Selita Ebanks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Selita Ebanks
SelitaEbanksJun09.jpg
Altezza176 cm
Misure84-61-86,5
Taglia34 (UE) - 4 (US)
Scarpe41 (UE) - 9 (US)
OcchiMarroni
CapelliMarrone scuro

Selita Ebanks (George Town, 15 febbraio 1983) è una supermodella britannica.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuta a Staten Island (New York City), è stata scoperta all'età di 17 anni al Six Flags Great Adventure nel New Jersey da Women Model Management. Ha fatto il suo maggior debutto assieme alla collega e promettente modella Izabel Goulart al Victoria's Secret Fashion Show ed è stata dal 2005 al 2008 una Victoria's Secret Angels. Nel 2007 partecipa alla sfilata indossando l'holiday fantasy bra, un completo intimo realizzato da Mouawad con 320 ore di lavoro, composto da 9000 pietre preziose tra cui diamanti, smeraldi, rubini e zaffiri gialli. Il completo oltre al reggiseno e agli slip comprende anche un fermaglio, un bracciale ed una giarrettiera realizzate con le stesse pietre preziose per un valore di 4.5 milioni di dollari.[1] Nel 2007, insieme agli altri angeli, riceve una stella sulla Hollywood Walk of Fame di Los Angeles.[2]

Ha lavorato anche per Ralph Lauren, Levi's, Abercrombie & Fitch, Tommy Hilfiger e Clinique.

Selita ammira molto la supermodella Tyra Banks che, concludendo la sua carriera, le ha simbolicamente passato le sue ali di Victoria's Secret durante l'edizione del Tyra Banks Show nel novembre 2005.[3]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Ha interpretato il ruolo della Fenice (Phoenix) nel cortometraggio Runaway di Kanye West

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Agenzie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diamanti e pietre preziose per la lingerie Victoria's Secret da 4,5 milioni di dollari
  2. ^ Victoria’s Secret conquista il Walk of Fame, su styleforstyle.it, 15 novembre 2007. URL consultato il 26 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  3. ^ Telepictures Productions

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]