Drake (rapper)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Drake
Drake at the Velvet Underground - 2017 (36398066420) (cropped 3).jpg
Drake nel 2017
NazionalitàCanada Canada
GenereHip hop[1][2][3]
Contemporary R&B[3]
Dancehall reggae[3]
Periodo di attività musicale2006 – in attività
EtichettaOVO SoundCash MoneyYoung Money
Album pubblicati4
Studio4
Sito ufficiale

Aubrey Drake Graham, noto semplicemente come Drake (Toronto, 24 ottobre 1986), è un rapper, cantautore, attore e produttore discografico canadese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Aubrey Drake Graham è nato a Toronto, Ontario, da padre afro-americano di origini marocchine, nato a Memphis, Tennessee, e madre canadese di discendenza ebraica.[4][5][6] Il padre è musicista mentre la famiglia della madre è coinvolta nell'arte. Graham ha frequentato il Forest Hill Collegiate Institute e ha iniziato a recitare alle scuole superiori dopo essere stato suggerito ad un agente.[5]

Graham ha interpretato il ruolo di Jimmy Brooks, lo studente ferito in una sparatoria a scuola, portandolo ad assumere il primo ruolo con disabilità fisiche nella serie Degrassi: The Next Generation, a partire dal 2001. Ha poi partecipato al film Charlie Bartlett, assieme a Anton Yelchin e Robert Downey, Jr., che verrà distribuito sul mercato del nordamerica il 1º febbraio 2008.

Oltre a fare l'attore, il rapper e il cantautore, Drake è anche un produttore, che produce musica sotto lo pseudonimo Champagne Papi.[7]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

I primi mixtape (2006 - 2009)[modifica | modifica wikitesto]

Come cantante Graham ha pubblicato, nel febbraio 2006, il suo primo mixtape indipendente, Room for Improvement, sotto il suo pseudonimo Drake[8]. Le tracce vennero prodotte da Frank Dukes e 40, storici produttori di Graham. Di questo progetto vennero vendute oltre 6.000 copie. [9] Graham ha inoltre fondato in questo periodo la sua etichetta indipendente chiamata All Things Fresh, poi rinominata October's Very Own[10]. Essa è stata però fondata ufficialmente solo nel 2012. [11]

Nel 2007 pubblicò il suo secondo mixtape auto-prodotto, Comeback Season, girando il video del suo singolo di debutto Replacement Girl assieme al cantante R&B Trey Songz,[12] collaborando a sua volta con un cameo al video del singolo di Trey Songz, Wonder Woman; nessuno dei due precedenti lavori ebbe però successo quanto il suo ultimo mixtape indipendente, So Far Gone, che include il mentore di Drake, Lil Wayne, e alcuni membri della Young Money, etichetta in cui entrò a far parte dal 2009. Nello stesso anno pubblicò il singolo Best I Ever Had, con il quale riscosse un ottimo successo anche a livello mondiale.

Lavorando ai suoi mixtapes, Drake collaborò anche con Robin Thicke e Little Brother. Drake in quel periodo, inoltre, scrisse canzoni per Jazz Cartier, Bishop Brigante, Keshia Chante e Dr. Dre. Nel 2009 ha collaborato a varie canzoni degli altri membri della Young Money (Lil Wayne, Birdman, Nicki Minaj & co.) fra le quali Money to Blow e Bed Rock.

Thank Me Later (2010)[modifica | modifica wikitesto]

Drake progettò di pubblicare il suo primo album già nel 2008, ma la data di pubblicazione venne spostata prima al 1º marzo 2010, poi al 25 maggio 2010 e infine, su decisione di Young Money e Universal Motown, al 15 giugno 2010 [13]. Nella prima settimana Thank Me Later vendette 447.000 copie e debuttò al primo posto nella Billboard 200. L'album contiene collaborazioni con importanti rapper come Kanye West, Jay-Z, Lil Wayne. Il 9 marzo 2010 uscì il primo singolo Over che fu ben criticato e raggiunse il 14º posto nella Billiboard Hot 100. Find Your Love uscì come secondo singolo ufficiale il 9 maggio 2010 e divenne il brano dell'album di maggior successo.

Nel 2010 ha, inoltre, partecipato con il supergruppo Young Artists For Haiti alla realizzazione della cover di Wavin' Flag del canadese K'naan, per raccogliere fondi da devolvere alla popolazione di Haiti colpita dal terremoto. Nello stesso anno ha collaborato con la cantante Rihanna per il suo singolo What's My Name? e con il rapper Rick Ross e Chrisette Michele per il singolo Aston Martin Music.

Take Care (2011 - 2012)[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 ottobre 2011 pubblica su YouTube il video di Headlines, singolo che anticipa l'uscita dell'album. Il 15 novembre 2011 è stato pubblicato il suo secondo album intitolato Take Care, che vede la collaborazione, tra gli altri, di Stevie Wonder, Kendrick Lamar, The Weeknd, Nicki Minaj, Lil Wayne e Rihanna. Tra il 2011 e il 2012 vengono pubblicati i video dei singoli The Motto e HYFR (Hell Ya Fucking Right), in collaborazione con Lil Wayne, e di Take Care, in collaborazione con Rihanna. Nello stesso periodo ha inoltre duettato con la cantante R&B statunitense Mary J. Blige in Mr. Wrong, secondo singolo estratto dal suo album My Life II... The Journey Continues (Act 1). L'album venne ben recepito dalla critica, e venne così apprezzato da vincere ai Grammy Awards 2013 il premio per il miglior album rap. Nel 2016 l'album viene certificato quattro volte disco di platino dalla RIAA.

Nothing Was The Same (2013 - 2014)[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 settembre 2013 Drake pubblica il suo terzo album in studio intitolato Nothing Was the Same, nominato ai Grammy Awards come migliore album rap. Ha debuttato alla posizione numero uno in Canada, Danimarca, Australia, Regno Unito e anche in cima alla Billboard 200 statunitense, con 658.000 copie vendute nella sua prima settimana di rilascio. Anticipato dai singoli Started from the Bottom e Hold On, We're Going Home, il disco vede i featuring, tra gli altri, di 2 Chainz, Big Sean, Jay Z e Jhené Aiko. Il 28 dicembre 2013 collabora con Soulja Boy sulla traccia We Made It.

If You're Reading This It's Too Late e la collaborazione con Future (2015)[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2014, in un'intervista, il giocatore di basket dei Toronto Raptors, DeMar DeRozan, ha affermato che Drake avesse intenzione di rilasciare un mixtape nel gennaio 2015. Nel febbraio 2015 rilascia un videoclip intitolato Jungle in cui sono presenti due snippet che anticipano due canzoni inedite, Know Yourself e Jungle , che saranno presenti nel mixtape.[14] Il 13 febbraio 2015 a sorpresa pubblica If You're Reading This It's Too Late e tutte le canzoni presenti nel mixtape appaiono nella Hot 100 di Billboard. Il progetto, fortemente influenzato dalle sonorità trap e caratterizzato da uno stile più aggressivo rispetto ai lavori precedenti, ha generalmente ricevuto recensioni positive e ha debuttato al numero uno sulla Billboard 200, con la vendita di 495.000 copie in tre giorni, portando per la quarta volta Drake in cima alle classifiche. L'album ha anche battuto il record di streaming su Spotify durante la prima settimana, con oltre 17,3 milioni di stream nei primi tre giorni. Il record era stato in precedenza detenuto da Drake stesso, con il suo album Nothing Was The Same (2013), con 15.146 milioni di stream nella prima settimana.[15]

Il 20 settembre 2015 pubblica il mixtape What a Time to Be Alive in collaborazione con il rapper Future.[16] What a Time to Be Alive ha debuttato al numero uno sulla Billboard 200, rendendo Drake il primo artista hip hop dal 2004 ad avere due progetti a raggiungere la prima posizione nello stesso anno.[17]

Views e More Life (2016 - 2017)[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2016 viene pubblicato il singolo Work, in cui Drake collabora con Rihanna per anticipare Anti, l'ottavo album in studio della cantante barbadiana. Nello stesso mese, Drake ha annunciato che il suo quarto album in studio sarebbe stato rilasciato in primavera, pubblicando nel frattempo il singolo promozionale Summer Sixteen.[18]

Il 29 aprile 2016 Drake pubblica il suo quarto album in studio Views, anticipato dalle hit di successo Hotline Bling, One Dance e Pop Style. Il titolo dell'album era stato annunciato dal rapper nel luglio 2014, col nome di Views From The 6, in onore della sua città natale Toronto, ma è stato successivamente abbreviato in Views. L'album è diventato il maggior successo commerciale di Drake, essendo rimasto in cima alla Billboard 200 per dieci settimane consecutive, e avendo occupato contemporaneamente la prima posizione sia nella Billboard Hot 100 che nella Billboard 200 per ben otto settimane. Ha inoltre ottenuto il doppio disco di platino negli Stati Uniti.[19][20][21][22] È possibile notare un ennesimo cambio di sonorità da parte di Drake in questo album, in cui vi sono alcune canzoni facilmente riconducibili al genere dancehall.[23]

Il 23 luglio Drake ha annunciato di essere già al lavoro per un nuovo mixtape, previsto per l'inizio del 2017.[24] Ad ottobre 2016 pubblica tre singoli inediti, Two Birds, One Stone, Sneakin' e Fake Love, che hanno anticipato l'uscita del suo nuovo progetto discografico ufficiale, More Life, definito dall'artista stesso come una "playlist" composta da brani di vario genere.[25] È stato pubblicato il 18 marzo 2017 ed è stato ascoltato 61.303.082 volte nel primo giorno di uscita, diventando l'album in streaming più ascoltato in un giorno sulla piattaforma Spotify.[26] Il 28 marzo è stato rilasciato il singolo Passionfruit.

Nella notte tra il 21 e il 22 maggio 2017, ai Billboard Music Awards 2017, Drake ha vinto 13 premi, battendo il record di Adele (risalente al 2012 con 12 riconoscimenti). Il rapper di Toronto ha ottenuto 22 nominations ed ha vinto, tra gli altri, il premio per il miglior artista in assoluto, per il miglior artista maschile, quello per il migliore album della Billboard 200 con Views e il riconoscimento per la miglior canzone R&B con One Dance.[27]

Il 23 giugno 2017 pubblica il singolo inedito Signs in collaborazione con Louis Vuitton per promuovere la collezione primavera/estate 2018 del brand francese [28]; lo stesso giorno viene rilasciato il singolo inedito No Complaints del giovane produttore Metro Boomin, che vede la partecipazione di Drake e Offset, membro dei Migos, gruppo trap statunitense.[29] Il giorno dopo pubblica sul canale YouTube di OVO Sound il suo remix di Freak In You, un brano di PartyNextDoor.[30]

Scary Hours e Scorpion (2018 - presente)[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 agosto 2017, al termine dell'OVO Fest 2017, Drake ha annunciato di essere al lavoro per un nuovo album in studio, in uscita nel 2018[31]; nel frattempo, a fine 2017, torna a collaborare con Lil Wayne per la realizzazione del brano Family Feud, remix di una canzone di Jay-Z, presente nel mixtape Dedication 6: Reloaded del rapper di New Orleans. La canzone viene pubblicata il 29 dicembre su YouTube.[32]

Il 19 gennaio 2018 pubblica a sorpresa su tutte le piattaforne digitali un breve EP, Scary Hours, che include due brani inediti, God's Plan e Diplomatic Immunity; grazie al primo, Drake ha ottenuto il record per il più alto numero di streaming di un brano in un giorno negli Stati Uniti, con ben 4.326.679 steams. God's Plan ha inoltre debuttato al primo posto nella classifica americana Billboard Hot 100 ed ha ottenuto il record per il maggior numero di streaming nel giorno di debutto su Apple Music, con oltre 14 milioni di streams in tutto il mondo. Il videoclip ufficiale è stato pubblicato su YouTube il 16 febbraio.[33] [34][35][36][37]

Il 26 gennaio, invece, viene rilasciato il terzo album in studio dei Migos, Culture II, che contiene il brano Walk It Talk It, in cui Drake torna a collaborare con il trio di Lawrenceville anni dopo il remix di Versace, pubblicato nel 2013. [38] Walk It Talk It ha debuttato alla posizione 18 della Billboard Hot 100, diventando la 70esima canzone, in cui è presente Drake, a comparire nella Top 40 della classifica americana dei singoli.[39] Il 9 febbraio viene pubblicato il singolo Look Alive di BlocBoy JB, rapper di Memphis, a cui Drake collabora. Il videoclip ufficiale viene rilasciato il giorno stesso su YouTube.[40]

Il 5 aprile, al concerto dei Majid Jordan a Toronto, annuncia di essere tornato nella città canadese per terminare il suo quinto album in studio, pubblicando, il giorno seguente, il singolo Nice for What, insieme al relativo videoclip, dove utilizza un sample di “Ex Factor” di Lauryn Hill[41]. Qualche giorno dopo, precisamente il 16 aprile, pubblica su Instagram due post che annunciano l'uscita del suo quinto album in studio, Scorpion, previsto per giugno 2018. [42] [43]

Influenze musicali[modifica | modifica wikitesto]

Drake ha citato diversi artisti hip hop che hanno influenzano il suo stile e il suo modo di rappare, tra cui Kanye West[44], Jay Z[45] e Lil Wayne[46]; al contempo, ha confermato di essere stato influenzato da vari artisti R&B, tra cui Aaliyah,[47] e Usher[48]. Drake ha inoltre anche accreditato ad alcuni artisti dancehall il merito per aver influenzato il suo più recente stile "caraibico", tra cui Vybz Kartel, definendolo poi come una delle sue più grandi ispirazioni.[49][50]

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Drake è noto per la sua capacità tecnica e per le liriche egoiste, dove dimostra molto interesse nel trattare tematiche romantiche e malinconiche, in cui parla frequentemente del suo rapporto con le donne.[51] È inoltre riconosciuto per la sua versatilità e le sue capacità vocali, che gli permettono non solo di rappare su basi hip-hop ma anche di cantare su una base più melodica, con sonorità pop, il tutto sempre accompagnato da una grande tecnica lirica.[52] Alcune sue canzoni includono delle variazioni di pronuncia, per via delle influenze ricevute dalla sua multietnica città d'origine, Toronto, e delle connessioni con i paesi caraibici, constatabili in frasi come "ting", "touching road", "talkin’ boasy" and "gwanin’ wassy". Vi sono anche influenze da parte della cultura medio-orientale; ha usato, infatti, per alcune sue canzoni, termini tipici della religione araba come "mashallah" e "wallahi", chiaro riferimento alla popolazione somala di Toronto.[52] La maggior parte delle sue canzoni contiene sia elementi R&B che hip-hop; ciò è possibile grazie alle sue abilità, che gli permettono di combinare canto e rap in modo omogeneo all'interno dei brani.[53]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Drake è stato coinvolto in “beef” con Meek Mill, Tyga, Jay-Z, Ludacris, Chris Brown, Pusha T, Sean Combs, Common, Joe Budden e XXXTentacion. Molti ipotizzano una faida anche con il rapper Kendrick Lamar, con il quale aveva collaborato tre volte. La causa sarebbe “Control”, canzone del 2013 di Kendrick nella quale il rapper californiano attacca molti colleghi, tra cui Drake.

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Grammy Award
MTV Video Music Awards

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Mixtape Ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Playlist[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Wilson McBee, What Is Pop Rap, And Why Do We Hate It?, Prefix, 25 maggio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  2. ^ (EN) Ben Beaumont-Thomas, How rap got weird, The Guardian, 9 settembre 2015. URL consultato il 9 gennaio 2016.
  3. ^ a b c (EN) Andy Kellman, Drake, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 22 giugno 2016. Modifica su Wikidata
  4. ^ quora.com, https://www.quora.com/What-ethnicity-is-Drake.
  5. ^ a b Degrassi actor says being different made him stronger[collegamento interrotto]
  6. ^ School's In for Degrassi
  7. ^ discogs.com, https://www.discogs.com/it/artist/3106396-Champagne-Papi.
  8. ^ This Is Drake - Website for Graham's musical ambitions.
  9. ^ [1]
  10. ^ [2]
  11. ^ [3]
  12. ^ Replacement Girl - Video for Graham's debut single.
  13. ^ [4]
  14. ^ ew.com, http://ew.com/article/2015/02/12/drake-releases-short-film-jungle-and-teases-new-songs-1/.
  15. ^ billboard.com, http://www.billboard.com/articles/columns/the-juice/6473094/drake-spotify-record-if-youre-reading-this-its-too-late.
  16. ^ rapburger.com, http://www.rapburger.com/2015/09/21/drake-e-future-pubblicano-il-mixtape-time-alive-ascoltalo-streaming/.
  17. ^ billboard.com, http://www.billboard.com/articles/columns/chart-beat/6708138/drake-future-what-a-time-to-be-alive-billboard-200-no-1.
  18. ^ theverge.com, https://www.theverge.com/2016/1/30/10877156/drakes-releases-summer-sixteen-first-single-views-from-the-6.
  19. ^ Drake pubblica la copertina di “Views From The 6″ e svela qualche dettaglio, su rapburger.com. URL consultato il 4 agosto 2017.
  20. ^ E’ uscito “Views”, il nuovo album di Drake, su rapburger.com. URL consultato il 4 agosto 2017.
  21. ^ (EN) Drake's 'Views' Debuts at No. 1 on Billboard 200 Chart, Sets Streaming Record, su billboard.com. URL consultato il 4 agosto 2017.
  22. ^ rollingstone.com, http://www.rollingstone.com/music/news/on-the-charts-drakes-views-sees-platinum-opening-week-20160508.
  23. ^ mixologi.com, http://www.mixologi.com/drake-dancehall-cultural-appropriation/.
  24. ^ billboard.com, http://www.billboard.com/articles/columns/hip-hop/7446702/drake-is-working-on-a-new-mixtape.
  25. ^ gqitalia.it, https://www.gqitalia.it/show/musica/2017/03/20/drake-fuori-life-la-playlist-del-re-dello-streaming-non-chiamatelo-album/.
  26. ^ (EN) Drake Breaks Spotify Records With His New Playlist 'More Life', su Genius. URL consultato il 21 marzo 2017.
  27. ^ r101.it, http://www.r101.it/news/drake-batte-il-record-di-adele-ai-billboard-awards-2017_1904.shtml.
  28. ^ sentireascoltare.com, http://sentireascoltare.com/news/signs-drake-louis-vuitton/.
  29. ^ billboard.com, http://www.billboard.com/articles/columns/hip-hop/7842088/metro-boomin-no-complaints-drake-offset.
  30. ^ hotnewhiphop.com, http://www.hotnewhiphop.com/partynextdoor-freak-in-you-remix-feat-drake-new-song.1974735.html.
  31. ^ xxlmag.com, http://www.xxlmag.com/video/2017/08/drake-working-on-new-album/.
  32. ^ youtube.com, https://www.youtube.com/watch?v=PjqKPHZJgF0.
  33. ^ hotnewhiphop.com, https://www.hotnewhiphop.com/drake-releases-new-song-gods-plan-new-song.1977056.html.
  34. ^ instagram.com, https://www.instagram.com/p/BeUN4HJj9g7/.
  35. ^ billboard.com, https://www.billboard.com/articles/columns/chart-beat/8096886/drake-gods-plan-hot-100-number-one-debut-scary-hours.
  36. ^ billboard.com, https://www.billboard.com/articles/columns/hip-hop/8096077/drake-gods-plan-breaks-spotify-record.
  37. ^ repubblica.it, http://www.repubblica.it/spettacoli/people/2018/02/17/news/drake_rapper_buono_dona_soldi_a_tutti-189073278/.
  38. ^ genius.com, https://genius.com/a/migos-reunite-with-drake-on-their-new-culture-ii-song-walk-it-talk-it.
  39. ^ billboard.com, https://www.billboard.com/articles/columns/chart-beat/8098437/drake-migos-walk-it-talk-it-billboard-hot-100-70th-top-40-song.
  40. ^ capitalxtra.com, http://www.capitalxtra.com/artists/drake/news/blocboy-jb-song-video-shoot/.
  41. ^ forbes.com, https://www.forbes.com/sites/bryanrolli/2018/04/06/drake-confirms-hes-finishing-new-album-will-release-new-single-friday-night/#71faaa047ed4.
  42. ^ amp.www.complex.com, https://amp.www.complex.com/music/2018/04/drake-new-album-scorpion-release-date.
  43. ^ instagram.com, https://www.instagram.com/p/BhpENZcnJMK/.
  44. ^ mtv.com, http://www.mtv.com/news/1612262/drake-says-kanye-west-is-the-most-influential-person-on-his-sound/.
  45. ^ hiphopdx.com, http://hiphopdx.com/news/id.11194/title.drake-talks-influences-rap-stereotypes-and-more-with-cnn.
  46. ^ nme.com, http://www.nme.com/news/music/eminem-381-1380722.
  47. ^ soultrain.com, http://soultrain.com/2011/01/16/drake-reflects-%E2%80%9Caaliyah-had-the-biggest-influence-on-my-music%E2%80%9D/.
  48. ^ bet.com, http://www.bet.com/shows/bet-honors/2015/photos/honorees/my-way-10-artists-usher-has-influenced.html#!010615-music-drake-performs.
  49. ^ hypelifemagazine.com, https://hypelifemagazine.com/celebritynews/drake-vybz-kartel-biggest-inspirations-favorite-dancehall-popcaan-mavado/.
  50. ^ rollingstone.com, http://www.rollingstone.com/music/features/vybz-kartel-still-ruling-dancehall-after-years-in-prison-w448510.
  51. ^ hiphopdx.com, http://hiphopdx.com/news/id.11194/title.drake-talks-influences-rap-stereotypes-and-more-with-cnn#.
  52. ^ a b thefader.com, http://www.thefader.com/2015/09/24/drake-views-from-the-6-cover-story-interview.
  53. ^ vibe.com, https://www.vibe.com/2012/07/drake-crowns-himself-first-successful-rap-singer/.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN106753132 · ISNI (EN0000 0001 2032 246X · LCCN (ENno2009152464 · GND (DE139408991 · BNF (FRcb16177777t (data)