Settimana della moda di New York

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Settimana della moda di New York
New York Fashion Week
Diane von Fürstenberg Spring-Summer 2014 06.jpg
Liu Wen cammina sulla passerella della sfilata Diane von Fürstenberg Primavera/Estate 2014 alla settimana della moda di New York
LuogoNew York, Stati Uniti
Anni1943 - oggi
FrequenzaSemestrale
Fondato daEleanor Lambert
GenereModa
Sito ufficialenyfw.com/
Un momento della settimana della moda di New York del 2005.

La settimana della moda di New York, chiamata anche Settimana della moda Mercedes-Benz per via della sua sponsorizzazione, è una settimana della moda che si tiene a New York due volte ogni anno, a febbraio ed a settembre. È considerata una delle "Big Four", le quattro maggiori settimane della moda del mondo, insieme a quelle di Parigi, di Londra e di Milano.[1][2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima settimana della moda di New York, all'epoca chiamata Settimana della stampa, fu il primo evento al mondo legato alla moda. Svolto nel 1943, l'evento fu organizzato per distogliere l'attenzione dalla moda francese durante la seconda guerra mondiale, dato che gli addetti ai lavori della moda non erano in grado di recarsi a Parigi, per poter vedere le nuove collezioni di moda francese.[3] La pubblicista Eleanor Lambert organizzò un evento, che battezzò "Press Week" (Settimana della stampa) per mostrare il lavoro e le nuove collezioni degli stilisti americani ai giornalisti, che in precedenza avevano trascurato i loro lavori.[3] Gli acquirenti non erano ammessi alla mostra, mentre invece avevano accesso agli showroom degli stilisti.[3] La settimana della stampa fu un successo, e riviste di moda come Vogue, che in precedenza si erano principalmente concentrate sulla moda francese, iniziarono a prestare maggiore attenzione alla moda americana.[3]

Poco dopo Ruth Finley pubblicò il primo calendario della moda. Una guida, utilizzata tuttora, con tutti gli eventi della settimana della moda. La stampa e i giornalisti, non poterono far altro che parlare e scrivere di questo nuovo e attesissimo evento, oramai giunto alla sua massima celebrazione e consacrazione.[4]

Nel 1994, l'evento fu spostato al Bryant Park, dove veniva allestito all'interno di una serie di grandi tendoni bianchi che occupavano quasi l'intera superficie del parco.[5] L'accesso è possibile solo su invito, all'industria della moda, ai giornalisti, ad alcune celebrità, ed ai giornalisti di selezionati siti web. Dal 2010 l'evento è stato spostato presso Damrosch Park al Lincoln Center for the Performing Arts.

Partecipazione[modifica | modifica wikitesto]

L'ammissione alle sfilate alla settimana della moda di New York è in genere sotto forma di accreditamento, con eventi specifici solo su invito.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Julie Bradford, Fashion Journalism, Routledge, 2014, p. 129.
  2. ^ Susan Dillon, The Fundamentals of Fashion Management, A&C Black, 2011, p. 115.
  3. ^ a b c d Fortini, Amanda. How the Runway Took Off: A Brief History of the Fashion Show. Slate Magazine (Feb. 8, 2006).
  4. ^ La storia della Fashion Week: l’evento più importante del mondo della moda, su Luxgallery, 16 settembre 2019. URL consultato il 25 novembre 2019.
  5. ^ Wilson, Eric. A New Home for New York Fashion Week New York Times (Feb. 2, 2009).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE7859198-3