Lil Durk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lil Durk
Lil Durk Icebox.png
Banks nel 2019
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereDrill[1]
Trap[2]
Hip hop[3]
Contemporary R&B[4]
Periodo di attività musicale2009 – in attività
EtichettaOnly the Family, Alamo, Interscope, Def Jam, Coke Boys[5]
Album pubblicati8
Studio5
Raccolte3
Sito ufficiale

Lil Durk, pseudonimo di Durk Derrick Banks (Chicago, 19 ottobre 1992), è un rapper statunitense.

È il membro principale di Only The Family (OTF), collettivo e etichetta discografica fondati da lui stesso.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lil Durk è nato il 19 ottobre 1992 a Englewood, quartiere situato a sud di Chicago. Già in giovane età dovette assumersi molte responsabilità in quanto suo padre si trovava in carcere da quando Durk aveva meno di un anno.[6] I primi social media su cui si iscrisse furono Myspace e YouTube, su cui cominciò a caricare musica.[7] L'idea di fare il rapper cominciò a diventare una seria considerazione per Durk quando la sua fanbase online cominciò a crescere più rapidamente del previsto. Lil Durk prese la sua carriera ancora più seriamente dopo essere diventato padre all'età di 17 anni e dopo aver abbandonato la scuola superiore.[7] Lil Durk ha frequentato una scuola superiore del South Side con il nome di Paul Robeson High School, abbandonando infine l'ultimo anno per prendere parte alla disputa tra bande di Chicago. Lil Durk si è unito alla banda dei Black Disciples a circa 18 anni.[7] Poco dopo essersi unito ad essa ha iniziato ad avere problemi con la legge ed è stato arrestato diverse volte tra il 2011 e il 2013.[8][9]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011, Banks iniziò a prendere sul serio la musica. Dopo che il tentativo di firmare con l'etichetta discografica di Chief Keef e di French Montana fallì,[10] considerò il rap come "una carriera a tempo pieno". Dopo l'uscita dei suoi due singoli, Sneak Dissin' e I'ma Hitta,[11] il 19 ottobre 2012, Durk ha pubblicato il suo terzo mixtape, Life Ain't No Joke. Al 22 settembre 2015, il mixtape è stato scaricato oltre 216.000 volte su DatPiff.[12] Nel 2012 ha realizzato il singolo L's Anthem successivamente remixato con la collaborazione di French Montana .[13]

2013-2015: OTF, Def Jam e Signed to the Streets[modifica | modifica wikitesto]

A causa della popolarità di L's Anthem e del suo singolo successivo, Dis Ain't What U Want nel 2013, Durk ha accettato un joint venture con il suo collettivo Only the Family e Def Jam Recordings.[14]

Il quarto mixtape di Durk, Signed to the Streets, è stato pubblicato il 14 ottobre 2013, esclusivamente su DatPiff. Contiene due apparizioni come ospite di Lil Reese, con le produzioni di Paris Bueller e Young Chop, tra gli altri.[15] Per promuovere il mixtape sono stati pubblicati otto video musicali. Signed to the Streets è stato successivamente nominato l'ottavo miglior mixtape del 2013 da Rolling Stone.[16] Il 22 ottobre 2013, in un'intervista con XXL, Lil Durk ha annunciato che stava lavorando al suo album di debutto con Def Jam. Durk è stato anche nominato nella XXL Freshmen Class 2014.[17] Il 7 luglio 2014, Durk ha pubblicato il suo quinto mixtape, il sequel di Signed to the Streets.[18]

2015-2016: Remember My Name[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 marzo 2015, Durk ha annunciato il titolo del suo album di debutto in studio: Remember My Name e ha rivelato la data di uscita.[19] Lo stesso giorno è stato pubblicato il primo singolo dell'album, Like Me, con Jeremih.[20]

Il 2 giugno 2015, l'album di debutto, è stato pubblicato come previsto. Ha raggiunto la quattordicesima posizione nella Billboard 200 con 28.000 vendite digitali equivalenti a unità di album. 24.000 copie fisiche sono state vendute nella sua prima settimana, con il resto del conteggio delle unità attribuito all'attività di streaming e alle vendite online delle tracce.[21]

Durk ha pubblicato il suo sesto mixtape, 300 Days, 300 Nights, il 15 dicembre 2015.[22] L'unico singolo pubblicato in promozione per il mixtape è stato My Beyoncé, in collaborazione con il rapper di originario di Detroit Dej Loaf. Il singolo è stato pubblicato il 20 novembre 2015.[23] Il 5 giugno 2017, il singolo è stato certificato disco d'oro dalla Recording Industry Association of America 500.000 copie vendute.[24][25]

2016: Lil Durk 2X[modifica | modifica wikitesto]

Durk ha pubblicato il suo secondo album in studio, Lil Durk 2X, il 22 luglio 2016.[26] Dall'album sono estratti i singoli She Just Wanna, in collaborazione con Ty Dolla $ign[27], Money Walk, con Yo Gotti, e True. L'album, sfortunatamente, non è riuscito a soddisfare gli stessi standard del precedente ed ha raggiunto la posizione numero ventinove nella Billboard 200.[28]

Più tardi, quello stesso novembre, Durk ha pubblicato il suo settimo mixtape, They Forgot.[29] Il mixtape vede le collabboazioni di Lil Reese, Meek Mill, Mozzy, OTF Ikey, 21 Savage, Hypno Carlito, Dej Loaf, YFN Lucci e BJ the Chicago Kid. Mentre la produzione è gestita da C-Sick, ChopSquad DJ, Donis Beats, DP Beats, LeekeLeek, Kid Wonder, London on da Track, TY Made It e Young Chop.[30] L'album è stato supportato dal singolo Baller.[31]

Il 7 dicembre 2016, il singolo di Durk, Like Me, dal suo album di debutto in studio, è stato certificato disco d'oro dalla RIAA.[32]

2017-presente: I nuovi progetti e l'etichetta discografica[modifica | modifica wikitesto]

Durante il 2017, Durk ha pubblicato diversi mixtape: Love Songs for the Streets a febbraio,[33] Supa Vultures, in collaborazione con Lil Reese, ad agosto,[34] Signed to the Streets 2.5 a ottobre[35] e Bloodas, una collaborazione con Tee Grizzley, a dicembre.[36]

Il 29 marzo 2018, Durk ha annunciato dodicesimo mixtape che sarebbe stato reso disponibile il giorno seguente Just Cause Y'all Waited. Nello stesso periodo, ha anche rivelato di aver "messo in quarantena" il suo contratto con l'etichetta Def Jam.[37][38] Il giorno dopo aver lasciato Def Jam, ha pubblicato indipendentemente Just Cause Y'all Waited esclusivamente su Apple Music e iTunes Store.[39][40] Poco tempo dopo è diventato disponibile per lo streaming o il download anche su altre piattaforme.[41][42][43] Il mixtape si è classificato ai numeri 57 della Billboard 200, 28 nella classifica Top R&B/Hip-Hop Album e 22 nella Rap Albums.[44][45]

A partire dal 27 luglio 2018, Durk ha annunciato di aver firmato con le label Alamo Records e Interscope Records e ha pubblicato il suo terzo album in studio Signed to the Streets 3 il 9 novembre 2018 tramite le due etichette. L'album vede la pertecipazione di Young Dolph, Gunna, A Boogie wit da Hoodie, Future, Kevin Gates, Lil Baby, Lil Skies, TK Kravitz e nuovamente Ty Dolla Sign.[46]

Love Songs 4 the Streets 2, il quarto album in studio di Lil Durk, è stato pubblicato il 2 agosto 2019 e funge da sequel del suo mixtape Love Songs 4 the Streets del 2017. Nell'album partecipano 21 Savage, A Boogie wit da Hoodie, Key Glock, King Von, Meek Mill e Nicki Minaj. L'album ha raggiunto il numero quattro della classifica statunitense.

Il suo quinto album, Just Cause Y'all Waited 2, è uscito l'8 maggio 2020.[47] L'album contiene la sua seconda canzone più conosciuta a livello commerciale, 3 Headed Goat, con Polo G e Lil Baby. L'album ha debuttato al numero cinque della Billboard 200.[48] L'edizione deluxe è stata rilasciata il 26 giugno 2020, con sette tracce aggiuntive[49] e grazie a questa versione l'album ha raggiunto la seconda posizione nella Bilbloard 200.

Il 14 agosto 2020, Lil Durk ha collaborato nel singolo di Drake, Laugh Now Cry Later, che funge da primo singolo estratto dall'imminente sesto album in studio di quest'ultimo, Certified Lover Boy (2021). Ha debuttato al numero due della Billboard Hot 100, diventando la prima top 40 e top 10 di Durk, nonché la sua canzone con la posizione più alta nelle classifiche.[50]

Il 7 settembre 2020, Durk ha confermato che il sesto album in studio si intitola The Voice. L'album è preceduto dal singolo omonimo.[51]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'infanzia di Durk, il padre, Dontay Banks, Sr., stava scontando due ergastoli senza possibilità di libertà condizionale.[52] Il rapper ha un fratello minore, Dontay Banks Jr, assassinato il 6 giugno 2021 fuori ad un nightclub di Chicago.[53][54] Ha sei figli avuti da diverse relazioni.[55][56][57]

Il 31 maggio 2014, il cugino di Durk, il rapper McArthur "OTF Nunu" Swindle, è stato assassinato.[58] Il 27 marzo 2015, anche Uchenna "OTF Chino Dolla" Agina, amico e manager di Durk è stato ucciso a colpi di arma da fuoco.[59]

Anche l'amico di lunga data di Durk e rapper firmatario dell'OTF, King Von è stato assassinato il 6 novembre 2020 ad Atlanta, durante una sparatoria tra il suo gruppo e quello del rapper Quando Rondo.[60][61]

Problemi legali[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011, Banks è stato arrestato con l'accusa di possesso di arma da fuoco e condannato a tre mesi di carcere. Successivamente è stato rilasciato su cauzione. Successivamente ha dovuto scontare altri 87 giorni di detenzione.[11][62] Il 5 giugno 2013, Durk è stato arrestato dopo aver presumibilmente gettato una pistola calibro 40 carica nella sua auto quando la polizia lo ha avvicinato alla South Green Street di Chicago. È stato accusato di uso illegale di un'arma.[63] È stato trattenuto con una cauzione di $100.000. Successivamente un testimone a discolpa dell'imputato ha ammesso che la pistola era di sua proprietà.[63] Banks è stato rilasciato il 18 luglio 2013.[62]

Il 4 settembre 2015, poche ore prima di un concerto programmato al Theatre of Living Arts di Center City, si è verificata una sparatoria che ha lasciato il tour bus di Durk danneggiato da colpi di arma da fuoco e un uomo morto durante l'avvenimento. Durk non è stato arrestato o interrogato dalla polizia.[64][65]

Il 19 agosto 2016, le accuse su Lil Durk sono state prosciolte.[66]

Nel giugno 2019, Lil Durk e King Von sono stati arrestati con l'accusa di tentato omicidio. Secondo i procuratori, i due uomini hanno rapinato e sparato a un uomo fuori da un popolare drive-in di Atlanta per una Jeep Cherokee e 30.000 dollari il 5 febbraio 2019. Dopo settimane in carcere, Durk e Von sono stati rilasciati rispettivamente su obbligazioni da 250.000 e 300.000 dollari.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Mixtape[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 – I'm a Hitta
  • 2012 – I'm Still a Hitta
  • 2012 – Life Ain't No Joke
  • 2013 – Signed to the Streets
  • 2014 – Signed to the Streets 2
  • 2015 – 300 Days, 300 Nights
  • 2016 – They Forgot
  • 2017 – Love Songs for the Streets
  • 2017 – Supa Vultures (con Lil Reese)
  • 2017 – Signed to the Streets 2.5
  • 2017 – Bloodas (con Tee Grizzley)
  • 2018 – Just Cause Y'all Waited

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

  • 2018 – Only the Family Involved Vol.1
  • 2018 – Only the Family Involved Vol.2
  • 2019 – Family Over Everything
  • 2021 - Loyal Bros Compilation

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Lil Durk, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ Newsic.it, https://www.newsic.it/recensione-lil-baby-lil-durk-the-voice-of-the-heroes/. URL consultato l'11 giugno 2021.
  3. ^ How Drill Music Took Over Chicago—and Was Almost Forced Out, su Complex. URL consultato l'11 giugno 2021.
  4. ^ (EN) Review: Lil Durk's Love Songs For The Streets, su Local Savage. URL consultato il 10 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 14 marzo 2017).
  5. ^ (EN) Max WeinsteinPublished: August 4, 2016, Lil Durk Says He Was Waiting for French Montana to Promote ‘Lil Durk 2X’ Album - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 10 novembre 2020.
  6. ^ (EN) Tony M. CentenoPublished: February 14, 2019, Lil Durk Reunited With His Father After 25 Years Behind Bars - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 10 novembre 2020.
  7. ^ a b c Luis Gomez, Interview: Lil Durk on growing up on the South Side, su chicagotribune.com. URL consultato il 10 novembre 2020.
  8. ^ Lil Durk Arrested with Loaded .40-Caliber Handgun in Englewood - Englewood - Chicago - DNAinfo, su web.archive.org, 7 maggio 2019. URL consultato il 10 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2019).
  9. ^ Rosemary Regina Sobol, Peter Nickeas, 'He's not guilty,' Lil Durk's wife declares as rapper is jailed on gun charge, su chicagotribune.com. URL consultato il 10 novembre 2020.
  10. ^ Lil Durk on Why He Left Def Jam, Never Signed a Contract with French Montana, su vladtv.com. URL consultato il 10 novembre 2020.
  11. ^ a b (EN) Who Is Lil Durk?, su Complex. URL consultato il 10 novembre 2020.
  12. ^ Life Aint No Joke Mixtape by Lil Durk Hosted by DJ Moondawg & DJ Victoriouz, su datpiff.com. URL consultato il 10 novembre 2020.
  13. ^ (EN) Eric DiepPublished: December 6, 2012, Lil Durk to Feature Yo Gotti, Juelz Santana, Meek Mill & Future on "Ls Anthem (Remix)" - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 10 novembre 2020.
  14. ^ (EN) Jacob Moore, Lil Durk and Lil Reese Speak on Signing to Def Jam, su Complex, 25 giugno 2012.
  15. ^ (EN) Mixtape: Lil Durk "Signed To The Streets", su Complex. URL consultato il 10 novembre 2020.
  16. ^ (EN) Rolling Stone, Rolling Stone, 10 Best Mixtapes of 2013, su Rolling Stone, 9 dicembre 2013. URL consultato il 10 novembre 2020.
  17. ^ (EN) Nicole SiaPublished: May 5, 2014, XXL Freshmen 2014 Cover Revealed - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 10 novembre 2020.
  18. ^ Signed To The Streets 2 Mixtape by Lil Durk Hosted by DJ Drama & Don Cannon, su datpiff.com. URL consultato il 10 novembre 2020.
  19. ^ (EN) Lil Durk's Debut Album "Remember My Name" Drops May 12th, su Respect Mag.
  20. ^ Like Me (feat. Jeremih) [Explicit] – Single by Lil Durk, su iTunes.
  21. ^ HipHopDX- https://hiphopdx.com, Hip Hop Album Sales: Lil Durk, Jason Derulo & Boosie Badazz, su HipHopDX, 10 giugno 2015. URL consultato il 10 novembre 2020.
  22. ^ 300 Days 300 Nights Mixtape by Lil Durk Hosted by OTF, su datpiff.com. URL consultato il 10 novembre 2020.
  23. ^ (EN) My Beyoncé (feat. DeJ Loaf) - Single by Lil Durk, su Apple Music. URL consultato il 10 novembre 2020.
  24. ^ (EN) Lil Durk - My Beyoncé – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America.
  25. ^ Lil Durk and Dej Loaf's 'My Beyonce' Certified Gold - Welcome To KollegeKidd.com, su kollegekidd.com. URL consultato il 10 novembre 2020.
  26. ^ (EN) Lil Durk 2X by Lil Durk, su Apple Music. URL consultato il 10 novembre 2020.
  27. ^ She Just Wanna (feat. Ty Dolla $ign) by Lil Durk on iTunes, su Apple Music. URL consultato il 10 novembre 2020.
  28. ^ Lil Durk, Lil Durk 2X Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 novembre 2020.
  29. ^ (EN) C. Vernon Coleman IIPublished: November 26, 2016, Lil Durk Drops ‘They Forgot’ Mixtape - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 10 novembre 2020.
  30. ^ (EN) Premiere: Listen to Lil Durk's 'They Forgot' Mixtape f/ 21 Savage, Jadakiss, and More, su Complex. URL consultato il 10 novembre 2020.
  31. ^ (EN) Lil Durk - Baller, su HotNewHipHop. URL consultato il 10 novembre 2020.
  32. ^ (EN) Lil Durk - Like Me – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 10 novembre 2020.
  33. ^ Love Songs For The Streets Mixtape by Lil Durk Hosted by DJ Drama & DJ Bandz, su DatPiff. URL consultato il 10 novembre 2020.
  34. ^ Supa Vultures (EP) Mixtape by Lil Durk & Lil Reese Hosted by OTF x 300, su DatPiff. URL consultato il 10 novembre 2020.
  35. ^ Signed To The Streets 2.5 Mixtape by Lil Durk, su DatPiff. URL consultato il 10 novembre 2020.
  36. ^ Bloodas Mixtape by Tee Grizzley & Lil Durk, su DatPiff. URL consultato il 10 novembre 2020.
  37. ^ Lil Durk Leaves Def Jam and Drops 'Just Cause Y'all Waited' EP, su Complex. URL consultato il 10 novembre 2020.
  38. ^ (EN) Lil Durk Announces Departure From Def Jam, Premieres New Video 'How I Know' Feat. Lil Baby: Exclusive, su Billboard. URL consultato il 10 novembre 2020.
  39. ^ (EN) Lil Durk Talks Crafting 'Just 'Cause Y'all Waited,' Leaving Def Jam & Possibly Doing an Entire Singing Album, su billboard.com, 11 aprile 2018. URL consultato il 10 novembre 2020.
  40. ^ (EN) Just Cause Y'all Waited by Lil Durk, su Apple Music. URL consultato il 10 novembre 2020.
  41. ^ Lil Durk - Just Cause Y'all Waited. URL consultato il 10 novembre 2020.
  42. ^ Just Cause Y'all Waited, in Spotify. URL consultato il 10 novembre 2020.
  43. ^ Just Cause Y'all Waited, su Amazon. URL consultato il 10 novembre 2020.
  44. ^ Lil Durk Just Cause Y'all Waited Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 novembre 2020.
  45. ^ Lil Durk Just Cause Y'all Waited Chart History, su Billboard. URL consultato il 10 novembre 2020.
  46. ^ (EN) Nick MojicaPublished: July 27, 2018, Lil Durk Signs to Alamo and Interscope Records - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 10 novembre 2020.
  47. ^ (EN) Shawn Grant, Lil Durk to Release 'Just Cause Y'all Waited 2' Album in May, su The Source, 28 aprile 2020. URL consultato il 10 novembre 2020.
  48. ^ (EN) Nav's 'Good Intentions' Debuts at No. 1 on Billboard 200 Albums Chart, su Billboard. URL consultato il 10 novembre 2020.
  49. ^ Lil Durk Drops 7 New Tracks With 'Just Cause Y'all Waited 2 (Deluxe)', su HYPEBEAST. URL consultato il 10 novembre 2020.
  50. ^ Drake (Hot 100), su Billboard. URL consultato il 10 novembre 2020.
  51. ^ (EN) Lil Durk Confirms "The Voice" Album Is Coming Soon, su HotNewHipHop. URL consultato il 10 novembre 2020.
  52. ^ Lil Durk's Dad, Dontay Banks aka Big Durk, Speaks Out From Prison - Welcome To KollegeKidd.com, su kollegekidd.com. URL consultato il 10 novembre 2020.
  53. ^ Lil Durk's Brother D Thang Knocks Out Dude - Welcome To KollegeKidd.com, su kollegekidd.com. URL consultato il 10 novembre 2020.
  54. ^ Lil Durk's Brother OTF DThang Sheds Light On Fight With King Louie's Mubu at T.I.'s Meet and Greet - Welcome To KollegeKidd.com, su kollegekidd.com. URL consultato il 10 novembre 2020.
  55. ^ (EN) Sidney MaddenPublished: April 27, 2015, Lil Durk's Kids Are Unbelievably Cute - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 10 novembre 2020.
  56. ^ (EN) LIL' DURK CELEBRATES SON ZAYDEN'S BIRTHDAY, su BCK Online, 15 settembre 2017. URL consultato il 10 novembre 2020.
  57. ^ (EN) Who is Lil Durk? Judge finds probable cause to charge rapper with intent to murder, su Newsweek, 14 giugno 2019. URL consultato il 10 novembre 2020.
  58. ^ Lil Durk's Cousin OTF Nunu Shot Dead in Chicago, su BET.com. URL consultato il 10 novembre 2020.
  59. ^ (EN) Emmanuel C. M. Published: March 27, 2015, Lil Durk's Manager Shot and Killed - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 10 novembre 2020.
  60. ^ Atlanta, sparatoria fuori da un locale: muore il rapper King Von, su Rainews. URL consultato il 10 novembre 2020.
  61. ^ USA: rapper King Von ucciso in una sparatoria ad Atlanta, su Trieste Cafe. URL consultato il 10 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2020).
  62. ^ a b (EN) C. Vernon Coleman IIPublished: July 20, 2013, Lil Durk Released From Jail - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 10 novembre 2020.
  63. ^ a b (EN) Eric DiepPublished: June 6, 2013, Lil Durk Held On $100,000 Bond For Gun Charge; Lawyer Says He's Innocent - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 10 novembre 2020.
  64. ^ (EN) One Man Killed In Shooting Outside Of Lil Durk Concert In Philadelphia, su Vibe, 5 settembre 2015. URL consultato il 10 novembre 2020.
  65. ^ (EN) Gunman Opens Fire on Crowd Outside South Street Music Venue, Kills Man, su NBC10 Philadelphia. URL consultato il 10 novembre 2020.
  66. ^ (EN) Lil Durk Cleared Of Gun Charges, Probation Violation, su HotNewHipHop. URL consultato il 10 novembre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316745477 · Europeana agent/base/137663 · LCCN (ENno2015085718 · WorldCat Identities (ENlccn-no2015085718