Bahia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Bahia" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Bahia (disambigua).
Bahia
stato federato
(PT) Estado da Bahia
Bahia – Stemma Bahia – Bandiera
Localizzazione
StatoBrasile Brasile
Amministrazione
CapoluogoSalvador
GovernatoreRui Costa (PT) dal 2015
Territorio
Coordinate
del capoluogo
12°58′16″S 38°30′39″W / 12.971111°S 38.510833°W-12.971111; -38.510833 (Bahia)Coordinate: 12°58′16″S 38°30′39″W / 12.971111°S 38.510833°W-12.971111; -38.510833 (Bahia)
Altitudine838 m s.l.m.
Superficie567 295,669 km²
Abitanti14 016 906 (2010)
Densità24,71 ab./km²
Mesoregioni7
Microregioni32
Comuni417
Altre informazioni
Fuso orarioUTC-3
ISO 3166-2BR-BA
Nome abitantibaiani
PIL(nominale) 137.075.000 R$
PIL procapite(nominale) 9.364,73 R$
Rappresentanza parlamentareCamera: 39
Senato: 3
RegioneNord-Est
InnoHino da Bahia
MottoPer ardua surgo
Cartografia
Bahia – Localizzazione
Sito istituzionale

Bahia è uno stato del Brasile nordorientale. La sua capitale è Salvador. Lo stato, che ha il 7,0% della popolazione brasiliana, genera solo il 4,2% del PIL brasiliano. [1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il portoghese Pedro Álvares Cabral sbarcò nel 1500 nell'odierna Santa Cruz de Cabrália (costa meridionale di Bahia) 25 km a nord di Porto Seguro, ritenuta, a lungo, la località del primo sbarco. Cabral il 22 aprile 1500 scopriva e rivendicava la sovranità portoghese sul territorio. La città e il capitanato circostante rappresentarono il cuore amministrativo e religioso dei domini portoghesi in America fino al 1763.

Dal maggio 1624 all'aprile 1625 Bahia fu occupata dalle forze olandesi.

Lo Stato di Bahia fu l'ultimo ad aderire alla confederazione nata dopo la dichiarazione di indipendenza, tant'è che esso rimase fedele alla corona portoghese ancora per due anni rispetto al resto del paese.

Bahia fu un importante centro della coltivazione di canna da zucchero dal XVI al XVIII secolo, periodo a cui risale la fondazione di numerose città storiche. L'economia dello Stato dipendeva perciò dal lavoro degli schiavi africani (basti pensare che il 37% degli schiavi neri deportati nelle Americhe furono condotti in Brasile). La maggioranza degli schiavi entrava in Brasile passando per Bahia, da dove venivano poi condotti nelle piantagioni disseminate nell'intero paese[2].

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Lo Stato è composto dalla capitale e da altri 415 comuni. I comuni sono raggruppati in 32 microregioni, a loro volta raggruppate in 7 mesoregioni. Queste due entità sono state create dal'Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística, l'istituto nazionale brasiliano di geografia e statistica, per soli fini statistici, pertanto non individuano entità politiche o amministrative.

Capitale[modifica | modifica wikitesto]

Mesoregioni[modifica | modifica wikitesto]

Microregioni[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Cacao a Ilhéus
Cocco a Caetité
Canna da zucchero a Bahia

In agricoltura, lo stato si distingue per la produzione di cotone, cacao, soia e frutti tropicali come cocco, papaya, mango, banana e guaranà, oltre a produrre anche canna da zucchero, arancio, fagiolo e cassava, tra gli altri.

Nel 2017, la regione nord-orientale è stata il maggior produttore di cocco nel paese, con il 74,0% della produzione nazionale. Bahia ha prodotto 351 milioni di frutti, essendo il leader nel paese. Tuttavia, il settore ha subito una forte concorrenza e ha perso mercato a favore di Indonesia, Filippine e India, i maggiori produttori mondiali, che esportano persino acqua di cocco in Brasile. Oltre ai problemi climatici, la bassa produttività delle palme da cocco nella regione nord-orientale è il risultato di fattori legati alla varietà di cocco raccolta e al livello tecnologico utilizzato nelle regioni costiere. In queste zone prevale ancora il sistema di coltivazione semi-estrattiva, a bassa fertilità e senza l'adozione di pratiche di gestione culturale. I tre stati che hanno la produzione maggiore, Bahia, Sergipe e Ceará, presentano una resa tre volte inferiore a quella del Pernambuco, che si trova al 5 ° posto nella produzione nazionale. Questo perché la maggior parte degli alberi di cocco in questi tre stati si trova in zone costiere e coltivata in sistemi semi-estrattivi.[3]

Nella produzione di cacao, Bahia ha guidato a lungo la produzione brasiliana. Oggi contesta la leadership della produzione nazionale con lo stato del Pará. Nel 2017 Pará ha ottenuto la leadership per la prima volta. Nel 2019, la gente del Pará ha raccolto 135mila tonnellate di cacao e i bahiani ne hanno raccolte 130mila. L'area del cacao di Bahia è praticamente tre volte più grande di quella del Pará, ma la produttività del Pará è praticamente tre volte maggiore. Alcuni fattori che spiegano questo sono: i raccolti a Bahia sono più estrattivi, e quelli in Pará hanno uno stile più moderno e commerciale, oltre a paraensi che utilizzano semi più produttivi e resistenti, e la loro regione che fornisce resistenza a Scopa della strega.[4]

Nel 2018, il nord-est era al 3 ° posto tra le regioni che producono maggiormente canna da zucchero nel paese. Il Brasile è il più grande produttore mondiale, con 672,8 milioni di tonnellate raccolte quest'anno. Il Nordest ha raccolto 45,7 milioni di tonnellate, il 6,8% della produzione nazionale. Alagoas è il maggior produttore, con il 33,3% della produzione nord-orientale (15,2 milioni di tonnellate). Pernambuco è il 2 ° più grande produttore del Nordest, con il 22,7% del totale nella regione (10,3 milioni di tonnellate). Paraíba ha l'11,9% della produzione nord-orientale (5,5 milioni di tonnellate) e Bahia, il 10,24% della produzione (4,7 milioni di tonnellate).[5]

Bahia è il secondo maggior produttore di cotone in Brasile, perdendo solo contro il Mato Grosso. Nel 2019 ha raccolto 1,5 milioni di tonnellate di prodotto.[6][7][8]

Nella soia, il Brasile ha prodotto quasi 120 milioni di tonnellate nel 2019, essendo il più grande produttore mondiale. Nel 2019, il Nordest ha prodotto quasi 10,7 milioni di tonnellate, pari al 9% del totale brasiliano. Il più grande produttore nel nord-est era Bahia (5,3 milioni di tonnellate).[9]

Nella produzione di mais, nel 2018 il Brasile è stato il terzo produttore mondiale, con 82 milioni di tonnellate. Il Nordest ha prodotto circa l'8,4% del totale del paese. Bahia era il più grande produttore del Nordest, con 2,2 milioni di tonnellate.[10]

Nel 2018, la regione meridionale è stata il principale produttore di fagioli con il 26,4% del totale, seguita dal Midwest (25,4%), dalla regione sud-est (25,1%), dal nordest (20,6%) e dal nord (2,5%) . I maggiori produttori nel Nordest erano Ceará e Bahia.[11]

Nella produzione manioca, il Brasile ha prodotto un totale di 17,6 milioni di tonnellate nel 2018. Maranhão è stato il settimo produttore più grande del paese, con 681 mila tonnellate. Il Ceará era 9 °, con 622mila tonnellate. Bahia è decima con 610mila tonnellate. In totale, il nord-est ha prodotto 3,5 milioni di tonnellate.[12]

Circa arancio, Bahia è stato il 4 ° più grande produttore del Brasile nel 2018, con un totale di 604 mila tonnellate, il 3,6% della produzione nazionale.[13]

Bahia è il secondo più grande produttore di frutta del paese, con oltre 3,3 milioni di tonnellate all'anno, dietro a San Paolo. Il nord di Bahia è uno dei principali fornitori di frutta del paese. Lo Stato è uno dei principali produttori nazionali di dieci tipi di frutta. Nel 2017, Bahia ha guidato la produzione di cajarana, cocco, frutta secca o pigna, soursop, umbu, jackfruit, licuri, mango e frutto della passione, ed è al secondo posto in cacao mandorla, atemoia, cupuaçu, lime e limone, e terzo in banana, carambola, guava, papaia, anguria, melone, ciliegia, melograno e uva da tavola. In tutto, 34 prodotti della frutticoltura di Bahia hanno un'importante partecipazione nell'economia nazionale.[14][15]

Il Rio Grande do Norte è il più grande produttore di melone del paese. Nel 2017 ha prodotto 354mila tonnellate. La regione nord-orientale ha rappresentato il 95,8% della produzione del paese nel 2007. Oltre al Rio Grande do Norte, che nel 2005 ha prodotto il 45,4% del totale del paese, le altre 3 più grandi del paese sono state Ceará, Bahia e Pernambuco.[16][17]

Nella produzione di papaya, nel 2018 Bahia è stato il 2 ° stato produttore del Brasile, quasi alla pari con Espírito Santo: 337 mila tonnellate.[18]

Bahia è stato il più grande produttore di mango nel paese nel 2019, con una produzione di circa 281 mila tonnellate all'anno. Juazeiro (130mila tonnellate all'anno) e Casa Nova (54mila tonnellate all'anno) sono in cima alla lista delle città brasiliane che guidano la coltivazione della frutta.[14]

Nella produzione di banana, nel 2018 Bahia è stata il secondo produttore nazionale più grande.[19]

Capre in Araci

Bahia è il più grande produttore brasiliano di guaraná. Nel 2017, la produzione brasiliana è stata di circa 3,3 milioni di tonnellate. Bahia ha raccolto 2,3 milioni (principalmente nella città di Taperoá), Amazonas 0,7 milioni (principalmente nella città di Maués) e il resto del paese 0,3 milioni. Nonostante il frutto sia originario dell'Amazzonia, dal 1989 Bahia ha battuto l'Amazzonia in termini di volume di produzione e produttività del guaranà, grazie al fatto che il suolo di Bahia è più favorevole, oltre all'assenza di malattie nella regione. Gli utenti più famosi del prodotto, tuttavia, acquistano dal 90% al 100% del loro guaranà dalla regione amazzonica, come Ambev e Coca-Cola. I prezzi del guaranà baiano sono ben al di sotto di quelli di altri stati, ma le esenzioni fiscali del Sudam portano l'industria delle bevande a preferire l'acquisto di semi nel nord, il che aiuta a mantenere il più alto valore aggiunto del guaranà amazzonico. Le industrie farmaceutiche e gli importatori, invece, acquistano più guaranà da Bahia, a causa del prezzo.[20]

La regione nordorientale ha ospitato il 93,2% della mandria capra brasiliana (8.944.461 capi) e il 64,2% della mandria pecore (11.544.939 capi) nel 2017. Bahia ha concentrato il 30,9% della mandria di capre e il 20,9% della mandria gregge nazionale di pecore. Casa Nova si è classificata al primo posto nella classifica municipale con il maggior numero di entrambe le specie.[21]

Nel 2017 Bahia aveva l'1,68% della partecipazione mineraria nazionale (4 ° posto nel paese). Bahia aveva una produzione di oro (6,2 tonnellate per un valore di R $ 730 milioni), rame (56 mila tonnellate, per un valore di R $ 404 milioni); cromo (520 mila tonnellate, per un valore di R $ 254 milioni) e vanadio (358 mila tonnellate, per un valore di R $ 91 milioni).[22]

Bahia aveva un PIL industriale di 53,0 miliardi di R $ nel 2017, pari al 4,4% dell'industria nazionale. Impiega 356.997 lavoratori nel settore. I principali settori industriali sono: edilizia (24,8%), servizi industriali di pubblica utilità, come elettricità e acqua (15,0%), derivati del petrolio e biocarburanti (13,8%), prodotti chimici (9,4%) e alimenti (6,1%). Questi 5 settori concentrano il 69,1% dell'industria statale.[23]

In Brasile, il settore automobilistico rappresenta quasi il 22% del PIL industriale. Bahia ha una fabbrica Ford. È stato creato in Camaçari (2001). Il settore automobilistico baiano, guidato da Ford, è stato nel 2005 il terzo maggior contributore (14,6%) al PIL baiano. [24][25]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Dato le sue particolari caratteristiche Bahia è considerata una delle principali località turistiche internazionali. La sua fama è dovuta in gran parte al patrimonio artistico-culturale lasciato dai popoli colonizzatori venuti da altri continenti, dalla fusione di dottrine religiose di origine diversa, e per la varietà culturale. Il suo importante passato è testimoniato dal quartiere del Pelourinho dichiarato dall'UNESCO patrimonio mondiale dell'umanità. Oltre al lato culturale, Bahia offre molte attività mondane. La sua capitale, Salvador è una delle metropoli brasiliane più importanti, e conta molte bellezze naturali, tra cui 50 km di spiagge e molti parchi naturali, quale ad esempio la zona naturalistica di Praia do Forte, bellissimo paesino sulla costa 50 km a nord di Salvador, sede del progetto TAMAR, associazione naturalistica che si occupa della salvaguardia delle tartarughe marine.

Salvador si sviluppa in parte su una penisola che costituisce la porta di ingresso della Baía de Todos-os-Santos, la Baia di Tutti i Santi, così chiamata dai primi navigatori portoghesi che vi giunsero il 1º novembre, giorno di Ognissanti, appunto.

Molto frequentata dagli abitanti di Salvador è l'isola di Itaparica, situata 10 km a sud-est della Bahia e raggiungibile in 30 min di battello dal porto vecchio di Salvador oppure, con l'auto al seguito, in 50' di traghetto partendo dal terminale di S. Joaquim. L'isola, collegata a ovest alla terraferma attraverso un ponte di 1 500 m, è ricoperta da una lussureggiante vegetazione tropicale.

Altre località molto frequentate dal turismo internazionale sono: l'Isola di Boipeba, il Morro de Sao Paulo e Itacaré.

Bahia oggi[modifica | modifica wikitesto]

La regione del nordest, e soprattutto Bahia, ha, in tutto il Brasile, una cattiva reputazione per avere un popolo pigro e indolente. La reputazione è giustificata dai numeri della regione (tutti gli stati sono in deficit, dipendono dai fondi federali per mantenere la loro spesa - tutti gli stati hanno una percentuale del PIL inferiore alla percentuale della popolazione del paese che hanno) e anche dal fatto che insistono nell'elezionare ripetutamente politici di sinistra, o populisti, noti come "colonnelli", cioè persone con famiglie coinvolte da decenni e persino secoli in politica, che adottano metodi clientelari per ottenere voti, anche acquistando direttamente il voto degli abitanti di la regione. [26][27] In a confronto diretto, San Paolo ha una produttività del 258% superiore a quella di Bahia (un tasso di produttività del 155% per abitante, contro il 60% di Bahia). Un esempio dell'improduttività del Nordest è il fatto che il governo federale brasiliano, nel 2020, ha progetti per eliminare circa 900 comuni in Brasile con meno di 5.000 abitanti e con entrate proprie inferiori al 10% di ciò che producono. Queste città sono state create da errori politici, con l'obiettivo di aumentare il potere dei partiti con la creazione di più uffici pubblici locali (municipio, tribunale di giustizia, consiglio comunale, ecc.) [28] Duecento comuni del nordest potrebbero essere estinti (questo, senza contare le città con più di 5.000 abitanti che producono anche molto al di sotto di quello che devono raccogliere, per pagare le bollette). Tra gli stati che perderanno la maggior parte dei comuni ci sono tre stati nord-orientali: Piauí (3 ° nell'elenco), che potrebbe perdere fino al 29,9% delle sue sedi; Paraíba (6 °), che potrebbe perdere il 28,3%; e Rio Grande do Norte (10 °), con il 24% dei comuni a rischio di estinzione. Dieci città di Bahia sarebbero state eliminate.[29]

Un tempo centro del traffico degli schiavi in Brasile, Bahia possiede la più forte impronta africana, in termini di cultura e usanze, di tutto il Brasile. Questo patrimonio include le pratiche di sincretismo religioso di origine Yoruba del Candomblé, le arti marziali note come capoeira, le musiche di chiara impronta africana (samba, afoxé e axé) e una cucina che presenta molte caratteristiche in comune con quella dell'Africa occidentale.

Vi sono inoltre alcune tribù di indios, fra cui i Pataxó, che risiedono lungo la costa meridionale e nelle zone interne, nella riserva del Monte Pascoal. Inoltre l'incrocio con le popolazioni native (vari popoli ma abbastanza omogenei geneticamente) e quelle africane diede origine a una nuova etnia, detta cafusa, tipicamente bahiana, formata da individui di alta statura, con capelli lisci, carnagione mulatta e una fisionomia più simile a quella degli abitanti originari che non a quella africana, anche per successivi incroci con le popolazioni di origine europea.

Dal punto di vista geografico, lo Stato può essere diviso in varie regioni: la mata atlântica, che è ciò che rimane delle foreste costiere; il recôncavo, la zona delle piantagioni di canna da zucchero e tabacco all´interno della costa del litorale nord; il planalto, che include il famoso sertão, situato nell'interno dello Stato.

Il secondo sistema fluviale del Brasile, il São Francisco, prende origine a sud nel vicino Stato di Minas Gerais, scorrendo lungo il confine nord-occidentale dello Stato per poi attraversare il planalto e sboccare a est al confine con lo Stato dell'Alagoas. Bahia è il maggiore produttore ed esportatore di cacao fra gli stati brasiliani. Tuttavia, alla fine degli anni ´90, ha visto la produzione cadere vertiginosamente a seguito della rapida diffusione di una fitopatologia denominata ¨vassoura de bruxa¨. Ciò ha provocato una profonda crisi nell´economia della regione Sud, basata essenzialmente su tale tipo di produzione, che ha causato il disimpiego di 250.000 lavoratori. Un tentativo di recupero delle coltivazioni, attraverso l'uso di piantine di cacao geneticamente modificate per resistere alla malattia, sembra avere successo. Vi sono poi considerevoli giacimenti minerari e petroliferi. Circa il 50% delle sue esportazioni sono costituite da petrolio e suoi derivati. Agli inizi del nuovo secolo, consistenti incentivi fiscali adottati dal governo baiano hanno stimolato grandi complessi industriali a installare loro strutture di produzione nel polo industriale di Camaçarí. Di notevole importanza è anche l'industria turistica: la costa con le sue incantevoli spiagge e il suo ricco patrimonio culturale fanno di Bahia una delle principali mete turistiche del Brasile.

Oltre a Salvador, città importanti sono Ilhéus, luogo di nascita di Jorge Amado, uno dei principali autori brasiliani del XX secolo; l'antica Itaparica, situata sull'omonima isola; Cachoeira; Vitória da Conquista; Feira de Santana; Lençóis, capoluogo di regione della Chapada Diamantina; Porto Seguro e Bahia (stato), importanti poli turistici.

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Comuni dello Stato di Bahia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ População cresce menos do que a média nacional no último ano, diz IBGE
  2. ^ Stuart B. Schwartz, Sugar Plantations in the Formation of Brazilian Society: Bahia, 1550-1835, 0521313996, 9780521313995 Cambridge University Press 1986.
  3. ^ DE COCO: O NORDESTE É DESTAQUE NACIONAL
  4. ^ Pará retoma liderança na produção brasileira de cacau, com a união de agricultores
  5. ^ Produção de cana de açúcar no Nordeste
  6. ^ Segundo maior produtor de algodão do país, Bahia tem previsão de 15% de crescimento da safra
  7. ^ Produção de grãos cresce 14% e Piauí se consolida como 3º maior produtor do Nordeste
  8. ^ MT segue como líder isolado na produção de algodão e safra sobe para 65% em 2017/18
  9. ^ Brasil deve colher maior produção de soja da história, diz Conab
  10. ^ Produção de Milho no Nordeste
  11. ^ Feijão – Análise da Conjuntura Agropecuária
  12. ^ Produção brasileira de mandioca em 2018
  13. ^ Produção brasileira de laranja em 2018
  14. ^ a b Cultivo de manga é destaque no norte da Bahia; estado é o 2º maior produtor de frutas do país
  15. ^ Dez tipos de frutas da Bahia estão entre as mais produzidas no país
  16. ^ Cana-de-açúcar e melão lideram produção no RN
  17. ^ Socioeconomia
  18. ^ Produção brasileira de mamão em 2018 (PDF), su cnpmf.embrapa.br. URL consultato il Aug 5, 2020.
  19. ^ Produção brasileira de banana em 2018
  20. ^ Incentivos mantêm guaraná na Amazônia
  21. ^ PPM 2017: Rebanho bovino predomina no Centro-Oeste e Mato Grosso lidera entre os estados
  22. ^ ANM
  23. ^ CNI - Perfil da Indústria nos Estados
  24. ^ Setor Automotivo
  25. ^ O novo mapa das montadoras, que agora rumam para o interior do País
  26. ^ Com vitória de Dilma, nordestinos sofrem preconceito em redes sociais
  27. ^ Comercial da Renault causa revolta entre nordestinos
  28. ^ Governo propõe fundir municípios; regra atingiria quase 1 em cada 4 cidades
  29. ^ Duzentos municípios nordestinos podem ser extintos com PEC de Bolsonaro

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN126675199 · ISNI (EN0000 0001 2163 4115 · LCCN (ENn81018677 · GND (DE4004254-6 · WorldCat Identities (ENlccn-n81018677
Brasile Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile