Vine (software)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vine
Logo
Sviluppatore Twitter
Data prima versione 24 gennaio 2013
Sistema operativo iOS
Android
Windows Phone
Genere Video (non in lista)
Licenza Freeware
(licenza non libera)
Sito web

Vine è stata un'applicazione gratuita che permetteva agli utenti di creare video, chiamati appunto vines, e condividerli su numerosi servizi di social network, come Twitter o Facebook.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Vine venne fondata da Dom Hofmann, Rus Yusupov e Colin Kroll nel giugno 2012. La compagnia venne poi acquistata da Twitter nell'ottobre 2012.[1]

L'applicazione venne resa disponibile al pubblico il 24 gennaio 2013[2], in versione gratuita ai possessori di iPhone e iPod touch. Il 9 aprile 2013 divenne l'applicazione gratuita con più download dell'App Store.[3]

Dal 2 giugno 2013 è disponibile gratuitamente anche per i dispositivi Android (con Android 4.0 o superiore).[4]

In un paio di mesi, Vine divenne l'applicazione di video sharing più utilizzata sia del market Apple che di quello Google, sebbene avesse ancora pochi utenti.[5]

Il 16 luglio 2013 è stata annunciata una versione per Windows Phone,[6] pubblicato poi il 12 novembre 2013.

Il 27 ottobre 2016 viene annunciata la chiusura della piattaforma.[7] Il 17 gennaio 2017 la piattaforma viene chiusa e l'app viene rinominata Vine Camera.

Dettagli[modifica | modifica wikitesto]

L'applicazione permette agli utenti di creare un mini-video della durata massima di 6 secondi.[2][8] All'inizio era possibile registrare il video solo mantenendo il dito premuto sullo schermo, ma il problema fu sistemato poco tempo dopo. Venne inoltre aumentato il tempo di registrazione, da 6 a 6,5 secondi (0,5 secondi vengono registrati dopo che la barra del progresso arriva alla fine) per migliorare la qualità della fine del video.

Accoglienza ed utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

La BBC ha definito i video di Vine come "ipnotizzanti", e ha notato come le agenzie pubblicitarie abbiano immediatamente capito il potenziale dell'applicazione.[9]

L'applicazione è stata inoltre utilizzata come strumento di giornalismo: il 1º febbraio 2013 un giornalista turco ha usato l'applicazione per documentare la distruzione causata da un kamikaze fuori dall'ambasciata statunitense in Turchia, poiché aveva capito che 6 secondi erano sufficienti per dare tutte le informazioni necessarie.[10]

L'applicazione è stata utilizzata dalla Columbia Records per promuovere il nuovo album dei Big Time Rush, 24/Seven, rivelando al pubblico i titoli delle tracce dell'album.[11]

Meno di una settimana dopo il lancio, cominciarono a comparire dei filmati pornografici, poiché la pornografia non è vietata dalle linee guida di Twitter.[12] Una clip sessualmente esplicita venne inserita nella sezione "Scelte dagli editor", che Twitter giustificò come "errore umano".[13] Poiché la pornografia va contro i termini di servizio di Apple,[14] il 5 febbraio 2013 Twitter alzò l'età limite per scaricare l'app da 12 a 17 anni, secondo le richieste di Apple.[15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ina Fried, Twitter Buys Vine, a Video Clip Company That Never Launched – Peter Kafka and Mike Isaac – Mobile, AllThingsD, 9 ottobre 2012. URL consultato il 15 marzo 2013.
  2. ^ a b (EN) Jordan Crook, Twitter's 6-Second Video Sharing App, Vine, Goes Live In The App Store, Tech Crunch, 24 gennaio 2013. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  3. ^ (EN) Aaron Souppouris, The Verge – Vine is now the number one free app in the US App Store, theverge.com, 9 aprile 2013. URL consultato il 10 aprile 2013.
  4. ^ (EN) Vine for android, Vine.co. URL consultato il 4 giugno 2013.
  5. ^ (EN) Robert Moore, TechCrunch – Vine Takes Early Command In The Mobile Video Market Over Viddy, Socialcam And Others Despite Low Adoption, techcrunch.com, 6 marzo 2013. URL consultato il 10 aprile 2013.
  6. ^ Hipstamatic, Vine, Path e Flipboard presto su Windows Phone, Notiziario Italiano, 16 luglio 2013. URL consultato il 30 luglio 2013.
  7. ^ Diletta Parlangeli, Twitter chiude Vine, in wired.it, 27 ottobre 2016. URL consultato il 28 ottobre 2016.
  8. ^ (EN) Pradeep Tiwari, Are You Ready For Vine ? | Vinoid – Vine Video Sharing App Blog, Vinoid. URL consultato il 25 luglio 2013.
  9. ^ (EN) Finlo Rohrer, BBC News – Vine: Six things people have learned about six-second video in a week, Bbc.co.uk, 31 gennaio 2013. URL consultato il 15 marzo 2013.
  10. ^ (EN) Neal Ungerleider, Using Vine To Cover Breaking News, Fast Company, 7 febbraio 2013. URL consultato il 15 marzo 2013.
  11. ^ (EN) Finlo Rohrer, Vine – Vine:24/Seven tracklist(deluxe), vine.co, 30 aprile 2013. URL consultato il 30 aprile 2013.
  12. ^ (EN) Steven Musil, Pornographic video clips already showing up on Twitter's Vine, su CNET, CNET, 27 gennaio 2013. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  13. ^ (EN) Twitter accidentally promotes porn clip, in 3 News NZ, 29 gennaio 2013.
  14. ^ (EN) ynori7, Waves Resulting From Twitter Vine, Valhalla News, 28 gennaio 2013.
  15. ^ (EN) Twitter's Vine Changes App Store Rating to +17, Adds Social Sharing Features – ABC News, Abcnews.go.com, 6 febbraio 2013. URL consultato il 15 marzo 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Internet Portale Internet: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di internet