Givenchy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Givenchy
Logo
StatoFrancia Francia
Fondazione1952 a Parigi
Fondata daHubert de Givenchy
Sede principaleParigi
GruppoLVMH
Settoremoda
ProdottiAbbigliamento-profumi-cosmetici
Sito webwww.givenchy.com
Vestito corto e cappello Givenchy, indossati da Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany, 1961

Givenchy è un'azienda francese che produce capi di abbigliamento, accessori, profumi e cosmetici.

Fu il designer Hubert de Givenchy, a fondare la casa di moda nel 1952 e a dirigerla per oltre quarant'anni. Nello stesso anno lanciò la sua prima collezione Les Séparables. Si ritirò dall'attività nel 1995 lasciando il proprio posto a John Galliano, che però fu sostituito dopo breve tempo da Alexander McQueen.

Nel 2001 il progettista Julien MacDonald è stato nominato Direttore Artistico per la linea donna, mentre nel 2003 Ozwald Boateng è stato nominato il progettista per la linea uomini. Nell'anno 2005 lo stilista italiano Riccardo Tisci diventa direttore creativo della maison nella realizzazione delle collezioni haute couture e pret-à-porter. Nel 2017 gli subentra nella posizione di direttore creativo Clare Waight Keller.

La più celebre testimonial del marchio è stata Audrey Hepburn, grazie anche al film Colazione da Tiffany in cui l'attrice indossa un tubino nero diventato un classico dell'abbigliamento femminile e anche un capo di culto. Sempre per Audrey Hepburn, Givenchy realizzò il profumo L'interdit. Con l'attrice americana e la maison di moda nasce un vero e proprio sodalizio, tanto che Givenchy disegna anche l'abito da sposa per il secondo matrimonio della Hepburn, con il dottore Andrea Dotti. Il vestito è diventato iconico per la lunghezza sopra le ginocchia, la scelta del colore rosa ed un collo particolarissimo.[1] Givenchy ha anche firmato molte delle scelte di stile delle star per occasioni importanti, lavorative e personali. Tra le collaborazioni più note c'è stato il matrimonio di Kim Kardashian con Kanye West, per cui il brand ha curato l'abito da sposa che è stato poi sfoggiato nella location delle nozze del Forte Belvedere, il giardino con vista panoramica sulla città di Firenze. Il brand è stato scelto anche per le nozze reali tra Meghan Markle e il principe Harry d'Inghilterra, l'abito è stato disegnato dalla direttrice artistica di Ghivency: la britannica Clare Waight Keller. Il capo e le scarpe, dalle linee pulite e dall'elegantissima semplicità, sono diventati un'icona dello stile essenziale della principessa.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ redazione, SETTE ABITI DA SPOSA FAMOSI INDOSSATI DA CELEBRI PERSONAGGI, in Cerrato Moda, 26 luglio. URL consultato il 30 aprile 2021.
  2. ^ CLEO CASSINI, Abiti da sposa delle star: ecco tutti quelli che ci hanno fatto sognare!, in Sposi magazine, 7 GENNAIO 2019. URL consultato il 30 aprile 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN129845058 · GND (DE1085684652 · BNF (FRcb12079733z (data) · ULAN (EN500331799 · WorldCat Identities (ENviaf-129845058