Minas Gerais

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la portaerei, vedi Minas Gerais (A-11).
Minas Gerais
stato federato
Minas Gerais – Stemma Minas Gerais – Bandiera
Localizzazione
StatoBrasile Brasile
Amministrazione
CapoluogoBelo Horizonte
GovernatoreRomeu Zema (NOVO) dal 2018
Territorio
Coordinate
del capoluogo
19°49′01″S 43°57′21″W / 19.816944°S 43.955833°W-19.816944; -43.955833 (Minas Gerais)Coordinate: 19°49′01″S 43°57′21″W / 19.816944°S 43.955833°W-19.816944; -43.955833 (Minas Gerais)
Altitudine1 193 m s.l.m.
Superficie586 528,293 km²
Abitanti19 595 309 (2010)
Densità33,41 ab./km²
Mesoregioni12
Microregioni66
Comuni853
Altre informazioni
Fuso orarioUTC-3
ISO 3166-2BR-MG
Nome abitantimineiros
Patrono Santa Maria Addolorata
Giorno festivo15 settembre
PIL(nominale) 282,522 miliardi di R$
PIL procapite(nominale) 14.519 R$
Rappresentanza parlamentareCamera: 53
Senato: 3
RegioneSud-Est
InnoHino de Minas Gerais
MottoLibertas Quæ Sera Tamen
Cartografia
Minas Gerais – Localizzazione
Sito istituzionale

Il Minas Gerais (IPA: [ˈminɐs ʒeˈɾajs]) è uno stato del Brasile situato nella regione geografica del Sudeste. Lo stato, la cui capitale è la città di Belo Horizonte, confina a nord con lo Stato di Bahia, a est con Bahia ed Espírito Santo, a sud con Rio de Janeiro e San Paolo e a ovest con San Paolo, Mato Grosso do Sul e Goiás. Lo stato ha il 10,1% della popolazione brasiliana e produce l'8,7% del PIL brasiliano.[1]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio dello Stato è montuoso e comprende altopiani a nord e serre a sud. Il punto più elevato è raggiunto dal Pico da Bandeira. I climi prevalenti in Minas Gerais sono il tropicale e il tropicale d'alta quota. Le regioni più elevate e il sud dello Stato hanno temperature più basse, raggiungendo marcature vicino a 0 °C. Nel sud, sud-est, est e centro dello Stato si registra la più alta piovosità. All'altro estremo, nelle porzioni a nord e nord-est, le scarse precipitazioni e le temperature elevate rendono questi settori molto sensibili alla siccità.

I fiumi principali sono il São Francisco ed il Rio Grande.

Ouro Preto, Minas Gerais

Città principali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Comuni del Minas Gerais.

Belo Horizonte, Juiz de Fora, Uberlândia, Contagem, Uberaba, Governador Valadares, Betim, Montes Claros, Teófilo Otoni e Ipatinga

Aree protette[modifica | modifica wikitesto]

Comunità italiana[modifica | modifica wikitesto]

Fra il 1892 e il 1910, 70.000 italiani emigrarono nel Minas Gerais. La maggioranza erano contadini dell'Emilia-Romagna, Veneto, Calabria e Campania. Oggi gli oriundi italiani in Minas Gerais sono 2 milioni di persone (10,6% della popolazione), di cui 1 milione vive nella città di Belo Horizonte e il resto soprattutto nel sud e nord-est.

Popolazione italiana nel Minas Gerais[2]
Anno Numero
1920 42.943
1940 18.819
1950 11.704
1970 5.227
Ingresso di immigrati italiani nel Minas Gerais[3]
1894 1895 1896 1897 1898 1899 1900 1901
4.410 6.422 18.999 17.303 2.111 650 21 41

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Fagioli in Paracatu
Fragola in Estiva
Estrazione del latte in Ouro Preto
Miniera di ferro a Itabira
Topazio imperiale di Minas Gerais
Sede di Usiminas a Belo Horizonte
Estrazione del niobio in Araxá
Acquamarina del Minas Gerais

Lo Stato di Minas Gerais (o semplicemente Minas, come è chiamato comunemente) è un importante produttore di caffè, soia, latte, carne, canna da zucchero, banane e altri prodotti agricoli, e anche di minerali: ferro, alluminio, calcare e altri. Attualmente anche l'industria è molto importante: trasformazione dei minerali, siderurgia (produzione di acciaio), elettronica, automobili (Fiat, Iveco e Mercedes-Benz possiedono fabbriche), ma anche di tessili, alimentari e bibite. Per il prodotto interno lordo il settore dei servizi ha la maggiore percentuale: al 47,1%, seguito da quello industriale al 44,1%. L'agricoltura rappresenta l'8,8% del PIL (2004) e le esportazioni sono costituite: da minerale di ferro al 26,1%, siderurgia al 20,9%, caffè al 12,8%, metalli non ferrosi al 7,2%, altri prodotti agricoli al 6,2%, veicoli al 5,9% (2002).

In agricoltura, lo stato si distingue per la produzione di caffè, canna da zucchero e soia, e ha anche grandi produzioni di arancio, fagiolo, sorgo, carota, patata, banana, mandarino e fragola, oltre a produrre papaia, cachi e manioca.

Nel 2020, Minas Gerais è stato il più grande produttore di Coffea arabica nel paese, rappresentando il 74% del totale nazionale (1,9 milioni di tonnellate, o 31,2 milioni di sacchi da 60 kg). Nel 2017, Minas rappresentava il 54,3% della produzione nazionale totale di caffè (primo posto).[4][5]

Lo stato è stato il terzo maggior produttore di canna da zucchero in Brasile nel 2020, rappresentando l'11,1% del totale prodotto nel paese, con 74,3 milioni di tonnellate.[6][7][8]

La coltivazione di soia, invece, è in aumento, ma non è tra i maggiori produttori nazionali di questo cereale. Nella vendemmia 2018/2019, Minas Gerais ha raccolto 5 milioni di tonnellate (settimo posto nel paese).[9]

Circa arancio, Minas Gerais è stato il secondo più grande produttore nel 2018, con un totale di 948.000 tonnellate.[10]

Minas Gerais è il secondo produttore di fagiolo in Brasile, con il 17,2% della produzione nazionale nel 2020. Inoltre, è uno dei maggiori produttori nazionali di sorgo: circa il 30% del Produzione cerealicola brasiliana. Si colloca inoltre al terzo posto nella produzione interna di cotone.[11]

Lo stato è stato il terzo maggior produttore di banana nel 2018, con 766.000 tonnellate. Il Brasile era già il 2 ° più grande produttore di frutta al mondo, attualmente al 3 ° posto, perdendo solo contro India e Ecuador.[12][13]

Nel 2018 San Paolo e Minas Gerais erano i maggiori produttori di mandarino in Brasile. Minas era il quinto più grande produttore di papaya. Circa cachi, Minas è al terzo posto con l'8%.[14][15][16]

Nel 2019, in Brasile, c'era una superficie di produzione totale di circa 4.000 ettari di fragola. Il maggior produttore è Minas Gerais, con circa 1.500 ettari, coltivati nella maggior parte dei comuni dell'estremo sud dello stato, nella regione della Serra da Mantiqueira, con Pouso Alegre ed Estiva che sono i maggiori produttori.[17]

Rispetto a carota, il Brasile si è classificato al quinto posto nel ranking mondiale nel 2016, con una produzione annua prossima alle 760.000 tonnellate. In relazione alle esportazioni di questo prodotto, il Brasile occupa la settima posizione nel mondo. Minas Gerais è il più grande produttore del Brasile. Tra i centri di produzione del Minas Gerais ci sono i comuni di São Gotardo, Santa Juliana e Carandaí. Per quanto riguarda patata, il principale produttore nazionale è lo stato del Minas Gerais, con il 32% del totale prodotto nel paese. Nel 2017 il Minas Gerais ha raccolto circa 1,3 milioni di tonnellate di prodotto.[18][19][20][21]

Nella produzione manioca, il Brasile ha prodotto un totale di 17,6 milioni di tonnellate nel 2018. Minas è stato il 12 ° più grande produttore del paese, con quasi 500.000 tonnellate.[22]

Per quanto riguarda la mandria bovina, Minas ha la seconda più grande del paese. Nel 2015 aveva un totale di 23,8 milioni di capi di bestiame.[23]

Minas è il principale produttore di latte in Brasile, con il maggior numero di vacche munte, responsabile del 26,6% della produzione e del 20,0% di tutti gli animali da latte. Il comune di Patos de Minas è stato il secondo più grande produttore nel 2017, con 191,3 milioni di litri di latte. Nel 2015 lo Stato ha prodotto 9,1 miliardi di litri di latte. In Brasile, i latticini del Minas Gerais sono i più famosi: prodotti come "Pão de queijo" (pane al formaggio), dulce de leche, requeijão e vari formaggio della regione (come queso blanco) sono note per la loro qualità.[24]

Nella carne maiale, Minas aveva, nel 2017, la quarta mandria più grande del paese, con 5,2 milioni di capi, il 12,7% del totale nazionale.[25]

Lo stato è il terzo produttore di uovo nel paese, con il 9,3% del totale brasiliano nel 2019 (che era 3,83 miliardi di dozzine).[26]

Nella produzione mineraria, nel 2017, Minas Gerais è stato il più grande produttore del paese di ferro (277 milioni di tonnellate per un valore di 37,2 miliardi di R $), oro (29,3 tonnellate per un valore di R $ 3,6 miliardi), zinco (400.000 tonnellate per un valore di R $ 351 milioni) e niobio (sotto forma di cloridrato) (131.000 tonnellate per un valore di R $ 254 milioni). Inoltre, Minas è stato il secondo maggior produttore di alluminio (bauxite) (1,47 milioni di tonnellate per un valore di R $ 105 milioni), terzo di manganese (da 296.000 tonnellate a un valore di 32 milioni di R $) e il 5 ° di stagno (206 tonnellate per un valore di 4,7 milioni di R $). Minas Gerais aveva il 47,19% del valore della produzione mineraria commercializzata in Brasile (primo posto), con 41,7 miliardi di R $.[27][28][29][30]

Lo stato ha la più grande produzione di varie pietre preziose e semipreziose del paese. In acquamarina, Minas Gerais produce le pietre più preziose del mondo. In diamante, il Brasile è stato il più grande produttore mondiale di diamanti dal 1730 al 1870, l'estrazione mineraria avvenne per la prima volta nella regione della Serra da Canastra, Diamantina, abbassando persino il prezzo della pietra in tutti a causa della produzione in eccesso. Minas Gerais continua ad estrarre diamanti, oltre ad avere produzioni su scala più grande o più piccola di agata, smeraldo, granato, diaspro e zaffiro. Topazio e tormalina si distinguono. Nel topazio, il Brasile ha la varietà più preziosa al mondo, il topazio imperiale, prodotto solo in Ouro Preto. Inoltre, il paese è il principale produttore mondiale di topazio. È anche tra i maggiori produttori di tormaline al mondo.[31][32][33]

Il Minas Gerais aveva un PIL industriale di 128,4 miliardi di R $ nel 2017, equivalente al 10,7% dell'industria nazionale. Impiega 1.069.469 lavoratori nel settore. I principali settori industriali sono: edilizia (17,9%), estrazione di minerali metallici (15,2%), alimentare (13,4%), servizi industriali di pubblica utilità, quali elettricità e acqua (10,8%) e metallurgia (10,5%). Questi 5 settori concentrano il 67,8% dell'industria statale.[34]

In Brasile, il industria automobilistica rappresenta circa il 22% del PIL industriale. Minas è il terzo produttore di veicoli nel paese, con una quota del 10,7% nel 2019. Minas Gerais ha stabilimenti Fiat e Iveco.[35][36][37][38]

Nella industria siderurgica, la produzione brasiliana di acciaio grezzo è stata di 32,2 milioni di tonnellate nel 2019. Minas Gerais ha rappresentato il 32,3% del volume prodotto nel periodo, con 10.408 milioni di tonnellate, essendo il più grande centro siderurgico . Tra le aziende siderurgiche di Minas ci sono Usiminas, ArcelorMittal Aços Longos (ex Belgo Mineira), Açominas (appartenente a Gerdau), Vallourec & Mannesmann e Aperam South America.[39][40]

In industria alimentare, nel 2019, il Brasile è stato il secondo esportatore mondiale di alimenti trasformati, con un valore di 34,1 miliardi di dollari in esportazioni. I ricavi dell'industria alimentare e delle bevande brasiliana nel 2019 sono stati di 699,9 miliardi di R $, il 9,7% del prodotto interno lordo del paese. Nel 2015, l'industria alimentare e delle bevande in Brasile comprendeva 34.800 aziende (senza contare i panifici), la stragrande maggioranza delle quali era piccola. Queste aziende impiegavano più di 1.600.000 lavoratori, rendendo l'industria alimentare e delle bevande il più grande datore di lavoro nel settore manifatturiero. Ci sono circa 570 grandi aziende in Brasile, che rappresentano una buona parte dei ricavi totali del settore. Minas Gerais ha creato aziende alimentari di importanza nazionale come Itambé e Pif Paf Alimentos.[41][42][43]

Nel industria calzaturiera, nel 2019 il Brasile ha prodotto 972 milioni di paia. Le esportazioni sono state intorno al 10%, raggiungendo quasi 125 milioni di paia. Il Brasile è al quarto posto tra i produttori mondiali, dietro a Cina, India e Vietnam, e all'undicesimo tra i maggiori esportatori. Minas Gerais ha un polo specializzato in scarpe e scarpe economiche a Nova Serrana. La città ha circa 830 industrie, che nel 2017 hanno prodotto circa 110 milioni di paia.[44][45]

In Industria tessile, il Brasile, nonostante sia tra i 5 maggiori produttori mondiali nel 2013, e rappresentativo nel consumo di tessuti e abbigliamento, ha pochissimo inserimento nel commercio mondiale. Nel 2015, le importazioni brasiliane si sono classificate al 25 ° posto (5,5 miliardi di dollari). E nelle esportazioni, era solo 40 ° nella classifica mondiale. La partecipazione del Brasile al commercio mondiale di tessili e abbigliamento è solo dello 0,3%, a causa della difficoltà di competere sui prezzi con i produttori in India e principalmente in Cina. Il valore lordo della produzione, che include il consumo di beni intermedi e servizi, dell'industria tessile brasiliana corrispondeva a quasi R $ 40 miliardi nel 2015, l'1,6% del valore lordo della produzione industriale in Brasile. Il Minas Gerais ha l'8,51% (la terza più grande produzione nel paese).[46]

In industria elettronica, il fatturato delle industrie in Brasile ha raggiunto i 153 miliardi di R $ nel 2019, circa il 3% del PIL nazionale. Il numero dei dipendenti del settore era di 234,5 mila persone. Le esportazioni sono state di US $ 5,6 miliardi e le importazioni del paese sono state di US $ 32,0 miliardi. Il Brasile ha due grandi centri di produzione elettroelettronica, situati nella regione metropolitana di Campinas, nello Stato di San Paolo, e nella Manaus Free Zone, nello Stato di Amazonas. Il paese ha anche altri centri più piccoli, uno dei quali nel comune di Santa Rita do Sapucaí, nello stato di Minas Gerais. A Santa Rita do Sapucaí, 8.000 posti di lavoro sono legati al settore, con più di 120 aziende. La maggior parte produce apparecchiature per l'industria delle telecomunicazioni, come i decoder, compresi quelli utilizzati nella trasmissione del sistema televisivo digitale. L'azienda Multilaser produce nella città di Extrema.[47][48]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ População cresce menos do que a média nacional no último ano, diz IBGE
  2. ^ (PT) O papel da migração internacional na evolução da população brasileira (1872 a 1972), su scielo.br, 2008. URL consultato l'8 luglio 2008.
  3. ^ Do Outro Lado do Atlântico - Um Século de Imigração Italiana no Brasil
  4. ^ IBGE prevê safra recorde de grãos em 2020
  5. ^ A Reivenção da cafeicultura no Paraná
  6. ^ IBGE prevê safra recorde de grãos em 2020
  7. ^ Coagro espera a melhor safra da cana-de-açúcar dos últimos quatro anos
  8. ^ ACOMPANHAMENTO DA SAFRA BRASILEIRA DE CANA DE AÇÚCAR MAIO 2019
  9. ^ Confira como está a colheita da soja em cada estado do país
  10. ^ Produção brasileira de laranja em 2018
  11. ^ Qualidade do algodão de MT é destaque em congresso nacional
  12. ^ Produção brasileira de banana em 2018
  13. ^ Custo de produção de banana no sudeste paraense
  14. ^ Produção brasileira de tangerina em 2018
  15. ^ Produção brasileira de mamão em 2018
  16. ^ Caqui – Panorama nacional da produção
  17. ^ Qual o panorama da produção de morango no Brasil?
  18. ^ CENOURA:Produção, mercado e preços (PDF), su ceasa.pr.gov.br. URL consultato il 15 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2021).
  19. ^ É batata
  20. ^ Produtores de batata vivem realidades distintas em Minas Gerais
  21. ^ Aumento da demanda elevará a colheita de batata em Minas
  22. ^ Produção brasileira de mandioca em 2018
  23. ^ Bovinocultura, leite e corte
  24. ^ Produção de leite cai 0,5% e totaliza 33,5 bilhões de litros em 2017
  25. ^ Suinocultura Minas
  26. ^ Produção de ovos alcança recorde de 3,83 bilhões de dúzias em 2019
  27. ^ Anuário Mineral Brasileiro 2018
  28. ^ Brasil extrai cerca de 2 gramas de ouro por habitante em 5 anos
  29. ^ Votorantim Metais adquire reservas de zinco da Masa
  30. ^ Nióbio: G1 visita em MG complexo industrial do maior produtor do mundo
  31. ^ Algumas Gemas Clássicas
  32. ^ Maior pedra de água-marinha é brasileira e ficará exposta nos EUA
  33. ^ MINERAÇÃO DE METAIS E PEDRAS PRECIOSAS
  34. ^ Perfil de la industria de Minas Gerais
  35. ^ Setor Automotivo, su mdic.gov.br. URL consultato il 15 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2020).
  36. ^ O novo mapa das montadoras
  37. ^ Indústria automobilística do Sul do Rio impulsiona superavit na economia
  38. ^ Sem cortar direitos, Paraná se torna o segundo maior polo automotivo do Brasil
  39. ^ Minas Gerais produz 32,3% do aço nacional em 2019
  40. ^ A Siderurgia em Números 2019
  41. ^ Faturamento da indústria de alimentos cresceu 6,7% em 2019
  42. ^ https://agenciabrasil.ebc.com.br/economia/noticia/2020-02/industria-de-alimentos-e-bebidas-faturaram-r-6999-bi-em-2019
  43. ^ A indústria de alimentos e bebidas na sociedade brasileira atual
  44. ^ Saiba quais são os principais polos calçadistas do Brasil
  45. ^ Industrias calcadistas em Franca SP registram queda de 40% nas vagas de trabalho em 6 anos
  46. ^ Industria Textil no Brasil
  47. ^ A indústria eletroeletrônica do Brasil – Levantamento de dados
  48. ^ Fábricas de celulares no Brasil adotam medidas para não parar em meio a pandemia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN139547738 · LCCN (ENn80004190 · GND (DE4039398-7 · BNF (FRcb11945096r (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80004190
Brasile Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile