consultato il 27 ottobre 2019 (archiviato il 27 ottobre 2019).
  19. ^ Heidi Klum, Adriana Lima, Marisa Miller e gli angeli di Victoria's Secret su GQ!, su styleandfashion.blogosfere.it, 8 agosto 2008. URL consultato il 28 ottobre 2019 (archiviato il 28 ottobre 2019).
  20. ^ (EN) Givenchy fw09, su models.com. URL consultato il 5 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2012).. Models.com. Retrieved 2011-08-10.
  21. ^ Adriana Lima Doritos, su youtube.com, 4 novembre 2012. URL consultato il 27 ottobre 2019.
  22. ^ Loewe:campagna pubblicitaria autunno-inverno 2010/2011, pourfemme.it. URL consultato il 23 settembre 2015 (archiviato il 25 settembre 2015).
  23. ^ Adriana Lima, gratta e spogliala, su notizie.it, 25 giugno 2010. URL consultato il 27 ottobre 2019 (archiviato il 27 ottobre 2019).
  24. ^ Le mille espressioni di Adriana Lima, su archive.fo, 8 giugno 2012. URL consultato il 15 aprile 2015.
  25. ^ Marta Casadei, Adriana Lima per Blumarine, vogue, 12 luglio 2011. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 25 settembre 2015).
  26. ^ (EN) Adriana Lima for Forum Spring 2012 Campaign by Gui Paganini, positanonews.it, 11 agosto 2011. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 25 novembre 2018).
  27. ^ Adriana Lima si confessa: la dieta choc degli Angeli di Victoria’s Secret, su bigodino.it. URL consultato il 23 novembre 2017 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  28. ^ Adriana Lima difende la sua rigidissima dieta, eonline.com, 11 novembre 2011. URL consultato il 5 novembre 2013 (archiviato il 5 novembre 2013).
  29. ^ Le diete più pazze del mondo, tgcom, 18 dicembre 2012. URL consultato il 5 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2013).
  30. ^ (EN) Donna Karan S/S 2012 : Adriana Lima by Russell James, thefashionsport, 15 dicembre 2011. URL consultato il 23 settembre 2015 (archiviato il 25 settembre 2015).
  31. ^ Adriana Lima per l’adv P/E 2012 di Donna Karan posa tra i poveri di Haiti, su moda.pourfemme.it, 21 dicembre 2011. URL consultato il 9 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2014).
  32. ^ Le 5 pubblicità più sessiste di sempre? Quelle trasmesse al Super Bowl, su 105.net, 2 febbraio 2015. URL consultato l'8 aprile 2015 (archiviato il 10 marzo 2015).
  33. ^ Supersexy Adriana Lima nel nuovo spot della Kia Motors, su Quotidiano.net. URL consultato il 24 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  34. ^ (EN) 2012 Kia Optima TV Commercial Featuring Adriana Lima and Motley Crue, su ispot.tv. URL consultato il 12 dicembre 2012 (archiviato il 24 marzo 2013).
  35. ^ Calendario Pirelli 2013, Lima prima donna incinta, Vanity fair, 17 luglio 2012. URL consultato il 23 settembre 2015 (archiviato il 25 settembre 2015).
  36. ^ (EN) Adriana Lima Metro City Summer 2013, su supermodels-online.com, 28 maggio 2013. URL consultato il 2 settembre 2013 (archiviato il 3 dicembre 2013).
  37. ^ Adrina Lima per mui miu pe 2013, su vogue.it, 20 dicembre 2012. URL consultato il 23 novembre 2017 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  38. ^ (PT) Adriana Lima deixa a lingerie de lado para desfilar para a Prada, su br.mulher.yahoo.com. URL consultato il 28 febbraio 2013 (archiviato il 4 dicembre 2013).
  39. ^ Calvin Klein per amfAR San Paolo: l'edizione limitata di t-shirt, su styleandfashion.blogosfere.it. URL consultato il 7 giugno 2013 (archiviato il 25 giugno 2013).
  40. ^ Adriana Lima, madrina della Confederations Cup, su sport.virgilio.it. URL consultato il 7 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2013).
  41. ^ Adriana Lima, testimonial di Disegual" al "Barcellona Fashion Week", su ilmessaggero.it. URL consultato il 16 dicembre 2018 (archiviato il 16 dicembre 2018).
  42. ^ Adriana Lima presenta la nuova collezione Desigual, elvestile.it. URL consultato il 13 luglio 2013 (archiviato il 15 agosto 2013).
  43. ^ La campagna pubblicitaria Miu Miu autunno inverno 2013-2014 con Adriana Lima, fashionblog. URL consultato il 10 luglio 2013 (archiviato il 13 luglio 2013).
  44. ^ Adriana Lima – Vogue Brazil October 2013, su blog.thesocietymanagement.com, 8 ottobre 2013. URL consultato il 23 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  45. ^ Adriana Lima per Donna Karan Primavera Estate 2014, su lei.excite.it, 9 gennaio 2014. URL consultato il 9 gennaio 2014 (archiviato il 9 gennaio 2014).
  46. ^ Adriana Lima brand ambassador Desigual: un Angelo per il marchio spagnolo, velvetstyle.it. URL consultato il 17 aprile 2014 (archiviato il 19 aprile 2014).
  47. ^ Desigual, Adriana Lima è la nuova testimonial per il 2014, fashionblog.it. URL consultato il 17 aprile 2014 (archiviato il 19 aprile 2014).
  48. ^ Desigual Campagna A/I 2014: Adriana Lima è protagonista, Leonardo.it, 1º luglio 2014. URL consultato l'8 luglio 2014 (archiviato il 14 luglio 2014).
  49. ^ Adriana Lima protagonista della sfilata Desigual, il sole 24 ore. URL consultato il 15 settembre 2014 (archiviato il 15 settembre 2014).
  50. ^ Mondiali 2014: Adriana Lima super-testimonial per Kia, su omniauto.it, 9 giugno 2010. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 17 giugno 2014).
  51. ^ (EN) Adriana Lima wows in Jason Wu fall/winter 2014 campaign, su fabfashionfix.com, 1º luglio 2014. URL consultato il 21 novembre 2018 (archiviato il 21 novembre 2018).
  52. ^ Maria Luisa Fortuna, Adriana Lima e Karolina Kurkova a Portofino per il celebre marchio IWC, su urbanpost.it, 18 maggio 2014. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 16 ottobre 2014).
  53. ^ Adriana Lima di nuovo testimonial Maybelline New York, Vogue, 20 giugno 2014. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 7 luglio 2014).
  54. ^ Calendario Pirelli 2015: Foto backstage Candice Huffine, Adriana Lima, Isabeli Fontana, il messaggero, 30 luglio 2014. URL consultato il 21 agosto 2014.
  55. ^ Versace lancia il low cost brasiliano, su pambianconews.com, 6 novembre 2014. URL consultato il 14 novembre 2014 (archiviato il 9 novembre 2014).
  56. ^ Marc Jacobs Gets Kendall Jenner and Others to Pose for Spring 2015 Ad Campaign, su thefashionspot.com, 16 dicembre 2014. URL consultato il 29 dicembre 2014 (archiviato il 29 dicembre 2014).
  57. ^ Vogue Eyewear: la campagna P/E 2015 con Adriana Lima, Vogue, 18 marzo 2015. URL consultato il 6 marzo 2015 (archiviato il 26 aprile 2015).
  58. ^ (EN) Balmain s/s 2015 campaign by Mario Sorrenti, su fashionindustryarchive.com. URL consultato il 29 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2015).
  59. ^ Alessandra Ambrosio e Adriana Lima desfilam com Kendall Jenner em Paris, su purepeople.com.br. URL consultato il 6 marzo 2015.
  60. ^ Sfilate Parigi marzo 2015: l'audacia di Balmain, sfilano Adriana Lima, Gigi Hadid e Karlie Kloss, fashionblog, 6 marzo 2015. URL consultato il 7 marzo 2015 (archiviato il 12 marzo 2015).
  61. ^ Collezione H&M primavera/estate 2015 con 4 super testimonial, fanpage. URL consultato il 10 aprile 2015 (archiviato l'11 aprile 2015).
  62. ^ Adriana Lima testimonial del profumo Decadence di Marc Jacobs, velvetnews, 7 maggio 2015. URL consultato l'8 maggio 2015 (archiviato il 10 maggio 2015).
  63. ^ Decadence di Marc Jacobs: Adriana Lima nella campagna pubblicitaria, Velvetnews, 22 giugno 2015. URL consultato il 22 giugno 2015 (archiviato il 22 giugno 2015).
  64. ^ Adriana Lima ha la sua statua di cera, su ilsecoloxix.it, 1º dicembre 2015. URL consultato il 5 dicembre 2015 (archiviato l'8 dicembre 2015).
  65. ^ Rita Fenini, Adriana Lima al Madame Tussauds di New York, su icon.panorama.it, 30 novembre 2015. URL consultato il 5 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2015).
  66. ^ (EN) Jonathan Borge, Watch Adriana Lima Bask in the Sun for Vogue Eyewear's Retro-Inspired Campaign, su instyle.com, 4 febbraio 2016. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato l'11 febbraio 2016).
  67. ^ (ES) Adriana Lima, nueva chica Calzedonia, su telva.com, 8 aprile 2016. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato l'11 aprile 2016).
  68. ^ (ES) ¡Ya huele a verano! Adriana Lima es la nueva chica Calzedonia, su trendencias.com, 8 aprile 2016. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 10 aprile 2016).
  69. ^ (EN) One-two punch! Adriana Lima flaunts her feisty side on the cover of Vogue Brazil and in a boxing-themed shoot before heading to Rio to cover the Olympics for NBC, su dailymail.co.uk, 25 luglio 2016. URL consultato il 26 luglio 2016 (archiviato il 26 luglio 2016).
  70. ^ Alessandra Ambrosio e Adriana Lima per le Olimpiadi 2016, su vogue.it, 21 luglio 2016. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 27 luglio 2016).
  71. ^ Rio 2016. Adriana Limain lacrime porta la torcia olimpica, su deejay.it, 5 agosto 2016. URL consultato l'11 agosto 2016 (archiviato il 10 agosto 2016).
  72. ^ Rio 2016, Adriana Lima tedofora super in Brasile: lacrime di gioia per la modella, su sportfair.it, 5 agosto 2016. URL consultato l'11 agosto 2016 (archiviato il 22 agosto 2016).
  73. ^ Milano Fashion Week 2016: Naomi, Irina, Doutzen e le Hadid: parata di top per Versace, su iodonna.it, 23 settembre 2016. URL consultato il 30 luglio 2017.
  74. ^ Bottega Veneta: sfilano Gigi, Eva, Adriana. Ma la più sexy è Irina, su quotidiano.net, 24 settembre 2016. URL consultato il 30 luglio 2017 (archiviato il 30 luglio 2017).
  75. ^ Sportmax campagna primavera/estate 2017, su it.sportmax.com. URL consultato il 23 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  76. ^ Adriana Lima, eleganza e glam per Sportmax primavera-estate 2017, su fashionblog.it, 6 febbraio 2017. URL consultato il 29 giugno 2017 (archiviato il 25 giugno 2017).
  77. ^ (EN) Adriana Lima Captivates on Harper’s Bazaar Spain’s Flawless Black & White Covers, su thefashionspot.com, 20 giugno 2017. URL consultato il 29 giugno 2017 (archiviato il 1º luglio 2017).
  78. ^ Il numero di settembre di Harper's Bazaar brilla grazie alle star scelte e vestite da Carine Roitfeld, su elle.it, 3 agosto 2017. URL consultato il 28 agosto 2017 (archiviato il 28 agosto 2017).
  79. ^ Philipp Plein, sfilata fetish-chic con Dita Von Teese e Adriana Lima, su quotidiano.net, 11 settembre 2017. URL consultato il 23 settembre 2017 (archiviato il 23 settembre 2017).
  80. ^ New York Fashion Week: Adriana Lima e gli angeli in passerella per Rihanna tra le dune rosa, su corriere.it, 11 settembre 2017. URL consultato il 23 settembre 2017 (archiviato il 23 settembre 2017).
  81. ^ (EN) Adriana Lima to host competition series 'American Beauty Star' on Lifetime, su upi.com, 12 maggio 2017. URL consultato il 23 settembre 2017 (archiviato il 23 settembre 2017).
  82. ^ "Non mi spoglierò più": Adriana Lima sta per posare le sue ali e lasciare Victoria's Secret una volta e per sempre?, su elle.it, 12 dicembre 2017. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 22 dicembre 2017).
  83. ^ Bella Hadid, Grace Elizabeth, Irina Shayk e Vittoria Ceretti nominate ai Readers' Choice Awards di Models.com, su vogue.it, 20 dicembre 2017. URL consultato il 22 dicembre 2017 (archiviato il 22 dicembre 2017).
  84. ^ (EN) Schutz Debuts Adriana Lima as New Global Brand Ambassador & Launches NYC Pop-Up Store, su footwearnews.com, 18 maggio 2018. URL consultato il 19 maggio 2018 (archiviato il 19 maggio 2018).
  85. ^ Adriana Lima è la nuova training ambassador di Puma, su vogue.it, 2 ottobre 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  86. ^ Puma x Maybelline, linea beauty con Adriana Lima, su mffashion.com, 17 gennaio 2019. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  87. ^ Adriana Lima dopo Victoria’s Secret: la modella è protagonista della campagna del Palms Casino Resort, su vogue.it, 3 aprile 2019. URL consultato il 5 aprile 2019 (archiviato il 3 aprile 2019).
  88. ^ Irina Shayk e Adriana Lima "lesbo chic" per Vogue Spagna, su ilgiornale.it, 23 luglio 2019. URL consultato il 27 ottobre 2019 (archiviato il 27 ottobre 2019).
  89. ^ (EN) Adriana Lima on modelling, personal style and latest campaign with BCBG, su emirateswoman.com, 25 agosto 2019. URL consultato il 25 agosto 2019 (archiviato il 25 agosto 2019).
  90. ^ (EN) Manuel Arnaut, Adriana Lima and Samir Ghanem Star On The Cover of Vogue Arabia, su en.vogue.me, 29 ottobre. URL consultato il 31 ottobre 2019 (archiviato il 31 ottobre 2019).
  91. ^ Adriana Lima per Puma: «La mia collezione, un sogno diventato realtà», su vanityfair.it, 1º novembre 2019. URL consultato il 3 novembre 2019 (archiviato il 3 novembre 2019).
  92. ^ (EN) Gigi Hadid, Adriana Lima & More Stun in Max Mara's Spring Summer 2020 Campaign, su justjared.com, 7 gennaio 2020. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato il 7 gennaio 2020).
  93. ^ Donatella Genta, Gigi Hadid, Joan Smalls, Irina Shayk e Adriana Lima: un dream team per Max Mara, su d.repubblica.it, 9 gennaio 2020. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato il 12 gennaio 2020).
  94. ^ (EN) Adriana Lima for Prive Revaux, su fashionweekdaily.com, 29 gennaio 2020. URL consultato il 30 gennaio 2020.
  95. ^ (EN) Vogue Japan covers march 2020 Adriana Lima, su fashionmodeldirectory.com. URL consultato il 22 febbraio 2020 (archiviato il 22 febbraio 2020).
  96. ^ (EN) Victoria's Secret show 2013: Adriana Lima makes 13 her lucky number, su fashion.telegraph.co.uk, 14 novembre 2013. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 2 dicembre 2013).
  97. ^ Le modelle di Victoria's Secret, stylosophy, 29 marzo 2012. URL consultato il 23 settembre 2015 (archiviato il 24 settembre 2015).
  98. ^ Adriana Lima più in forma che mai, Luxgallery.it. URL consultato il 23 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  99. ^ (EN) 2009 Victoria's Secret Fashion Show, fashion-style.becomegorgeous.com. URL consultato l'11 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2009).
  100. ^ Dylan, spot della lingerie tra ironia e polemiche, su corriere.it, 9 aprile 2004. URL consultato il 28 novembre 2014 (archiviato il 4 dicembre 2014).
  101. ^ Victoria’s Secret conquista il Walk of Fame, su styleforstyle.it, 15 novembre 2007. URL consultato il 26 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  102. ^ Adriana Lima modella per reggiseno da 5 milioni di dollari, Gossippando.it, 21 ottobre 2008. URL consultato il 23 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  103. ^ Adriana Lima presenta il reggiseno Bombshell Fantasy Bra nell'Illinois, kikapress, 8 dicembre 2008. URL consultato il 23 settembre 2015 (archiviato il 25 settembre 2015).
  104. ^ Victoria's Secret, il Fantasy Bra 2014 è... doppio!, fashionblog, 3 novembre 2013. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 3 novembre 2014).
  105. ^ Victoria’s Secret Adriana Lima at Super Bowl, su theinspirationroom.com, 3 febbraio 2008. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 22 gennaio 2015).
  106. ^ Gli angeli di Victoria's Secret per il SuperBowl 2015, fashionblog, 22 gennaio 2015. URL consultato il 23 gennaio 2015 (archiviato il 23 gennaio 2015).
  107. ^ Tutto il fascino del Superbowl: lo spot di Victoria's Secret, su video.repubblica.it, 3 febbraio 2016. URL consultato il 6 febbraio 2016 (archiviato il 6 febbraio 2016).
  108. ^ Esplora il significato del termine: L’Angelo di Victoria’s Secret più influente? È Adriana Lima (e lo rivela un algoritmo)L’Angelo di Victoria’s Secret più influente? È Adriana Lima (e lo rivela un algoritmo), su corriere.it, 6 gennaio 2017. URL consultato il 13 gennaio 2017 (archiviato il 16 gennaio 2017).
  109. ^ Adriana Lima in lacrime per lʼultimo... volo dʼangelo, su tgcom24.mediaset.it, 9 novembre 2018. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 9 novembre 2018).
  110. ^ The Follow, su comingsoon.it. URL consultato il 23 novembre 2017 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  111. ^ (EN) The best model cameos from your favourite TV shows, su vogue.com.au, 19 settembre 2017. URL consultato il 25 novembre 2018.
  112. ^ Adriana Lima guest star per Ugly Betty: ecco le immagini dal set!, su styleandfashion.blogosfere.it, 12 settembre 1008. URL consultato il 16 dicembre 2018 (archiviato il 3 agosto 2014).
  113. ^ Adriana Lima in The Crazy Ones, tvblog.it, 26 ottobre 2013. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 28 ottobre 2013).
  114. ^ Ocean’s 8: ecco tutte clip di presentazione dei personaggi, su cinematographe.it, 12 aprile 2018. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 12 giugno 2018).
  115. ^ Lima a nozze, su gossip.virgilio.it, 24 febbraio 2009. URL consultato il 28 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2014). Virgilio.it
  116. ^ Un angioletto per Adriana e Marko, su sportmediaset.mediaset.it, 17 novembre 2009. URL consultato il 2 settembre 2018 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  117. ^ Adriana Lima, è nata Sienna, Gossip.it, 13 settembre 2012. URL consultato il 2 settembre 2018 (archiviato il 15 marzo 2016).
  118. ^ Adriana lima mamma per la seconda volta, tgcom 24, 12 settembre 2012. URL consultato il 2 settembre 2018 (archiviato il 3 dicembre 2013).
  119. ^ (EN) AskMen.com Unveils Top 99 Most Desirable Women Of 2005, su prweb.com. URL consultato il 22 marzo 2020.
  120. ^ models.com. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato il 25 gennaio 2013).
  121. ^ (EN) Models.com - Top sexiest models, su models.com. URL consultato il 25 novembre 2018 (archiviato il 25 novembre 2018).
  122. ^ DT – LE PIÙ SEXY AL MONDO, su scomunicando.it, 3 febbraio 2011. URL consultato il 7 marzo 2019 (archiviato il 26 marzo 2016).
  123. ^ Kate è la più sexy del mondo, Adriana Lima terza, su sport.libero.it, 30 marzo 2013. URL consultato il 17 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2013).
  124. ^ Cameron Diaz è la star più pericolosa, su bestmovie.it. URL consultato il 5 maggio 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  125. ^ È Heidi Klum la celebrità più pericolosa nel cyberspazio, su key4biz.it, 21 settembre 2011. URL consultato il 5 maggio 2015 (archiviato il 26 novembre 2018).
  126. ^ Lily Collins è la star più "pericolosa" del web secondo McAfee, su today.it, 18 settembre 2013. URL consultato il 5 maggio 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  127. ^ a b (EN) The top 100 Celebrities - Adriana Lima, su forbes.com. URL consultato il 19 marzo 2020 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2012). Forbes.com
  128. ^ Le modelle più famose e pagate della storia, Paperblog.com, 8 febbraio 2012. URL consultato il 24 settembre 2015 (archiviato il 25 settembre 2015).
  129. ^ Le "paperone" della lingerie, Adriana Lima è l'angelo di Victoria’s Secret più ricco: la classifica, su gds.it, 3 dicembre 2016. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 5 dicembre 2016).
  130. ^ È sempre Gisele Bundchen la più pagata, su corriere.it, 17 luglio 2007. URL consultato il 21 novembre 2018 (archiviato il 21 novembre 2018).
  131. ^ Gisele Bundchen è la modella più pagata al mondo, su tg.la7.it. URL consultato il 21 novembre 2018 (archiviato il 21 novembre 2018).
  132. ^ Le modelle più pagate dell'anno, su donnamoderna.com. URL consultato il 22 marzo 2020.
  133. ^ Giulia Ferri, Le modelle più pagate secondo Forbes, su lussuosissimo.com, 17 agosto 2010. URL consultato il 22 marzo 2020 (archiviato il 6 giugno 2013).
  134. ^ La classifica delle modelle più pagate, su moda.pourfemme.it, 18 maggio 2011. URL consultato il 23 novembre 2017 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  135. ^ (EN) Brian Solomon, The World's Highest Paid Models, su forbes.com, 14 giugno 2012. URL consultato il 20 giugno 2012 (archiviato il 19 giugno 2012).
  136. ^ Le top model più pagate del 2013, su gossipblog.it, 20 agosto 2013. URL consultato il 20 agosto 2013 (archiviato il 23 agosto 2013).
  137. ^ Le modelle più pagate del 2017 secondo Forbes: da Kendall Jenner a Gigi Hadid, su vogue.it, 21 novembre 2017. URL consultato il 22 novembre 2017 (archiviato il 23 novembre 2017).
  138. ^ Adriana Lima: un angelo tra bellezza e impegno sociale, su stylology.it, 23 marzo 2015. URL consultato il 27 ottobre 2019 (archiviato il 27 ottobre 2019).
  139. ^ Adriana Lima: dieci cose che non sai sulla modella, su lifestar.it, 29 luglio 2018. URL consultato il 7 marzo 2019.
  140. ^ Nuova agenzia per Adriana Lima, su cosmopolitan.com, 16 luglio 2013. URL consultato il 21 novembre 2018 (archiviato il 21 novembre 2018).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN29157939 · LCCN (ENno98126096 · WorldCat Identities (ENlccn-no98126096