Camilla Shand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Camilla Shand
Camilla nel 2019
Regina consorte del Regno Unito
di Gran Bretagna e Irlanda del Nord

e degli altri Reami del Commonwealth
Stemma
Stemma
In caricadall'8 settembre 2022
(1 anno e 172 giorni)
Incoronazione6 maggio 2023
PredecessoreFilippo di Edimburgo
Nome completoinglese: Camilla Rosemary[1]
italiano: Camilla Rosamaria
TrattamentoSua Maestà
Altri titoliDuchessa di Cornovaglia (2005-2022)
Duchessa di Rothesay (2005-2022)
Principessa di Galles (2005-2022)
Duchessa di Edimburgo (2021-2022)
NascitaKing's College Hospital, Londra, Regno Unito, 17 luglio 1947 (76 anni)
Casa realeWindsor per matrimonio
PadreBruce Shand
MadreRosalind Cubitt
Consorte diAndrew Parker Bowles (1973-1995, div.)
Carlo III del Regno Unito (dal 2005)
FigliPrime nozze:
Thomas
Laura
ReligioneAnglicanesimo

Camilla Rosemary Shand (coniugata Mountbatten-Windsor, in precedenza Parker Bowles; Londra, 17 luglio 1947) è la regina consorte del Regno Unito e degli altri reami del Commonwealth dal 2022, come seconda moglie di Carlo III.

In precedenza aveva condiviso i titoli di Carlo, fra cui quelli di duchessa di Cornovaglia, duchessa di Edimburgo, duchessa di Rothesay, contessa di Carrick, baronessa di Renfrew, rinunciando invece a fregiarsi di quello di principessa di Galles, per rispetto della defunta Diana Spencer, prima moglie del principe.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia ed origini[modifica | modifica wikitesto]

Nata al King's College Hospital a Londra[2][3][4] il 17 luglio 1947, Camilla è cresciuta nell'East Sussex coi suoi genitori, il maggiore Bruce Shand (1917-2006), ufficiale dell'esercito britannico, poi diventato commerciante di vini, prigioniero durante la Seconda guerra mondiale per cui ha ricevuto la Military Cross con Barra, e Rosalind Cubitt (1921-1994), figlia maggiore di Roland Cubitt, III barone Ashcombe. Aveva un fratello, Mark Roland Shand (1951-2014), e ha una sorella, Sonia Annabel Elliot (1949).[2]

Fu battezzata il 1º novembre 1947 alla St. Peter's Church a Firle nel Sussex.[5][6] La sua bisnonna materna, Alice Keppel, nata Alice Frederica Edmonstone, fu l'amante reale di re Edoardo VII dal 1898 al 1910.[7] Inoltre, è pronipote di Sir Allan MacNab, che è stato Primo Ministro della Provincia del Canada prima della Confederazione e costruttore del castello di Dundurn a Hamilton.[2]

Educazione[modifica | modifica wikitesto]

Quando aveva 5 anni fu mandata a Dumbrells, una scuola mista nel villaggio di Ditchling.[8] Lasciò Dumbrells all'età di 10 anni per frequentare la Queen's Gate School nel South Kensington.[2] I suoi compagni di classe a Queen's Gate la conoscevano come "Milla".

Shand lasciò Queen's Gate nel 1964. All'età di 16 anni si trasferì per frequentare la scuola di perfezionamento Mon Fertile a Tolochenaz, in Svizzera.[9] Dopo aver completato il suo corso in Svizzera, si recò in Francia per studiare lingua e letteratura francese all'Istituto di Parigi dell'Università di Londra per sei mesi.[10]

Il primo matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine degli anni '60, Shand incontrò Andrew Parker Bowles (allora ufficiale della Royal Horse Guards) tramite suo fratello minore, Simon, che lavorava per l'azienda vinicola di suo padre a Mayfair.[8][11] Dopo una relazione intermittente, Camilla e Parker Bowles si sposarono il 4 luglio 1973 con rito cattolico. Tra gli 800 ospiti della cerimonia erano presenti anche la figlia della regina Elisabetta II Anna, la sorella della regina Margaret e la regina madre Elisabetta.[8]

Ebbero due figli: Tom (nato il 18 dicembre 1974), di cui Carlo III è il padrino, e Laura (nata il 1 gennaio 1978). Entrambi i bambini furono cresciuti nella fede cattolica del padre; tuttavia Camilla rimase fedele alla Chiesa anglicana e non si convertì al cattolicesimo. Laura frequentò la St Mary's, Shaftesbury, una scuola per ragazze cattoliche nel Dorset, mentre Tom frequentò l'Eton College.

Il 3 marzo 1995, Camilla e Andrew Parker Bowles divorziarono.[2]

Nel settembre 2005 Tom Parker Bowles sposò Sara Buys nella St Nicholas Church a Rotherfield Grays, vicino a Henley-on-Thames, nell'Oxfordshire (si sono separati nel 2018). Nel maggio 2006, sua figlia Laura Parker Bowles ha sposato Harry Lopes nella St Cyriac's Church a Lacock, Wiltshire.[2] Camilla ha 5 nipoti: Lola Parker Bowles (2007), Freddy Parker Bowles (2008), Eliza Lopes (2008; damigella al matrimonio del principe William e Catherine Middleton), Louis Lopes (2009) e Gus Lopes (2009).[12][13]

Il secondo matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Camilla Shand ed il principe Carlo si incontrarono per la prima volta a metà del 1971.[14][15] Divennero amici intimi e alla fine iniziarono una relazione romantica, che era ben nota all'interno della loro cerchia sociale. Quando la relazione divenne più seria, Carlo incontrò la famiglia di Camilla e la presentò ad alcuni membri della propria famiglia. La relazione terminò dopo che il principe Carlo si recò all'estero per unirsi alla Royal Navy all'inizio del 1973.

La vicenda divenne di dominio pubblico sulla stampa un decennio dopo, con la pubblicazione di Diana: Her True Story nel 1992, seguita dallo scandalo del nastro "Camillagate" nel 1993, quando un'intima conversazione telefonica tra Camilla ed il principe Carlo venne segretamente registrata e le trascrizioni furono pubblicate sulla stampa scandalistica. Nel 1994 Carlo parlò della sua relazione con Camilla in Charles: The Private Man, the Public Role: "La signora Parker Bowles è una mia grande amica... un'amica da molto tempo. Continuerà ad essere un'amica per molto tempo".[8] In seguito ammise in un'intervista che la relazione tra lui e Camilla era ricominciata nel 1986, quando il suo matrimonio con Diana Spencer era "irrimediabilmente danneggiato".[14][16]

Carlo e Camilla si sono fidanzati ufficialmente il 10 febbraio 2005 e hanno celebrato il loro matrimonio civile il 9 aprile 2005 a Windsor.[17] Come futuro governatore supremo della Chiesa d'Inghilterra, titolo che di diritto spetta ai sovrani britannici, per Carlo la prospettiva di sposare una divorziata era considerata controversa, ma con il consenso di Elisabetta II, del Parlamento e della Chiesa d'Inghilterra la coppia è stata in grado di sposarsi. I genitori di Carlo e Camilla non parteciparono;[18] invece, il figlio di Camilla, Tom, e il figlio di Carlo, il principe William, furono testimoni dell'unione.[19] La regina Elisabetta e il duca di Edimburgo parteciparono solo al servizio di benedizione. Successivamente, la regina tenne un ricevimento per gli sposi novelli al castello di Windsor.

Camilla e Carlo in visita a San Francisco (2005)

Dopo il matrimonio la coppia si recò nella casa di campagna del principe in Scozia, Birkhall,[20] e svolse i primi impegni di corte insieme durante la luna di miele.[21]

Duchessa di Cornovaglia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere diventata duchessa di Cornovaglia, Camilla acquisì automaticamente il grado di seconda donna più alta nell'ordine di precedenza britannico (dopo la regina Elisabetta II). È stato rivelato che la regina ha alterato l'ordine di precedenza reale per le occasioni private, ponendo la duchessa al quarto posto, dopo la regina, la principessa reale e la principessa Alexandra.[22][23]

Dopo il loro matrimonio, Clarence House, residenza ufficiale del principe Carlo, divenne anche la residenza ufficiale di Camilla. Per trascorrere del tempo da sola con i suoi figli e nipoti, Camilla ha mantenuto la sua casa, la Ray Mill House, in cui ha risieduto dal 1995 al 2003.[24][25]

Nel 2007 venne nominata Dama dell'Ordine Famigliare Reale della Regina Elisabetta II. Il 9 aprile 2012, settimo anniversario di matrimonio della duchessa e del principe di Galles, la regina nominò la duchessa Dama di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano.[26] Il 9 giugno 2016 la regina nominò la duchessa membro del Consiglio privato del Regno Unito.[27] Il 1º gennaio 2022 nominò Camilla Dama del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera.[28]

Il primo impegno in solitaria di Camilla come duchessa di Cornovaglia fu una visita al Southampton General Hospital, nel maggio 2005.[29] Partecipò per la prima volta al Trooping the Colour nel giugno 2005, facendo in seguito un'apparizione sul balcone di Buckingham Palace. La duchessa fece il suo viaggio inaugurale all'estero nel novembre 2005, quando visitò gli Stati Uniti e incontrò il presidente George W. Bush e la First Lady Laura Bush alla Casa Bianca.[30][31] Successivamente la coppia visitò New Orleans per vedere le conseguenze dell'uragano Katrina ed incontrò alcuni dei residenti.[32]

Nel marzo 2006 la coppia visitò l'Egitto, l'Arabia Saudita e l'India. Nel 2007 condusse le cerimonie di nomina dell'HMS Astute e della nuova nave da crociera Cunard, la MS Queen Victoria. Nel novembre 2007 andò con il principe di Galles in una visita di quattro giorni in Turchia.[33]

Carlo e Camilla con il presidente George W. Bush e Laura Bush alla Casa Bianca (novembre 2005)

Nel 2008 lei e il principe di Galles visitarono i Caraibi, il Giappone, il Brunei e l'Indonesia. Nel 2009 furono in visita in Cile,[34] Brasile, Ecuador, Italia[35] e Germania. La loro visita in Italia comprendette un incontro in Vaticano con papa Benedetto XVI.[36][37] Successivamente visitarono il Canada. All'inizio del 2010 visitarono l'Ungheria, la Repubblica ceca e la Polonia. Nell'ottobre 2010 Camilla accompagnò il principe di Galles a Nuova Delhi, in India, per l'apertura dei Giochi del Commonwealth.[38]

Durante un impegno ufficiale: l'apertura del Parlamento gallese a Cardiff (2011)

Nel marzo 2011 la duchessa e il principe di Galles visitarono Portogallo, Spagna e Marocco, incontrando i capi di Stato di ogni paese. Nel giugno 2011 la duchessa rappresentò da sola la famiglia reale britannica al Torneo di tennis di Wimbledon. A Londra, l'11 settembre 2011, la duchessa partecipò alla cerimonia commemorativa del decimo anniversario degli attacchi dell'11 settembre, insieme al primo ministro David Cameron e al principe di Galles.[39] Nel novembre 2011 la duchessa viaggiò con il principe di Galles per visitare il Commonwealth e gli Stati arabi del Golfo Persico. Visitarono il Sudafrica e la Tanzania e si incontrarono con i rispettivi presidenti di quei paesi, Jacob Zuma e Jakaya Kikwete.[40]

Carlo e Camilla con il re Carlo XVI Gustavo di Svezia e la regina Silvia di Svezia al Museo Vasa (2012)

Nel marzo 2012 la duchessa e il principe di Galles visitarono Norvegia, Svezia e Danimarca per celebrare il giubileo di diamante della regina. Nel maggio 2012 la coppia reale intraprese un viaggio di quattro giorni in Canada nell'ambito delle celebrazioni del giubileo di diamante.[41] Nel novembre 2012 la duchessa e il Principe di Galles visitarono l'Australia, la Nuova Zelanda e Papua Nuova Guinea per un tour di due settimane.[42] Nel 2013 andarono in visita in Giordania e incontrarono il re Abdullah II e sua moglie, la regina Rania. Visitarono i campi profughi siriani della guerra civile.[43]

La duchessa partecipò per la prima volta alla cerimonia di apertura del Parlamento del Regno Unito nel maggio 2013[44] e lo stesso mese si recò a Parigi per il suo primo viaggio in solitaria fuori dal Regno Unito. Nello stesso anno parteciparono all'incoronazione del re olandese Guglielmo Alessandro, nonché alle precedenti celebrazioni in onore della regina Beatrice.[45] Nel giugno 2014 la duchessa e il principe di Galles parteciparono alle celebrazioni per il 70º anniversario del D-Day in Normandia, in Francia,[46] e nel novembre dello stesso anno intrapresero un viaggio di nove giorni in Messico e Colombia.[47] Nel maggio 2015 la duchessa e il principe di Galles visitarono l'Irlanda del Nord e intrapresero il loro primo viaggio congiunto nella Repubblica d'Irlanda.[48]

Nell'aprile 2018 la coppia visitò l'Australia e partecipò all'apertura dei Giochi del Commonwealth. Visitarono anche i paesi dell'Africa occidentale del Gambia, del Ghana e della Nigeria nel novembre 2018. Nel marzo 2019, il principe di Galles e la duchessa di Cornovaglia andarono in visita ufficiale a Cuba, i primi reali britannici a visitare il paese; il viaggio fu organizzato per rafforzare i legami tra Regno Unito e Cuba.[49][50][51]

Nel marzo 2021 la coppia effettuò la prima visita ufficiale all'estero dall'inizio della pandemia di COVID-19 e visitò la Grecia, su invito del governo greco, per celebrare il bicentenario dell'indipendenza greca.[52] Nel marzo 2022 visitarono la Repubblica d'Irlanda per commemorare il Giubileo di platino di Elisabetta II. Nel maggio 2022 la coppia reale intraprese un viaggio di tre giorni in Canada nell'ambito delle celebrazioni del Giubileo.[53]

Regina del Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Con la morte della regina Elisabetta II, avvenuta l'8 settembre 2022, il marito Carlo è asceso al trono del Regno Unito con il nome di Carlo III. Come disposto dalla stessa regina in occasione del suo Giubileo di platino, Camilla è divenuta regina consorte del Regno Unito e degli altri reami del Commonwealth; divenendo regina all'età di 75 anni, rappresenta il consorte più anziano di un monarca del Regno Unito al momento dell'ascesa al trono.[54] Il 6 maggio 2023 viene incoronata insieme al marito nell'Abbazia di Westminster, con la corona della regina Maria.

Camilla durante la cerimonia di incoronazione

Titoli, trattamento e stemma[modifica | modifica wikitesto]

Titoli e trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo e trattamento completo di Camilla al 7 settembre 2022 era il seguente: "Sua Altezza Reale Camilla,Contessa di Chester, Duchessa di Cornovaglia, Duchessa di Rothesay, Duchessa di Edimburgo, Contessa di Carrick, Contessa di Merioneth, Baronessa Greenwich, Baronessa di Renfrew, Signora delle Isole e Principessa di Scozia, Dama Reale del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera, Dama di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano, Compagno dell'Ordine della Stella di Melanesia, Membro dell'Onorabilissimo Consiglio Privato di S.M."[55]

Il diritto di Camilla a titolarsi Principessa di Galles è stato discusso prima del matrimonio con Carlo: il Lord Cancelliere, avendo esaminato il caso, stabilì che, come moglie del principe, Camilla sarebbe automaticamente diventata principessa del Galles, a meno di un cambiamento di legge che statuisse diversamente. Non essendo stata introdotta alcuna modifica legislativa in tal senso, Camilla assunse di diritto il titolo dal momento del suo matrimonio con Carlo; tuttavia scelse di non fregiarsi di esso, preferendo limitarsi al solo titolo minore di duchessa di Cornovaglia, per evitare confusione con la prima moglie del principe di Galles, Diana Spencer.[56][57] Analogamente, nonostante la legge prevedesse l'automatismo del titolo di regina consorte per la moglie del re,[58] fu anche annunciato che, all'ascesa al trono di Carlo, Camilla avrebbe continuato a essere chiamata Sua Altezza reale, con il semplice titolo di Principessa consorte.[57][59][60]

Il 5 febbraio 2022 la regina Elisabetta II dichiarò formalmente in un comunicato stampa che era suo "sincero desiderio" che Camilla fosse "riconosciuta come Regina Consorte" mentre avrebbe continuato ad assicurare il suo leale servizio dopo l'ascesa al trono di Carlo.[61] Alla morte della regina si è dato quindi applicazione alle norme di common law vigenti, proclamando a tutti gli effetti Camilla, in quanto moglie del re, "regina consorte". Dopo l'incoronazione del 6 maggio 2023, il titolo di Camilla è diventato quello di regina, come è stato per tutte le precedenti regine consorti.

Stemma, stendardo e monogramma personale[modifica | modifica wikitesto]

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Alexander Faulkner Shand Hugh Morton Shand  
 
Edrica Faulkner  
Philip Morton Shand  
Augusta Mary Coates Charles Coates  
 
Sarah Clegg Hope  
Bruce Middleton Hope Shand  
George Woods Harrington Henry Harrington  
 
Eliza Woods  
Edith Marguerite Harrington  
Alice Edith Stillman Frederick Stillman  
 
Ann Endle  
Camilla Rosemary Shand  
Henry Cubitt, II barone Ashcombe George Cubitt, I barone Ashcombe  
 
Laura Joyce  
Roland Cubitt, III barone Ashcombe  
Maud Marianne Calvert Archibald Motteux Calvert  
 
Constance Maria Peters  
Hon. Rosalind Maud Cubitt  
Hon. George Keppel William Keppel, VII conte di Albemarle  
 
Lady Sophia Mary MacNab  
Sonia Rosemary Keppel  
Lady Alice Frederica Edmonstone Sir William Edmonstone of Duntreath, IV Baronetto  
 
Mary Elizabeth Parsons  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze britanniche[modifica | modifica wikitesto]

Dama del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria
Dama extranumero dell'Antichissimo e Nobilissimo Ordine del Cardo - nastrino per uniforme ordinaria
Dama dell'Ordine Famigliare Reale della Regina Elisabetta II - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia del giubileo di diamante della regina Elisabetta II - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia del giubileo di platino della Regina Elisabetta II - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia dell'incoronazione del Re Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia commemorativa per il Centenario del Saskatchewan (Saskatchewan, Canada) - nastrino per uniforme ordinaria
Decorazione delle Forze Canadesi (C.D., Canada) - nastrino per uniforme ordinaria
Classe speciale della gran croce dell'Ordine al merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria
Membro Addizionale dell'Ordine della Nuova Zelanda (O.N.Z.) - nastrino per uniforme ordinaria
Compagno dell'Ordine della Stella di Melanesia (C.S.M., Papua Nuova Guinea) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia del giubileo di diamante della regina Elisabetta II (Papua Nuova Guinea) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia dell'Investitura di Re Guglielmo Alessandro (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine nazionale al Merito (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria
Fascia dell'Ordine dell'Aquila azteca (Messico) - nastrino per uniforme ordinaria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Come tutti i membri della famiglia reale che godono del trattamento di Altezza Reale, Camilla formalmente non ha un cognome; nel caso in cui ne serva uno, questo può essere "Mountbatten-Windsor", oppure "Windsor".
  2. ^ a b c d e f (EN) HRH The Duchess of Cornwall, su Prince of Wales. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  3. ^ Alcune fonti riportano che è nata a Plumpton, ma sembra che sia una confusione sulla sua abitazione d'infanzia come sul luogo di nascita.
  4. ^ — Camilla Parker Bowles Biography, su biography.com, 17 luglio 1947. URL consultato il 27 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2011).
  5. ^ The Times, 21 October 1944
  6. ^ The Times, 5 August 1942
  7. ^ Profile: Camilla Duchess of Cornwall, Indepth: The Royal Family
  8. ^ a b c d (EN) Gyles Daubeney, Charles & Camilla : portrait of a love affair, London Arrow Books, 2006, ISBN 978-0-09-949087-6. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  9. ^ Finishing school: scuole di perfezionamento per signorine ·, su Elisa Motterle, 21 agosto 2021. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  10. ^ (EN) Camilla Duchess of Cornwall in Paris on first solo visit abroad, su HELLO!, 28 maggio 2013. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  11. ^ Lynn Barber, 'Quite grand, and she doesn't tip', in The Daily Telegraph, 21 ottobre 2003. URL consultato il 3 ottobre 2017.
  12. ^ (EN) All of Camilla Parker Bowles’s Grandchildren, from Oldest to Youngest, su PureWow, 22 settembre 2022. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  13. ^ (EN) Who Are Camilla, Queen Consort's Grandchildren?, su Town & Country, 19 settembre 2022. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  14. ^ a b Carlo e Camilla, da rivale di Diana a regina consorte: quando a palazzo la chiamavano «donna orribile», su Il gazzettino, 10 settembre 2022. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  15. ^ La storia d'amore shakespeariana di Carlo e Camilla, su Agi, 9 settembre 2022. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  16. ^ Camilla, la regina consorte che piace ai sudditi, su RaiNews, 18 settembre 2022. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  17. ^ (EN) Sarah Lyall, Charles and Camilla, Married at Last, and With Hardly a Hitch, in The NY Times, 10 aprile 2005. URL consultato il 2 luglio 2018.
  18. ^ (EN) Q&A: Queen's wedding decision, in BBC NEWS, 23 febbraio 2005. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  19. ^ (EN) Wedding role for William and Tom, in BBC NEWS, 23 marzo 2005. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  20. ^ (EN) Royal newlyweds begin honeymoon, in BBC NEWS, 9 aprile 2005. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  21. ^ (EN) Royal newlyweds break off honeymoon to meet pupils., su Free Online Library, 15 aprile 2005. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  22. ^ (EN) The Queen tells the Duchess of Cambridge to curtsy to the 'blood princesses’, su Telegraph. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  23. ^ (EN) First royal Sandringham Christmas for Camilla, su Telegraph, 24 dicembre 2005. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  24. ^ (EN) BREAKING: King Charles drives through Wiltshire after helicopter drops Camilla home, su Wiltshire 999s, 14 settembre 2022. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  25. ^ (EN) Prince Charles and Camilla: 10 years on, su HELLO!, 3 giugno 2015. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  26. ^ a b c (EN) The Queen makes Camilla a Dame Grand Cross, in BBC News, 9 aprile 2012. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  27. ^ (EN) Orders for 9 June 2016 (PDF), su Privy Council Office. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  28. ^ a b c (EN) Sophie Hunter, New appointments to the Order of the Garter announced, su The Royal Family, 31 dicembre 2021. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  29. ^ (EN) RELAXED CAMILLA'S FIRST SOLO ROYAL DUTY, su Mirror.co.uk, 23 maggio 2005. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  30. ^ (EN) Charles, Camilla dine at White House, su USATODAY.com. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  31. ^ (EN) Charles and Camilla begin US tour, in BBC NEWS, 1º novembre 2005. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  32. ^ (EN) Sam Knight, Charles and Camilla to visit New Orleans, in The Sunday Times. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  33. ^ (EN) The Prince of Wales - TRH to visit Turkey, su web.archive.org, 9 agosto 2012. URL consultato l'11 ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2012).
  34. ^ (EN) AFP: Royals set for Chilean visit, su web.archive.org, 25 febbraio 2014. URL consultato l'11 ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2014).
  35. ^ Carlo, discorso al Parlamento "99 mesi per salvare la Terra" - ambiente, su Repubblica.it. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  36. ^ CARLO E CAMILLA/ La coppia "reale" in visita dal Papa, su IlSussidiario.net, 27 aprile 2009. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  37. ^ Carlo e Camilla ricevuti dal PapaColloquio privato di 15 minuti, su L'Unione Sarda.it, 27 aprile 2009. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  38. ^ Emily Stefania Coscione, Il principe Carlo inaugura con Camilla i Commonwealth Games, su iO Donna, 29 luglio 2022. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  39. ^ (EN) 9/11 anniversary: I share your pain, Prince of Wales tells families of UK dead, su Telegraph. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  40. ^ (FR) Le prince Charles en Tanzanie, après une visite en Afrique du Sud, su Le Point magazine, 7 novembre 2011. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  41. ^ (EN) The Prince of Wales - The Prince of Wales and The Duchess of Cornwall arrive in Canada to celebrate the Diamond Jubilee, su web.archive.org, 9 agosto 2012. URL consultato l'11 ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2012).
  42. ^ (EN) Maria Puente, Prince Charles and Camilla head Down Under for tour, su USA TODAY. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  43. ^ (EN) Prince Charles and Camilla Middle East tour: The Prince and Duchess of Cornwall arrive in Jordan., su HELLO!, 12 marzo 2013. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  44. ^ (EN) Queen's Speech: Prince Charles attends State Opening of Parliament, su Telegraph, 7 maggio 2013. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  45. ^ (EN) Simi John, Queen Beatrix of the Netherlands Abdicates: Prince Charles and Camilla Attend Gala Dinner in Amsterdam [PHOTOS], su International Business Times UK, 30 aprile 2013. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  46. ^ (EN) D-Day anniversary: as it happened - Telegraph, su web.archive.org, 7 giugno 2014. URL consultato l'11 ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2014).
  47. ^ (EN) Prince Charles and Camilla will visit Mexico and Colombia, su HELLO!, 11 luglio 2014. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  48. ^ (EN) Prince Charles and Camilla to visit Northern Ireland and the Republic, Clarence House announces, in Belfast Telegraph, 21 aprile 2015. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  49. ^ (EN) Prince Charles and Camilla Went Full Tourist on Their Cuba Trip, su Vanity Fair, 28 marzo 2019. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  50. ^ (EN) Prince Charles and Camilla launch first royal visit to Cuba despite requests from U.S., su USA TODAY. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  51. ^ (EN) Prince Charles and Camilla make history in Cuba, in BBC News, 25 marzo 2019. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  52. ^ (EN) Stephanie Petit, Prince Charles and Camilla Arrive in Greece, su Peoplemag, 24 marzo 2021. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  53. ^ (EN) Charles and Camilla visit Canada on royal tour to mark Platinum Jubilee, in BBC News, 17 maggio 2022. URL consultato l'11 ottobre 2022.
  54. ^ Camilla Parker Bowles: la moglie di Carlo è regina consorte, su la Repubblica, 8 settembre 2022. URL consultato il 16 settembre 2022.
  55. ^ privycouncil (PDF), su privycouncil.independent.gov.uk.
  56. ^ The Sunday Times. 3 aprile 2005.
  57. ^ a b (EN) The Duchess of Cornwall - Style and Titles, su The official website of the British Monarchy, 15 aprile 2012. URL consultato il 2 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2012).
  58. ^ (EN) Camilla can legally be queen, su cbc.ca, CBC, 21 marzo 2005. URL consultato il 30 aprile 2011.
  59. ^ (EN) Announcement of the marriage of HRH The Prince of Wales and Mrs Camilla Parker Bowles, su princeofwales.gov.uk, 10 febbraio 2005. URL consultato il 30 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2012).
  60. ^ (EN) Prince Charles to marry longtime lover Camilla, su msnbc.msn.com, Msnbc World News, 2 novembre 2005. URL consultato il 6 marzo 2012.
  61. ^ Sean Coughlan, Queen wants Camilla to be known as Queen Consort, su BBC news, 5 febbraio 2022. URL consultato il 5 febbraio 2022.
  62. ^ (EN) Camilla: New monogram for Queen Consort unveiled, su BBC News, 7 novembre 2022. URL consultato il 21 aprile 2023.
  63. ^ (EN) The Queen is appointed to the Most Ancient and Most Noble Order of the Thistle, su royal.uk, 16 giugno 2023. URL consultato il 16 giugno 2023.
  64. ^ Royal Appointments: Colonel-in-Chief (PDF), Canadian Orders, Decorations, and Medals, 22 settembre 2022, p. 3. URL consultato il 1º marzo 2023.
  65. ^ CameronDLWalker, NEW: The Queen Consort has held an audience with three members of @queensownrifles at Buckingham Palace. HM then joined a reception and was presented with the Canadian Forces' Decoration for 12 years of service as Colonel-in-Chief to the Queen's Own Rifles of Canada (Tweet), su Twitter, 1º febbraio 2023.
  66. ^ The Burgon Society [burgonsoc], At the StateBanquet The King and Queen are wearing the Grand Cross (Special Class) of the Order of Merit of the Federal Republic of Germany (Tweet), su Twitter.
  67. ^ Ordine della Stella di Melanesia
  68. ^ Diamond Jubilee: Charles and Camilla on Papua New Guinea tour, BBC News, 3 novembre 2012.
  69. ^ Daily Mail
  70. ^ The Duchess of Cornwall - Biography, su princeofwales.gov.uk. URL consultato il 13 novembre 2015.
  71. ^ TRH THE PRINCE OF WALES AND THE DUCHESS OF CORNWALL AWARDED WITH THE MEXICAN ORDER OF THE AZTEC EAGLE, su embamex.sre.gob.mx, Official website of the Mexican Embassy in the United Kingdom. URL consultato l'11 aprile 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Precedenza nella parìa del Regno Unito (Ladies) Successore
- SM la Regina La Principessa di Galles
Predecessore Regina consorte del Regno Unito Successore
Filippo di Edimburgo
Principe consorte
2022-in carica in carica
Controllo di autoritàVIAF (EN63233597 · ISNI (EN0000 0000 7826 4007 · LCCN (ENn94021927 · GND (DE119271273 · BNE (ESXX1715470 (data) · BNF (FRcb124829493 (data) · J9U (ENHE987007329582905171 · WorldCat Identities (ENlccn-n94021927
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie