Cardi B

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cardi B
Cardi B - Openair Frauenfeld 2019 02.jpg
Cardi B all'Openair Frauenfeld in Svizzera nel 2019
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereHip hop[1]
Trap[2]
Dirty rap
Periodo di attività musicale2015 – in attività
EtichettaKSR, Quality Control, Atlantic Records
Album pubblicati1
Studio1
Raccolte2
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Cardi B, pseudonimo di Belcalis Marlenis Almánzar (New York, 11 ottobre 1992), è una rapper, cantautrice, personaggio televisivo e attrice statunitense.

Ha raggiunto il successo nel 2017 con il singolo Bodak Yellow, che ha raggiunto il primo posto della Billboard Hot 100. Nel 2018 ha messo in commercio il suo primo album, Invasion of Privacy, vincitore di un Grammy come miglior album rap e segnato da grande successo commerciale condotto dalla hit I Like It e da altri brani come Bartier Cardi e Be Careful. Ha partecipato anche ad altri singoli di successo come Girls like You dei Maroon 5 e Taki Taki di DJ Snake con Ozuna e Selena Gomez. Nel 2020 torna sulle scene musicali con WAP, insieme a Megan Thee Stallion, il suo quarto singolo a raggiungere la vetta della classifica statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta nel Bronx di New York, ha origini trinidadiane dalla parte della madre e dominicane da parte del padre. Ha lavorato in un supermarket gestito da amish[3] fino all'età di 19 anni, quando intraprese l'attività di spogliarellista, ed ha iniziato a ricevere l'attenzione del web accumulando popolarità soprattutto tramite Instagram e Vine grazie al suo umorismo e la sua spiccata personalità.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

2015-2017: Inizi della carriera e primi successi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 Cardi B è entrata nel reality show Love & Hip Hop: New York (VH1), come membro regolare, debuttando durante la sesta stagione. Nello stesso anno ha debuttato nell'industria musicale nel remix del brano Boom Boom di Shaggy eseguito da Popcaan. Nel marzo 2016 ha pubblicato un mixtape dal titolo Gangsta Bitch Music, Vol. 1, ma solo con il successivo Gangsta Bitch Music, Vol. 2, che contiene il singolo Lick con Offset, ha iniziato ad essere notata maggiormente in ambito musicale nel gennaio 2017.

A febbraio 2017 ha firmato un contratto discografico con la Atlantic Records ed ha quindi pubblicato in giugno il suo primo singolo per una major, Bodak Yellow, che ha raggiunto il primo posto della classifica Billboard Hot 100 nel mese di settembre.[5] Sempre nel 2017 ha ricevuto due candidature ai BET Awards nelle categorie "Best New Artist" (miglior artista esordiente) e "Best Female Hip-Hop Artist" (miglior artista hip hop femminile). A settembre 2017 ha collaborato con G-Eazy e ASAP Rocky al singolo No Limit, estratto dall'album del primo The Beautiful & Damned, mentre a dicembre con i Migos e Nicki Minaj in Motorsport: i due brani hanno regalato alla rapper la sua seconda e terza top ten nella Hot 100 statunitense, arrivando rispettivamente alla 5ª e alla 6ª posizione.[6] Il 22 dicembre 2017 è uscito il singolo Bartier Cardi, in collaborazione con 21 Savage, il cui video è seguito quattro mesi più tardi, nell'aprile 2018.[7]

2018: Invasion of Privacy[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2018 ha annunciato il suo album di debutto Invasion of Privacy, rivelandone nell'occasione la data di uscita, fissata al 6 aprile dello stesso anno, e la copertina.[8] Il 7 aprile 2018 si è esibita al programma televisivo statunitense Saturday Night Live con Bodak Yellow, Bartier Cardi e Be Careful. Durante la performance della terza canzone ha rivelato pubblicamente la sua gravidanza.[9] Il quarto singolo estratto dal disco per il mercato statunitense, I Like It, in collaborazione con J Balvin e Bad Bunny, è diventata la seconda numero uno di Cardi B nella Billboard Hot 100, rendendola la prima rapper donna in assoluto con due canzoni arrivate in vetta alla classifica.[10]

Il 20 agosto è risultata l'artista più premiata degli MTV Video Music Awards 2018 vincendo ben 3 premi: Canzone dell'estate per I Like It, miglior artista esordiente e miglior video collaborativo per Dinero con Jennifer Lopez e DJ Khaled.[11] Lo stesso giorno ha estratto come singolo Ring, in collaborazione con la cantante R&B Kehlani, accompagnato da un video musicale.[12]

Cardi B nel 2018

Il 28 settembre è stato pubblicato Taki Taki, con DJ Snake, Selena Gomez e Ozuna, che ha riscosso un grande successo mondialmente, rendendo Cardi B la prima rapper femminile a piazzarsi in vetta alla top 50 globale della piattaforma streaming Spotify.[13]

Nell'ottobre 2018 il singolo Girls like You dei Maroon 5, nella versione realizzata con Cardi B, ha raggiunto la vetta della Billboard Hot 100, estendendo il suo record di rapper donna con più numero uno negli Stati Uniti.[14] Cardi è diventata la donna più premiata ai BET Hip Hop Awards, trionfando in quattro categorie e con nove vincite totali, la rapper vince anche tre American Music Awards su nove premi, trionfando come "Favorite Rap/Hip-Hop Artist", "Favorite Rap/Hip-Hop Song" per Bodak Yellow e "Favorite Soul/R&B Song" per Finesse con Bruno Mars.[senza fonte]

Il 23 ottobre ha pubblicato il singolo Money, il cui video è uscito il 21 dicembre seguente. Ha aperto la cerimonia degli AVN Awards 2019 a Las Vegas esibendosi con Bickenhead e She Bad.[15]

2019-presente: il secondo album e il debutto cinematografico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 ha partecipato in veste di giudice al talent show Rhythm + Flow, insieme a Chance the Rapper e T.I., realizzato da Netflix.[16]

Nel febbraio 2019 ha vinto il suo primo Grammy Award per il Miglior album rap con Invasion of Privacy, diventando la prima donna a conseguire tale riconoscimento.[17] Nello stesso mese è uscito Please Me, in collaborazione con Bruno Mars, e il 1º marzo il suo videoclip.[18][19]

Cardi B in concerto nel 2019

Nel marzo 2019 è stato annunciato il suo debutto cinematografico nel film Hustlers, diretto da Lorene Scafaria, il cui cast comprende anche la protagonista Jennifer Lopez, Lili Reinhart, Constance Wu e la collega Lizzo.[20] È stato distribuito nelle sale cinematografiche il 13 settembre dello stesso anno, mentre in Italia solamente a novembre.[21]

Ha ottenuto 21 candidature ai Billbord Music Awards 2019, diventando l'artista femminile con più nomination accumulate in una singola edizione e la terza in generale, dietro Drake e i The Chainsmokers.[22] Ha poi trionfato in sei categorie, portando le sue vittorie totali a sette, il maggior numero per quanto riguarda le rapper donne.[23] A maggio 2019 ha reso disponibile il singolo Press, dopo averne rivelato uno snippet su Instagram nel dicembre 2018, il quale ha superato le 100 milioni di visualizzazioni.[24] Il 20 novembre sono state annunciate le candidature ai Grammy Awards 2020, dove è stata selezionata, insieme a Offset, nella categoria miglior interpretazione rap con il loro brano Clout, diventando la prima rapper femminile ad essere candidata al prestigioso riconoscimento per 3 anni di fila.

Il 7 agosto 2020 Cardi B ha pubblicato il singolo WAP con la partecipazione della rapper statunitense Megan Thee Stallion.[25] Il brano ha esordito direttamente in vetta alla Billboard Hot 100, diventando la sua quarta numero uno nella classifica.[26] Ha raggiunto la prima posizione anche nel Regno Unito e in Australia, riscuotendo in entrambi i paesi la sua prima numero uno.[27][28] Il 18 settembre 2020 pubblica il brano Me Gusta in collaborazione con Anitta e Myke Towers, distribuito direttamente insieme al relativo videoclip.[29] Il 18 novembre 2020 Billboard ha annunciato che la rapper ha vinto il premio come Donna dell'anno ai Billboard Women in Music, la cerimonia ha avuto luogo virtualmente via web il 10 dicembre dello stesso anno, a causa della pandemia di COVID-19.[30] Il 17 dicembre è stato pubblicato il primo episodio di Cardi Tries, webserie esclusiva di Facebook Watch, in cui la rapper si cimenta nel provare nuove attività che non ha mai svolto prima come la danza classica, il basket e lo stunt driving. Gli episodi vengono pubblicati settimanalmente sulla piattaforma, in lingua originale.[31][32] Il 14 gennaio 2021 è stato reso pubblico che Cardi interpreterà Amber, protagonista del film commedia Assisted Living, prodotto da Paramount.[33] Il film è basato sullo spec script della serie televisiva This Is Us.[34] Il 5 febbraio successivo torna invece sulle scene musicali con il singolo Up, secondo estratto dal secondo album in studio.[35]

Cardi B fa parte del cast del nono film della saga di Fast & Furious che uscirà nel 2021.[36]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2017 si è sposata in segreto con il rapper statunitense Offset, rivelandolo pubblicamente solo nell'anno successivo. Il 10 luglio 2018 nasce la figlia, Kulture Kiari Cephus. Il 5 dicembre 2018 la rapper ha comunicato la separazione con il marito sui social media. Offset ha tentato durante un concerto di Cardi di fronte a tutto il pubblico di riconquistarla chiedendole perdono ma lei lo ha mandato via e dichiarandosi successivamente molto imbarazzata riguardo quella situazione.[37][38][39][40] Tuttavia a gennaio hanno annunciato la loro riconciliazione.[41] Il 15 settembre 2020 Cardi B presenta i documenti di divorzio da Offset, definendo il matrimonio "irrimediabilmente rotto" e chiedendo la custodia primaria della loro figlia Kulture;[42] tuttavia un mese dopo i due hanno annunciato di essersi nuovamente ricongiunti.[43]

Cardi B si è aperta riguardo al movimento Me Too, dichiarando di essere stata aggredita sessualmente all'inizio della sua carriera.[44][45][46]

Immagine pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Cardi B si identifica femminista.[47][48] Già ai tempi di Love & Hip Hop: New York, diversi spettatori l'hanno definita una paladina dell'empowerement femminile.[49]

Punti di vista politici[modifica | modifica wikitesto]

La rapper spesso usa i social media come mezzo per manifestare le lotte che sostiene, come il controllo delle armi.[50] Durante le elezioni americane del 2016, ha avvisato i suoi fan dei punti di vista politici sull'immigrazione di Donald Trump e ha incoraggiato a votare Bernie Sanders.[51] Anche nelle elezioni americane successive, nel 2020, ha sostenuto fortemente Sanders e nell'aprile del medesimo anno l'ha intervistato in un video caricato sul social Instagram.[52][53] Ad agosto 2020 in una conversazione con il candidato democratico Joe Biden per la rivista Elle, ha discusso della Medicare, dell'istruzione gratuita e dell'uguaglianza razziale.[54]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'uscita di Girls, una collaborazione con le cantanti Rita Ora, Bebe Rexha e Charli XCX, Cardi B ha risposto alle accuse volte alla canzone sul non prendere seriamente la comunità LGBT dicendo che non avevano nessuna intenzione negativa e dichiarandosi lei stessa bisessuale.[55]

Durante la New York Fashion Week 2018, ad un afterparty di Harper's Bazaar, ha lanciato una scarpa e ha provato a scontrarsi fisicamente con la rapper Nicki Minaj.[56] Ha motivato le sue azioni dicendo che la Minaj aveva messo mi piace a dei commenti scritti da altri utenti sui social media, che criticavano le sue abilità di madre.[57][58][59]

Nel marzo 2019 è stata rilanciata online una live stream risalente a tre anni prima in cui la rapper dichiarava che in passato aveva drogato e derubato diversi uomini che si erano recati in hotel con lei.[60] Cardi B ha cercato di giustificarsi sostenendo che fossero azioni necessarie per la sua sopravvivenza.[61][62]

Moda[modifica | modifica wikitesto]

Cardi ha una nota affinità per le scarpe con il tacco di Christian Louboutin, un tema infatti ricorrente nella sua canzone Bodak Yellow.[63] Ha anche menzionato la sua affinità per i marchi economici affermando "non mi interessa se un capo costa 20 dollari o anche 15. Se mi sta bene, mi sta bene".[64] Nel novembre 2018 ha pubblicato una collezione con il marchio Fashion Nova.[65] Cardi ha indossato un abito di Thierry Mugler vintage ai Grammy Awards 2018.[66]

Nel 2018 è diventata la prima rapper donna negli Stati Uniti ad apparire sulla copertina di Vogue. Fotografata da Annie Leibovitz, la copertina, una delle quattro per il numero di gennaio 2019 che includeva anche Stella McCartney,[67] la ritrae in un vestito rosso e bianco di Michael Kors con scarpe rosse di Jimmy Choo abbinate, mentre tiene in braccio sua figlia Kulture.[68][69]

Nel 2019 il Council of Fashion Designers of America l'ha inclusa nella lista delle "28 Black Fashion Forces".[70]

Nel 2020 diventa il volto ufficiale di Balenciaga.[71][72] Dopo aver collaborato nel 2019 con Reebok, Cardi torna nel 2020 con una collezione di scarpe nominate Club C. La collezione di sneakers sarà disponibile per l'acquisto dal 13 novembre dello stesso anno.[73][74][75]

Influenze musicali[modifica | modifica wikitesto]

Cardi B ha affermato che i primi album che ha comprato sono stati quelli di Missy Elliott e Tweet.[76] Tra le sue influenze ed ispirazioni ha citato Ivy Queen, Spice, Madonna, Lady Gaga, Beyoncé e Lil' Kim.[77][78][79][80][81]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Cardi B.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Being Mary Jane – serie TV, episodio 4x03 (2017)
  • Skrrt with Offset – miniserie, 1 episodio (2020)
  • Cardi Trieswebserie (2020)

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Love & Hip Hop: New York – reality, 30 episodi (2015-2017)
  • Untold Stories of Hip Hop – talk show, 2 episodi (2019)
  • Rhythm + Flow – talent show (2019) – giudice e produttrice esecutiva

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

La videografia di Cardi B è composta da 38 video musicali.

Come artista principale
Come artista ospite

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Artista d'apertura[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Premi e riconoscimenti di Cardi B.

Cardi ha ricevuto vari riconoscimenti, tra cui un Grammy Award, cinque American Music Awards, sette Billboard Music Awards, quattro BET Awards, undici BET Hip Hop Awards, quattro iHeartRadio Music Awards, due MTV European Music Awards, quattro MTV Video Music Awards, tre Soul Train Music Awards e un NRJ Music Award.

È stata nominata per la prima volta ai Grammy Awards nella 61ª edizione, dalla quale ha ricavato due nomination per Bodak Yellow nelle categorie Miglior canzone rap e Miglior interpretazione rap solista.[82]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Cardi B Is Just The Fifth Female Hip-Hop Musician To Score A No. 1 Album, su Forbes, 16 aprile 2018.
  2. ^ Recensione: Cardi B - Invasion of Privacy, su noisey.vice.com. URL consultato il 9 aprile 2018.
  3. ^ (EN) Megan Decker, Am, a Lundgren, Amy Mackelden, You Definitely Didn't Know These Fun Facts About Cardi B, su Harper's BAZAAR, 28 giugno 2020. URL consultato il 18 luglio 2020.
  4. ^ Chi è Cardi B? Dagli striptease ai vertici del rap, rapburger.com, 8 settembre 2017.
  5. ^ Cardi B - Chart history (Hot 100), Billboard. URL consultato il 13 agosto 2020.
  6. ^ (EN) Gary Trust, Mariah Carey's 'All I Want for Christmas Is You' Hits Hot 100's Top 10 for First Time, 'Perfect' Still No. 1, Billboard, 18 dicembre 2017. URL consultato il 13 agosto 2020.
  7. ^ (EN) Lauren Valenti, Cardi B's "Bartier Cardi" Music Video Is One Big Lesson in Peak Glamour, Vogue, 3 aprile 2018. URL consultato il 13 agosto 2020.
  8. ^ (EN) Cardi B Reveals 'Invasion of Privacy' Album Release Date & Cover Art, Billboard. URL consultato il 6 aprile 2018.
  9. ^ (EN) Cardi B makes her SNL debut, announces she's pregnant: Watch, su Consequence of Sound, 8 aprile 2018. URL consultato il 18 luglio 2020.
  10. ^ (EN) Gary Trust, Cardi B Becomes First Female Rapper With Two Billboard Hot 100 No. 1s, as 'I Like It', With Bad Bunny & J Balvin, Follows 'Bodak Yellow' to the Top, Billboard, 2 luglio 2018. URL consultato il 13 agosto 2020.
  11. ^ (EN) Tom Williams, 2018 MTV Video Music Awards: Childish Gambino & Cardi B Dominate, su musicfeeds.com.au, 21 agosto 2018. URL consultato il 13 agosto 2020.
  12. ^ (EN) Sidney Madden, Cardi B And Kehlani Get Caught In A Glass Case Of Emotion In 'Ring', su npr.org, 20 agosto 2018. URL consultato il 13 agosto 2020.
  13. ^ (EN) Cardi B Becomes 1st Female Rapper to Top Spotify Global Chart, su hiphopdx.com.
  14. ^ Gary Trust, Maroon 5 & Cardi B's 'Girls Like You' Hits No. 1 on Hot 100, Eminem & 5 Seconds of Summer New to Top 10, Billboard, 24 settembre 2018. URL consultato il 13 agosto 2020.
  15. ^ Di Mary Adorno, Cardi B si è esibita agli "Oscar del Porno 2019" con dei completini di pelle super roar 🐯, Cosmopolitan, 28 gennaio 2019. URL consultato il 28 gennaio 2019.
  16. ^ (EN) Cardi B and Chance the Rapper Will Judge Hip-Hop Competition 'Rhythm + Flow' for Netflix, The Hollywood Reporter. URL consultato il 25 aprile 2019.
  17. ^ (EN) Cardi B Becomes First Solo Woman to Win Best Rap Album at Grammys: Watch, Billboard, 10 febbraio 2019. URL consultato il 13 agosto 2020.
  18. ^ (EN) Althea Legaspi, Hear Cardi B, Bruno Mars’ Flirtatious New Song ‘Please Me’, Rolling Stone, 15 febbraio 2019. URL consultato il 25 aprile 2019.
  19. ^ Cardi B & Bruno Mars Take Over an After-Hours Taco Joint in 'Please Me' Video: Watch, Billboard. URL consultato il 25 aprile 2019.
  20. ^ (EN) Andreas Wiseman, Andreas Wiseman, ‘Hustlers’: Cardi B, Lili Reinhart, Keke Palmer & Julia Stiles Join Constance Wu & Jennifer Lopez In Avenging Strippers Pic, su Deadline, 19 marzo 2019. URL consultato il 25 aprile 2019.
  21. ^ (EN) Amanda N'Duka, Jennifer Lopez-Starring ‘Hustlers’ Film Gets Release Date From STX, su Deadline, 15 aprile 2019. URL consultato il 19 maggio 2019.
  22. ^ Cardi B Leads 2019 Billboard Music Awards Nominations With 21, Billboard. URL consultato il 19 maggio 2019.
  23. ^ 2019 Billboard Music Awards Winners: The Complete List, Billboard. URL consultato il 19 maggio 2019.
  24. ^ (EN) Cardi B announces release date of new single “Press,” shares cover art, su The Fader. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  25. ^ Lorenzo Benatti, WAP è il nuovo singolo di Cardi B e Megan Thee Stallion, su Rapologia, 7 agosto 2020. URL consultato il 7 agosto 2020.
  26. ^ (EN) Gary Trust, Cardi B & Megan Thee Stallion's 'WAP' Debuts at No. 1 on Billboard Hot 100 With Record First-Week Streams, Billboard. URL consultato il 17 agosto 2020.
  27. ^ (EN) James Masterton, Charts analysis: Cardi B and Megan Thee Stallion claim No.1, Music Week. URL consultato il 14 settembre 2020.
  28. ^ (EN) Cardi B hits #1 with WAP, ARIA Charts. URL consultato il 14 settembre 2020.
  29. ^ Me Gusta di Anitta, Cardi B e Myke Tower suona già come un successo latino… soprattutto su YouTube, su Wonder Channel, 19 settembre 2020. URL consultato il 21 settembre 2020.
  30. ^ Cardi B: nominata Billboard Woman of the Year – StereoCittà, su stereocitta.it. URL consultato il 22 novembre 2020.
  31. ^ Debbie Allen, Cardi B e Ava Bokelberg, Cardi Tries, 17 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  32. ^ (EN) Claire Shaffer, Claire Shaffer, Cardi B Launches a New Series 'Cardi Tries' on Facebook Messenger, su Rolling Stone, 17 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  33. ^ (EN) Assisted Living: Cardi B Lands Lead Role in New Paramount Comedy Film, su ComingSoon.net, 14 gennaio 2021. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  34. ^ (EN) Rebecca Rubin, Cardi B Lands First Starring Movie Role in Paramount Comedy ‘Assisted Living’ (EXCLUSIVE), su Variety, 14 gennaio 2021. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  35. ^ (EN) Evan Minsker, Watch Cardi B's Video for New Song "Up", Pitchfork, 5 febbraio 2021. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  36. ^ Cardi B si unisce al cast di Fast & Furious 9: eccola insieme a Vin Diesel, su wonderchannel.it. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  37. ^ Di Mary Adorno, Cardi B in un video su IG annuncia il divorzio da Offset e lui in un commento la tratta da queen, su Cosmopolitan, 5 dicembre 2018. URL consultato il 5 dicembre 2018.
  38. ^ Amore al capolinea, Cardi B e Offset si sono lasciati?, su VanityFair.it, 1544007344. URL consultato il 5 dicembre 2018.
  39. ^ 5 December 2018, Cardi B e Offset si sono lasciati, 5 mesi dopo essere diventati genitori, su News Mtv Italia, 5 dicembre 2018. URL consultato il 5 dicembre 2018.
  40. ^ Cardi B divorzia da Offset, su Gossipblog.it, 5 dicembre 2018. URL consultato il 5 dicembre 2018.
  41. ^ (EN) Cardi B and Offset Share Major PDA Moment on Grammys Red Carpet, su E! Online, Sun Feb 10 17:18:00 PST 2019. URL consultato il 25 aprile 2019.
  42. ^ Laura Zangarini, La rapper Cardi B divorzia dal marito Offset: erano sposati da tre anni, Corriere della Sera, 16 settembre 2020. URL consultato il 16 settembre 2020.
  43. ^ (EN) Tomás Mier, Cardi B Reveals She's Back with Offset Amid Divorce: 'It's Hard Not to Talk to Your Best Friend', People, 15 ottobre 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  44. ^ (EN) Erica Gonzales, Cardi B Shares Her Own #MeToo Story and Stands Up for Women in Hip-Hop, www.harpersbazaar.com. URL consultato l'8 marzo 2020.
  45. ^ (EN) Jazmine Hughes, Cardi B Gives Her Most Explicit Interview Yet, Cosmopolitan. URL consultato l'8 marzo 2020.
  46. ^ (EN) Tom Connick, Cardi B wants the #MeToo movement to be more inclusive - NME, New Musical Express. URL consultato l'8 marzo 2020.
  47. ^ Veronica Wells, Cardi B. Is A Feminist And Y’all Can Stay Mad, MadameNoire. URL consultato l'8 marzo 2020.
  48. ^ Cardi B. Is A Feminist And Y’all Can Stay Mad, Bossip. URL consultato l'8 marzo 2020.
  49. ^ (EN) Joanna Nikas, An Afternoon With Cardi B as She Makes Money Moves, The New York Times. URL consultato l'8 marzo 2020.
  50. ^ Alicia Adejobi, Cardi B debates gun control after teasing Congress plans, su metro.co.uk. URL consultato l'8 marzo 2020.
  51. ^ (EN) Sam Wolfson, 'Vote for Daddy Bernie, bitch': the political history of Cardi B, The Guardian. URL consultato l'8 marzo 2020.
  52. ^ (EN) Bernie Sanders says it would be 'great' if Cardi B runs for office, CNN. URL consultato l'8 marzo 2020.
  53. ^ Cardi B ha intervistato Bernie Sanders, Billboard Italia, 15 aprile 2020. URL consultato il 10 luglio 2020.
  54. ^ (EN) Cardi B and Joe Biden Talk the State of Our Nation, Elle. URL consultato il 23 agosto 2020.
  55. ^ Alex Bollinger, Rapper Cardi B comes out as bisexual, su www.lgbtqnation.com, 16 maggio 2018. URL consultato il 20 luglio 2019.
  56. ^ (EN) Cardi B Jokes About Nicki Minaj Fight — and That Knot on Her Forehead — One Week Later, su PEOPLE.com. URL consultato il 20 luglio 2019.
  57. ^ (EN) Ariana Yaptangco, Everything We Know About Cardi B and Nicki Minaj's Fight at Harper's Bazaar's ICONS Party, su ELLE, 8 settembre 2018. URL consultato il 20 luglio 2019.
  58. ^ Nicki Minaj Denies Mocking Cardi B’s Daughter On ’Queen Radio’, su UPROXX, 10 settembre 2018. URL consultato il 20 luglio 2019.
  59. ^ (EN) Nicki Minaj denies insulting Cardi B’s parenting skills, su Independent.ie. URL consultato il 20 luglio 2019.
  60. ^ (EN) Cardi B says she used to drug and rob men when she worked as a stripper, su The Independent, 26 marzo 2019. URL consultato il 13 luglio 2019.
  61. ^ (EN) Cardi B: Why I drugged and robbed men, 27 marzo 2019. URL consultato il 13 luglio 2019.
  62. ^ (EN) Cardi B defends herself after saying she used to drug and rob men while working as a stripper, su The Independent, 27 marzo 2019. URL consultato il 13 luglio 2019.
  63. ^ (EN) Joanna Nikas, An Afternoon With Cardi B as She Makes Money Moves, The New York Times. URL consultato il 23 agosto 2020.
  64. ^ (EN) How Cardi B Makes Fashion Moves, su The Business of Fashion. URL consultato il 23 agosto 2020.
  65. ^ (EN) Chloe Hall, Cardi B Explains the Midterm Election Results and the Best Jeans for Your Ass, Elle. URL consultato il 23 agosto 2020.
  66. ^ (EN) Christian Allaire, Cardi B Takes At-Home Loungewear to the Extreme, Vogue. URL consultato il 23 agosto 2020.
  67. ^ (EN) No Limits Vogue JANUARY 2020, Vogue. URL consultato il 23 agosto 2020.
  68. ^ (EN) Rob Haskell, Cardi B: Unfiltered, Unapologetic, Unbowed, Vogue. URL consultato il 23 agosto 2020.
  69. ^ (EN) Tamantha Gunn, Cardi B becomes first female rapper to cover 'Vogue', su Revolt. URL consultato il 23 agosto 2020.
  70. ^ (EN) 28 Black Fashion Forces, su CFDA. URL consultato il 23 agosto 2020.
  71. ^ Cardi B è il nuovo volto di Balenciaga, su Collateral, 2 settembre 2020. URL consultato il 21 settembre 2020.
  72. ^ (EN) Cardi B Has Been Chosen As The Face Of Balenciaga, su Wonderland, 1º settembre 2020. URL consultato il 21 settembre 2020.
  73. ^ (EN) Cardi B's New Reebok Collection Is Inspired By "W.A.P.", su Bustle. URL consultato l'11 novembre 2020.
  74. ^ MENAFN, Cardi B drops her first footwear collection in collaboration with Reebok, su menafn.com. URL consultato l'11 novembre 2020.
  75. ^ (EN) Cardi B Rolls Out the Pink Tongue for Unboxing Video of Her Reebok Sneaker Collection, su Billboard. URL consultato l'11 novembre 2020.
  76. ^ (EN) Cardi B Shares 5 Things You Should Know About Her, Billboard. URL consultato l'8 marzo 2020.
  77. ^ (EN) Ivy Queen Jams to Cardi B on Instagram and the Internet Trembles With Caribeña Glory, su Remezcla. URL consultato l'8 marzo 2020.
  78. ^ (EN) Cardi B Tells Spice She’s Her Biggest Fan & Inspired By Her Music, Magic 103.7. URL consultato l'8 marzo 2020.
  79. ^ (EN) Megan Decker, Am, a Lundgren, You Definitely Didn't Know These Fun Facts About Cardi B, Harper's BAZAAR. URL consultato l'8 marzo 2020.
  80. ^ Anjelica Oswald, Cardi B said Lady Gaga inspired her 3 years ago and freaked out after finally meeting her at the 2019 Grammys, Insider. URL consultato l'8 marzo 2020.
  81. ^ (EN) Ali Stagnitta, Lanae Brody, Cardi B’s Costume Designer For ‘Money’ Music Video Reveals Lil’ Kim Inspired Her 7 Looks, su Hollywood Life. URL consultato l'8 marzo 2020.
  82. ^ (EN) Katie Atkinson, Grammys 2018 Winners: The Complete List, su Billboard, 28 gennaio 2018. URL consultato il 23 novembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN25151836578320402919 · ISNI (EN0000 0004 6755 9247 · LCCN (ENno2018015272 · GND (DE1176053957 · BNF (FRcb178229733 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2018015272