Joan Smalls

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joan Smalls
Joan Smalls DVF ss14-33.jpg
Altezza179[1] cm
Misure83-61-87[1]
Taglia34[1] (UE) - 4[1] (US)
Scarpe41[1] (UE) - 9,5[1] (US)
OcchiCastani[1]
CapelliCastani[1]

Joan Smalls (Porto Rico, 11 luglio 1988[2]) è una supermodella portoricana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta a Porto Rico, è figlia di Eric Smalls, contabile di origine africana, e Betzaida Rodriguez, è un assistente sociale di origine spagnole, indiane e asiatiche. Ha due sorelle e si è laureata all'Università Interamericana di Puerto Rico, in psicologia. Pare sia legata sentimentalmente dal 2016 con Massimo Canigiani, CEO del colosso tecnologico londinese Commodore Business Machines.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Joan Smalls comincia la propria carriera nella moda nel 2007 grazie ad un contratto con la Elite Model Management di New York.[4] Nello stesso anno debutta sulle passerelle di Tory Burch e compare nella campagna pubblicitaria di Liz Claiborne. Lavorerà nello stesso anno anche per Ports 1961 (per cui chiude le sfilate, e per cui diventerà il nuovo volto della campagna pubblicitaria dell'anno successivo), Benjamin Cho, L’Wren Scott, Tracy Reese e Heatherette. Nel 2009 la modella lascerà la Elite per firmare un nuovo contratto con la IMG Models.[4]

A febbraio 2008 compare in un servizio di Cosmopolitan e nel video musicale del brano It's Alright di Ricky Martin[4]. Grazie alla popolarità acquisita la Smalls ha modo di essere scelta per le proprie sfilate da Diane von Furstenberg e James Coviello prima e poi da Anna Sui, Gucci, Burberry, Prada, Yves Saint Laurent e Valentino. Da aprile a giugno 2010 Joan Smalls compare sulle edizioni italiane (fotografata da Steven Meisel), tedesche (fotografata da Patrick Demarchelier) e statunitensi di Vogue, dove viene nominata come "rising star".[4] In seguito sarà fotografata, sempre per varie edizioni di Vogue da Mario Testino e David Sims.[4]

Joan Small in passerella nel 2013.

Nel corso della sua carriera la modella ha lavorato come testimonial per Dillard's, Givenchy e Givenchy eyewear (fotografata da Mert Alas e Marcus Piggott), Gucci, Liz Claiborne, Neiman Marcus, Ports 1961 e Ralph Lauren[5]. È inoltre comparsa sulle copertine sulle edizioni britanniche di i-D, di Bond e di WWD Beauty Biz.[5]

Nel 2011 è la prima modella latina a firmare un contratto come nuova ambasciatrice mondiale di Estée Louder.[6] L'anno successivo si classifica al primo posto come Top 50 Models Women, secondo il sito Models.com. È apparsa nel calendario Pirelli nelle edizioni del 2012 e 2015.[7] Dal 2011 fino al 2016 ha sfilato per il Victoria's Secret Fashion Show.

Nel 2013 viene inserita, dalla rivista Forbes, all'ottavo posto delle modelle più pagate, con un guadagno di 3.5 milioni di dollari[8], e partecipa al videoclip di Yoncé di Beyoncé accanto alle modelle Chanel Iman e Jourdan Dunn[9].

Nel marzo 2014 le viene assegnato il primo posto nella classifica relativa alle 50 modelle migliori e più ricercate del periodo che è stata stilata dal sito models.com. Nel 2015 è protagonista della campagna summer di H&M, realizzata dal fotografo Lachlan Bailey, accanto alle modelle Natasha Poly, Adriana Lima e Doutzen Kroes.[10]

Nel 2016 diventa testimonial delle campagne pubblicitarie primavera/estate di Stuart Weitzman, insieme a Lily Aldridge e Gigi Hadid, realizzata da Mario Testino,[11] e viene inserita, dalla rivista Forbes, al decimo posto fra le modelle più pagate, con un guadagno di 4.5 milioni di dollari,[12] mentre il suo patrimonio viene stimato per 16 milioni di dollari.[13] L'anno successivo viene scelta come volto dei costumi da bagno Smart & Sexy,[14] e della campagna autunno/inverno di Liu Jo.[15]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Agenzie[modifica | modifica wikitesto]

Campagne pubblicitarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Alexander Wang Do Something Campaign (2015)
  • Animale A/I (2018)
  • Balmain P/E (2015) A/I (2015-2016)
  • Barneys A/I (2011)
  • Benetton P/E (2015)
  • Bergdorf Goodman (2012)
  • Bloomingdale's (2017)
  • BOSS Womenswear (2013)
  • Bottega Veneta P/E (2017)
  • Brandon Maxwell A/I (2017)
  • Calvin Klein Jeans P/E (2012)
  • Calvin Klein Underwear Campaign (2015)
  • Chanel P/E (2012)
  • Chanel Resort (2015)
  • David Yurman A/I (2011) P/E (2012)
  • Dsquared2 A/I (2015,2017)
  • Estee Lauder (2011-presente)
  • Etam P/E (2016)
  • Fendi A/I (2012) P/E (2014)
  • Gap Holiday (2010;2015)
  • Givenchy A/I (2010 e 2012) P/E (2016)
  • Gucci A/I (2010-2011 e 2014) P/E (2011)
  • Gucci Resort (2013)
  • H&M A/I (2012) P/E (2013 e 2015)
  • H&M Denim (2013)
  • H&M Holiday (2011)
  • H&M Spring (2012)
  • iCB P/E (2014) A/I (2014)
  • Joe Fresh A/I (2015)
  • J. Crew (2015)
  • Karl Lagerfeld A/I (2016)
  • Lacoste P/E (2012)
  • Liu Jo A/I (2017)
  • Macy's Holiday (2011)
  • Mercedes-Benz (2012)
  • Marc Jacobs P/E (2015-2016)
  • Michael Kors P/E (2017)
  • Missoni A/I (2014)
  • Moschino P/E (2016)
  • Moschino Gold Fresh Fragrance (2017-presente)
  • Miu Miu Resort (2018)
  • Neiman Marcus P/E (2014)
  • Prabal Gurung P/E (2013 e 2015)
  • Rag & Bone DIY A/I (2011)
  • Replay (2017)
  • Roberto Cavalli P/E (2011)
  • Smart & Sexy Summer (2017)
  • Stella McCartney P/E (2011)
  • Stuart Weitzman P/E (2016)
  • Tiffany & Co. (2013)
  • Tom Ford P/E (2018)
  • Versace P/E (2013)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Portfolio di Joan Smalls[collegamento interrotto] sul sito della IMG Models
  2. ^ Vogue.it - Joan Smalls[collegamento interrotto]
  3. ^ Joan Smalls biografia, multescatola. URL consultato il 20 maggio 2015.
  4. ^ a b c d e New York Magazine
  5. ^ a b (EN) Joan Smalls, su Fashion Model Directory, Fashion One Group.
  6. ^ Ecco il nuovo volto di Estée Lauder: Joan Smalls, stile.it, 14 dicembre 2010. URL consultato il 20 maggio 2015.
  7. ^ Calendario Pirelli 2015: Joan Smalls per Marzo, Cultart. URL consultato il 20 maggio 2015.
  8. ^ Le top model più pagate del 2013, gossipblog.it, 20 agosto 2013. URL consultato il 20 agosto 2013.
  9. ^ Beyoncé Puts Joan Smalls, Jourdan Dunn and Chanel Iman in New Video, su fashionista.com. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  10. ^ Collezione H&M primavera/estate 2015 con 4 supermodels come testimonial, fanpage. URL consultato il 10 aprile 2015.
  11. ^ Gigi Hadid, Joan Smalls e Lily Aldridge: le nuove Stuart Weitzman girls, su amica.it, 3 dicembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  12. ^ Da Kendall a Gigi, le 10 modelle più pagate del 2016: ma Gisele è ancora regina, su adnkronos.com, 31 agosto 2016. URL consultato il 31 agosto 2016.
  13. ^ Le "paperone" della lingerie, Adriana Lima è l'angelo di Victoria’s Secret più ricco: la classifica, su gds.it, 3 dicembre 2016. URL consultato il 6 dicembre 2016.
  14. ^ Joan Smalls, irresistibile pantera nera per i costumi di Smart & Sexy primavera-estate 2017, su fashionblog.it, 11 aprile 2017. URL consultato il 30 aprile 2017.
  15. ^ Liu Jo: la campagna pubblicitaria Autunno Inverno 2017-18 con Joan Smalls e Anna Mila Guyenz, su vogue.it, 20 luglio 2017. URL consultato il 23 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]